menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

domenica 1 novembre 2015

«Modello Milano» a Roma?

Sulla poca stampa indipendente sopravvissuta si consolida la tesi affaristica delle ragioni della defenestrazione del sindaco di Roma. Il Fatto Quotidiano, 1° novembre 2015


Che sarà mai questo mirabolante “modello Milano” che, giubilato Marino in tempo per il Giubileo, il nostro premier ha in mente per salvare Roma dal baratro in cui l’ha cacciata il suo stesso partito? Tre ipotesi si rincorrono.

1 ) “Modello Milano” significa prendere il prefetto meneghino Francesco Paolo Tronca e farlo commissario del Comune di Roma per “dare inizio al Dream Team” (Matteo Renzi dixit), “così il Giubileo andrà bene come l’Expo” (Angelino Alfano). Ora, il Tronca è talmente milanese da esser nato a Palermo, però gli son bastati gli ultimi due anni da prefetto all’ombra della Madonnina per diventare un bauscia modello. Quattro anni fa l’Unità, non ancora house organ renziano, raccontò che Tronca, non ancora prefetto ma solo capo del Dipartimento Vigili del Fuoco (nominato dal ministro leghista Bobo Maroni), usò un’auto e un autista destinati al soccorso antincendi per far scarrozzare allo stadio Olimpico suo figlio e un amichetto per la partita Roma-Inter di Coppa Italia.

Fra un taglio di bilancio e l’altro, le rappresentanze sindacali dei pompieri denunciarono il caso e aggiunsero – sempre secondo l’Unità – che “al prefetto Tronca sarebbero stati assegnati ben due attici, in via Piacenza, a due passi dal Quirinale: alloggi di servizio che non gli spetterebbero”, e addirittura alcune “auto nuove nuove dei Vigili del Fuoco di Cortina d’Ampezzo”. Allora Tronca era considerato vicinissimo alla Lega e figurarsi la gioia di Maroni, nel frattempo asceso dal Ministero dell’Interno al Pirellone, quando due anni dopo se lo ritrovò prefetto di Milano. Ora però Tronca è stato scelto personalmente da Renzi, quindi non è più leghista, ma alfiere del “modello Milano”: a patto che l’Unità non ripeschi dall’archivio quella notiziola sul suo malvezzo – più romano che milanese di far scarrozzare il figlio in auto blu. C’è chi, come l’ex portavoce di Fini Salvo Sottile, per un caso analogo s’è beccato una condanna per peculato. Sarebbe seccante ricordarlo proprio ora che Tronca va al posto di un sindaco indagato per peculato. Il modello Milano andrebbe subito a farsi fottere.

2 ) “Modello Milano” significa trapiantare le virtù della “capitale morale d’Italia” - l’ha detto Raffaele Cantone, quindi sarà vero senz’altro - nel corpaccione vizioso della capitale politica, perché la prima “ha gli anticorpi” e l’altra no (Isernia e Caltanissetta, per dire, ancora non si sa, ma il commissario anticorruzione ci farà tosto sapere). Fermi restando i noti vizi e stravizi della Roma che conta, resta da capire quali siano esattamente le virtù di Milano che conta. Lì, finché non fu aperta Expo e la Procura schiacciò il tasto “pausa” per carità di patria ad arresti e avvisi di garanzia, era tutto un susseguirsi di retate perché i virtuosissimi politici e amministratori di destra e di sinistra non erano riusciti a completare i lavori della kermesse (40% di opere mai fatte), ma in compenso le mazzette viaggiavano con puntualità svizzera. E, a occuparsene, non erano nuove leve del malaffare, insospettabili e irriconoscibili a occhio nudo: erano le stesse di Tangentopoli, solo invecchiate di vent’anni. Greganti, Frigerio, Grillo (Luigi), Maltauro.

Eppure né il commissario Occhio Di Lince Sala, né i suoi sponsor al Comune e alla Regione, s’erano accorti di nulla. Siccome poi la Regione Lombardia era stata sciolta anzitempo nel 2013 per gli scandali Formigoni, Minetti, Trota, Boni, Penati e note spese, col contorno di qualche ’ndranghetista (milanesissimo, dunque provvisto di robusti “anticorpi”), anche i nuovi inquilini del Pirellone si son dati da fare: il 1° dicembre il governatore Bobo Maroni andrà a processo per turbativa d’asta ed è indagato per i suoi favori a due amichette sue; il suo vice Mario Mantovani, forzista, soggiorna attualmente a San Vittore per corruzione. Completano il quadro, sempre a proposito di “modello Milano” e “anticorpi”, i comuni dell’hinterland infiltrati dalle mafie, come Buccinasco, Desio e Sedriano. Degna, anzi sacra corona per la Capitale Morale.

3) “Modello Milano” vuol dire che Roma, per il Giubileo, deve prendere esempio da Expo. Il tempo è poco, ma ce la si può ancora fare. Funziona così. Si favoleggia dell’arrivo di 24-30 milioni di visitatori da tutto il mondo, poi ne arrivano solo 18 (record storico negativo dal 1962, pari al dato di Expo Hannover 2000, detto anche “il flop del millennio”), ma si arrotonda a 21 e lo si spaccia per un trionfo. Si buttano dalla finestra 2,4 miliardi di denaro pubblico (1,3 per la costruzione, 960 milioni per la gestione e 160 per l’acquisto dei terreni da privati, decuplicando il prezzo di mercato), poi si dice che i costi saranno coperti dalla vendita dei biglietti a 22 euro di media, poi la media ufficiale scende a 19 euro e quella reale a molto meno (centinaia di migliaia di ticket regalati o svenduti a 5 euro), con un bel buco finale di 1 miliardo a carico nostro, ma nessuno ci fa caso. Si scopre poi che i terreni sono altamente inquinati, dunque vanno bonificati, per un costo preventivato di 5 milioni a carico dei proprietari, che però non vogliono pagare e intanto il conto sale a 72 milioni, e indovinate chi li paga. Si shakera il tutto con copiosi investimenti pubblicitari su giornali e tv, che in cambio suonano trombe e trombette. Infine si proclama eroe nazionale l’artefice del capolavoro, con monumento equestre incorporato, e lo si candida a sindaco.

Ora, per carità, va bene tutto: ma abbiamo come il sospetto che di magliari e leccaculi Roma ne abbia a sufficienza, senza bisogno di importarli da Milano.
Show Comments: OR