responsive_m


Anche la remota Islanda rischia di soccombere al turismo di massa, ora la principale fonte di reddito. In pericolo non solo la sua natura, sacrificata alla costruzione di nuove strutture e ai guadagni economici, ma la vivibilità dei residenti. Airbnb sottrae appartamenti e alberghi e negozi di souvenir prosperano a scapito della scena culturale e artistica della città. (i.b.)

scritta dai media

DAI MEDIA

mercoledì 5 aprile 2017

Libera arte in libero Stato

I facilitatori della privatizzazione e mercificazione di ogni bene riducibile a merce continuano imperterriti il loro cammino. Chi li fermerà? la Repubblica, 5 aprile 2017


I detrattori lo chiamano “Svendiarte”. I fautori, al ministero dei Beni culturali, parlano di “facilitazione”. Ora, alla Camera, all’interno della Legge 2085 per il mercato e la concorrenza – su cui è stata posta la fiducia – si vota anche per il fantomatico articolo 68: che riguarda la circolazione internazionale delle opere d’arte. La soglia temporale perché un bene possa essere dichiarato culturale passa dai cinquanta ai settanta anni (come era già per i beni immobili pubblici). Si introduce poi un tetto di valore economico: 13.500 mila euro. Opere del valore uguale o inferiore potranno essere esportate dall’Italia senza autorizzazione, anche se realizzate più di settant’anni fa da un autore scomparso. Nascerà un registro informatico e un passaporto per favorire la circolazione. Da cui restano esclusi, però, reperti archeologici o provenienti da monumenti smembrati, così come i manoscritti o i testi a stampa più antichi

Tutto bene così? No, perché basterà una semplice autocertificazione con cui il proprietario potrà dimostrare di rispettare i parametri per portare i suoi beni oltre confine. Ed è su questo punto più fragile che i nemici della nuova normativa danno battaglia. Italia Nostra ha lanciato un appello e inviato una lettera al presidente della Repubblica, chiedendo lo stralcio dell’articolo 68. «È una legge fatta apposta per il mercato dell’arte. A perderci sono lo Stato e il nostro patrimonio – dicono dall’associazione – Significa mettere su piazza i tesori artistici del Novecento, regalandoli ai mercanti internazionali».

Nel mirino c’è anche il gruppo di interesse Apollo 2, che rappresenta case d’asta, antiquari e galleristi e che avrebbe ispirato la norma. Dal ministero smentiscono: «Con Apollo 2 abbiamo dialogato come con tante realtà, ma gli antiquari sperano da anni nella liberalizzazione del mercato
tourt court e chiedono la libera circolazione di opere antiche anche di duecento anni. Tutto ciò che è bene vincolato non potrà mai uscire dallo Stato. Un’opera di Lucio Fontana del 1961, quindi realizzata meno di settant’anni fa, sarà bloccata lo stesso per il suo interesse culturale: ci sarà una norma di salvaguardia. Con questo provvedimento snelliamo le procedure: oggi per portare all’estero una collezione di Oscar Mondadori storici ci si deve rivolgere alle autorità. Si arriva ad eccessi assurdi»

Ma non è rischioso affidare tutto a un’autocertificazione, permettendo che opere denunciate a un valore basso possano essere rivendute all’estero a prezzi clamorosi? Al Mibact c’è chi dice che la nuova legge scontenta i funzionari che prima avevano il potere di decidere sulle esportazioni: «C’è un giro molto intrecciato di interessi – dice una fonte che vuole rimanere anonima – anche di quelli che fanno l’expertise delle opere. Alcuni soggetti saranno costretti a prendere meno decisioni. Ci sarà comunque chi vigilerà. La norma non è mai pericolosa, semmai sono gli individui che devono applicarla bene. La legge favorirà il mercato? Tra i parametri europei di valore delle opere è stato scelto quello più basso: la soglia di 13.500 euro ». In Francia, in effetti, si possono esportare opere che valgono fino a 150mila euro; in Germania il tetto è di 300mila per beni da esportare all’interno dell’Unione Europea e 150mila per quelli extra Ue. «Ma se adottassimo anche noi la soglia di 150mila euro, come pure qualcuno vorrebbe fare, dal nostro Paese uscirebbe di tutto – spiega il presidente di Italia Nostra Marco Parini – Non possiamo paragonarci a un altro Stato: nessuno può vantare lo stesso patrimonio. Eppure oggi i beni culturali vengono ridotti a merce. Un articolo che li disciplina è stato discusso all’interno della Commissione Industria, non in quella Cultura, tra provvedimenti pensati per i taxi. Si favorisce l’aspetto mercantile».

Qualcuno, in verità, applaude. «Sì, una norma del genere può dare una piccola mano al mercato che ha vissuto un’annata non delle migliori – precisa Mauro Stefanini, presidente dell’Associazione nazionale gallerie d’arte moderna e contemporanea – Permettere a un’opera che ha meno di settant’anni di uscire dall’Italia significa promuovere la conoscenza dell’arte contemporanea all’estero. Alzare le barricate è assurdo. Con una soglia di 13.500 euro dire che il patrimonio è tutelato è dire poco».

Chi conosce bene il mercato del contemporaneo sa però che un provvedimento del genere non può incidere più di tanto: «Tredicimila euro? È la cifra che può valere un capolavoro tutto da scoprire. Il mercato dell’arte in Italia è frenato dalla burocrazia – spiega Alessandro Rabottini, direttore della fiera Miart, che ha appena chiuso la sua ventiduesima edizione – Si tende a proteggere il nostro patrimonio, ma poi i musei italiani non sono messi in condizione di fare nuove acquisizioni per mancanza di budget. E i collezionisti non dialogano con le nostre istituzioni: non cedono opere in comodato d’uso perché non possono usufruire di seri sgravi fiscali. In Italia manca ancora un sistema virtuoso dell’arte». E forse anche un tavolo lungo abbastanza per far accomodare tutti i soggetti che dovrebbero tentare di costruirlo.

Show Comments: OR