responsive_m

menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

domenica 7 maggio 2017

Mostre della Biennale, un affare da 30 milioni

Ecco perché i veneziani proprietari immobiliari non sono tanto contrari al turismo che sta cancellando la loro città e cacciando i veneziani non proprietari. la Nuova Venezia online, 6 maggio 2017



Il business Biennale Arti Visive di Venezia è un affare da almeno 30 milioni di euro che «plana» sulla laguna nella settimana d’oro per il turismo culturale. Quella che prenderà il via martedì prossimo – con il primo giorno di vernice di «Viva Arte Viva», l’edizione numero 57 della Mostra internazionale - e si chiuderà di fatto tra sabato e domenica con l’inaugurazione e l’apertura al pubblico

Prezzi invariati ma alti. «I prezzi dei servizi legati alle esposizioni del periodo Biennale sono invariati rispetto a due anni fa - spiega - anche per la decisione coraggiosa della curatrice della Biennale di limitare solo a 23, su oltre un centinaio di richieste, le mostre collaterali, rispetto alle oltre 50 del suo predecessore. Chi non riesce a ottenere il prezioso marchio della Biennale ed è una grossa organizzazione internazionale, molto spesso rinuncia alla mostra». Per concedere il marchio del Leone su una mostra la Biennale chiede circa 23 mila euro (+Iva) e dunque il taglio deciso da Macel (con esclusione anche di esposizioni curate da critici illustri) significa per le casse della Fondazione guidata da Paolo Baratta la rinuncia a qualche centinaio di migliaia di euro. Ma l’affare rimane, con oltre un centinaio di mostre che apriranno dalla prossima settimana e i prezzi restano alti.

Spazi in affitto fino a 50 mila euro al mese. «Ormai si affitta tutto se può avere una disposizione espositiva e una discreta collocazione - spiega De Grandis - e si va dai 10 mila euro al mese per l’affitto di un piccolo negozio ai 50 mila euro per un’esposizione che prenda due piani di palazzo magari affacciato sul Canal Grande. Le chiese usate a fini espositivi costano mediamente circa 20 mila euro al mese. A pesare poi ci sono anche i costi di guardianìa. Una persona regolarmente stipendiata come guardasala per tutta la durata di una mostra durante la Biennale può costare circa 125 mila euro lordi, con un costo medio di 30 mila euro, visto che in genere le persone sono almeno due».

Anche 40 mila euro per le cene di gala. Non è finita, perché un Paese con il proprio padiglione o gli organizzatori di una mostra collaterale devono pensare anche al catering per le inaugurazioni. «Si va dai 3 mila euro circa per chi si accontenta di prosecco e patatine per tutti - spiega ancora De Grandis - a chi spende anche 40 mila euro per una cena di gala in un bel palazzo veneziano». Per una cena da inaugurazione il prezzo a commensale varia dai 60 ai 150 euro in base alle ambizioni di chi ospita.

Fino a 100 mila euro per gli allestimenti. Altra voce che incide sul bilancio di una mostra è quella di trasporti e allestimenti. «Per quelli più spartani e in spazi più ristretti - commenta ancora de Grandis - si possono spendere circa 15 mila euro, che possono arrivare sino a 100 mila per una mostra in grande stile in un grande palazzo, magari allestita da un «team» di esperti. Poi c’è l’immagine e la comunicazione e se ne vanno così dai 15 ai 30 mila euro, anche qui in base alle esigenze di «grandeur», con chi prenota anche le fiancate di vaporetto per farsi pubblicità. Una voce aggiuntiva sono i trasporti passeggeri. I taxi per i giorni della vernice sono già introvabili, prenotati da tempo. Ma chi ne vuole uno fisso a propria disposizione deve mettere in preventivo di spendere circa 150 euro all’ora, e non sono pochi quelli che lo fanno.

Fino a 700 mila euro per partecipare. I conti finali sono presto fatti. «Il costo complessivo della partecipazione di un Paese che si dota di un proprio padiglione alla Biennale - conclude De Grandis - va da un minimo di 100 mila a un massimo 700 mila euro. Un investimento in cui alcuni Paesi orientali da cui pensano di rientrare “imparando” come poi organizzare una Biennale a casa propria, come sta avvenendo. E poi c’è il prestigio di essere a Venezia. Il giro di affari complessivo della settimana della vernice della Biennale? Certamente non inferiore ai 30 milioni di euro, senza contare l’indotto per alberghi, ristoranti e affittanze turistiche». Per questo tutte le categorie, a cominciare dagli albergatori, amano «questa» Biennale.
Show Comments: OR