menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

lunedì 3 ottobre 2016

Notizie e colori. La resistenza di Zehra

«Arrestata a fine luglio, sulla base delle sue espressioni artistiche in una provincia a larga maggioranza kurda nonché dell’attività di direttrice di un’agenzia di stampa femminista, Jinha, Zehra Doğan non ha alcuna intenzione di arrendersi alla repressione cieca che divora la Turchia  di Erdogan»Comune.info, 2 ottobre 2016 (c.m.c.)



Alla fine di luglio Helen Stoilas informava sull’arresto di Zehra Doğan, in un articolo su The Art Newspaper, scrivendo: «L’artista e giornalista turca Zehra Doğan è tra gli arrestati questa settimana nel giro di vite del presidente Tayyip Erdogan dopo il colpo di stato militare fallito. Mercoledì 27 luglio, oltre a chiudere tre agenzie di stampa, 16 canali televisivi, 45 giornali, 15 riviste e 29 case editrici, secondo i dati ufficiali del governo, 47 giornalisti sono stati arrestati dalla polizia.

Negli ultimi cinque mesi, Doğan, che è il direttore dell’agenzia di stampa femminista Jinha, ha fatto reportage e ha dipinto dal quartiere Nusaybin della provincia di Mardin, una regione in gran parte kurda in cui è stato recentemente imposto un rigido coprifuoco. Secondo i suoi amici su Facebook, è stata arrestata dalla polizia mentre stava seduta in un caffè.

Giovedi, 21 luglio, Doğan è stata portata in tribunale, sulla base di una testimonianza anonima, che l’ha descritta e identificata come “una signora minuta con un anello al naso” – Doğan è stata accusata di essere un “membro di un’organizzazione illegale”, secondo l’agenzia Jinha.

La sua arte e la scrittura sono state usate contro di lei dalla procura come prova della sua appartenenza al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), un gruppo di sinistra militante che si batte per i diritti dei curdi in Turchia, che il governo ha etichettato come “organizzazione terroristica”. La corte ha stabilito che deve essere tenuta in custodia in attesa del processo, che potrebbe richiedere mesi.

«L’arte e dipinti non possono mai essere utilizzati in tal modo,» l’avvocato di Doğan, Asli Pasinli, ha detto ai media dopo il suo arresto. «Questo è un attacco all’arte e all’espressione artistica.»

(tradotto da http://theartnewspaper.com/news/turkish-painter-and-journalist-zehra-do-an-arrested/)

Ecco alcune parole di Zehra Doğan, per chi non la conosce:

«Ho sempre cercato di esistere attraverso i miei dipinti, le mie notizie, e la mia lotta come donna. Ora, anche se sono intrappolata tra le quattro mura, io continuo a pensare che ho fatto assolutamente il mio dovere in pieno. In questo paese, buio come la notte, dove tutti i nostri diritti sono stati incrociati con sangue rosso, sapevo che stavo per essere imprigionata.Voglio ripetere l’insegnamento di Picasso: pensi davvero che un pittore è semplicemente una persona che usa il suo pennello per dipingere insetti e fiori? Nessun artista volta le spalle alla società; un pittore deve usare il suo pennello come arma contro gli oppressori. Nemmeno i soldati nazisti hanno cercato Picasso a causa dei suoi dipinti, e tuttavia io sono a giudizio a causa dei miei disegni. Terrò disegno. Quando una donna rilascia fiumi di colori, è possibile lasciare la prigione. Ma sono solo pennellate …. Non dimenticate mai, è la mia mano che tiene il pennello!»

Sembrava che di Zehra Doğan si fossero perse le tracce, invece qualche giorno fa è apparso su http://bianet.org un articolo che rassicura, Zehra Doğan, nella prigione di Mardin, non si arrende e continua a fare la giornalista.

Le donne della prigione di Mardin hanno creato un giornale “Özgür Gündem Zindan” (Prigione). L’originale quotidiano Özgür Gündem era stato chiuso il 16 agosto con un’irruzione della polizia nell’edificio dove era ospitato il giornale e la decisione di “chiusura temporanea” della corte è stato riportata dal giornale filogovernativo Yeni Şafak il giorno prima.

Zehra Doğan, uno dei redattori dell’agenzia Jinha, e altre donne della prigione di Mardin, hanno creato a mano il giornale di 8 pagine il 12 settembre. Le immagini che accompagnano gli articoli disegnate a mano dalle donne stesse.

Il titolo del giornale fatto a mano è stato “I prigionieri politici resistono nelle carceri per Ocalan,” e il sottotitolo recita “vivere a Nusaybin (città curda attaccata dall’esercito turco) è un tradimento secondo lo stato turco!“.

Il giornale di 8 pagine comprende sezioni sulle donne, la politica, la cultura e le arti, l’ecologia e l’attualità, e anche una pagina in lingua curda.

Özgür Gündem Zindan ha pubblicato anche alcune interviste a donne detenute, ha affrontato argomenti come l’oppressione contro le donne, le detenzioni e le violazioni dei diritti nella prigione, così come lezioni di disegno sulla pagina di cultura e delle arti ed i benefici di prezzemolo e aglio nella pagina sull’ecologia (Ct / DG).

(tradotto da http://bianet.org/english/women/178859-women-prisoners-create-handmade-newspaper-ozgur-gundem-zindan)
Show Comments: OR