responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

mercoledì 30 novembre 2016

Il sì che chiude, il no che apre

«A quanti e quante votano sì tappandosi il naso, per paura delle eventuali conseguenze destabilizzanti di una vittoria del no, vorrei sommessamente chiedere di non sottovalutare la ferita difficilmente cicatrizzabile che potrebbe invece conseguire da una vittoria del sì». Internazionale.it, 29 novembre 2016 (m.p.r.)

Contro i riformatori incapaci

«Perché votare No. Lo scrittore in difesa della nostra Carta fondamentale». Il Fatto Quotidiano, 30 novembre 2016 (p.d.)

Gustavo Zagrebelsky: “Costituzione indifesa come a Weimar. Fermiamo gli apprendisti stregoni”

«Parlamento illegittimo, non poteva cambiare la Carta. Ma i garanti tacciono Mourinho direbbe: riforma zero tituli. Col proporzionale torna la politica».  Libertà e Giustizia online, 29 novembre 2016 (c.m.c.)

La ricchezza dei movimenti

«L’obiettivo, certo, è la vittoria del No. Tuttavia, al di là del risultato del referendum, questi mesi hanno già mostrato nei territori una società in movimento sorprendente, vivace e plurale.Una società in grado di difendersi e anche di trasformare un referendum in una palestra per imparare a lottare in basso». comune-info, 30 novembre 2016 (c.m.c.)

I giuslavoristi votano No al referendum del 4 dicembre

«Docenti universitari e avvocati del lavoro spiegano le ragioni del No al referendum sulla riforma costituzionale». il manifesto, 30 novembre 2016 (c.m.c.)

Tamburi di guerra: i Sioux e l’oleodotto che piace a Trump

«Prosegue a oltranza la protesta contro il progetto su cui aveva investito il magnate-presidente». Il Fatto Quotidiano, 30 novembre 2016, con postilla (p.d.)

L’insostenibile leggerezza sugli scali ferroviari

Mentre si procede a tappe forzate verso la legittimazione della più grande variante in deroga nella storia dell’urbanistica milanese, una lucida riflessione critica sulla perdurante latitanza dell’amministrazione locale che non fa quello che le compete. Arcipelago Milano, 29 novembre 2016 (m.c.g.)

martedì 29 novembre 2016

Riprogettare le città a 40 anni da Seveso

Un  esauriente esame degli aspetti ambientali inerenti alle produzioni industriali connessi alle città,  in occasione della riedizione del libro di Daniele Biacchessi "La fabbrica dei profumi. Seveso 40 anni fa". Casa della cultura, Milano, online, 25 novembre 2016 (c.m.c.)

Appello dei Giuristi Democratici per il NO al Referendum costituzionale

«In gioco non c'é un maggior efficientismo dello Stato, né la battaglia politica tra centrosinistra renziano e centrodestra, ma l’assetto istituzionale della nostra Repubblica e il rispetto di quella corretta ripartizione dei poteri dello Stato che hanno consentito sino ad ora lo svolgimento di una civile convivenza, pur tra posizioni politiche ed ideologiche divergenti». Rifondazione,online 28 novembre 2016 (c.m.c.)

“Fermiamoli: vogliono distruggere la democrazia”

«L’antropologa e la sfida del 4 dicembre: in gioco c’è la nostra subordinazione ai poteri forti (amici del premier Renzi)». Il Fatto Quootidiano, 29 novembre 2016 (p.d.)

Referendum costituzionale, i mercati hanno già scelto chi deve vincere

«La dilagante tecnocrazia del mercato sempre meno accetta la sopravvivenza della democrazia e, per questo, opera per neutralizzarla». Il Fatto Quotidiano, il blog di Diego Fusaro, 28 novembre 2016 (c.m.c.)

Gli imprenditori della paura

Referendum. Il "Financial Times» profetizza il fallimento di otto banche in caso di sconfitta del Sì. "The Daily Telegraph" insiste sul pericolo dell’uscita dell’Italia dall’euro. Sulla stessa linea si posiziona "The Sunday Times Business". "Figaro Economie" racconta dell’inquietudine dei mercati finanziari». il manifesto, 29 novembre 2016

lunedì 28 novembre 2016

Omaggio a Fidel

«E poi è arrivato Fidel, la cui storia è talmente folle che sembrerebbe finta, se non fosse invece reale e documentabile. Si cita spesso “La Storia mi assolverà”».Contropiano, da Haramlik, il blog di Lia, 27 novembre 2016 (c.m.c.)

