menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

domenica 4 ottobre 2015

L’amaca

«Verdini, è il potere così come Renzi prometteva di combatterlo, camaleontico, cinico, sopravvivente a qualunque evento perché vivente solo in funzione di se stesso. Amico degli amici, purché gli amici siano al potere, e nemico solamente di chi non ha potere». La Repubblica, 4 ottobre 2015 (m.p.r.)

No, Verdini non è il mostro di Lochness, come dice Matteo Renzi. È molto peggio, politicamente parlando. Intanto perché esiste, a differenza del biscione avvistato in un lago scozzese da qualche amante della birra. E poi perché incarna magistralmente, della politica italiana, l’eterno affarismo e l’eterno consociativismo, il cinismo pre e post ideologico, la totale mancanza di coerenza (coerentemente con la totale assenza di princìpi), la disponibilità non al compromesso (che in politica è una virtù) ma al maneggio con secondi fini.

Verdini, insomma, è il potere così come Renzi prometteva di combatterlo, camaleontico, cinico, sopravvivente a qualunque evento perché vivente solo in funzione di se stesso. Amico degli amici, purché gli amici siano al potere, e nemico solamente di chi non ha potere, non garantisce entrature, contatti benevoli, do ut des.

Renzi dimentica troppo spesso, e troppo facilmente, che la sua fortuna dipende esclusivamente dalla travolgente urgenza di rinnovamento che attanaglia un paese vecchio, stanco, sfiduciato, abitudinario. Si tenga pure Verdini. Perderà la parte buona di se stesso.
Show Comments: OR