responsive_m

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!
Negli ultimi 250 anni abbiamo vissuto secondo un modello socio-economico che ha cambiato il pianeta a tal punto da mettere in crisi l’ecosistema stesso, ma non c’è la volontà di cambiare rotta. La Conferenza Onu sul clima di Katowice ha offerto il solito triste spettacolo: da una parte le nazioni che difendono i loro interessi economici e industriali e dall’altra quelle più vulnerabili che si giocano la sopravvivenza. La loro si congratula per le norme approvate (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

mercoledì 31 maggio 2017

Da eroiche a sospette La rappresentazione delle operazioni di soccorso di migranti e rifugiati nei media

La deformazione mediatica dei fatti dopo l'intervento perverso del dott. Zuccaro dimostrata dal rapporto “Navigare a vista - Il racconto delle operazioni di ricerca e soccorso di migranti nel Mediterraneo centrale".Associazione Carta di Roma, 29 maggio 2017.

Turismo: plateatici e spazzature

Governanti servitori dello sfruttamento turistico della città: ogni mercante si prende lo spazio pubblico che vuole, e i cittadini contribuenti pagano le tasse per i turisti. Cronache di Alberto Vitucci e Roberta De Rossi, la Nuova Venezia 30 e 31 maggio 2017 (m.p.r.)

L’Italia a mano armata

Dopodomani cancellando dalle nostre memorie l'articolo 11 della Costituzione, grideremo in coro tutti uniti in via dell'Impero: "Italia guerrafondaia e trumpista in piedi, più guerre ci sono in giro più diventano ricche le imprese. i traffici e i trafficanti che fabbricano strumenti di morte e fanno salire il nostro PIL".Sbilanciamoci.info, newsletter, 30 maggio 2017

La città e la sua rappresentazione."La città sradicata. Nuove geografie dell’abitare. I migranti mappano Milano"

«100 mappe disegnate da 100 migranti che raccontano di un “abitare senza abitudine”, forme di una città  che evidenzia nuovi interrogativi e sollecita un ascolto più attento e profondo, necessario nella progettazione urbanistica quanto in quella culturale». che-fare, 31 maggio 2017 (c.m.c.)

“Il Tar è una garanzia certe sentenze sono colpa dei politici”

La puntuale sacrosanta risposta del presidente del Consiglio di Stato alle arroganti critiche dei governanti incapaci e dei loro portavoce mediatici. la Repubblica, 31 maggio 2017

Una legge elettorale coerente con la vittoria del 4 dicembre

«Gli ultimi venticinque anni dovrebbero aver insegnato che la trasformazione artificiale di minoranze in maggioranze finisce solo col costruire giganti con i piedi d’argilla – forti in Parlamento, deboli nella società». il manifesto, 31 maggio 2017

RUIT ORA

Il popolo ci sarebbe, mancano un programma e un leader

martedì 30 maggio 2017

L’ultima occasione della sinistra

Una speranza dietro l'apparente paradosso del filosofo sloveno: l'unica cosa buona di Trump è che la paura che genera può spingere i veri liberali a reinventare una nuova sinistra, come accadde nel secolo scorso. il Fatto quotidiano online, 30 maggio 2017

Paesaggio: l’attacco convergente

Dilagante e per lo più scomposta è stata l'attenzione mediatica riservata, in questi ultimi giorni, alle sentenze con le quali il TAR ha stroncato il fiore all'occhiello della cosiddetta riforma Franceschini (segue)

La gentrification che sta cambiando Barcellona

«Il mito della Barcellona risorta con le Olimpiadi del ’92 ha indicato la strada per la rinascita alle altre città europee post industriali. Ma Barcellona è davvero un esempio da seguire?». Sbilanciamoci-info, 29 maggio 2017 (c.m.c.)

Le buone carte per un gioco truccato

«Se è vero che l'Italia è un laboratorio politico, è arrivato il momento per la sinistra di presentarne uno serio e credibile all'opinione pubblica, non da ultimo dandogli un nome e un volto». il manifesto, 30 maggio 2017 (p.d.)

