responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

domenica 31 luglio 2016

Il Sultano sfida il mondo: «Fatevi gli affari vostri»

Ma il mondo (occidentale) è soddisfatto di avere al suo portone  un guardiano feroce e spietato. «17 giornalisti arrestati sui 21 accusati di far parte della "rete" di Gulen. Erdogan ora punta la sua macchina repressiva contro i kurdi: uccisi 35 esponenti del Pkk. I media governativi: operazione dell’esercito dopo un tentativo di assalto a una base militare». Il manifesto, 31 luglio 2016

Migranti, ora anche l’Emilia protesta contro il Viminale “Posti finiti, no a nuovi arrivi”

Oh com'è sbiadito il rosso dell'Emilia-RomagnaOrmai anche in questa regione, come in tutt'Italia (e in Europa) il colore dominante della "sinistra" vira dal rosso al rosa, dal rosa al bianco e, per finire,  al grigio  sporco dell'altra sponda. La Repubblica, 31 luglio 2016

Il recinto attorno alla mia scuola e la Brexit figlia delle barriere

«Sono abituata al cambiamento: da queste parti è la regola. Il vecchio ginnasio in cima alla collina è diventato una delle più grandi scuole musulmane d’Europa; la vecchia sinagoga è diventata una moschea; la vecchia chiesa ora è un palazzo di case private». Corriere della Sera, 31 luglio 2016 (c.m.c.)

“La mia Barcellona più giusta, accogliente e indipendente”

«Ada Colau, da leader dell’associazione anti-sfratti a sindaca: le ricette per cambiare l’amministrazione e non tradire gli elettori». Il Fatto Quotidiano, 31 luglio 2016 (p.d.)

Il deficit di conoscenza della politica lontana dai cittadini

«Cominciare a discutere apertamente di noi, e del nostro passato prossimo, sarebbe con ogni probabilità più utile, per affrontare il presente e il futuro, che chiedersi angosciati se sia tornato o no il tempo delle guerre di religione». Corriere della Sera, 31 luglio 2016 (c.m.c.)

Barattare la Carta con un mini-Italicum

Sintetico elenco delle gravi distorsioni  e delle paralizzanti contraddizioni della de-forma costituzionale Renzi-Boschi.  Ma il veleno è innanzitutto nell'Italicum. La Repubblica, 31 luglio 2016

Città e Satelliti

L'idea circolava da tempo, come del resto quella dell'ossimoro biblico città giardino, ma fu proprio l'esigenza di andare oltre quel marchio indelebile impresso da Ebenezer Howard al suo riformismo sociale ... (segue)

La palafitta nascosta nel bosco, il sogno dell'architetto Giorgini

«A Baratti è costruita con sei blocchi in legno secondo una pianta stellare che ricorda un alveare». La Repubblica, 30 luglio 2016 (p.d.)

sabato 30 luglio 2016

Il disagio sugli immigrati e le scelte da fare a sinistra

« Lo scopo è difendere la vita democratica in una realtà che è comunque multietnica. E si dovrà prestare attenzione non solo all’accoglienza, ma soprattutto all’integrazione civica »La Repubblica, 30 luglio 2016 (c.m.c.)

La città? Una casa per tutti

«Un'intervista con Paulo Mendes Da Rocha, celebre esponente della scuola paulista, cui la Biennale di Venezia ha conferito il Leone d'oro alla carriera. "Le olimpiadi in Brasile? Rispondo con Borges: mi sento come quell’ospite che è ricevuto con cortesia ma si accorge di essere prigioniero"». Il manifesto, 30 luglio 2016 (p.d.)

Un milione via da Mosul. Raid su una clinica in Siria

«La previsione della Croce Rossa: con lo scontro finale nuova ondata di sfollati in Iraq. Colpito un centro gestito da Save the Children a Idlib. Strage della coalizione: 28 morti. Islamisti uccidono 24 civili kurdi». Il manifesto, 30 luglio 2016 (p.d.)

Case abusive in Sicilia ritorna la sanatoria “Un regalo d’estate ai predatori di coste”

«Un emendamento a Palazzo dei Normanni vuol mettere a norma gli edifici costruiti tra il 1976 e il 1985. “Sarebbe un liberi tutti” »La Repubblica, 30 luglio 2016 (c.m.c.)

