responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)

scritta dai media

DAI MEDIA

scritta Altri post

domenica 20 settembre 2015

Dalla Grecia all’Europa

«La sfida greca ha un’importanza che è stata colta solo negli ulti­mis­simi giorni dagli ita­liani che vor­reb­bero un cam­bia­mento anche qui. L’appello fir­mato l’altro ieri da alcuni pro­ta­go­ni­sti della sini­stra è pic­cola cosa rispetto alle pro­spet­tive aperte da Tsi­pras». Il manifesto, 20 settembre 2015 (m.p.r.)


A fronte dei muri e degli eser­citi che l’Europa costrui­sce e schiera per respin­gere i migranti in fuga da guerre, vio­lenze, fame e povertà, l’altra guerra, quella eco­no­mica che l’ha attra­ver­sata e defor­mata, sem­bra quasi eclis­sata. E lon­tana dai riflet­tori è tor­nata la pic­cola Gre­cia che della oppres­siva cam­pa­gna finan­zia­ria è stata, e ancora resta, la cavia da labo­ra­to­rio delle poli­ti­che libe­ri­ste. Ma nella terra del Par­te­none la resi­stenza invece con­ti­nua. E per la terza volta in pochi mesi, dopo le ele­zioni di gen­naio e il refe­ren­dum di luglio, oggi le urne si ria­pri­ranno affin­ché di nuovo i cit­ta­dini pos­sano espri­mere la loro volontà poli­tica. Per dire chi li dovrà gover­nare e chi potrà meglio difen­dere gli inte­ressi di milioni di persone.

Ale­xis Tsi­pras si rivolge ai greci chie­den­do­gli la fidu­cia e la forza elet­to­rale neces­sa­rie per gui­dare il paese. Però né il lea­der che chiama il popolo a soste­nerlo, né il popolo che deve deci­dere se tor­nare a votarlo, sono gli stessi di qual­che mese fa. Sulle spalle del gio­vane poli­tico grava soprat­tutto il maci­gno del memo­ran­dum impo­sto dall’Europa. Per soste­nerne il peso senza essere schiac­ciato, Tsi­pras ha biso­gno di una forza note­vole, in grado di accom­pa­gnarlo nella dif­fi­cile, soli­ta­ria sfida per appli­care le richie­ste euro­pee. E nello stesso tempo deve tro­vare il modo di pro­teg­gere le classi sociali più col­pite. Un’impresa dun­que. Resa, se pos­si­bile, ancora più ardua dall’escalation del tra­gico esodo dei migranti che ogni giorno appro­dano sulle isole gre­che. Non è lo stesso popolo che ha lot­tato per allon­ta­nare il giogo delle misure eco­no­mi­che che hanno ferito i biso­gni pri­mari del lavoro, della salute, delle spe­ranze delle gio­vani generazioni.

Quanto sia più com­pli­cato ripor­tare al voto — e alla fidu­cia nella demo­cra­zia — i greci che il 25 gen­naio ave­vano tri­bu­tato a Syriza oltre il 35 per cento del con­senso, meglio di tutti lo sanno Tsi­pras e il gruppo diri­gente che lo sostiene. È lo spet­tro di una ras­se­gnata asten­sione il nemico da bat­tere. Que­ste ele­zioni rap­pre­sen­tano lo snodo cru­ciale per il futuro di un popolo e, insieme, sono il banco di prova dell’agibilità poli­tica di un governo di sini­stra nelle con­di­zioni peg­giori. Eppure, pro­prio per que­sto, si tratta — come abbiamo capito e impa­rato dai lun­ghi mesi di lotta di Syriza con­tro l’austerità euro­pea — di un cimento che oltre­passa i con­fini ate­niesi. Nel mare aperto, senza rotte trac­ciate da pre­ce­denti navi­ga­tori, che Tsi­pras ha scelto di attra­ver­sare, navi­gano tutte le sini­stre euro­pee, com­prese quelle che in Ita­lia vor­reb­bero vedere la nascita di una forza cer­ta­mente radi­cale e al tempo stesso di governo.

Ogni giorno spe­ri­men­tiamo la dif­fi­coltà di un pro­getto così ambi­zioso e ine­dito, per­ché nelle fasi di crisi eco­no­mica, è molto più facile asse­gnarsi il ruolo di oppo­si­zione con­tro le poli­ti­che libe­ri­ste dei governi. E non pochi con­si­de­rano una fol­lia assu­mere il com­pito di gover­nare quando la crisi, anzi, quando il crollo di un intero sistema eco­no­mico e sociale, can­cella i diritti e gli assetti demo­cra­tici novecenteschi.

Per Tsi­pras sarebbe più sem­plice, di fronte al prezzo poli­tico e per­so­nale da pagare, lasciare la Gre­cia nelle mani dei poli­tici che dal 2009 ne hanno sgo­ver­nato l’economia. Sarebbe anche sti­mo­lante tor­nare nella terra cono­sciuta delle piazze, magari per chie­dere il ritorno alla dracma come adesso recla­mano gli espo­nenti di Unità popo­lare, fuo­riu­sciti da Syriza.

Per il lea­der il bilan­cio è duris­simo. Quel memo­ran­dum che occupa Atene come un pan­zer ha spac­cato il «par­tito» e ha inde­bo­lito il governo. E allora per­ché sfi­dare la sorte in ele­zioni molto incerte? «Per­ché chi sta lot­tando, anche se viene ferito, non smette di lot­tare». Sono le parole dette al mani­fe­sto da Nikos Kotziàs, l’ex mini­stro degli esteri del governo Tsi­pras, e rac­chiu­dono in un’immagine vera tutto il signi­fi­cato del voto.

La sof­fe­renza del popolo greco non tro­ve­rebbe gio­va­mento con il cen­tro­de­stra, per­ché solo un governo di sini­stra può ten­tare di alle­viare le misure dell’austerità. Ma que­sto risul­tato elet­to­rale va ben oltre, per­ché se c’è un modo per por­tare l’Europa a discu­tere del debito dei paesi del lato sud del Con­ti­nente serve una vit­to­ria alle urne.

La sfida greca ha un’importanza che è stata colta solo negli ulti­mis­simi giorni dagli ita­liani che vor­reb­bero un cam­bia­mento anche qui. L’appello fir­mato l’altro ieri da alcuni pro­ta­go­ni­sti della sini­stra è pic­cola cosa rispetto alle pro­spet­tive aperte da Tsi­pras. Per­ché dopo è venuta la Spa­gna con Pode­mos; per­ché un poli­tico «socia­li­sta» ha vinto le pri­ma­rie nel Labour Party; per­ché adesso in Ita­lia final­mente si discute su come costruire una forza in grado di porsi come alternativa.

Dun­que nel voto greco non è in gioco solo il destino di un lea­der e di un paese intero: c’è anche il futuro delle sini­stre in Europa.
Show Comments: OR

copy 2

COPYRIGHT
I materiali pubblicati in questa colonna sono ripresi da altri strumenti d’informazione precisamente indicati in apertura di ogni articolo.

La redazione non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, forniti come semplice servizio a coloro che visitano eddyburg.it. Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che eddyburg.it fornisca eventuali collegamenti, non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

I documenti e le immagini pubblicate in questa colonna del sito sono quasi tutti tratti da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; inoltre sono pubblicati senza alcun fine di lucro. In ogni caso, qualora qualcuno di detti documenti o immagini violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.