responsive_m

Le barbarie di una nuova shoa

Le barbarie di una nuova shoa
Negli ultimi anni sono morti nel Mediterraneo almeno 15.000 migranti. E continuano a morire, anche se, allontanate le ONG, cade il silenzio su una strage continua, atroce, senza pietà neppure per i bambini. Il ministro della malavita però non si accontenta delle vite spezzate e del successo dei suoi slogan feroci. Vorrebbe di più. Per ogni vita strappata alla morte 5.000 euro di multa comminata ai salvatori. In un paese che alza muri, in città che si chiudono ai diversi, trattandoli come scarti dell’umanità, occorre ribellarsi prima che la barbarie di una nuova shoa diventi la specificità intollerabile di questi tempi feroci. (m.c.g)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

mercoledì 24 febbraio 2016

Un altro sole

Ogni tanto, una poesia

Un altro sole

di Serena D’Arbela


Piangemmo l’ideale
l’amore offeso
giurammo di non credere più

l’anima rabbuiata
gli slanci ventenni
svaniti come nubi

invecchiammo
prima eletti in ardenti gironi
a soccorrere il mondo

poi avvizziti come bimbi
delusi da una fiaba
ci abbandonammo

ad amori privati

eppure abbiamo ancora
il vizio di scrutare in cielo
fugaci bagliori

cercando


un altro sole.
Show Comments: OR