ULTIMI AGGIORNAMENTI

martedì 2 febbraio 2016

«Il terrorismo occidentale contro il sud del mondo»

«André Vltchek, sodale di Chomsky, al convegno M5S. "Gli Stati uniti hanno saccheggiato il sud del mondo, ma l’Europa è madre matrigna degli Usa, responsabile del colonialismo da oltre 500 anni"». Il manifesto, 2 febbraio 2016

«Gli Stati uniti con la Nato hanno destabilizzato e saccheggiato il sud del mondo, ma l’Europa è la madre matrigna degli Usa ed è responsabile del colonialismo da oltre 500 anni». Così dice al manifesto l’intellettuale statunitense André Vltchek, e non fa sconti a nessuno. Reporter di guerra e collaboratore di Noam Chomsky, con il quale ha scritto il volume sul Terrorismo occidentale, Vltchek è stato invitato dal Movimento 5Stelle al convegno “Se non fosse Nato”, dove lo abbiamo incontrato. Durante il suo intervento, ha raccontato la sua esperienza nei campi profughi del Libano: «Un piccolo paese al collasso che, nonostante non abbia aggredito nessuno – ha detto – ha accolto oltre un milione di persone, almeno quante ne ha respinte l’Europa dopo averne provocato la fuga con le sue politiche». Quella dei profughi è una situazione simile «a quella di una donna stuprata a cui hanno svaligiato la casa e ucciso il marito e che, per salvare i figli, è costretta a mendicare aiuto ai suoi stessi stupratori».

Con noi, Vltchek ha ripreso i temi del suo intervento, accusando l’Occidente che, dopo aver distrutto il Medioriente si «è seduto nel suo bunker dorato a consumare il bottino, cieco al dolore che ha provocato». Un dolore «su cui prosperano anche i cittadini delle nazioni ricche, gli agricoltori Usa o francesi protetti dalle misure dei loro stati, e persino chi può permettersi con la disoccupazione di farsi la vacanza in un paese povero del sud». In Medioriente – dice ancora — le politiche di guerra «hanno avuto come obiettivo quello di distruggere la possibilità del socialismo, calpestando regimi laici e pervertendo un islam per sua natura comunitario in una religione irriconoscibile e importata, che serve a sconvolgere il mondo. In Afghanistan, i moujahedin sono stati creati per liberarsi dell’Unione sovietica». Che fare? «Schierarsi. E usare tutti i registri comunicativi e tutte le forme artistiche per obbligare i cittadini dei paesi responsabili ad aprire gli occhi e a spezzare le catene neocoloniali rinunciando ai propri privilegi».

La speranza? «Arriva dalle nuove relazioni economiche avanzate dai Brics, che stanno relativizzando la potenza del dollaro con la formazione di un Fondo monetario alternativo. Arriva dal Vietnam o dalla potenza della Cina che – per Vltchek — è ancora un paese socialista, che persegue un suo modello e ora un nuovo corso, utilizzando il capitalismo ma senza cedere, come ha dichiarato il presidente Xi, sulle conquiste fondamentali e sul controllo da parte dello stato». Arriva, soprattutto «dall’America latina socialista e bolivariana, i cui popoli hanno capito la lezione e perciò renderanno senza effetto la firma degli accordi economici realizzati dagli Usa all’interno del Tpp. Per le borghesie occidentali e per le sinistre addormentate nei loro privilegi, l’America latina è un pericoloso esempio di internazionalismo basato su una solidarietà globale ugualitaria».