responsive_m

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!
Negli ultimi 250 anni abbiamo vissuto secondo un modello socio-economico che ha cambiato il pianeta a tal punto da mettere in crisi l’ecosistema stesso, ma non c’è la volontà di cambiare rotta. La Conferenza Onu sul clima di Katowice ha offerto il solito triste spettacolo: da una parte le nazioni che difendono i loro interessi economici e industriali e dall’altra quelle più vulnerabili che si giocano la sopravvivenza. La loro si congratula per le norme approvate (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

venerdì 30 giugno 2017

E’ l’Africa la nuova frontiera: «E’ lì che vanno fermati»

I migranti usati come giustificazione per espandere i confini dell'occidente, per difendere i "nostri" interessi in «Africa [che] gioca un ruolo cruciale per l’economia mondiale». il manifesto, 30 giugno 2017 (p.d.)

La città come bene comune. Così Barcellona contrasta il regno di Airbnb

Ada Colau ha scelto di gestire i flussi turistici e contrastare le logiche di profitto di speculatori guardando ad esperienze di cogestione: un esempio importante di recupero dello spazio urbano. MicroMega online, 27 giugno 2017 (c.m.c.)

Di cosa parliamo quando parliamo di alternativa

«E' necessario rifiutare discussioni politiciste e inconsistenti, subito ripartite dopo l’assemblea del 18 giugno. Al contrario, è urgente prendere parola solo sui contenuti e sulle pratiche». il manifesto, 30 giugno 2017 (c.m.c.)

Beni Culturali: l'esportazione selvaggia fermata dalla cialtroneria

Storia tragicomica dell'iter del disegno di legge  sulla concorrenza che avrebbe aperto le porte ad una esportazione selvaggia dei beni culturali privati. articolo9.blogautore.repubblica.it. 29 giugno 2017 (c.m.c)

Mose, chiesti 27 anni, stangata per Matteoli

«Processo veloce. Le divergenze con le difese sono nell'ultimo anello: in sostanza i fondi neri c'erano, ma nessuno degli imputati ammette di averli presi». la Nuova Venezia, 30 giugno 2017 (m.p.r.)

giovedì 29 giugno 2017

Plinti urbani e sintomi di malessere





Pare si stia sviluppando a Milano una interessante discussione sull'invisibilità mediatica del «plinto di Porta Nuova» assediato dai veicoli (segue

Il culto della performance batte il ritmo del capitale umano

«"La società della prestazione" di Federico Chicchi e Anna Simone (Ediesse): reddito, arte e desiderio, tre modi per resistere e emanciparsi dall'Io-crazia dominante». il manifesto, 29 giugno 2017 (p.d.)

I fiumi malati. Tra cave e prosecco così il Piave affonda

Seconda puntata sullo stato di salute “della Piave”. «Sia gli agricoltori che i cavatori le chiamano "coltivazioni". Vigneti in riva ed escavazioni svenano il corso d'acqua da Ponte della Priula a Fagarè». la Nuova Venezia, 29 giugno 2017 (m.p.r.)

Chiamata alle armi per una nuova contestazione ecologica

«I movimenti ambientalisti si sono appiattiti su valori e «leggi» dell’economia globalizzata. Poi Trump con le sue politiche ci ha ricordato che i problemi ambientali sono un nuovo volto della lotta di classe fra ricchi/inquinatori e poveri/inquinati». il manifesto, 29 giugno 2017 (c.m.c.)

L’immigrazione come valore le prospettive di due economisti

«La voce dei migranti nelle due manifestazioni italiane vuole una società plurale che non fomenti muri e paure». Reset, 27 giugno 2017 (c.m.c.)

