responsive_m

Occorre vedere e non guardare in aria

Occorre vedere e non guardare in aria
Il 25 Aprile 1945 l'Italia si riscattò dall'asservimento al nazismo. Oggi più che mai è necessario il monito di Bertold Brecht: «E voi, imparate che occorre vedere e non guardare in aria; occorre agire e non parlare. Questo mostro stava una volta per governare il mondo! I popoli lo spensero, ma ora non cantiam vittoria troppo presto il grembo da cui nacque è ancora fecondo». Con queste parole si apre il Museo Monumento al Deportato di Carpi, dedicato alla deportazione e ai campi di concentramento. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

domenica 25 dicembre 2016

Natale per non arrenderci al presente

Buon Natale a chi non si fa abbattere da un presente difficile e continua a lottare per cambiarlo. articolo21 online, 23 dicembre 2016 (c.m.c.)


Sento che il Natale, questo Natale, irrompe nei nostri giorni per ricordarci di non arrenderci al presente. A sussurrare all’orecchio di ciascuno che il presente non ci basta.

Qualche giorno fa un’amica, solitamente un po’ sopra le righe, diceva che questo presente non ci merita. E non è che non lo amiamo questo tempo carico di nubi che impediscono la luce del sole. Vorremmo piuttosto trasformarlo nell’oltre. In un orizzonte che desideriamo, intravediamo e vogliamo avvicinare.

Perché il presente non basta a Martino, trent’anni con laurea e master sudati per il massimo dei voti e delle conoscenze, che perde entusiasmo e speranza ad ogni porta che si richiude cortesemente blindata al suo bussare.Vorrei non si arrendesse al presente nemmeno Gilda a cui senza troppi giri di parole hanno detto che le metastasi ormai diffuse decretano chiaramente che non le resta molto tempo.

Ma anche Mons. Dario de Jesus Monsalve, vescovo di Cali in Colombia e attivo mediatore di pace, vorrei che andasse oltre il presente che lo vede condannato a morte dai narcos e dai signori della guerra che qualche giorno fa gli hanno recapitato un messaggio in cui si legge che “il clero comunista” non merita di vivere. D’altra parte già il suo predecessore Isaías Duarte Cancino fu ucciso da una sventagliata di mitra nel 2002 mentre usciva da una chiesa.

Che non si arrenda al presente la folla di coloro che subiscono le guerre e la miseria pianificate e alimentate da altri.

C’è sempre un oltre che non ammette rese.Dobbiamo soltanto sforzarci di affrontare il tempo presente insieme.Ce lo ricorda un bambino piccolo e indifeso che nasce povero e si affida alle nostre premure. Dio che si fida di noi.
Show Comments: OR