Alta velocità Firenze, a che punto è la farsa

«La follia che si consuma a Firenze è una metafora perfetta dell’illogicità delle grandi opere inutili, pensate non per risolvere problemi reali, ma per aprire flussi finanziari nei confronti di imprenditori amici».Il Fatto Quotidiano online,, 27 novembre 2016 (c.m.c.)

domenica 27 novembre 2016

Fidel Castro. Addio all’icona della Revolución

Articoli di Franco Venturini, Roberto Da RinFurio Colombo, Gianni Minà, Luciana Castellina. Internazionale online, Corriere della sera, Il Fatto Quotidiano, il Sole 24 ore, il manifesto, 27 novembre 2016 (c.m.c.)

Un arcobaleno di generazioni, la forza della libertà femminile

Un corteo immenso, di molte generazioni affiancate. È stata una bella giornata di  amore, forza e vita , contro violenza e morte,  come non si vedeva dagli anni 70 . il manifesto, 27 novembre 2016 (c.m.c.)

5 motivi per cui vincerà il No

«La campagna per il Sì ha virato sulla logora strategia della paura, con profezie di cataclismi economici e piaghe bibliche in caso di vittoria del fronte opposto. Ma la paura di un futuro peggiore spaventa meno della paura di un presente già intollerabile». Huffington Post online, 27 novembre 2016 (m.c.g.)

Una legge dell'Emilia-Romagna per l'abolizione della disciplina urbanistica

Un documento di Italia nostra, sezione Emilia-Romagna, che rivela come la Regione che molti decenni fa era all'avanguardia nel buon governo del territorio sia oggi capace di avviare una devastante iniziativa, nella quale felicemente si congiungono le politiche territoriali degli anni di Craxi, Berlusconi, e soprattutto Renzi.

sabato 26 novembre 2016

Alluvioni & referendum

«Non solo non si scrive che l'interesse strategico degli italiani è non morire affogati nelle alluvioni da cemento. Ma si scrive, al contrario, che l'interesse strategico nazionale è ancora cemento, sempre cemento, solo cemento. Un cemento sul quale deciderà solo il governo centrale». La Repubblica, blog "Articolo 9", 26 novembre 2016 (c.m.c.)

La Consulta boccia la riforma Madia Renzi: «Perciò cambiamo la Carta»

Al di là del merito e dell'ira di Matteo per la "burocrazia", colpisce il fatto che gli autori della "riforma costituzionale" conoscessero così poco la Costituzione che pretendono di cambiare. Corriere della sera, 26 novembre 2016

Cercasi terza via tra neoprotezionismo di destra e neoliberismo di sinistra

«Se non vogliamo consegnare alla destra il futuro della Ue dobbiamo rispondere al neoliberismo con proposte credibili e praticabili, dobbiamo trovare necessariamente un’altra via che non sia quella biecamente neoprotezionistica e nazionalsocialista». il manifesto, 26 novembre 2016 (c.m.c.)

“La riforma toglie potere al popolo e lo consegna ai mercati finanziari”

«Il procuratore generale di Palermo spiega quali sono le vere ragioni per cui la Costituzione viene stravolta». Il Fatto Quotidiano, 26 novembre 2016 (p.d.)

La città e la fabbrica

Una testimonianza dell'ex sindaco di Sesto Fiorentino.  Storie individuali e storie collettive legate tra loro per più di un secolo. Spezzato questo filo, entrano in gioco i soliti noti: real estate, cordate, banche. Presidiare questa vicenda è importante per tutti, non solo per gli abitanti e i lavoratori di Sesto Fiorentino. (m.b.)

Perché voto no

Parole semplici per spiegare in modo comprensibile a tutti perche votare NO, nonostante la nuvola di menzogne sollevata da chi comanda. LiguriTutti, 23 novembre 2016 (c.m.c.)

Eliminare l'elettore, questa è la riforma

Se volete votare come persone e non come buoi leggete l'intervento di Salvatore Settis a un convegno sull’erosione delle democrazie promosso al Parlamento Europeo da Barbara Spinelli. Il Fatto Quotidiano, 25 novembre 2016 (p.d.)

venerdì 25 novembre 2016

Quattro scenari per il dopo

Un'analisi dei possibili scenari post-referendum attraverso considerazioni pragmatiche e soprattutto meno drammatiche che tendono ad alleggerire  la tensione delle ultime battute provenienti dai due fronti . La Repubblica, 25 novembre 2016 (c.m.c.)

