responsive_m


Gli aguzzini si incontrano sui confini. La barriera costruita nel 2015 sul confine tra l'Ungheria, la Croazia e la Serbia, di cui si vanta oggi il presidente ungherese Viktor Orban. Il sindaco di estrema destra Laszlo Toroczkai si era visto inizialmente rifiutare la richiesta di costruire un muro sullo stile di quello USA-Mexico, ma con l'avvicinarsi delle elezioni ungheresi il presidente nazionalista ordinò infine la costruzione della recinzione. (i.b.)

scritta dai media

DAI MEDIA

lunedì 8 febbraio 2016

Orrore

Speriamo che siate inorriditi anche voi leggendo questo titolo: “Giulio torturato perché pensavano fosse una spia”. Ha riassunto così la risposta delle autorità egiziane più d'un giornale. Lasciamo da parte Giulio e la tragedia terribile della sua fine. Insomma, in Egitto è normalmente accettato che una persona ritenuta (a torto o a ragione) una "spia" possa essere torturata usque ad mortem. E l'Italia di Renzi (e non solo di Renzi) è alleata con un simile Stato? Forse non è casuale che questa Italia non abbia ancora una legge che vieti la tortura


Show Comments: OR