responsive_m


A un secolo dalla dichiarazione di Balfour, con cui il Regno Unito promise la nascita di stato ebraico in Palestina, esautorando i Palestinesi lei loro diritti, la Cisgiordania è “La più grande prigione del mondo” come dice il titolo dell ‘ultimo libro dello storico israeliano Ilan Pappe (da cui è presa la copertina di questa settimana). (a.b)

scritta dai media

DAI MEDIA

lunedì 28 agosto 2017

Pistoia. Folla alla messa di don Biancalani che stringe la mano ai militanti di F. N.

«Folla alla celebrazione nella parrocchia di Vicofaro dopo le polemiche sui migranti. La formazione di destra accolta dai fischi».  Resoconto agro-dolce d'un bell'episodio d'accoglienza praticata e d'antirazzismo corale. Avvenire, 27 agosto 2017

Don Massimo Biancalani, il parroco di Vicofaro, a Pistoia, nel mirino dell’estrema destra per le sue aperture generose verso gli immigrati, che nei giorni scorsi ha accompagnato in piscina scatenando anche le ire di Salvini, ha due prerogative vincenti. Innanzi tutto è un uomo di grande simpatia, poi ha una stazza da lanciatore di peso, più di un metro e novanta per circa un quintale di peso. La prima caratteristica gli è servita per accogliere con il sorriso le centinaia di fedeli che ieri mattina si sono presentate alla Messa nella sua parrocchia di Santa Maria Maggiore.

La seconda per stringere la mano con cordiale sicurezza anche agli esponenti di Forza Nuova - proprio coloro che l’avevano contestato - guardandoli dall’alto al basso mentre entrano in chiesa, mansueti come agnellini. Buoni buoni, i quindici esponenti del movimento di estrema destra che avevano annunciato la loro presenza alla Messa per “verificare” la correttezza dottrinale – absit iniuria verbis - delle parole di don Biancalani, sono stati scortati ai banchi loro assegnati. Gli ultimi tre della fila a sinistra dell’altare, dove hanno seguito disciplinatamente tutta la celebrazione, senza unirsi però alle esplosioni di applausi che, durante l’omelia, hanno costellato le parole del parroco. Tante le sue riflessioni di buon senso sul dovere dell’accoglienza, qualche spunto originale sull’esigenza di unire e non dividere, un racconto appassionato del suo apostolato con persone come gli immigrati “che ci regalano in umanità più di quanto riusciamo a dare loro”.


Ma anche una serie di critiche pesanti al governo per le scelte in Libia, “con tanti soldi pagati per non far più partire gli immigrati”. Forse sarà davvero così, ma è davvero l’omelia della Messa il momento più adatto per valutazioni politiche di questo tipo? In tanti applaudono, qualcuno sospira: “Don Massimo è così, prendere o lasciare”. Appassionato, simpatico, ribelle, un po’ sopra le righe. Prima dell’inizio della celebrazione, mentre smista il flusso di fedeli che prendono posto, alza gli occhi verso il matroneo e avverte: “Non appoggiatevi alla balaustra, che non è a norma. Accidenti, adesso mi prendo un’altra multa”.

E non si tratta dell’unico fuori programma della mattinata. Perché, è bene ammetterlo subito, la liturgia celebrata nella parrocchia all’estrema periferia ovest di Pistoia, è stata tutt’altro che ordinaria. La preghiera – se c’è stata – è stata tutta ritmata dagli applausi e, soprattutto all’inizio e alla fine, condita da qualche fischio, qualche slogan vecchio stile e alcuni canti partigiani. D’altra parte, con quel lungo preludio di polemiche e di tensioni, non avrebbe potuto andare diversamente. L’impegno del vescovo Fausto Tardelli per riportare la questione nel suo alveo naturale – quello di una celebrazione eucaristica –, per precisare anche con toni indignati che la pretesa di “esaminare” l’operato di un sacerdote appariva del tutto inaccettabile e per chiedere alla politica di fare un passo indietro, è valso a convincere solo gli uomini di buona volontà. Ma tra il migliaio di persone che già un’ora prima dell’inizio della celebrazione, affollano il piccolo piazzale davanti alla moderna costruzione, difficile dire quante lo siano davvero. Ci sono, numerosissimi, gli operatori dei media.

Ci sono in forze polizia e carabinieri. Ma anche molte decine di esponenti di estrema sinistra con striscioni antirazzisti che rumoreggiano e lanciano slogan. Quando appare lo sparuto gruppetto di Forza Nuova, quasi tutti con crani rasati e bicipiti palestrati, la tensione sale altissima. Un doppio cordone di forze dell’ordine divide i contendenti. Breve trattativa. Gli esponenti dell’estrema destra potranno entrare in chiesa a patto di seguire docilmente le indicazioni. Mentre la polizia fa barriera, volano insulti e sputi, partono slogan storici (“Fascisti carogne…”) ma a giudicare dalle barbe grigie e dall’abbigliamento ex Lotta Continua, sono “storici” anche gli autori degli stessi.

Poi, sul gradino più alto del sagrato, ecco la sagoma imponente di don Biancalani. Sorride e alza le manone in segno di pace. La piazza si placa. Chi vuole entrare in chiesa, compresi gli uomini di Forza Nuova, sfila davanti a lui che stringe mani, ascolta, sorride, ringrazia. Poi, una volta dentro, in una chiesa zeppa, verrebbe da dire “in ogni ordine di posti”, la celebrazione s’avvia secondo il registro stabilito. Il vicario generale, don Patrizio Fabbri, mandato dal vescovo a concelebrare, per portare a don Biancalani solidarietà e sostegno della diocesi, prende spunto dalla partecipazione straordinaria per invitare tutti a tornare anche domenica prossima. Sì perché – fa capire – il Vangelo e la Messa sono sempre gli stessi e non si capisce perché tutto questo entusiasmo non possa essere replicato. E anche l’impegno del parroco, la sua dedizione per i poveri, sono gli stessi da anni. Se merita di essere sostenuto oggi, perché non può avvenire la stessa cosa anche tra una settimana? Ma le ragioni della partecipazione straordinaria non sono un mistero per nessuno.

C’entra il clima di scontro alimentato sui social da posizioni intollerabili e da qualche uscita non proprio ben calibrata, c’entrano le tensioni sociali di un fenomeno come l’immigrazione che né a livello locale né sui grandi scenari nessuno sembra in grado di governare al meglio, forse c’entra anche la voglia assurda di rispolverare vecchie contrapposizioni che sembravano sepolte sotto la polvere dei decenni e delle tragedie. Invece, quando alla fine della Messa, il gruppetto di Forza Nuova viene accompagnato all’uscita dalla polizia, c’è ad attenderlo una folla di antirazzisti e di altri “anti” che riprende minacciosamente con gli slogan di cui sopra e conclude intonando a lungo “bella ciao”. Per canti liturgici e segni di pace ripasseremo un’altra volta.
Show Comments: OR