menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

domenica 11 ottobre 2015

La beffa dei 9 superburocrati costati allo Stato 21 milioni

Il fallimento di un'iniziativa per la quale l'Italia era già inadeguata quando la fondarono. Figuriamoci adesso. La Repubblica, 11 ottobre 2015


 La Scuola nazionale della pubblica amministrazione si è inceppata di fronte a un ostacolo più grande di lei: la pubblica amministrazione. Dei 26 vincitori del VI concorso, che si è concluso a luglio 2014 dopo una selezione rigorosissima (per il bando arrivarono più di 10mila iscrizioni) e dopo un anno di formazione di alto livello, lo Stato è riuscito ad assumerne soltanto 9. Più o meno a casaccio, tra l’altro, pescando nella graduatoria finale senza seguire l’ordine del merito. Gli altri 17 sono finiti in coda, ad aspettare che vengano riassorbiti tutti i dipendenti in uscita dalle province. Nella peggiore delle ipotesi, se ne riparla tra un paio d’anni.

Niente male per quello che, sulla carta, è l’istituto di eccellenza della Presidenza del consiglio. Costa alle casse dello Stato 21 milioni di euro all’anno ed è “deputato - si legge nel sito ufficiale - a selezionare, reclutare e formare i dirigenti pubblici”, “punto centrale del Sistema unico del reclutamento” e, dulcis in fundo, “creato per migliorare l’efficienza e la qualità della Pubblica amministrazione”. In pratica è l’equivalente italiano della storica École Nationale d’Administration parigina e ha il compito di portare all’interno di ministeri e agenzie dirigenti altamente specializzati e qualificati, che dovrebbero impedire pasticci tipo quello nel quale, per ironia della sorte, sono finiti.

È andata così. Il concorso è stato indetto a giugno del 2012 e prevedeva che i vincitori, dopo adeguata formazione, venissero assunti in ruoli dirigenziali: 26 posti, appunto, numero a cui si arrivava a seguito della ricognizione fatta dal Dipartimento della Funzione pubblica in base alle esigenze di personale. Non è un caso, infatti, che le domande di iscrizione furono tantissime, superarono quota diecimila. Alla prova preselettiva, a febbraio 2013, si presentarono più di 4mila candidati. Dopo una durissima scrematura durata altre quattro giornate d’esame, è stata stilata la lista degli ammessi a seguire le lezioni nella più splendida delle cornici: la Reggia di Caserta. La Sna infatti ha una delle sedi proprio in alcune sale all’interno della Reggia, per quanto vitto e alloggio siano totalmente a carico degli studenti per i nove mesi di corso.

Il corpo docenti, poi, è notevole e, come tale, viene pagato: oltre a diversi professori di università (tra cui Michel Martone, ex viceministro del Lavoro, il cui compenso è di 59.000 euro), figurano il consigliere parlamentare in pensione Marcello Degni (59.000 euro), il dirigente di ricerca all’Istat Efisio Gonario Espa (106.000 euro), il funzionario del Parlamento europeo Sandro Mameli (135.000 euro), Alberto Heimler già direttore centrale dell’Autorità garante della Concorrenza e Mercato (173.000 euro) e Angela Razzino, dirigente generale dell’Inail (152.000 euro). Alcuni insegnanti – stando a quando raccontano gli studenti – si sono visti pochissimo dalle parti di Caserta. Infine c’è il presidente, il professor Giovanni Tria, che tra lo stipendio dell’università di appartenenza e l’indennità Sna arriva a prendere 217.271 euro.

Sono cifre di una certa importanza, tant’è che la scuola spende per la retribuzione dei professori 2,7 milioni di euro all’anno, esattamente quanto l’École Nationale, con la differenza che là devono formare non 26 ma 90 studenti. Il confronto dei bilanci è imbarazzante per la Sna, perché è vero che costa la metà rispetto all’Ena di Parigi (21 milioni contro 42), ma è anche vero che ha meno di un terzo dei posti.

Comunque, ad agosto dello scorso anno il dipartimento della Funzione pubblica ha finalmente comunicato con una nota la lista delle posizioni di qualifica dirigenziale nelle varie amministrazioni, spettanti a chi aveva frequentato la Sna. Davanti al documento, però, c’è da rimanere perplessi. Sono spariti senza spiegazione i posti più ambiti, cioè i quattro previsti nella struttura di vertice della Presidenza del Consiglio. Non solo. I due dirigenti da assumere al ministero della Difesa dovevano firmare il contratto al massimo entro marzo 2015 ma ancora sono lì che aspettano. Per tutti gli altri l’impegno che si è assunto per iscritto il ministero di Maria Anna Madia era quello dell’assunzione “entro il 2015”. In nove casi su ventisei, è stato mantenuto, anche se non si capisce in base a quale logica. Per gli altri, invece, la prospettiva è quella di una lunga anticamera.

“Al Dipartimento della funzione pubblica non ci vogliono nemmeno ricevere – sostengono i vincitori non assunti – circola voce che dovranno prima smaltire le migliaia di dipendenti delle province. Ma anche su questo non ci dicono niente di certo, continuiamo a chiamarli inutilmente”. L’inghippo, come nelle peggiori storie di burocrazia, è contenuto in un minuscolo comma. Nella legge di Stabilità, scorrendo l’articolo 1 si arriva al comma 425 che prevede, tra le misure di contenimento della spesa per il riordino delle Province, un divieto di assunzioni a tempo indeterminato, specificato meglio anche da una successiva circolare del ministro Madia datata gennaio. “La normativa però esclude i vincitori di concorso”, sostengono gli studenti della Sna, che intendono rivolgersi all’avvocato per fare ricorso. Dalla loro parte, anche la logica. “Se il divieto è previsto dal comma 425 – osservano - perché nove di noi sono stati presi?”.
Show Comments: OR