responsive_m


A un secolo dalla dichiarazione di Balfour, con cui il Regno Unito promise la nascita di stato ebraico in Palestina, esautorando i Palestinesi lei loro diritti, la Cisgiordania è “La più grande prigione del mondo” come dice il titolo dell ‘ultimo libro dello storico israeliano Ilan Pappe (da cui è presa la copertina di questa settimana). (a.b)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 24 settembre 2016

VENEZIA AAA cercasi sede per le associazioni

Di pari passo alla dismissione del patrimonio pubblico, cresce la richiesta, pressante e inascoltata, di spazi per le associazioni. La Nuova Venezia, 24 settembre 2016 (m.p.r.)

L’importanza e la qualità del lavoro di sensibilizzazione, mobilitazione e proposta che le associazioni cittadine producono a beneficio della comunità veneziana sono ormai un fatto acquisito, un fatto che nessuno (o quasi nessuno) osa più mettere in discussione. Siamo di fronte a un patrimonio prezioso fatto di saperi, competenze e impegno che mantengono viva la comunità cittadina; un patrimonio che è un’autentica speranza per Venezia, nella convinzione che la città saprà superare anche questa difficile fase della propria storia.

Giunti a questo punto, per dare gambe alla quotidiana azione di tante associazioni impegnate su molteplici questioni (dalla gestione del turismo al tema della casa, dalla tutela della laguna e del patrimonio culturale veneziano alla gestione dei beni comuni, dal ripopolamento della città storica alla manutenzione ordinaria, ecc.) è urgente affrontare una semplice ma decisiva questione: quella degli spazi a disposizione delle associazioni. 

È stato più volte segnalato come esigui e costosi siano gli spazi a disposizione delle associazioni per il loro lavoro quotidiano al servizio della città. Il tema non ha sinora ricevuto risposte, anzi la situazione si è aggravata, sia per la pressione esercitata sul patrimonio immobiliare da parte della rendita sia per i tagli dei servizi pubblici alla comunità. La questione è dunque dolorosamente aperta: moltissime associazioni non dispongono di una sede in cui riunirsi, in cui preparare e realizzare le proprie iniziative. 

Lanciamo dunque un appello alle istituzioni pubbliche e/o ai soggetti privati affinché mettano a disposizione una sede adeguata, una sede condivisa che sia disposizione di tutte le associazioni che ne vorranno fare uso. Chiediamo che questa sede - in nome del principio che la partecipazione dei cittadini vada incoraggiata e non penalizzata - sia concessa gratuitamente o con un affitto meramente simbolico; chiediamo che tutte le associazioni che esprimeranno la volontà di esservi ospitate lo possano davvero fare: semplicemente, con trasparenza e senza ostacoli amministrativi. Attendiamo fiduciosi delle proposte. 

Amico Albero
Garanzia Civica 
Generazione 90 
Gruppo 25 Aprile 
Masegni & nizioleti 
Patto per la Città Consapevole 
Venessia.com 
Venezia Cambia
Show Comments: OR