responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

lunedì 31 ottobre 2016

Terremoto. Dov’è finito il Mibact?

I media tacciono i numerosi esempi di ricostruzioni virtuose e i meriti delle soprintendenze quando i governi le facevano funzionare, e si lascia trionfare l'odio per la tutela di Matteo Renzi, l'inconsistenza del suo ministro, l'utilizzazione strumentale della disgregazione d'una parte significativa e del patrimonio comune. Articolo 21, online 30 ottobre 2016

Rinascere sempre, la lezione che viene da quei monasteri

«Il precedente dell’abbazia di Montecassino, di nuovo in piedi in soli dodici anni dopo essere stata rasa al suolo.Una sfida, per certi versi, analoga a quella che ora, dopo il terremoto, ci troviamo ad affrontare nell’Appennino, cuore e spina dell’intero Paese». La Repubblica, 31 ottobre 2016 (c.m.c.)

Sisma infinito

Articoli di Valeria Pacelli e Sandra Amurri e intervista a Tomaso Montanari. Il Fatto Quotidiano, 31 ottobre 2016 (p.d.)

Un tesoro dell’Europa

Paolo Griseri intervista Marc Augé, che per primo denunciò i "non luoghi", nuove cattedrali del dio Denaro. «Difendiamo quei borghi medievali lì è nata l’identità occidentale.È un momento difficile per la Ue: per questo bisogna ricostruire al più presto i simboli del nostro passato». La Repubblica, 31 ottobre 2016 (c.m.c.)

Il viaggio di Francesco e la cultura dell'incontro

« L’impossibile con il Papa è diventato possibile Cattolici e protestanti possono stare insieme a 500 anni dalla Riforma». La Repubblica, 31 ottobre 2016 (c.m.c.)

domenica 30 ottobre 2016

Cociv decapitato da scandali. E botte ai No Tav

«Terzo Valico. "Cemento come colla", appalti truccati ed escort. Manette a presidente e al vice del consorzio guidato da Impregilo-Salini. Cariche e feriti a Alessandria». Il manifesto, 30 ottobre 2016

La corruzione del cemento

È facile lamentarsi oggi quandi si vedono le conseguenze degli errori compiuti quando si sono distrutti  gli strumenti che avrebbero dovuto garantire efficacia e competenza nell'azione pubblica e rigore nei controlli.  Meglio sarebbe stato dar ascolto alle Cassandre. La Repubblica, 30 ottobre 2016

La Nuvola di Fuksas da 500 milioni. Lo spot al grande spreco

«Cinque anni di ritardo, investimento raddoppiato e un carico di guai giudiziari». Il Fatto Quotidiano online, 29 ottobre 2016 (p.s.)

La durezza dell'UE i ritardi di Roma

«Bruxelles non è contraria a tenere fuori dal computo del deficit le spese legate al terremoto. Vuole solo evitare che queste siano gonfiate a dismisura».  Conoscono gli italiani. La Repubblica, 29 ottobre 2016 (c.m.c.)

la nuvola


«Ieri un giovane premier in completo Armani sorrideva alle telecamere presentando al Paese questa nuova nuvola, e il suo architetto che ha dichiarato di votare Sì al plebiscito. Aby Warburg diceva che ogni epoca ha la rinascita dell’antico che si merita: evidentemente questo è vero anche per il barocco. Nuvole incluse». La Repubblica, ed. Roma, 30 ottobre 2016

Il lusso resiste nello shopping in aeroporto: cresce la cosmesi, crollano gli orologi

Saskia Sassen ha spiegato che cos'è e come funziona la "infrastruttura globale", l'Economist ci racconta del Sesto continente. Stiamo parlando di un altro mondo; che cosa rimane di quella che ancora oggi chiamiamo città? Il Sole 24Ore, 28 ottobre 2016

«Il Ponte sullo Stretto? Meglio la sicurezza antisismica degli edifici»

«Intervista. Carlo Tansi, capo della Protezione civile in Calabria e scienziato eretico«. il manifesto, 29 ottobre 2016 (c.m.c.)

