menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

mercoledì 9 marzo 2016

Tsipras:Abbiamo bisogno di solidarietà per i rifugiati

Le domande ciniche fino all'inciviltà del giornale tedesco Bild, e le risposte tranquillamente umane di Alexis Tsipra rivelano la drammaticità della situazione e l'efferatezza dell'UE e degli stati europei.EA. lista di discussione, 9 marzo 2016


Il primo ministro greco Alexis Tsipras ha chiesto all’Europa di aiutare la Grecia ad affrontare la crisi dei rifugiati in corso. ” La Grecia chiederà che tutti i paesi rispettino il trattato europeo e che ci siano sanzioni per coloro che non lo fanno”, ha detto Tsipras al presidente del Consiglio dell’Unione europea Donald Tusk, Venerdì. “Siamo in un momento cruciale per il futuro dell’Europa. Non buttiamo le persone in mare, rischiando la vita dei bambini”

Sono le 11:25 di Mercoledì mattina, quando di buon umore, ma visibilmente esausto Alexis Tsipras riceve il giornalista della BILD al “Megaro Maximou”, la residenza ufficiale del Primo Ministro. La sua stretta di mano è morbida, il suo sorriso grande. Tsipras dice: “Sono felice che tu sia qui.” Nel suo ufficio è appeso alla parete una moderna opera d’arte con colori vivaci, dal titolo “contraddizioni” dell’artista Dimosthenis Kokkinides. “Volevo che qui ci fosse un’atmosfera aperto. In particolare è importante per me aprire le finestre”

Da fuori si sente la musica di una cappella della Guardia Nazionale. Mentre Tsipras ascolta la prima domanda dell’intervista, le sue dita si muovono sul tavolo a tempo con la musica.

BILD: Signor Primo Ministro, prima la crisi del debito e ora il ruolo principale nel dramma dei rifugiati, la Grecia è sotto una maledizione?
Alexis Tsipras : la posizione della Grecia è sia una benedizione che una maledizione per soli motivi geografici.Le persone sono felici di visitare il nostro paese in vacanza. Ma è anche una regione sensibile e delicata dove tre continenti si intersecano. Sin dai tempi antichi la Grecia è stata teatro di guerre e conflitti.Ora, nella crisi dei profughi, siamo il primo paese di arrivo e siamo quindi di fronte alla più grande delle sfide.Come con la crisi finanziaria, adesso è importante per noi e per l’intera Europa mostrare solidarietà e risolvere i problemi insieme.

B: Cosa è peggio per voi: la crisi del debito o la crisi dei rifugiati?
Alexis Tsipras: Non dobbiamo confondere queste due crisi. Tuttavia, credo che la crisi dei rifugiati sia ancora più pericolosa per l’Europa, perché minaccia l’esistenza di tutta l’UE. Se i nostri valori condivisi sono ora in discussione da alcuni [leader] e se le regole improvvisamente si applicano solo per alcuni paesi, questo non è più una comunità. Dobbiamo resistere con forza a questo sviluppo.

B: Si parla di regole. Ma, come nella crisi del debito, la domanda sorge spontanea: perché la Grecia non segue le regole? Secondo l’accordo di Dublino, il primo Stato UE attraverso in cui un immigrato entra l’UE è responsabile della procedura di asilo.
Tsipras : Ancora una volta, non è possibile confrontare la crisi del debito con la crisi dei rifugiati. Per quanto riguarda la crisi del debito è interessato, abbiamo dissanguato e mantenere sanguinamento oggi, al fine di rispettare le regole. Ma la crisi dei rifugiati non può essere risolto dalla sola Grecia. Non abbiamo deliberatamente violato le regole.Siamo semplicemente sopraffatti dal compito. Non abbiamo alcun problema con la protezione delle nostre frontiere terrestri.La nostra costa, tuttavia, è più di 10.000 chilometri. Inoltre, se individuiamo una barca nella nostra acqua territoriale che è in pericolo, siamo obbligati – secondo il diritto internazionale – a trasportarla in un luogo sicuro a terra. Immaginate che ci sono isole con 150 abitanti, in cui improvvisamente 1.500 rifugiati arrivano in un solo giorno. Cosa dovremmo fare con queste persone? Si tratta di un onere insostenibile per la Grecia. E ‘solo a causa della nostra posizione geografica e nient’altro.

B: Tuttavia, l’impressione che si pone la Grecia si occupa principalmente con agitando i rifugiati fino al nord Europa il più velocemente possibile.
Tsipras: Dovete capire la mentalità dei rifugiati. Hanno visto le loro case bombardate e hanno rischiato la vita per fuggire e venire in Grecia, che è la porta verso l’Europa. Ma per i rifugiati, La Mecca si trova più a nord! Sanno che c’è una crisi in Grecia e che non troveranno un lavoro qui. Come possiamo evitare che la gente vada avanti? Non abbiamo il diritto di farlo.Non possiamo bloccare queste persone, ciò violerebbe gli accordi internazionali. Tutto quello che possiamo fare è aiutare a salvare queste persone in mare, prenderci cura di loro e registrarli. Poi vogliono continuare. Un processo di reinsediamento è quindi l’unica soluzione.

B: Se il confine marittimo può, infatti, non essere protetto, è allora davvero possibile per i confini della Grecia diventare la frontiera esterne dell’UE?
Tsipras : L’UE non consiste solo dell’Europa centrale. Ci sono anche paesi come la Spagna, l’Italia, la Grecia che hanno frontiere marittime. E ‘vero che dobbiamo essere ancora più efficace nella protezione dei confini. Ma vede, abbiamo già fatto enormi progressi nel processo di registrazione e nella creazione di hotspot. Ora stiamo realizzando al cento per cento in queste aree.

