menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

sabato 19 marzo 2016

Angelina Jolie e le star testimonial degli ultimi

Nonostante gli scettici, dunque, per alcuni problemi e per alcuni gruppi di persone la cui vita è toccata pesantemente da quei problemi, la rappresentanza non elettorale, che fa centro sulla figura dello speaker di fama, può essere rilevante. La Repubblica 18 marzo 2016



L’ALTO Commissariato dell’Onu per i rifugiati ha nominato sua inviata speciale Angelina Jolie, dando un riconoscimento autorevole al suo impegno a rappresentare cause umanitarie globali; un servizio volontario che l’attrice americana porta avanti da anni. Non votata né scelta dai rifugiati che rappresenta, l’attrice è stata incaricata da un’autorità di indubbia autorevolezza morale e simbolica a mettere la sua persona e la sua fama al servizio di milioni. Accettando l’incarico, l’attrice ha sottolineato di parlare a nome dei sessanta milioni di rifugiati che vanno ogni giorno nel mondo alla ricerca di un luogo sicuro dove vivere. Ha detto di parlare soprattutto per quelli che provengono dal Medio Oriente e dal Nord Africa, che scappano dalla guerra civile in Siria e che premono, spesso respinti con la forza, alle frontiere dei Paesi europei. Angelina Jolie si fa rappresentante senza alcun mandato elettorale e con la forza della sua celebrità, che ha il potere di avere e fare audience, si rivolge ai «governi di tutto il mondo» spronandoli a «dimostrare leadership» e ad «analizzare la situazione e capire esattamente quello che i loro Paesi possono fare, quanti rifugiati possono assistere».

La rappresentanza di problemi (claim-making representation) è da alcuni anni un fenomeno sempre più ricorrente. Basato su un semplice concetto: l’informazione e Internet in particolare hanno il potere di unificare l’opinione dell’umanità al di là dei confini nazionali, e di fare pressione su chi deve prendere decisioni. Parlare per chi non ha voce scuotendo la sensibilità di milioni (fare audience) con lo scopo di risolvere o almeno di mantenere un problema grave sempre sotto i riflettori. Per impedire che chi non ha voce scompaia dai radar del pubblico.

Il primo caso dirompente di questa rappresentanza non elettorale, eppure molto politica, è stato quello di Bono. Nel corso della campagna 2004 “Make Poverty History” il cantante degli U2 dichiarò: «rappresento molte persone che non hanno voce alcuna... non mi hanno chiesto di rappresentarle. È impudente da parte mia, ma spero che siano contente che lo faccia».

In tutte le società ci sono persone che non sono state elette né scelte da nessuno e che a volte rivendicano di essere “rappresentanti politici” di qualcuno che soffre per una condizione di ingiustizia ma non ha voce nelle istituzioni, spesso nemmeno tramite la rappresentanza elettorale tradizionale. Anche tra i cittadini di uno Stato il voto non riesce a dare garanzia che la voce di alcuni non sia ignorata, che i problemi di tutti siano considerati, che alcune questioni non siano iniquamente considerate inferiori ad altre, che magari hanno rappresentanti di interessi forti e agguerriti. I gruppi forti hanno anch’essi i loro rappresentanti non eletti che incidono sulle scelte dei Paesi, ma proprio per la loro forza non hanno bisogno di ricorrere all’espediente della risonanza (anzi, spesso, per essere incisivi non vogliono essere visti né ricevere l’attenzione del pubblico). Sono i perdenti della rappresentanza tradizionale che hanno bisogno di ricorrere a forme nuove di rappresentanza.

Il declino delle ideologie classiste, l’indebolimento dei confini nazionali nel sollevare questioni e determinare decisioni condizionate vieppiù dalle multinazionali, la cronica disaffezione dei cittadini dei Paesi democratici verso i partiti politici (veicolo classico di rappresentanza idologica e simbolica oltre che elettorale), infine la prepotente affermazione di problemi transnazionali e globali che nessuno Stato ha il potere di risolvere da solo: tutto questo fa della rappresentanza di persone che nessuno ha eletto un fenomeno sempre più importante.

Certo, c’è un deficit istituzionale e di legittimità democratica in queste forme di patrocinio volontario transnazionale. Come ha riconosciuto Bono, è un «impudenza» dichiararsi rappresentante di qualcuno senza che quel qualcuno nemmeno lo conosca e, forse, non condivida neppure le sue idee. E impudente ma è una scelta che può avere successo e che, soprattutto, può aprire un nuovo processo rappresentativo, capace di mobilitare le opinioni di milioni di persone, fino a costringere chi ha la funzione di decidere a non girare le spalle. Nonostante gli scettici, dunque, per alcuni problemi e per alcuni gruppi di persone la cui vita è toccata pesantemete da quei problemi, la rappresenza non elettorale, che fa centro sulla figura dello speaker di fama, può essere rilevante. In un mondo che su questioni sempre più importanti non conosce confini, avere forme di rappresentanza capaci di giungere all’opinione pubblica che sta oltre i confini nazionali è sempre più necessario.
Show Comments: OR