Stop al consumo del suolo, c’è la legge «Voto storico». «No, troppe deroghe»

Anche nel Veneto la truffa dei finti "stop al consumo di suolo". Promettono di arrestarlo quando non ci sarà più nulla da consumare. Nell'attesa, le deroghe sono più vaste delle limitazioni. E accrescono il peso delle aree già edificate da "rigenerare" con pingui premi di cubatura. Corriere del Veneto, 30 Maggio 2017

A.A.A. Pistoia vendesi

Sarebbe davvero una brutta notizia avere la conferma che un'amministrazione di grande saggezza, meritevole di avere  per la sua città il riconoscimento di Capitale della cultura, fosse costretta a dismettere il vistoso patrimonio culturale perunaltracitta.org, 28 maggio 2017

Roma in caduta libera

Parlare di Roma è diventato sempre più difficile: si rischia lo sberleffo, o l’ironia di chi pensa (senza semmai confessarlo in pubblico) non ci sia più... (segue)

lunedì 29 maggio 2017

“In piazza contro chi imbroglia i lavoratori e la democrazia”

«Maurizio Landini (Fiom) - Il leader dei metalmeccanici Cgil contesta il ritorno dei voucher: ieri era il giorno del referendum poi saltato». Il Fatto Quotidiano, 29 maggio 2017 (m.p.r.)

Musei, navi, olivi e centurioni: l'Italia immobile nella rete dei Tar

Se ci fossero solo onesti e capaci non servirebbero né leggi né tribunali Ma questo è il paese dei franceschini. la Repubblica,  Affari e Finanza, 29 maggio 2017

Ashraf e sua madre Jamina tra migliaia di profughi e i loro aguzzini. L’Onu si occuperà di loro?

Una delle tante storie che dovrebbero farci comprendere che abbiamo costruito noi stessi - nella nostra superbia di "civilizzatori"gli incubatori dell’odio, di cui il terrorismo è l'espressione disperata. Corriere della Sera, 29 maggio 2017

Contro il totem della meritocrazia: la grande lezione di papa Bergoglio

La catechesi e l'attualità. «La meritocrazia nel Vangelo la troviamo nella figura del fratello maggiore nella parabola del figliol prodigo. Lui disprezza il fratello minore e pensa che deve rimanere un fallito perché se lo è meritato; invece il padre pensa che nessun figlio si merita le ghiande dei porci». Il Fatto Quotidiano, 29 maggio 2017   (m.p.r.)

Lavoro per i migranti, lavoro per tutti

«“Mettere al lavoro” profughi, richiedenti asilo e migranti non ancora regolarizzati, è il problema centrale intorno a cui si gioca il futuro dell’Europa e del nostro paese». il blog di Guido Viale, 28 maggio 2017 (c.m.c)

Renzi e B. trattano per il governo protetti dal pensiero unico”

Silvia Truzzi intervista Paul Ginsborg,  il professore che animò i Girotondi: «Solo le posizioni neoliberiste hanno cittadinanza».  La nuova legge elettorale è la premessa di un governo renzusconiano: due facce della stessa medaglia. il Fatto quotidiano, 29 maggio 2017

domenica 28 maggio 2017

Bagno di tute blu per il papa a Genova

«Licenziare, ricattare e delocalizzare è indegno e incostituzionale. Il nuovo capitalismo dà una veste morale alla diseguaglianza e rende il povero "un demeritevole", e quindi un colpevole».  il manifesto, 28 maggio 2017 (m.p.r.)

Culture, razze, confini

«Pistoia. Un intervento del genetista Barbujani che oggi tiene un incontro a Dialoghi sull'uomo, scritto appositamente per Alias». il manifesto, 27 maggio 2017 (c.m.c.)

Il canto del cigno occidentale

«E’ evidente che quello di Taormina è stato un estremo tentativo di salvare l’immagine di un Occidente che attraversa una crisi irreversibile e che non riesce nemmeno a trovare al suo interno un minimo di strategia comune». il manifesto, 28 maggio 2017 (c.m.c.)

Salvati ma senza cibo l’odissea dei migranti prigionieri in mare Raccolti giovedì da una nave di Medici senza frontiere

Un signore è accusato di reato per aver provocato la morte di un bambino a causa di una diagnosi medica sbagliata. Chi punirà i signore osannati da se stessi e dai media pur avendo ucciso milioni di bambini, nel Mediterraneo e negli inferni di provenienza, per una diagnosi politica sbagliata? la Repubblica, 28 maggio 2017

La marcia pacifica dei 7mila “No G7” contro la psicosi del ministro Minniti

« I leader del G7 non sono riusciti a impegnarsi su una visione comune sul tema della migrazione. ancora una volta l’attenzione si è spostata sui temi della sicurezza e del controllo delle frontiere». il manifesto, 28 maggio 2017 (m.p.r.)

