menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

sabato 5 dicembre 2015

Il Contorta c’è non il “Tresse Nuovo”

Un'argomentata denuncia dei pasticci delle manipolazioni e delle violazioni della legge che si stanno compiendo per proseguire la distruzione della Laguna di Venezia. La Nuova Venezia, 5 dicembre 2015 


Penso di fare cosa gradita precisando lo stato di fatto delle procedure su Contorta e Tresse Nuovo. Indipendentemente dall'Ordinanza del Consiglio di Stato che sospende la sentenza del TAR rinviando il merito al 10 marzo prossimo, la procedura di VIA del Contorta ha ripreso oggi stesso presso il ministero dell'Ambiente, mentre allo stesso Ministero non risulta presentato alcun progetto "Tresse Nuovo" né come variante né come nuovo progetto (d’altra parte se ci fosse sarebbe pubblicato sul Sito del Ministero).

La Direzione VIA peraltro aveva fatto sapere all'Autorità Portuale che il "Tresse Nuovo" non poteva essere presentato come "variante" al Contorta ma come un nuovo, diverso, progetto, pagando quindi nuovamente la tassa di procedimento. 

A questo punto il MIT (Ministero Infrastrutture e Trasporti) è in fibrillazione perché non può essere che uno stesso soggetto, e pubblico per giunta come è l'Autorità Portuale, presenti in Legge Obiettivo due diversi progetti per lo stesso ambito, e temono un rilievo per danno erariale. Ancora: non è chiaro quali risorse l'Autorità Portuale di Venezia stia impegnando e con quali procedure di spesa, non avendo fatta gara per l' assegnazione degli Studi di Impatto Ambientale e per lo sviluppo dei due Progetti. 

Il Contorta si avvia quindi ad un parere negativo a meno che Costa non lo ritiri. Nel frattempo lo stesso MIT (Ministero Infrastutture e Trasporti) ha dichiarato procedibile in Legge Obiettivo il progetto in Bocca di Lido di De Piccoli, stabilendone con questa precisazione, l'implicito interesse pubblico. Spero di essere stata chiara, nonostante la situazione sia alquanto... contorta!  
Show Comments: OR