responsive_m

Occorre vedere e non guardare in aria

Occorre vedere e non guardare in aria
Il 25 Aprile 1945 l'Italia si riscattò dall'asservimento al nazismo. Oggi più che mai è necessario il monito di Bertold Brecht: «E voi, imparate che occorre vedere e non guardare in aria; occorre agire e non parlare. Questo mostro stava una volta per governare il mondo! I popoli lo spensero, ma ora non cantiam vittoria troppo presto il grembo da cui nacque è ancora fecondo». Con queste parole si apre il Museo Monumento al Deportato di Carpi, dedicato alla deportazione e ai campi di concentramento. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

domenica 12 febbraio 2017

Giornali splatter, battute da spogliatoio, puro stile Trump

Senza tregua persistono nella loro imbecillità i membri del sesso strutturalmente debole. Soprattutto quelli di loro che hanno più facile accesso ai mass media. il manifesto, 12 febbraio 2017


Abbiamo mai visto un titolo di quotidiano che abbia definito, che ne so, «pisello al dente» un qualunque signore impelagato in vicende politiche con risvolti penali, magari con qualche intreccio rosa?

E appena formulata la domanda, subito trovo una prima risposta, perché di fatto, nessun uomo, almeno in Italia risulterebbe veramente umiliato da un epiteto del genere. E di conseguenza, non è attraverso gli epiteti sessuali che si attacca un uomo politico. Loro, il genere maschile etero, non hanno lo stigma della puttana che li insegue da vicino, come capita sempre a ogni singola donna, tanto più se hai l’ardire di essere una donna pubblica. Addirittura una sindaca.

Hanno provato di tutto, per colpire Virginia Raggi. Bambolina, fatina. Ora che le voci sulle sue relazioni sentimentali si levano più alte, ecco il titolone di Libero. Una donna inchiodata al suo sesso. Non molto diverso dai tanto deprecati social, mi sembra. Giornali splatter che trasudano sessismo, si fanno portavoce della più odiosa misoginia. Puro stile Trump. Nessuno sembra interessato a capire chi sia, Virginia Raggi, donna a miei occhi imperscrutabile, dai comportamenti che oscillano tra la sfida della dura, che tira dritto, al mostrarsi fragile, e per questo seduttiva.

Intendiamoci. L’operato di Raggi è più che discutibile, e non solo per gli aspetti di abuso di ufficio su cui le indagini sono in corso. Ma critiche politiche, vi prego, alla sindaca di Roma.

Battute da spogliatoio, da maschi che si fanno tronfi della loro miseria, basta. E su questo non c’è altro da dire.
Show Comments: OR