Franceschini e l’articolo 9 rimasto sotto le macerie

«Dario Franceschini ha smantellato la tutela pubblica del patrimonio: attuando così il programma di un governo che, simultaneamente, smantella la scuola pubblica, i diritti dei lavoratori, la Costituzione stessa». il manifesto, 25 novembre 2016 (c.m.c.)

Parliamo (e non solo) di Politica

Perché oggi è necessario fare Politica (con l'iniziale maiuscola) e organizzare una "libera scuola di libera politica". La presentazione d'una iniziativa veneziana

L’Economist tifa No. Arrivano i pompieri

« Per il settimanale britannico si rischia l'uomo solo al comando. E "le dimissioni di Renzi potrebbero non essere la catastrofe che molti in Europa temono". La Bce pronta a aprire l'ombrello in caso di turbolenze finanziarie». il manifesto, 25 novembre 2016 (c.m.c.)

giovedì 24 novembre 2016

Bindi-De Luca, nuovo round: in Antimafia il caso «pesce fritto»

Una delle tante schifezze per far vincere il SI: «La Commissione chiede alla Procura di Napoli informazioni urgenti sull’incontro a porte chiuse in cui il governatore campano diceva ai sindaci di procurare voti per il Sì». Il manifesto, 24 novembre 2016

Buone azioni

Tra i vincitori in borsa delle elezioni americane, spiccano Corrections Corp e GEO Group, due società che possiedono e gestiscono prigioni private, le cui azioni sono salite... (segue)

Il NO è una garanzia per l’avvenire

«Questo testo è l’intervento inviato all’Anpi di Perugia. Ai più giovani ricordiamo che Aldo Tortorella è stato uno dei dirigenti del PCI più vicini a Enrico Berlinguer. Una breve scheda biografica del partigiano Aldo Tortorella la trovate sul sito dell’ANPI». Rifondazione,online 24 novembre 2016 (c.m.c.)

Appello per il NO al referendum avvocati del foro di Pisa

«La legge di riforma è un insieme disomogeneo di modifiche della Carta costituzionale che riguardano ben 47 articoli che trattano temi del tutto dissimili, ai quali l’ elettore è chiamato a dare un semplicistico SI o NO  con palese violazione sia della sovranità popolare  e sia della libertà di voto ».coordinamento democraziacostituzionale,online 22 novembre 2016 (c.m.c.)

In tv parla il capo, segue l’accozzaglia

Ecco alcuni degli strumenti che una volpe con denti di lupo sta adoperando per consolidare il potere carpito. Ma si dovrebbe parlare anche delle intimidazioni, dei ricatti, e dei silenzi omertosi. Nonché del capo dello Stato. il manifesto, 24 novembre 2016

Beni culturali, nel bilancio del ministero 175mila euro per monitorare patrimonio a rischio

«Il ministro Franceschini aveva più volte dichiarato finita “l’epoca dei tagli”. Ma nei conti nel Mibact l’inversione di tendenza non c’è. I fondi per i lavori pubblici crescono del 3% rispetto allo scorso anno, ma sono il 13% in meno del 2014 e il 24% in meno rispetto al 2013». Il Fatto Quotidiano online, 23 novembre 2016 (p.d.)

Vuoi grandi opere? #bastaunsì

«Pubblichiamo un estratto di “Così no”di Tomaso Montanari, eBook liberamente scaricabile dal sito di Libertà e Giustizia». Il Fatto Quotidiano, 23 novembre 2016 (p.d.)