Il profilo del volontariato italiano

«Tutti i numeri che spiegano perché l’impegno civico all’interno di un’organizzazione e il benessere economico individuale vanno di pari passo». Altraeconomia, 29 luglio 2016 (c.m.c)

Renzi, Franceschini e la verità sul Museo di Taranto

«Meraviglioso: le sale inaugurate ieri da Renzi, richiuderanno dunque subito per mancanza di personale »La Repubblica online, blog "Articolo 9", 30 luglio 2016 (c.m.c.)

venerdì 29 luglio 2016

Sveliamo il trucco del Grande Debito

«Rifiutare la trappola del debito e rivendicare a tutti i livelli la necessità di un’indagine indipendente e partecipativa che sveli quanta parte del debito è illegittima e quanta parte è odiosa dunque da non pagare». Il manifesto, 29 luglio 2016 (c.m.c.)

Frontiere e welfare dei migranti, l’imbarazzo della sinistra

La difficile scelta per la socialdemocrazia europea, e le sue diverse componenti, tra difesa dei diritti acquisiti dagli sfruttati di ieri, a partire dal welfare, e l'obbligo morale dell'accoglienza degli sfruttati di oggi. La Repubblica, 29 luglio 2016

Isola d’Elba, quarta estate con le macerie dell’ecomostro della cricca. La licenza? E’ rimasta all’impresa dei corruttori

«Le sentenze per lo scandalo di Elbopoli  hanno condannato  un prefetto, un giudice, due costruttori.  E' stato sequestrato e demolito, ma dal 2013 i detriti restano lì. ». Il Fatto Quotidiano online, blog "Ambiente e veleni", 29 luglio 2016 (c.m.c.)

Ire, alla Ca’ di Dio al posto degli anziani un hotel di lusso

Prosegue a Venezia l'eliminazione di spazi pubblici a vantaggio degli alberghi di lusso. Questa volta si tratta di un Istituto pubblico di assistenza e beneficenza «che ha confermato l’intenzione di mettere a reddito l’edificio - non vendendolo - ma affittandolo alla società che lo trasformerà in albergo». La Nuova Venezia, 29 luglio 2016 (m.p.r.)

Perché voto NO al referendum - Lettera aperta al PD

«Voterò NO al referendum utilizzando la libertà di voto che il nostro Statuto consente in materia costituzionale; qui ho espresso le mie personali motivazioni». Waltertocci.blogspot.it, 28 luglio 2016 (c.m.c.)

Trivelle, Tar respinge ricorso dei comuni abruzzesi. Via libera a prospezione (con air gun) in 30mila chilometri di Adriatico

«"Non è attività di ricerca". Con questa motivazione i giudici amministrativi regionali del Lazio hanno detto no all'istanza della Provincia di Teramo, di 7 Comuni della costa teramana e di altri 2 Comuni marchigiani contro il decreto di Via rilasciato in favore della compagnia inglese Spectrum Geo Limited. Che quindi potrà cercare gas e petrolio in una zona che va da Rimini al Salento». Il Fatto Quotidiano online, blog "Ambiente e veleni", 28 luglio 2016 (c.m.c.)

giovedì 28 luglio 2016

Città metropolitana e rigenerazione urbana

«La dicotomia centro/periferia appare oggi subordinata alla scala sovracomunale, un quadro che amplia il tema in una più attuale e sistemica visione di rete policentrica.Una agenda al futuro mettendo a sistema strumenti esistenti», Arcipelagomilano online, 27 luglio 2016 (c.m.c.)

Il cortocircuito dei consumi

«I Cortocircuiti francesi sono esperienze simili ai Gas, che importano direttamente dai produttori italiani agrumi e altri prodotti non disponibili localmente». Comune.info, 28 luglio 2016 (c.m.c.)

Ghetti d'Italia: Sfruttamento, lotta, riscatto

Due momenti della stessa storia. Protagonisti: pomodori, rifugiati e altri sfruttati, padroni e padroncini. Luogo: la ridente Puglia, Articoli di  Chiara Spagnoli) la Repubblica online) e Alessandra Magnaro (Comune.info), 27 luglio 2016

Vittoria degli ambientalisti, chiude la piattaforma Ombrina

«Abruzzo. Contro l’impianto petrolifero di fronte la Costa dei Trabocchi dal 2008 si battevano cittadini e comitati e Comuni». Il manifesto, 28 luglio 2016 (c.m.c.)