B: Lungo il percorso dei Balcani, ci sono nuovi sviluppi ora e i confini sono chiusi. I giornali europei sono intitolati: “La Grecia ha perso il controllo sui rifugiati”. È corretto?
Tsipras: Quello che alcuni paesi hanno concordato e deciso è contro tutte le regole e contro tutta l’Europa. Riteniamo che sia un’azione non amichevole. E ‘inaccettabile che, dopo che una decisione è presa in un vertice UE, alcuni paesi si incontrino e decidano semplicemente di chiudere le loro frontiere Questi paesi danneggiano gravemente l’Europa.


B: Quindi, è la situazione fuori controllo?
Tsipras: La situazione è difficile, ma non è fuori controllo. La Grecia è l’unico paese che rispetta gli impegni. Abbiamo già 30.000 rifugiati qui, sulla terraferma e le isole, e siamo in grado di ospitare 20.000 persone in più. Abbiamo realizzato oltre il 100% dei nostri impegni, mentre altri non hanno nemmeno raggiunto il 10% e preferiscono criticarci. Ma le dirò questo francamente, se molti rifugiati continuano ad arrivare dalla Turchia e le frontiere dei Balcani restano praticamente chiuse, allora la situazione diventa molto critica per noi.

B: La Grecia diventerà il ‘Libano dell’Europa’?
Tsipras: E ‘certamente una crisi umanitaria. I rifugiati vogliono continuare da qui al nord, ma non sono in grado. Voglio essere molto chiaro: abbiamo bisogno di fornire a queste persone sistemazione adeguata qui. La Grecia deve difendere il volto umano dell’Europa, non importa quanti rifugiati stiano arrivando. Ma chiediamo una distribuzione equa. La Grecia non può trasformarsi in un magazzino permanente di anime umane che non vogliono rimanere qui.

B: Ha paura che l’Europa potrebbe finalmente sacrificare la Grecia ed escludere il paese dalla zona di Schengen?
Tsipras: No, non ho paura, perché difendiamo i valori fondamentali dell’Europa. Alla fine, saranno coloro che hanno sollevato recinzioni di filo spinato, che hanno allontanato i rifugiati con la violenza e che hanno trasformato i loro paesi in fortezze che saranno isolati in Europa. Noi, al contrario, siamo in alleanza con i paesi che mostrano solidarietà. E questi sono paesi con i quali abbiamo avuto grossi problemi durante la crisi finanziaria.

B: Che cosa accadrebbe alla Grecia, se il resto d’Europa, tra cui la Germania, chiudesse le frontiere?
Tsipras : la Germania ha gestito questa crisi in modo efficace e ha agito con umanità. Sono quindi convinto che la Germania, in particolare, dovrà difendere questi valori europei. Ci troviamo di fronte alla più grande migrazione di popoli dopo la seconda guerra mondiale. Per risolvere questa crisi, dobbiamo fare in modo che la pace venga stabilita in Siria. Allo stesso tempo, dobbiamo cercare di limitare le ondate di profughi dalla Turchia verso l’Europa. E ‘anche importante che il reinsediamento dei rifugiati in Europa finalmente funzioni.

B: Ma ancora una volta: Che cosa succede se la Germania dovesse chiudere le frontiere?Tsipras: paesi come l’Austria e l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia hanno già chiuso i loro confini. Questo è successo senza che la Germania avesse preso tale misura. Pertanto, la situazione di emergenza già esiste.

B: Angela Merkel è stato l’avversaria più chiara nella crisi finanziaria. Ma ora lei è improvvisamente lodata dalla Grecia. Che è successo?
Tsipras : E ‘vero che il Cancelliere ha mantenuto una dura posizione politica durante la crisi del debito. Ma ora, nella crisi dei rifugiati, ha adottato un approccio umano e ha dimostrato la sua guida. Se il Cancelliere avesse agito come Orban, l’Europa sarebbe già divisa e avrebbe quindi fallito. Non sempre siamo d’accordo l’una con l’altro, ma abbiamo un rapporto molto sincero e vi è rispetto reciproco. Sono d’accordo con il Cancelliere Merkel quando dice che, alla fine, l’Europa può diventare ancora più forte a causa della crisi dei rifugiati.

B: Il vertice UE con la Turchia avrà luogo lunedi. La Turchia non è in grado di ridurre il numero di rifugiati, o non vuole ridurli?
Tsipras: La Turchia deve assumere un pesante fardello. Ci sono più di 1,5 milioni di rifugiati nel paese. Se collaboriamo con la Turchia, saremo in grado di controllare il problema. I rifugiati non vengono a nuoto verso di noi. Arrivano in barche e indossano giubbotti di salvataggio, fabbricati in Turchia. Questa è un’industria di miliardi di dollari. Dobbiamo combattere i trafficanti e affrontare il problema alla radice.

B: la Turchia chiede un accordo di liberalizzazione dei visti in cambio dei suoi sforzi. La Grecia chiede una riduzione del debito nella crisi dei rifugiati?
Tsipras: I negoziati per la crisi del debito non sono legati alla crisi dei rifugiati. Ma quello che voglio dire circa la crisi del debito è questo: abbiamo firmato un programma in luglio e ci atteniamo ad esso. Il problema rimane il FMI. Ulteriori richieste continuano ad arrivare dal Fondo monetario internazionale che non hanno nulla a che fare con l’accordo iniziale. L’UE deve chiedere al Fondo monetario internazionale di rispettare l’accordo. Tutto questo non ha nulla a che fare con la crisi dei rifugiati. Noi non abbiamo il tempo di rinviare nulla in relazione al problema dei rifugiati.Abbiamo bisogno di solidarietà. E ne abbiamo bisogno ora.

(Traduzione di Daniela Sansone)
Show Comments: OR