Migranti, governo e Pd virano a dritta

«Gentiloni cede alle destre e avverte l’Ue:"I porti italiani potrebbero essere chiusi alle Ong straniere che salvano i migranti"», Articoli di Giampiero Calapà da il Fatto Quotidiano e Rachele Gonnelli da il manifesto. 29 giugno 2017 (p.d.)

mercoledì 28 giugno 2017

I fiumi malati. Le centrali-bancomat che si bevono il Piave

«La grande siccità del fiume sacro alla Patria non dipende solo dalla pioggia. Così l'oro dell'energia elettrica sfrutta privatamente un “bene comune”». Il racconto in tre puntate, questa la prima, sullo stato di salute “della Piave”. Dati e analisi dei comitati ambientalisti: «la regione Veneto non poteva elaborare i dati». la Nuova Venezia, 28 giugno 2017 (m.p.r.)

Il tormentone dell’estate: caccia al migrante in fuga

«Le nuove “deportazioni”: i 400 africani che da Ventimiglia tentavano di passare in Francia ripresi e trasferiti a Taranto. E il campo sarà chiuso». il Fatto Quotidiano, 28 giugno 2017 (p.d.)

Oltre i numeri, una sinistra più radicale

«Mentre emergono le macerie che dobbiamo rimuovere, non appare chiaro cosa vogliamo costruire e come». il manifesto, 28 giugno 2017 (c.m.c.)

Tortura, una legge amara ma non inutile

«Amnesty international Italia. Scrivere finalmente quella parola indicibile nel codice penale può comunque scoraggiare i negazionisti». il manifesto, 28 giugno 2017 (m.p.r.)

La guerra dei cinque giganti Usa per dominare i nostri consumi

«Google Shopping non fa mistero della sua regola principe: ordina i risultati delle nostre ricerche dando priorità agli annunci a pagamento. È una grande macchina di raccolta pubblicitaria e di manipolazione delle scelte di spesa. Bruxelles prova a porre dei limiti». la Repubblica, 28 giugno 2017 (m.p.r.)

martedì 27 giugno 2017

Chi ha sottovalutato il no al referendum

Lo storico dell'Italia contemporanea enumera le molte ragioni del crollo del partito renziano. Ne trascura una. la Repubblica, 27 giugno 2017, con postilla

Ma i comunisti non mangiavano i bambini?

Dio denaro è un compendio di frasi del filosofo di Treviri illustrato per i più piccoli. Traduzione di Norberto Bobbio, introduzione di Luciano Canfora. I disegni di Maguma sembrano il cortometraggio di un bestiario medievale. la Repubblica, 27 giugno 2017 

Sciopero generale del voto

«Per questo appaiono fuori luogo i toni di trionfo del centro-destra, galleggiante, anch'esso, su un vuoto di reale consenso soprattutto privo di una qualche prospettiva credibile in rapporto alle incombenti elezioni politiche nazionali». doppiozero, 27 giugno 2017 (c.m.c.)

Isola di Poveglia, il Demanio apre sul possibile utilizzo

Continua il lavoro su due fronti dell'associazione "Poveglia per tutti", con il demanio per definire i termini per la concessione, e sul campo con azioni concrete per rendere fruibile un bene comune per anni in abbandono. la Nuova Venezia, 27 giugno 2017 (m.p.r.) con riferimenti

C’era una volta la “zona rossa”

«Nei Comuni più popolosi il centrodestra supera il centrosinistra. Ma l’astensione riflette il distacco degli elettori. Sconvolta la geografia elettorale: il Pd perde nelle zone “rosse”, Fi e Lega arretrano a Nord-est». la Repubblica, 27 giugno 2017 (c.m.c.)

Scippo del Re al popolo: questa volta 32 miliardi

Certo che finché li lasceremo a governare continueranno così. Ma per cambiarli devono votare tutti. non solo i loro aficionados, come alle comunali. Articoli di Riccardo Chiari, Massimo Franchi e Marco Bersani. il manifesto, 27 giugno 2017

lunedì 26 giugno 2017

Portogallo, c’è sinistra ad ovest di Bruxelles

«Il Paese devastato dagli incendi e reduce da una pesantissima crisi economica è da un anno e mezzo un laboratorio di ricette opposte al neoliberismo». il Fatto Quotidiano, 26 giugno 2017 (p.d.)