l caso Torino diventa interessante per tutta Italia

A Torino «uno scontro fra turbo-cultura in salsa renziana (Asproni) e cultura-cultura (Appendino)?»I nostri più vivi auguri alla sindaca Appendino e alla sua assessora Francesca Leon. PatrimonioSOS online, 29 ottobre 2016

Atomiche, Italia allucinante

Ieri non abbiamo trovato altri articoli su queata devastante iniziativa politica del governo Renzi. Il servilismo agli USA è davvero straordinario, fa impallidire il ricordo di quello della Dc di De Gasperi, ben più dignitoso. Urgono iniziative popolari per la pace e l'uscita dalla NATO. il manifesto, 30 ottobre 2016

sabato 29 ottobre 2016

Il governo chiude l’acqua pubblica

«Privatizzazioni. Nel disegno di legge sul servizio idrico, si assiste all’assoluta soppressione del modello dell’azienda speciale, l’unico modello di gestione dei servizi autenticamente pubblico, ancora vigente nel nostro ordinamento». il manifesto, 29 ottobre 2016 (c.m.c.)

Il disastro è il terremoto. Ma il vicedisastro (parola di Matteo Renzi) è Dario Franceschini.

«Il terremoto è una calamità naturale, ma l'immobilità del Ministero dei Beni culturali e del suo titolare sono una calamità politica. Che l'Italia non merita». Ma gli italiani forse si. Huffington Post online, 29 ottobre 2016

Il mondo in mano alle pluricrazie. Dialogo con Cornelius Noon

Molte verità nella riflessione sul "cadavere della democrazia"  presentata sotto la maschera di un'intervista di Stefano Benni a se stesso. Il potere in un mondo non abitato più da cittadini, ma da clienti, connessi, degenti, spettatori, fanatici e fuggiaschi. Il Fatto Quotidiano, 29 ottobre 2016

“Con Berlinguer a cercare casa e comprare il latte”

La vita quotidiana di un eroe del secolo scorso dall'intervista di Fabrizio d'Esposito al suo autista Alberto Menichelli. Pubblico e privato quando il mondo era migliore. Il Fatto Quotidiano, 29 ottobre 2016

venerdì 28 ottobre 2016

Realtà dei migranti e sovrapercezione barbarica

«Ad oggi, in tutto il Paese, sono poco più di 145mila le persone accolte nelle strutture di accoglienza. E noi siamo 60 milioni. Una percentuale attorno allo 0,24%». il manifesto, 28 ottobre 2016 (c.m.c.)

Diritto alla città movimenti europei contro la «gentrificazione»

«Un numero crescente di cittadini di diversa estrazione sociale subisce un'espulsione fisica e simbolica dalle città. I quartieri sono investiti dalla speculazione immobiliare e finanziaria. In tutta Europa nascono movimenti che si ibridano con quelli per il diritto all'abitare». Articoli di Sandra Annunziata e di Roberto Ciccarelli. il manifesto, 28 ottobre 2016 (c.m.c.)

Vergogna

Il 27 ottobre scorso nella prima commissione dell’assemblea delle Nazioni Unite è stata votata la risoluzione L.41 che chiede che nel 2017 siano avviate trattative per arrivare ad un divieto delle armi ... (segue)

Socialismo la crisi in Europa

«La stella rossa  sovrastava una stazione ferroviaria della ex Jugoslavia è trasportata a Palazzo Madama, a Roma, dove è stata oggetto di un’esposizione insieme ad altre testimonianze della Storia dell’ultimo secolo». La Repubblica, 28 ottobre 2016 (c.m.c.)

28 ottobre

Oggi è il 94° anniversario, della Marcia su Roma, data d'inizio dell'Era fascista. Ricordiamo che finì. Quando riprese?

Se il potere ride di noi

È giusto utilizzare quel tantum di stupidità che c'è in ciascuno di noi sudditi (e quindi aumentarlo) per raggiungere un po' più efficacemente obiettivi politici virtuosi? Qualcuno, giustamente, dice di no, e ricorda il meccanismo che portò alla Shoa. il manifesto, 28 ottobre 2016

Grandi opere, sicurezza violata e corruzione

Articoli  di Fabio Tonacci e Giuseppe Scarpa, di Katia Bonchi, di Giovanna Trinchella e Marco Pasciutti. La Repubblica, il manifesto, IlFatto Quotidiano online, 27 ottobre 2016 (c.m.c.)

