responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)
(visualizza le copertine)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 17 ottobre 2015

Immaginazione e utopia lasciate all’avversario

«Non c’è allo stato attuale del mondo una via nazio­nale della sini­stra. Per que­sto la nuova capa­cità uto­pica della sini­stra deve fon­darsi su una nuova con­ce­zione dell’umanità, dell’uguaglianza nei diritti, del lavoro e dell’istituzionalizzazione poli­tica pla­ne­ta­ria del potere». Il manifesto, 16 ottobre 2015 (m.p.r.)


C’è vita se c’è capa­cità uto­pica, dove per uto­pia s’intende anche l’immaginazione di “luo­ghi di vita” buoni, desi­de­rati, da rea­liz­zare. La sini­stra - l’insieme delle forze sociali orga­niz­zate anche piano poli­tico al ser­vi­zio dell’uguaglianza tra tutti gli esseri umani rispetto a diritti e dignità - ha pur­troppo spe­ri­men­tato a sue spese la per­dita di imma­gi­na­zione e capa­cità utopica.

I gruppi domi­nanti sono riu­sciti, a par­tire dagli anni ’70, ad imporre nuo­va­mente la loro nar­ra­zione della vita, della società e del mondo. E per due ragioni prin­ci­pali. Da un lato, ritor­nati al potere all’epoca di Rea­gan e That­cher, hanno ope­rato una mas­sic­cia de-costruzione ideo­lo­gica e sociale dello Stato del wel­fare. Dall’altro, non avendo svi­lup­pato una visione poli­tica auto­noma della scienza e della tec­no­lo­gia, la sini­stra non ha potuto gio­care alcun ruolo inno­va­tore influente sulle stra­te­gie di con­trollo ed uso delle nuove tec­no­lo­gie del vivente, cogni­tive, dell’informazione e della comu­ni­ca­zione, ener­ge­ti­che e delle tec­no­lo­gie dei mate­riali, sulla base delle quali l’economia mon­diale e le società “svi­lup­pate” sono state pro­fon­da­mente ristrutturate.

Le nuove nar­ra­zioni “posi­tive” del mondo e delle tra­sfor­ma­zioni sociali sono cosi diven­tate mono­po­lio dei gruppi domi­nanti. Le sini­stre sono state rele­gate al ruolo secon­da­rio di “forze di rea­zione”. I domi­nanti hanno invece raf­for­zato il loro potere in quanto fis­sa­tori dell’agenda poli­tica pla­ne­ta­ria: al cen­tro del dibat­tito filo­so­fico, poli­tico e cul­tu­rale c’ è stata solo la loro uto­pia (misti­fi­ca­trice) della glo­ba­liz­za­zione eco­no­mica, da loro data come crea­zione ine­vi­ta­bile e irre­si­sti­bile (senza alter­na­tive) dei luo­ghi di vita dell’umanità.

Nel corso degli anni ’90, c’è stato un risve­glio uto­pico a sini­stra. Mi rife­ri­sco alla tassa sulle tran­sa­zioni finan­zia­rie inter­na­zio­nali, al prin­ci­pio di soste­ni­bi­lità in alter­na­tiva all’imperativo della cre­scita eco­no­mica infi­nita, al suc­cesso con­tro l’Ami ed l’Omc (Seat­tle), al bilan­cio par­te­ci­pa­tivo, al buem vivir, al lan­cio del Forum sociale mon­diale. Pur­troppo, si è trat­tato di un feno­meno di corta durata. L’incapacità delle sini­stre d’integrare e fede­rare le loro forze in azioni e pro­grammi comuni mon­diali dure­voli, ha per­messo ai gruppi domi­nanti, di scon­fig­gerle ai vari livelli nazio­nali in nome della nuova moder­nità legata alla “glo­ba­liz­za­zione delle rivo­lu­zioni scien­ti­fi­che e tec­no­lo­gi­che” e della lotta con­tro il pre­teso nuovo nemico mon­diale, il ter­ro­ri­smo. Se a ciò si aggiun­gono le ripe­tute crisi eco­no­mi­che e finan­zia­rie che da più di 25 anni hanno deva­stato i tes­suti sociali e le comu­nità locali, nazio­nali, con­ti­nen­tali e mon­diali, si capi­sce il per­ché mai come oggi la potenza, vio­lenta del sistema domi­nante è stata cosi grande a livello mon­diale (il pia­neta) e glo­bale (in tutti i campi).