La guerra, secondo Francesco

«Quando io parlo di guerra, parlo di guerra sul serio, non di guerra di religione: no. C’è guerra di interessi, c’è guerra per i soldi, c’è guerra per le risorse della natura, c’è guerra per il dominio dei popoli: questa è la guerra. Qualcuno può pensare: 'Sta parlando di guerra di religione': no. Tutte le religioni, vogliamo la pace. La guerra, la vogliono gli altri, capito? [...] il mondo è in guerra perché ha perso la pace». (Papa Francesco)

mercoledì 27 luglio 2016

Gli intellettuali di «armiamoci e partite»

Sacrosanta denuncia del tradimento  di quei numerosi intellettuali che, abbandonando lo spirito critico,  hanno inneggiato a quelle "esportazioni della democrazia" che hanno generato guerre e stermini ovunque, dall'Afghanistan all'Iraq alla Siria, all'Africa subsahariana,  alla Libia. Il manifesto, 27 luglio 2016

Patto tra Hillary e Sanders così il partito ritrova l’unità

«La convention democratica sta celebrando l’addio al “billclintonismo”. Non sono gli scandali antichi o recenti la causa del tramonto: è Bernie Sanders». Negli USA la sinistra radicale è indispensabile per evitare  che il mondo sia governato dall'espressione della peggiore destra che si sia affacciata sulle sponde dell'Atlantico. La Repubblica, 27 luglio 2016

Riprendiamoci la piazza politica, la vita

«Riportare al centro del dibattito la Casa comunale. Abbiamo un gran bisogno di luoghi per radunarci e ritrovare in noi le ragioni ultime capaci di opporre slanci vitali  al tentativo di uccidere la speranza nell’umanità». Arcipelagomilano online, 27 luglio2016 (c.m.c.)

“Un altro passo verso l’abisso ma il sangue si può fermare con il coraggio del dialogo”

Paolo Rodari intervista Jean-Louis Tauran, arciverscovo francese,  ministro di papa Bergoglio per i rapporti con le altre religioni. «Serve soprattutto un'educazione che aiuti a comprendere che chi è differente da noi non è un nemico». La Repubblica, 27 luglio 2016

Provocazioni e minacce a Bagnoli

Un bene pubblico da dismettere (si legga da svendere), trasformato da attivisti in "spazio di uso civico e collettivo", e adesso fagocitato dall'industria del fare. Il manifesto, 27 luglio 2016 (p.d.)

Favignana, ecco la rivolta verde contro la centrale: “Salviamo l’isola”

«Raccolta di firme contro l’impianto a gasolio alle Egadi». Il Fatto Quotidiano, 27 luglio 2016 (p.d.)

Il nichilismo del Corriere

«Al fine di favorire il trasferimento da Londra a Milano dell'Autorità Bancaria Europea (EBA) Ferruccio De Bortoli (Corriere della Sera del 25/7) ... (segue)

Concerto al Foro romano? Sindaca Raggi, fermi lo sfregio

I nostri  più preziosi beni culturali sono evidentemente in mano a persone che, con molta benevolenza e ottimismo, potremmo definire mercanti di beni altrui. Il problema è che li abbiamo lasciati andare al comando noi elettori italiani, con il voto o l'astensione. Il Fatto Quotidiano online, blog "Ambiente e veleni", 26 luglio 2016

martedì 26 luglio 2016

Firenze. Indietro tutta nella massima confusione

Un’idea obsoleta di sviluppo, una straordinaria insipienza tecnica, un confuso balbettìo politico, dove la posta in gioco non riguarda Firenze, ma la carriera...(segue)

Il gasdotto tenuto in scacco dagli ulivi

Un ramoscello d'olivo agitato dal comune di Melegnano, simbolo della resistenza contro l'avanzare di uno "sviluppo"sempre pù basato sul consumo di energia e sullo svuotamento delle residue risorse naturali. Gli adoratori del PIL scalpitano impazienti. Il Sole 24 Ore, 26 luglio 2016 (p.s.)

Alle radici dell’insicurezza

«La paura generata da questa situazione di insicurezza si diffonde su tutti gli aspetti delle nostre vite. Occorre sviluppare gli anticorpi contro le sirene di  arruffapopolo che tentano di conquistarsi capitale politico con la paura». Corriere della Sera, 26 luglio 2016 (c.m.c.)

Berdini: “Legalità e periferie, così il M5S rilancerà Roma”

Intervista  di Monica Pepe a Paolo Berdini.  Le idee del nuovo assessore sui problemi della città e gli obiettivi da raggiungere. La direzione di marcia è giusta, sebbene non siano ancora definiti gli strumenti. E  su Roma incombe l'ombra cupa del disastro Olimpiadi. Micromega, 25 luglio 2016

L’integrazione degli immigrati la nostra unica arma contro il terrorismo

«Siamo un paese di immigrazione e la Cdu per troppo tempo lo ha negato. L’ideologia del Califfato offre un’illusione consolatoria a chi si sente spaesato»La Repubblica, 26 luglio 2016 (c.m.c.)