Cosa succede fuori città

«Dalla Brexit ai voti per Trump e Le Pen: radiografia di un mondo diviso tra chi vive nei grandi centri e chi si sente escluso».  Articoli di Marc Augé , Marino Niola e Joseph Rykwert, Carlo Olmo, Ross Douthat, Fabrice Lardreau, Marco Belpoliti, Richard Burnett. la Repubblica, Robinson, 28 maggio 2017 (c.m.c)

sabato 27 maggio 2017

La fabbrica degli indesiderabili

65milioni di esseri umani vivono oggi in campi di concentramento, privi di libertà, diritti, e spesso del minimo di sussistenza. Poi ci si meraviglia che nasca e si accresca il terrorismo? bisogna essere ciechi, imbecilli o depravati per non comprendere e agire. il manifesto, le Monde diplomatique maggio 2017 

La tomba dell’Arte

«Tre anni di mala gestione dell’immenso patrimonio italiano, dalla guerra alle Soprintendenze al liberismo sfrenato». Una rassegna dei danni compiuti dal braccio armato di Matteo Renzi per distruggere i nostri patrimoni culturali in nome degli affari. il Fatto quotidiano, 27 maggio 2017

Tar, musei e rispetto delle leggi

Si può arrivare a comprendere che qualcuno, avendo gli occhi bendati, apprezzi Franceschini, come ha fatto Francesco Merlo. Ma che sul giornale fondato da Eugenio Scalfari si critichi la magistratura che fa rispettare la legge  è davvero un segno buio dei tempi. La Repubblica, 27 maggio 2017

Spazio pubblico e vita civica. Alternative alla comune evanescenza

Riflessioni sull'attualità degli standard urbanistici a partire dalle parole di tre grandi filosofi del novecento. Intervento introduttivo dell'incontro "Gli standard urbanistici cinquant'anni dopo", organizzato dalla Scuola di eddyburg per la rassegna Leggere la città. Pistoia, 8 aprile 2017. (m.b.)

Unità e facce nuove fuori dal defunto centrosinistra

«A sinistra unità e facce nuove . L’umiltà di sapere che nessuno da solo ha la soluzione. Ci sarà spazio per chi ha filo da tessere. In gioco non è il futuro di piccoli gruppi ma la voce degli esclusi». il manifesto, 27 maggio 2017 (c.m.c.)

venerdì 26 maggio 2017

I bambini sono tutti uguali?


Un disobbediente in direzione ostinata e contraria

«Molte le iniziative sul prete di Barbiana, scomparso da 50 anni, domani ne avrebbe compiuti 94. Carte inedite nel volume "Lettera ai cappellani militari. Lettera ai giudici", a cura di Sergio Tanzarella». il manifesto, 26 maggio 2017 (c.m.c.)

Prima l’identità poi le alleanze, una sinistra autonoma da Pd e M5S

«Verso le elezioni. È destinato al fallimento il disegno tattico e politicistico di una lista autonoma solo come reazione al rifiuto del Pd di allargare a sinistra le alleanze elettorali». il manifesto, 26 maggio 2017, con postilla

Lo yankee non si contesta più. «Pensiamo ai Trump nostri»

Perchè in Italia la piazza non ha protestato contro la visita di Trump, e anzi la polizia ha fermato tre pacifisti che tentavano di aprire uno striscione di protesta? Molte risposte ragionevoli, più convincente quella di Gad Lerner. il manifesto, 26 maggio 2017

Il TAR boccia i direttori dei musei

Se questi ministri non sanno neppure fare leggi conformi alla Costituzione e alle altre leggi dello Stato  dobbiamo dire: (1) viva il TAR; (2) è colpa di Franceschini se il mondo non ci rispetta. Articoli di Adriana Pollice, Tomaso Montanari, Francesco Erbani, Vittorio Emiliani. il manifesto , la Repubblica,il Fatto quotidiano. 26 maggio 2017 (c.m.c)

Appello contro l'abusivismo permanente Si fermi la legge blocca demolizioni

Un estremo appello alla  ragione rivolto ai decisori da alcune personalità che affidano la forza della loro richiesta ad argomenti e  non  a lunghe liste di adesione e neppure miraggi di consensi elettorali

giovedì 25 maggio 2017

“Consumo di luogo”, Tomaso Montanari: l’urbanistica in Emilia Romagna tra distruzione del passato e del futuro

La prefazione all’instant book "Consumo di luogo - Neoliberismo nel disegno di legge urbanistica dell’Emilia-Romagna" . ilmanifestobologna.it, 25 maggio 2017 (p.d.)