Baobab experience chiede spazio per migranti

«Siamo convinti che sia possibile dare, qui a Roma, una coraggiosa risposta ad una delle grandi sfide di questi tempi difficili».Articoli di Baobab experience onlus e Carla Susani da il manifesto e che-fare.com, 25, 26  giugno 2017 (c.m.c.)

La morte annunciata (e mai avvenuta) del neoliberismo

Un'analisi convincente del neoliberismo ("neoliberalism"), prodotto di«un vero e proprio progetto antropologico» e autore di«uno spettacolare incremento delle disuguaglianze» , con una conclusione disperatamente "riformista". la Repubblica, 25 giugno 2017

Una sinistra sorda mediti sugli errori

«Il segnale del 4 dicembre è stato ignorato e oggi il partito di Renzi paga le conseguenze di questa sordità». la Repubblica, 26 giugno 2017, con postilla

La città dei rifugiati

«Viaggio nel campo di Zaatari, uno dei più grandi del mondo, dove sono ospitati 80 mila profughi .Al centro di distribuzione c'è la fila: bisogna passare il riconoscimento dell'iride oculare». L'Espresso, 25 giugno 2017 (c.m.c.)

“Professionisti della tartina” e altre gentilezze per il prof

Oggi tutti inneggiano a Stefano Rodotà. Ieri, invece. Ricordiamo anche questo. Il Fatto Quotidiano, 25 giugno 2017 (c.m.c.)

KAPUTT

Gli elettori fuggono dalle urne, Renzi si sfarina, nel vuoto vince la destra

domenica 25 giugno 2017

Ceta, "Il Senato voti No". L’appello di Alex Zanotelli

«In questi giorni è in discussione in Senato il CETA( Comprehensive Economic and Trade Agreement)». cagliaripad.it,  25 giugno 2017 (c.m.c.)

I parchi cambiano pelle e senza il benestare degli ambientalisti

«La controriforma. Approvata alla Camera senza i voti dei bersaniani di Mdp - che votano con le opposizioni - la nuova legge quadro sulle aree protette». il manifesto, 21 giugno 2017 (c.m.c)

Vittorio Feltri, l’esperto di moda

Il giorno 24 giugno, la prima pagina del quotidiano Libero (il giorno dopo la morte di Stefano Rodotà riportata da tutti i giornali), è per buona parte...(segue)

Sulla prima candelina di Sala sindaco soffia la Procura generale

La quantità e la natura dei reati per i quali il discusso personaggio,  oggi sindaco di Milano, è indagato richiederebbero una discussione più ampia sulla città giannibarbacetto.it, 24 giugno 2017, con postilla (m.c.g.)

Su “Repubblica” oltre quarant’anni di idee

«Dai diritti al web una grande eredità di analisi e riflessioni». la Repubblica, 25 giugno 2017 (m.p.r.)

sabato 24 giugno 2017

Stefano Rodotà, "il Presidente"

«Il modo migliore per ricordare questo nostro grande amico, per provare ad essergli grati, è continuare a lottare per costruire, con le sue parole e le sue idee, "una società diversa». Libertà e giustizia, 24 giugno 2017

Quel sapere che fa paura al potere. La grande lezione di Rodotà

Una intervista di Simona Maggiorelli del 2011 in occasione dell’uscita di un libro "Diritti e libertà nella storia d’Italia". Left,  24 giugno 2017 (c.m.c)

L’uso umano 
degli esseri umani

«Un uomo di una statura morale e culturale fuori dal comune, che sarebbe stato un grande presidente della Repubblica. Lo ricordiamo qui ripubblicando uno dei suoi ultimi articoli». MicroMega, 23 giugno 2017 (c.m.c)

Stefano Rodotà

Articoli di Maurizio Caprara, di Luciana Castellina, di Andrea Fabozzi, di Norma Rangeri, Gaetano Azzariti, Marco Travaglio, da il Corriere della sera, il manifesto, Il Fatto quotidiano, 23,24 Giugno, 2017 (c.m.c)

Stefano Rodotà: il ricordo di Repubblica

«Addio Stefano Rodotà combattente galantuomo». Articoli di Massimo Giannini, Simonetta Fiori, Antonio Gnolo. Le interviste di Liana Milella a Gustavo Zagrebelsky e Giovanna Casadio a Emma Bonino. la Repubblica, 24 giugno 2017 (m.p.r.)