Ora­mai, una larga parte delle sini­stre del “Nord del mondo” ritiene che la sola pos­si­bi­lità rea­li­sta di dare spa­zio ad una forza poli­tica di sini­stra capace di con­qui­stare il potere di gover­nare è di inno­vare a par­tire da e restando all’interno del sistema. De facto, la capa­cità uto­pica della sini­stra si esprime oggi essen­zial­mente attorno e sulle stesse aree su cui lavo­rano le inno­va­zioni dei gruppi rifor­mi­sti delle forze domi­nanti, cen­trate sull’emergenza e lo svi­luppo del “‘nuovo” impren­di­tore sociale, chia­mato “impren­di­tore col­let­tivo”, per dif­fe­ren­ziarlo dall’imprenditore indi­vi­duale del capi­ta­li­smo tra­di­zio­nale. Penso al vasto e pro­li­fico insieme di inno­va­zioni ope­rate all’insegna dell’economia del bene comune, di comu­nione, dell’economia cir­co­lare, della tran­sfor­ma­tive society, della tran­si­tion society, dell’economia blu, dell'eco­no­mia col­la­bo­ra­tiva, della sha­ring eco­nomy, dell’economia sociale e soli­dale, della nuova finanza.

La ragione di essere di que­ste incu­ba­trici uto­pi­che è la ricerca delle nuove forme di pro­du­zione e di accu­mu­la­zione di ric­chezza all’era delle tec­no­lo­gie di reti, fluide, ad ele­vata den­sità e varietà di dati in rapida cumu­la­zione, ad altis­sima capa­cità tra­sfor­ma­trice, irri­du­ci­bili, omni-operative.

Due gli inse­gna­menti gene­rali per le sini­stre del mondo, ed in par­ti­co­lare per la sini­stra in Europa. Primo. Non v’è capa­cità uto­pica da soli­tari. La grande forza uto­pica di Syriza (in breve: la ri-organizzazione euro­pea del debito) è stata dura­mente cal­pe­stata per­ché nes­sun altro governo e popolo euro­peo se n’è fatto alleato espli­cito e con­vinto. Ri-costruire una capa­cità uto­pica forte e solida della sini­stra è un’opera di lungo periodo che deve avve­nire su basi euro­pee e mon­diali (l’esperienza dell’acqua bene comune insegna).

Non c’è allo stato attuale del mondo una via nazio­nale della sini­stra. La lotta con­tro il diritto di pro­prietà intel­let­tuale sul vivente deve essere con­ti­nen­tale e mon­diale. Lo stesso vale della lotta, da rin­no­vare, con­tro gli arma­menti. Idem per quanto riguarda la messa fuori legge dei fat­tori strut­tu­rali gene­ra­tori dei pro­cessi d’impoverimento per natura trans­na­zio­nali e mon­diali. Per que­sto la nuova capa­cità uto­pica della sini­stra deve fon­darsi su una nuova con­ce­zione dell’umanità, dell’uguaglianza nei diritti, del lavoro e dell’istituzionalizzazione poli­tica pla­ne­ta­ria del potere. Secondo. Non v’è ricon­qui­sta della capa­cità uto­pica senza un forte radi­ca­mento “locale” delle inno­va­zioni gra­zie alla pro­mo­zione di “comu­nità di vita” glo­cali, cioè senza la tra­du­zione con­creta a livello delle comu­nità locali dei prin­cipi e delle stra­te­gie mon­diali. Que­sto signi­fica l’esistenza di forze sociali por­ta­trici di inte­ressi col­let­tivi mon­diali ma local­mente diver­si­fi­cati e plu­rali. In pas­sato, i con­ta­dini, gli ope­rai, la pic­cola e media bor­ghe­sia, hanno svolto tale ruolo. Nel XXI° secolo, tocca all’umanità, glo­cale per defi­ni­zione, di espri­mere la capa­cità uto­pica del mondo. Il futuro della sini­stra è l’umanità, coscienza sociale della glo­ba­lità della vita e della mon­dia­lità della con­di­zione umana (cit­ta­di­nanza uni­ver­sale plurale).
Show Comments: OR

copy 2