Referendum,che confusione su ambiente e cultura

«Nessuno è in grado di spiegare quali siano le differenze tra la "valorizzazione" (su cui potrà legiferare solo lo Stato) e la "promozione" (su cui lo potranno fare anche le Regioni): ed è facile prevedere che, ove la riforma fosse approvata, si aprirebbe una nuova stagione di feroce contenzioso». La Repubblica, 28 ottobre 2016 (c.m.c.)

Sel chiude i battenti ma c’è malumore sull’ultimo atto

Disperante rendersi conto di quanto siano antiquati i residui della sinistra novecentesca, se ancora il discrimine è se allearsi o meno (e  semmai quanto) con il capitalismo neoliberista rappresentato da Matteo Renzi...il manifesto, 28 ottobre 2016

giovedì 27 ottobre 2016

Goro in cerca di riscatto dopo le barricate “Incontriamo i profughi”

«Il sindaco del comune emiliano e il collega di Ferrara: disponibili ad accogliere, ma lo Stato non sequestri spazi. La Lega: eroi i rivoltosi». La Repubblica, 27 ottobre 2016 (c.m.c.)

Nel segno di poveri e rifugiati il viaggio luterano di Francesco

«I significati della missione che porterà il Papa a Lund, in Svezia in occasione del cinquecentesimo anniversario della Riforma». La Repubblica, 27 ottobre 2016 (c.m.c.)

Sulla pelle dei migranti

«L’inchiesta dello Spiegel rivela che nell’attraversare il Mediterraneo per entrare in Europa più di diecimila persone sono annegate dal 2013 e un sacco di miliardi sono finiti nelle tasche di una rete di trafficanti che ha le sue basi in Germania, Italia e Libia». Internazionale, 28 ottobre 2016 (i.b.)

Perché la paura prende la strada dell’idiozia

«Si tratta di un movimento sinistro che sta montando nel ventre d’Europa contro gli stranieri. La xenofobia può erompere nei villaggi, ma le sue motivazioni ultime sono da cercare nelle metropoli globalizzate e nelle roccaforti del potere politico e finanziario». il manifesto, 27 ottobre 2016

mercoledì 26 ottobre 2016

Democrazia e ruolo del mercato

Un confronto tra Raniero La Valle e Michele Serra su un argomento rilevante del dibattito politico di queste settimane; nonché sul futuro di noi tutti. La Repubblica, 26 ottobre 2016, con postilla

Si potrebbe provare a fare i socialisti

Noterelle sulle lacerazioni tra i diversi "socialismi" (se così si può dire) europei. L'Espresso, blog "Piovono rane", 25 ottobre 2016

La guerra o la fuga: le disumane opzioni dei civili iracheni

«Rifugiati. In pochi per ora sono fuggiti da Mosul, ma l’Onu senza fondi per i campi profughi ne aspetta centinaia di migliaia. Erbil e Baghdad off limits: si scappa in Siria, verso un altro incubo». il manifesto, 26 ottobre 2016 (c.m.c.)

Goro, Italia. La storia e un commento


Articoli di Rosario Di Raimondo, Caterina Giusberti, Lorraine Kihl sui fatti e le persone. E in fondo un interessante commento di Ezio Mauro, La Repubblica, 26 ottobre 2016, con postilla

Ero straniero e mi avete accolto

«Qui non c'entra l'essere credenti o atei, religiosi o laici.  La salvezza o la condanna  non sono un premio o un castigo che arrivano dal cielo o dal divino, ma sono la conseguenza pratica, logica, inevitabile, frutto delle nostre scelte e della nostre azioni». Huffington post online, 26 ottobre 2016

Non qui

«Le rifugiate africane respinte con le barricate a Gorino. La prefettura di Ferrara cede alle proteste e trasferisce 12 donne». Articoli di Andrea Tornago e Marco Zavagli. Il Fatto Quotidiano e il manifesto, 26 ottobre 2016

Contrastare la vergogna

Da tempo dedichiamo tempo e spazio a  comprendere e raccontare il più drammatico evento dei nostri tempi: quello che abbiamo definito Esodo del XXI secolo, che si è rivelato un oceano di iniquità ben più vasto di quanto già denunciavamo. I fatti di Goro  (e ciò che sta avvenendo nella Francia del dopo Calais) ci sollecitano ad aumentare ancora di più gli sforzi in questa direzione. "Prima le persone" è lo slogan che ha la precedenza, oggi, su tutti gli altri.

