ULTIMI AGGIORNAMENTI

venerdì 29 gennaio 2016

L’Alleanza: «Armatevi di più»

«Per “salvaguardare la libertà e la sicurezza”, sottolinea Stoltenberg, la Nato ha preso nel 2015 tutta una serie di «misure di rassicurazione, sostenute da circa 300 esercitazioni militari». Dal rapporto si capisce che questo è solo l’inizio di un colossale rilancio militare della Nato». Il manifesto, 29 gennaio 2016 (m.p.r.)



Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg avrebbe dovuto presentare ieri il suo rapporto annuale nella nuova sede di Bruxelles. Non è però ancora ultimata, perché le spese di costruzione sono lievitate dai previsti 460 milioni nel 2010 a 1,3 miliardi di euro, cifra destinata ad aumentare ancora.

Questa opera atlantico-faraonica, che si prevede di inaugurare nel 2016, è composta da otto ali, convergenti in una struttura principale, le quali «rappresentano il consenso e le aspirazioni di pace degli alleati uniti sotto un tetto in vetro, simbolo della trasparenza della Nato».
«Aspirazioni di pace e trasparenza» che, assicura Stoltenberg, continuano a caratterizzare la Nato, la cui più grande responsabilità è «salvaguardare la libertà e la sicurezza» non solo dei paesi dell’Alleanza, ma anche dei suoi partner.

Il 2015, purtroppo, ha dimostrato che «l’insicurezza all’esterno mina la nostra sicurezza all’interno». Ciò a causa dei «brutali attacchi terroristi alle nostre città», della «crisi dei rifugiati», delle «reiterate azioni della Russia in Ucraina» e della sua «espansione militare in Siria e nel Mediterraneo orientale». Si capovolge in tal modo la realtà, nascondendo che la causa fondamentale di tutto questo è la serie di guerre condotte nel quadro della strategia Usa/Nato: Jugoslavia 1999, Afghanistan 2001, Iraq 2003, Libia 2011, Siria dal 2013, accompagnate dalla formazione dell’Isis e altri gruppi terroristi funzionali alla strategia Usa/Nato, dall’uso di forze neonaziste per il colpo di stato in Ucraina funzionale alla nuova guerra fredda contro la Russia.

Per «salvaguardare la libertà e la sicurezza», sottolinea Stoltenberg, la Nato ha preso nel 2015 tutta una serie di «misure di rassicurazione, sostenute da circa 300 esercitazioni militari». Dal rapporto si capisce che questo è solo l’inizio di un colossale rilancio militare della Nato. Dopo l’attivazione di «piccoli quartieri generali» in Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Ungheria e Slovacchia, viene deciso di «preposizionare materiale militare nell’Est europeo, così da poter rapidamente rafforzare, se necessario, gli alleati orientali». Viene deciso allo stesso tempo di potenziare la «Forza di risposta», aumentata a 40mila uomini, in particolare della «Forza di punta ad altissima prontezza operativa» che, come ha dimostrato l’esercitazione Trident Juncture 2015, può essere proiettata in 48 ore «ovunque in qualsiasi momento». Allo stesso tempo si annunciano ulteriori misure per «rafforzare la difesa collettiva» verso Sud. La Nato è dunque pronta ad altre guerre in Medioriente e Nordafrica, a partire dalla Libia.

Il quadro presentato da Stoltenberg riporta in primo piano la questione politica di fondo.
L’articolo 42 del Trattato sull’Unione europea stabilisce che «la politica dell’Unione rispetta gli obblighi di alcuni Stati membri, i quali ritengono che la loro difesa comune si realizzi tramite l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico». Poiché sono membri della Alleanza atlantica 22 dei 28 paesi della Unione europea, è evidente il predominio della Nato. Inoltre, il protocollo n. 10 sulla cooperazione istituita dall’art. 42 sottolinea che la Nato «resta il fondamento della difesa collettiva» della Ue, e che «un ruolo più forte dell’Unione in materia di sicurezza e di difesa contribuirà alla vitalità di un’Alleanza atlantica rinnovata». Rinnovata sì, ma rigidamente ancorata alla vecchia gerarchia: il Comandante supremo alleato in Europa è sempre nominato dal presidente degli Stati uniti e sono in mano agli Usa tutti gli altri comandi chiave. Gerarchia accettata dalle oligarchie politiche ed economiche europee che, pur in concorrenza con quelle statunitensi e anche l’una con l’altra, convergono (pur a differenti livelli) quando si tratta di difendere l’«ordine mondiale» dominato dall’Occidente.

In veste di portavoce di Washington, dopo aver annunciato l’azzeramento dei tagli ai bilanci della difesa, Stoltenberg preme sugli alleati europei perché destinino alla spesa militare almeno il 2% del pil.

Obiettivo raggiunto finora, oltre che dagli Usa, da Grecia, Polonia, Gran Bretagna e Danimarca. L’Italia viene inserita tra gli ultimi, con una spesa ufficiale per la «difesa» inferiore all’1% del pil, corrispondente pur sempre a circa 46 milioni di euro al giorno. Ma c’è il trucco. Spese militari per diversi miliardi, comprese quelle per le «missioni» all’estero, sono iscritte in altre voci del bilancio. E tutte escono sempre dalle nostre tasche.