menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

martedì 13 ottobre 2015

Lottiamo per la libertà

«Lettera del leader palestinese in prigione e Membro del Parlamento, detto il Mandela palestinese. “Nes­sun popolo accet­te­rebbe di con­vi­vere con l’oppressione. È nella natura dell’uomo ane­lare, lot­tare, sacri­fi­carsi per la libertà. E la libertà del popolo pale­sti­nese è in grave ritardo”». Il manifesto, 13 ottobre 2015 (m.p.r.)


L’esca­la­tion di vio­lenze non è comin­ciata con l’uccisione di due coloni israe­liani, è comin­ciata molto tempo fa ed è andata avanti per anni. Ogni giorno ci sono Pale­sti­nesi uccisi, feriti, arre­stati. Ogni giorno che passa, il colo­nia­li­smo avanza, l’assedio del nostro popolo a Gaza con­ti­nua, oppres­sioni e umi­lia­zioni si sus­se­guono. Men­tre molti oggi ci vogliono schiac­ciati dalle pos­si­bili con­se­guenze di una nuova spi­rale di vio­lenza, io con­ti­nuerò, come ho fatto nel 2002, a chie­dere di occu­parsi delle cause che stanno alla radice della vio­lenza: il rifiuto della libertà ai Palestinesi.

Alcuni hanno detto che il motivo per cui non si è rag­giunto un accordo di pace è stata la man­cata volontà del defunto Pre­si­dente Yas­ser Ara­fat o l’incapacità del Pre­si­dente Mah­moud Abbas, men­tre sia l’uno che l’altro erano dispo­sti e capaci di fir­mare un accordo di pace. Il vero pro­blema è che Israele ha scelto l’occupazione al posto della pace ed ha usato i nego­ziati come una cor­tina di fumo per por­tare avanti il suo pro­getto colo­niale. Tutti i governi del mondo cono­scono que­sta sem­plice verità, eppure molti di loro fanno finta che un ritorno alle ricette fal­lite del pas­sato ci potrebbe per­met­tere di rag­giun­gere libertà e pace. Fol­lia è con­ti­nuare a fare sem­pre la stessa cosa e aspet­tarsi che il risul­tato cambi. Non ci può essere nego­ziato senza un chiaro impe­gno di Israele a riti­rarsi com­ple­ta­mente dal ter­ri­to­rio pale­sti­nese che ha occu­pato nel 1967 (tra cui Geru­sa­lemme), una com­pleta ces­sa­zione di tutte le pra­ti­che colo­niali, il rico­no­sci­mento dei diritti ina­lie­na­bili dei Pale­sti­nesi, com­preso il loro diritto all’autodeterminazione e al ritorno, la libe­ra­zione di tutti i pri­gio­nieri pale­sti­nesi. Non pos­siamo con­vi­vere con l’occupazione, e non ci arren­de­remo all’occupazione.

Ci si esorta ad essere pazienti e lo siamo stati, offrendo occa­sioni e occa­sioni per rag­giun­gere un accordo di pace, dal 2005 ad oggi. Forse val la pena ricor­dare al mondo che, per noi, espro­pria­zione, esi­lio for­zato, tra­sfe­ri­mento e oppres­sione durano ormai da quasi 70 anni e che noi siamo l’unico pro­blema bloc­cato nell’agenda dell’Onu dalla sua fon­da­zione. Ci è stato detto che se ci affi­da­vamo a metodi paci­fici e alla strada della diplo­ma­zia e della poli­tica, ci saremmo gua­da­gnati l’appoggio della comu­nità inter­na­zio­nale per porre fine all’occupazione. Eppure, come già era avve­nuto nel 1999 alla fine del periodo di inte­rim, la comu­nità inter­na­zio­nale non ha intra­preso alcuna azione signi­fi­ca­tiva, come ad esem­pio costi­tuire una strut­tura inter­na­zio­nale per appli­care la legge inter­na­zio­nale e le riso­lu­zioni dell’Onu, varare misure per garan­tire la respon­sa­bi­liz­za­zione delle parti, anche attra­verso boi­cot­taggi, disin­ve­sti­menti e san­zioni, come era stato fatto per libe­rare il mondo dal regime dell’apartheid.