Armi e militari, nel 2017 l’Italia spenderà 64 milioni al giorno:23,400 milioni nell’anno. E i dati smentiscono la Difesa: stanziamenti a +21% in 10 anni

L’analisi nel primo rapporto annuale dell’osservatorio Mil€x. In aumento del 10% i costi per F-35, portaerei, carri armati ed elicotteri da attacco, pagati in maggioranza dal ministero dello Sviluppo economico. Roberta Pinotti ha dichiarato che negli ultimi dieci anni la difesa ha subito un taglio del 27%, ma i numeri dicono il contrario. il Fatto quotidiano, 23 novembre 2016

La campagna del nonostante

«Il voto referendario per sua natura taglia trasversalmente idee e appartenenze, e nonostante lo abbia promosso il governo Renzi, l’opposizione a questa proposta di revisione della Costituzione non si identifica necessariamente con il giudizio sulla maggioranza». La Repubblica, 24 novembre 2016 (c.m.c.)

mercoledì 23 novembre 2016

«Governare una grande città con Gramsci». Parla il sindaco di Valparaíso

«Incontro con Jorge Sharp. Trentunenne, definito il Pablo Iglesias cileno, è stato eletto rompendo gli schemi della vecchia politica».ytali online, 22 novembre 2016 (c.m.c.)

La Costituzione al servizio della finanza


«Si tratta  di prendere atto, realisticamente, che la nostra sovranità politica non è piena, ed è sempre più limitata da ingerenze di Istituzioni estere che hanno – o possono avere – interessi economici in Italia»: per piegarci o per ribellarci?.MicroMega online, 22 novembre 2016 (c.m.c.)

Le donne del femminismo possibile. Le piazze globali, il 26 novembre e noi

«La violenza sessuale maschile è un fatto sociale globale, l’espressione più brutale di un rapporto patriarcale di dominio che, in forme aggiornate all’ordine neoliberale, pretende di assoggettare le donne in quanto donne agli imperativi della produzione e della riproduzione sociale».connessioniprecarie, 21 novembre 2016 (c.m.c.)

Per l’America il programma del palazzinaro

«Quello di Trump potrebbe essere un "keynesismo edilizio", basato sulle consuete ricette dei palazzinari: abolizione o aggiramento dei vincoli ambientali e urbanistici, via libera alla finanza creativa, incentivi fiscali a pioggia per le imprese». il manifesto, 23 novembre 2016 (c.m.c.)

Se neppure il Vaticano difende la città eterna

«Roma. Divorata dalla massa turistica e dal pellegrinare crescente,mentre i  cittadini si aggirano come estranei, anzi, nella maggior parte dei casi, come nemici da combattere e da estromettere, in questo ambiente sempre più ostile; Serve una grande coalizione culturale per salvarla dal degrado». La Repubblica, 23 novembre 2016 (c.m.c.)

martedì 22 novembre 2016

4 dicembre 2016


Eddytoriale n.171

Alla vigilia del referendum sulla riforma della Costituzione è impossibile tacere di fronte alle evidenti lesioni dei diritti democratici degli italiani. Con la riforma Renzi-Boschi si vuol dare carattere definitivo e permanente alla trasformazione dell’ordinamento della Repubblica già avviato nei fatti dal governo Renzi dalla sua nascita. (segue)

Referendum costituzionale: i fatti e i miti

«In questa campagna referendaria abbiamo dismesso i panni della discussione e il dibattito si riduce al chi sta con Renzi e chi sta contro Renzi. Così la Costituzione diventa oggetto plebiscitario, o semplice programma elettorale». Sbilanciamoci online, 21 novembre 2016 (c.m.c.)

Papa Bergoglio smuove un macigno

«Se la misericordia,porterà a un sostanziale cambiamento di punto di vista, questo potrà scuotere davvero i pilastri che fanno della donna l’altra-altro, da venerare sugli altari e da condannare all’inferno del corpo e dell’istinto». il manifesto, 22 novembre 2016 (c.m.c.)

La crisi del bipartitismo americano e la retroguardia dei novatori italiani

«La sconfitta della Clinton ha il merito di mostrare innanzi tutto ciò che era evidente agli osservatori non accecati dai miti. Il bipartitismo del sistema politico americano è da tempo la più colossale finzione della democrazia rappresentativa della nostra epoca». il manifesto, 22 novembre 2016 (c.m.c.)

lunedì 21 novembre 2016

L'odio per le donne in politica

«Le minacce di De Luca a Bindi sono un esempio del sessismo che spesso colpisce le figure femminili sulla scena pubblica». La Repubblica, 20 novembre 2016 (c.m.c.)

Il No e il nonostante

«Noi votiamo No, anche se lo stesso faranno molti altri che hanno idee politiche opposte alle nostre; non sono loro l’oggetto del voto del 4 dicembre, ma la legge fondamentale del Paese: la Costituzione italiana». libertàgiustizia online, 21 novembre 2016(c.m.c.)