Lo smarrimento delle parole fra i campi abbandonati

«Un’abbondanza seriale ha cancellato la sapienza del vocabolario agricolo. Anticipiamo il testo di una delle relazioni previste per il Festival dei sensi ( Valle d’Itria, in Puglia)». il manifesto, 25 maggio 2017 (c.m.c.)

La peste della memoria inutile

«Come nel romanzo di Camus, gli europei accettano passivi la distruzione dei propri valori, dalla giustizia sociale al paesaggio, alla democrazia. Se non riconosciamo le rovine, la rinascita sarà impossibile». il Fatto Quotidiano, 25 maggio 2017 (p.d.)

Si rovescia il barcone, 34 morti. Tra le vittime molti bambini

Continua la strage nel Mediterraneo, davanti alle coste del migliore alleato dei governi a trazione Renzi. Le benemerite Ong ne possono salvare alcuni, ma per interrompere la strage occorre cambiare chi ci governa, in Italia e in Europa il manifesto, 25 maggio 2017

Chi semina vento...

Rafforzare lo strumento bellicista della NATO significa accrescere il potenziale distruttivo della tempesta  del terrorismo

mercoledì 24 maggio 2017

Colpiscono qui e fanno leva sulla guerra

Bisogna comprendere la strategia del terrorismo per vincerlo. «Se il terrorismo colpisce qui, le sue leve sono nei campi di battaglia siriani, iracheni, yemeniti e libici. Chissà se a Taormina qualcuno dei piccoli leader europei avrà il coraggio di dirlo al nuovo e lunatico padrone del mondo». il manifesto, 24 maggio 2017

I poteri criminali uccisero Falcone

«C’era anche la “criminalità del potere”. Quei segmenti della classe dirigente (politica e imprenditoriale) della massoneria che con la mafia intrattengono rapporti occulti di reciproco interesse». il Fatto Quotidiano, 24 maggio 2017 (p.d.)

La domanda cui la Regione Toscana non risponde

La Regione Toscana: virtuosa nei suoi rapporti con i cittadini, ma solo sulla carta. Si è dotata nel 2014 di una legge di governo del territorio (LR 65/2014) che dedica ben cinque articoli ... (segue)

Disapprendimento e pensiero creativo

«Le diverse crisi in corso costringono ad abbandonare certezze, immaginari, linguaggi e schemi cognitivi, a ripensare l’insieme delle relazioni sociali». comune-info, 22 maggio 2017 (c.m.c.)

Piattaforma del Mose esposto in Corte dei Conti

Anche Italia Nostra reagisce allo scandaloso tentativo dell'Università Iuav e del Mit di far risparmiare alle imprese del Consorzio Venezia nuova i soldi dovuti per il ripristino dell'ambiente deturpato. La Nuova Venezia, 23 maggio 2017 

L’Unesco diventi guardiana della città di Venezia

«Venezia non è dei veneziani, è del mondo»  Lo ricordi l'Unesco, che dovrà decidere se lasciare i veneziani della città insulare e della Terraferma arbitri unici del destino della città. È questione  di grande rilievo, ma l'arbitro invocato ha il potere di rappresentare il mondo?La Nuova Venezia, 23 Maggio 2017 

Nerone è tornato sul Palatino – Comunicato di Emergenza Cultura

I componenti del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali, in che modo hanno potuto razionalizzare un attentato del genere alla storicità del paesaggio del Palatino»? Emergenza Cultura, 22 maggio 2017 (c.m.c)

L’economia che trasforma

«Il rapporto “Verso un’economia trasformativa” analizza lo stato dell’arte dell’economia sociale e solidale in tutto il mondo. Una rassegna di buone pratiche che creano lavoro e partecipazione». Sbilanciamoci.info, 23 maggio 2017 (c.m.c)