menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

martedì 12 gennaio 2016

Tremiti, la regione contro le trivelle Emiliano: «Scateneremo l’inferno»

«Alle Regioni era stato assicurato che la questione, dopo la modifica della Legge di stabilità, sarebbe stata chiusa. Non può essere che la volontà di ben dieci Regioni di proteggere il proprio mare sia sbeffeggiata». Il manifesto, 12 gennaio 2016 (m.p.r.)



Le trivelle mandano su tutte le furie la Puglia, e in particolare il suo governatore, Michele Emiliano. Il ministero dello Sviluppo economico ha autorizzato, con decreto - numero 176 del 22 dicembre 2015 - ricerche petrolifere - le ennesime - al largo delle Isole Tremiti. E l’acredine tra governo e Regione si è inasprita. Il provvedimento è arrivato dopo la presentazione del referendum antipetrolio da parte di dieci Regioni (Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise) e poche ore prima che Renzi e company provvedessero ad emendare la Legge di stabilità, con l’articolo 239, ripristinando, per l’intero perimetro nazionale, il limite di 12 miglia dalla costa per nuovi permessi di ricerca, prospezione e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi off shore.

L’autorizzazione del Mise è stata rilasciata all’irlandese Petroceltic, pubblicata nel Bollettino degli idrocarburi del 31 dicembre scorso e «riguarda - dice Angelo Bonelli, della Federazione dei Verdi - una superficie di 373,70 chilometri quadrati e un’area dalla ricca biodiversità dove verranno utilizzate le tecniche più devastanti, come l’air gun, per le ricerche. La società - continua Bonelli - pagherà allo Stato italiano la cifra di 5,16 euro per chilometro quadrato, per un totale di 1.928,292 euro l’anno». Secondo l’esponente dei Verdi altri permessi starebbero per avere il nulla osta: da Pantelleria al golfo di Taranto. Ma quello rilasciato per le Tremiti, che interessa anche l’Abruzzo (la zona di Vasto, nel Chietino) e il Molise (territorio di Termoli) basta ad arroventare lo scontro politico. «Quest’attacco al nostro mare - afferma il presidente della Puglia Michele Emiliano - è una vergogna e una follia. Bisogna bloccare il progetto: in caso contrario, scateneremo l’inferno».

E poi la stessa riflessione che, in questi giorni, hanno fatto in molti. «Governo irresponsabile: da un lato manda in Gazzetta ufficiale lo stop alle perforazioni e dall’altro approva nuove ricerche. Faccio appello al presidente Matteo Renzi affinché revochi immediatamente le autorizzazioni. Tra l’altro - evidenzia Emiliano - alle Regioni era stato assicurato che la questione, dopo la modifica della Legge di stabilità, sarebbe stata chiusa. Non può essere che la volontà di ben dieci Regioni di proteggere il proprio mare sia sbeffeggiata». Tra l’altro, dopo i cambiamenti normativi, con l’introduzione dell’articolo 239, la Cassazione, il 7 gennaio scorso, ha riesaminato e bocciato cinque dei sei quesiti referendari proposti per salvare le coste dello Stivale dall’assalto del greggio. «Con la Legge di stabilità 2016 - spiega Enzo Di Salvatore, costituzionalista - sono stati soddisfatti tre dei quesiti referendari: il Parlamento ha modificato le norme su strategicità, indifferibilità ed urgenza delle attività petrolifere.

La Cassazione, in seconda battuta, d’altro canto ha ammesso solo il quesito sul divieto di trivellare in mare entro le 12 miglia dal litorale. Ma non va: le Regioni proponenti sono pronte ad elevare il conflitto di attribuzione nei confronti dello Stato davanti alla Corte costituzionale riguardo alla durata di permessi e concessioni di titoli minerari in mare e terraferma e sul “Piano delle aree”, necessario per pervenire ad una razionalizzazione delle attività petrolifere». Intanto, domani, il referendum sarà all’attenzione della Corte costituzionale. E sulle Tremiti, paradiso naturalistico e turistico? «Duemila euro all’anno dati dalla Petroceltic... - riflette il sindaco, Antonio Fentini -, che dire? Magari servono a risanare il bilancio dello Stato...».

La ministra dello sviluppo economico Federica Guidi definisce le polemiche sterili: «Non si prevede alcun tipo di perforazione e quei permessi riguardano una zona di mare ben oltre le 12 miglia dalla costa e anche dalle isole Tremiti. Si tratta solo di prospezione geofisica e non di perforazioni». «Che se ne fanno di ricerche se poi non possono procedere con le trivellazioni?», fa presente Di Salvatore. E aggiunge: «Il ministero si sbaglia, perché da una verifica effettuata, con la misurazione dei vertici, salta fuori che il permesso rilasciato per le Tremiti è in più punti entro le 12 miglia». E quindi pronti con i ricorsi al Tar. «Tutto l’Adriatico in pasto ai petrolieri, dal Po al Salento».

Il coordinamento No Ombrina, Trivelle Zero Molise e Trivelle Zero Marche chiedono invece una moratoria immediata: «Bisogna agire anche a livello comunitario, manca la Valutazione ambientale strategica e mancano le Valutazioni di impatto cumulative e transfrontaliere. Il permesso di ricerca rilasciato davanti alle Tremiti e a Termoli è solo un assaggio amaro. Perché tra poco sarà un vero e proprio far west con un quadro devastante che si aggiungerà alle decine di titoli minerari già in itinere».
Show Comments: OR