A questa società «liquida» e narcisista farebbe bene una sinistra «vintage»

«La cultura di massa sta cambiando. Corbyn, Sanders, il lavoro, i cortei in piazza... il passato non è più tutto da buttare. Il "nuovo" sta perdendo terreno. E va ricostruito». Ma, osserviamo noi,  il "vintage" non basta, serve il "nuovissimo". il manifesto, 24 giugno 2017, con postilla

Vecchi e abbandonati negli acquedotti colabrodo si perdono quattro litri su 10

«L’Italia non sa trovare i soldi per ristrutturare la sua rete idrica, servirebbero 5 miliardi di investimenti per fare la manutenzione ordinaria e per renderla più moderna». Ma sa benissimo dove trovarne 31 per salvare le banche. la Repubblica, 24 giugno 2017 (m.p.r.)

Governo ladro

Noi contribuenti paghiamo 31 miliardi  di euro per "salvare" le banche fallite per aver regalato soldi agli amici e fatto speculazioni sbagliate, dal MPS alle banche venete. Ne basterebbero 5 per evitare la perdita dell'acqua dovuta agli acquedotti rotti od obsoleti

Addio, Maestro

...grazie di quanto ci hai insegnato

Rodotà: Poche parole sue, per cominciare a ricordarlo

Abbiamo ripreso su questo sito ciascuna delle sue lezioni. Lo ricordiamo  nell'apertura di eddyburg di oggi con alcune delle sue parole che abbiamo condiviso di più (i.b.)

venerdì 23 giugno 2017

Una poesia, un sogno Confine


Confine diceva il cartello
cercai la dogana, non c'era
non vidi dietro il cancello
ombra di terra straniera.
(Giorgio Caproni)

Il pressing di Gentiloni: migranti, una missione al confine Sud della Libia

Le solite notizie sulla politica di accoglienza dei rifugiati italiana ed europea. Fanno a gara a che è più vicino ai Trump e a Netanyahu nell’erigere barriere armate. Gentiloni in lizza per il primato ma chiede aiuto. Corriere della Sera, 23 giugno 2017

Sinistra, per accendere la luce serve un programma

Una domanda ad AAR: Grillo out, e va bene. Ma come si fa a fare un centro-sinistra finché una "sinistra" all'altezza delle sfide di oggi non c'è?. il manifesto, 23 giugno 2017, con riferimenti

Sinistra con i piedi per terra, in cerca di senso e cittadinanza

«Che senso avrebbe anteporre la scelta delle alleanze – il centrosinistra – senza avere dimostrato che una sinistra autonoma e riconoscibile per profilo politico-programmatico e qualità dell’agire, esiste?». il manifesto, 23 giugno 2017 (c.m.c.)

Chi paga il conto del sacco bancario

«Di tutto il “marcio” finirà nella bad bank di cui si dovrà occupare l’Erario. Come nella migliore tradizione italiana, ripetiamo uno schema che somiglia alla solita privatizzazione dei profitti e pubblicizzazione delle perdite». la Repubblica, 23 giugno 2017

Per la lista unica di sinistra, volti nuovi e niente scheletri nell’armadio

Donatella Coccoli intervista il giurista Livio Pepino. «Bisogna partire da un  programma coerente e dalla forza delle associazioni del territorio  che rispondono all’appello». Left, 22 giugno 2017 (c.m.c.)