Turchia, Barbara Spinelli lancia appello a istituzioni europee: Dovete vigilare sul rispetto dei diritti fondamentali”

«L'eurodeputata ha promosso un appello internazionale per chiedere ai rappresentanti delle istituzioni europee di vigilare sulla situazione interna al Paese sconvolto dalla repressione delle opposizioni, delle minoranze e delle libertà civili». Il Fatto Quotidiano online, 24 luglio 2016 (p.d.)

Contro la maledizione del consumo di suolo

Un'analisi di alcuni scenari urbani  e  possibile soluzione per contenere il consumo di suolo. millenniourbano online, 18 luglio 2016 (c.m.c.)

Lo spirito di Genova 2001


«Riprendiamo in mano il testimone di quel movimento, proprio quello, il suo spirito, la sua spinta a cambiare, il suo metodo, il suo entusiasmo, il suo coraggio, i suoi sguardi larghi e lunghi, le sue parole più belle, i suoi colori». Comune-info, 23 luglio 2016 (c.m.c.)

lunedì 25 luglio 2016

Altan, come sempre

(La Repubblica)

Merendine e allagamenti

Il mondo brucia. Gli incendi dei boschi si sono sempre verificati sulla superficie della Terra; in qualche caso i fulmini provocano incendi (continua la lettura)

domenica 24 luglio 2016

Referendum costituzionale, votare «No» per affermare i nostri diritti di cittadini

Quando si si aprirà la campagna d referendum contro la legge Renzi Boschi bisognerà assumere come parola d'ordine: «Volete esserci e contare, tutti i giorni, e non un solo giorno ogni cinque anni, in cui votate per mettere i vostri diritti di cittadinanza in mano a chi comanda?. Il manifesto, 24 luglio 2016

I colpi di stato sono tre

Nella storia della Turchia negli anni di Erdoĝan la spiegazione del carattere di un regime che non è stato mai democratico, che ha sempre  dominato al di sopra della legge e adopera i finti colpi di stato per rafforzarsi, complici  gli Usa e soci. Puntorosso online, luglio 2016

L’esercito dei perdenti

«L’unica forma di protezione possibile è impedire che le nostre società si imbarbariscano, finendo col condividere la patologia vendicativa che anima gli autori delle stragi». Il manifesto, 24 luglio 2016 (p.d.)

Non chiamatele smart city

«Dietro un’espressione ricorrente si cela molta retorica che stride con la realtà delle città oggi. L’India annuncia la fondazione di nuovi agglomerati urbani ad altissimo utilizzo di tecnologie digitali, ma i quartieri sono recintati da sbarre, frutto di un’ossessione da sicurezza»La Repubblica, 24 luglio 2016 (c.m.c.)

Lo specchio infranto dell’ansia perenne

«Il rischio più pernicioso che corriamo è l’adesione inconsapevole a un pensiero di massa che legge la realtà in modo altrettanto folle e irresponsabile di quello degli attentatori». Il manifesto, 24 luglio 2016 (c.m.c.)

Napoli, il Comune riconosce il diritto degli occupanti

«Deliberazione innovativa. Il nodo da sciogliere era lo strumento della cessione per assegnazione... Il meccanismo si può interrompere se i beni sono amministrati in forma diretta da comunità di riferimento, in assenza di lucro, per il soddisfacimento di diritti fondamentali».Il manifesto, 23 luglio 2016 (c.m.c.)

sabato 23 luglio 2016

Pedemontana, per lo Stato una bomba da 20 miliardi

I danni (ben calcolati) del project financing: «Emergenza Veneto a Palazzo Chigi. Il privato che dovrebbe finanziare la superstrada sbaglia i conti. E la Regione deve pagare». Il Fatto Quotidiano, 23 luglio 2016 (p.d.)

Non semplifichiamo con «noi » e «loro »

«Servono strumenti politici, come la cittadinanza ai figli di immigrati per ridurre l'emarginazione che può trovare pericolosi legami con l'estremismo, ma l'integrazione è anche una battaglia culturale dove creare sentimenti di condivisione antagonisti all'odio». Corriere della Sera, 23 luglio 2016 (c.m.c.)