Cronache della vergogna


Goro, provincia di Ferrara, regione Emilia-Romagna, Italia

martedì 25 ottobre 2016

Stadi di sviluppo

La quantità di notizie, comunicati, diffide, appelli a favore o contro la costruzione a Roma di un nuovo stadio, sul terreno dove sorgeva l’ippodromo di Tor di Valle, rischia ...  (segue)

Così dopo secoli di sfruttamento l’Europa chiude le porte all’Africa

«Le potenze coloniali hanno depredato l’intero continente. Ora si è aggiunta la Cina Ecco perché milioni di persone rischiano la vita per attraversare il Mediterraneo». La Stampa, 24 ottobre 2016, con postilla

L'Agenda urbana dell'ONU. “Urbanizzazione” per quale “sviluppo”?


Il documento presentato in una gremita assemblea internazionale a Quito (Ecuador) dovrebbe costituire il riferimento strategico per le trasformazione urbane del prossimo ventennio. Abbiamo chiesto una illustrazione alla nostra redattrice, che è stata coinvolta nel lavoro di preparazione del documento.

A Calais finisce l'Europa

lo sgombero della Jungla, raccontato da Vauro (il Fatto Quotidiano)

L’età della grande reclusione

«Su questa emergenza inventata si stanno costruendo le fortune politiche di partiti e leader razzisti e carichi di odio, si sta portando tutta l’Europa verso un processo di autodistruzione, strappando la trama istituzionale e culturale che in decenni era stata lavorata». Il manifesto, 25 ottobre 2016 (p.d.)

Milano; dibattito sugli scali ferroviari

«Strategia e visione per una città hanno a che fare con l'identità. “Scali ferroviari”: si ripropone una mai risolta questione . Due interventi dal dibattito sugli scali ferroviari». ȦrcipelagoMilano online,12 ottobre 2016 (c.m.c.)

Perchè il Sudafrica contesta la giustizia internazionale

Gli stati africani protestano: perché ve la prendete solo con noi, e non colpite anche i governi criminale del vostro mondo? La Repubblica, 25 ottobre 2016 (c.m.c.)

Perché votare NO alla riforma costituzionale Renzi-Boschi anche indipendentemente da modifiche (ormai improbabili) all’Italicum

«C’è da domandarsi se un sistema così ad personam sia desiderabile sia in se stesso, come se bastasse un unico cervello per affrontare i problemi del paese, sia per il futurlibertàgiustizia, 24 ottobre 2016 (c.m.c.)

Urbanizzazione per lo sviluppo



Concluso a Quito Habitat III; organizzato dall'agenzia dell'ONU per  casa città, territorio ambiente. Approvata l'Agenda urbana per il prossimo ventennio. Come ne racconta il significato e il senso la il giornale dell'associazione degli industriali italiani e affini Fra poco la racconta eddyburg. Il Sole 24 Ore, 23 ottobre 2016.

Parchi nazionali, associazioni in rivolta contro la riforma. “Giù le mani della politica dalla natura”

«Il titolo della legge, attesa in aula al Senato, promette di tutelare le aree protette cambiando governance e regole. Insorgono 17 associazioni ambientaliste sostenendo che i partiti e gli interessi locali si spartiranno poltrone e non sapranno arginare le brame di industriali, petrolieri e cacciatori.». Il Fatto Quotidiano online, 24 ottobre 2016 (c.m.c.)

lunedì 24 ottobre 2016

Sudafrica. Ancora in cammino verso la libertà

Che succede nel Sud dell'Africa, a partire dalle università e dalla prima generazione post-apartheid? Una breve cronologia, un'analisi di Kenichi Serino  da The Atlantic, Usa,  e un commento  di Andrew Ihsaan Gasnolar da Daily Maverick, SA. Internazionale, 21 ottobre 2016, (i.b.)