E allora, in man­canza di un inter­vento inter­na­zio­nale per porre fine all’occupazione, in man­canza di una seria azione dei vari governi per inter­rom­pere l’impunità di Israele, in man­canza di qua­lun­que pro­spet­tiva di pro­te­zione inter­na­zio­nale per il popolo pale­sti­nese sotto occu­pa­zione, e men­tre il colo­nia­li­smo e le sue mani­fe­sta­zioni vio­lente hanno un’impennata (com­presi gli atti di vio­lenza dei coloni israe­liani), cosa dovremmo fare? Stare inerti ad aspet­tare che un’altra fami­glia pale­sti­nese sia bru­ciata, che un altro gio­vane pale­sti­nese sia ucciso, che un altro inse­dia­mento sia costruito, che un’altra casa pale­sti­nese sia distrutta, che un altro bam­bino pale­sti­nese sia arre­stato, che i coloni fac­ciano un altro attacco, che ci sia un’altra aggres­sione con­tro il nostro popolo a Gaza?

Tutto il mondo sa che Geru­sa­lemme è la fiamma che può ispi­rare la pace e che può accen­dere la guerra. E allora per­ché il mondo rimane immo­bile men­tre gli attac­chi israe­liani con­tro i Pale­sti­nesi della città e con­tro i luo­ghi santi musul­mani e cri­stiani – spe­cial­mente Al-Haram Al-Sharif – con­ti­nuano senza sosta? Le azioni e i cri­mini di Israele non distrug­gono sol­tanto la solu­zione dei due stati secondo i con­fini del 1967 e non vio­lano sol­tanto la legge inter­na­zio­nale, ma minac­ciano di tra­sfor­mare un con­flitto poli­tico risol­vi­bile in una guerra reli­giosa senza fine che inde­bo­lirà ulte­rior­mente la sta­bi­lità in una regione che è già preda di un disor­dine senza precedenti.

Nes­sun popolo della terra accet­te­rebbe di con­vi­vere con l’oppressione. È nella natura dell’uomo ane­lare alla libertà, lot­tare per la libertà, sacri­fi­carsi per la libertà. E la libertà del popolo pale­sti­nese è in grave ritardo. Durante la prima Inti­fada il governo di Israele lan­ciò lo slo­gan “spezza le loro ossa per spez­zare la loro volontà”, ma, una gene­ra­zione dopo l’altra, il popolo pale­sti­nese ha dimo­strato che la sua volontà è indi­strut­ti­bile e non deve essere messa alla prova.

Que­sta nuova gene­ra­zione pale­sti­nese non ha aspet­tato col­lo­qui di ricon­ci­lia­zione per incar­nare quell’unità nazio­nale che i par­titi poli­tici non hanno saputo rag­giun­gere, ma si è posta al di sopra delle divi­sioni poli­ti­che e della fram­men­ta­zione geo­gra­fica. Non ha aspet­tato istru­zioni per soste­nere il suo diritto, e il suo dovere, di opporsi a que­sta occu­pa­zione. E lo fa disar­mata, di fronte ad una delle mag­giori potenze mili­tari del mondo. Eppure con­ti­nuiamo ad esser con­vinti che libertà e dignità trion­fe­ranno, e noi avremo la meglio. E che quella ban­diera che abbiamo innal­zato con orgo­glio all’Onu sven­to­lerà un giorno sulle mura della città vec­chia di Geru­sa­lemme, e non per un giorno ma per sempre.

Mi sono unito alla lotta per l’indipendenza pale­sti­nese 40 anni fa e sono stato impri­gio­nato per la prima volta a 15 anni. Que­sto non mi ha impe­dito di ado­pe­rarmi per una pace basata sulla legge inter­na­zio­nale e sulle riso­lu­zioni dell’Onu. Ma ho visto Israele, la potenza occu­pante, distrug­gere meto­di­ca­mente que­sta pro­spet­tiva un anno dopo l’altro. Ho tra­scorso 20 anni della mia vita, tra cui gli ultimi 13, nelle pri­gioni di Israele e tutti que­sti anni mi hanno reso ancora più con­vinto di que­sta immu­ta­bile verità: l’ultimo giorno dell’occupazione sarà il primo giorno della pace.

Coloro che cer­cano quest’ultima devono agire, e agire subito, per­ché si rea­lizzi la prima condizione.
Show Comments: OR