responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)
(visualizza le copertine)

scritta dai media

DAI MEDIA

venerdì 21 agosto 2015

Alexis Tsipras e gli altri

Articoli di Teodoro Syngellakis e Angelo Mastrandrea sulla crisi di Syriza e le dimissioni di Tsipras. le divisioni sono il prezzo che tutte le sinistre sembrano dover pagare tutte peri loro ritardi storici. Il manifesto, 21 agosto 2015



TSIPRAS LASCIA:
«PER UNA GRECIA PIÙ GIUSTA»
di Teodoro Syngellakis
Provaci ancora. Un’altra svolta, dopo il summit con ministri e Syriza. Dimissioni da premier e urne aperte il 20 settembre. La «transizione» a una donna magistrato. Sette mesi dopo il voto che lo ha portato al governo e a un mese dal referendum, il leader greco incassa i prestiti e chiede al paese di rinnovargli il mandato per governare

Ale­xis Tsi­pras ha voluto seguire con deci­sione la via che porta alle ele­zioni anti­ci­pate, il pros­simo 20 set­tem­bre. Alla riu­nione in cui si è deciso il ricorso anti­ci­pato alle urne hanno preso parte tutti i più stretti col­la­bo­ra­tori del pre­mier greco: il mini­stro alla pre­si­denza Nikos Pap­pàs, il capo­gruppo di Syriza alla camera, Nikos Filis, il mini­stro per il rias­setto pro­dut­tivo Panos Skourletis.

«Non si tratta dell’accordo che avremmo voluto, ma senza il soste­gno e la resi­stenza dimo­strata dal popolo greco, i cre­di­tori ci avreb­bero por­tato alla cata­strofe, o avreb­bero impo­sto total­mente la loro linea», ha sot­to­li­neato Tsi­pras, nel suo discorso di quat­tor­dici minuti, tra­smesso ieri sera dalla tele­vi­sione pub­blica Ert.

Secondo il lea­der greco, il paese sta ini­ziando ad uscire da una situa­zione molto dif­fi­cile, e «lot­terà per ridurre al minimo gli effetti nega­tivi del com­pro­messo, dirà no a tagli lineari, alle bar­ba­rie nella legi­sla­zione sul lavoro, com­piendo ogni sforzo per ricon­qui­stare pie­na­mente la pro­pria sovra­nità nazio­nale». Una forte stoc­cata è anche arri­vata all’indirizzo della mino­ranza interna del par­tito, che non ha soste­nuto, in par­la­mento, l’accordo con le isti­tu­zioni cre­di­trici: «Con il voto giu­di­che­rete anche chi vor­rebbe dei pre­stiti pas­sando alla dracma e, con incoe­renza, ha tra­sfor­mato un governo eletto pochi mesi fa, in una mino­ranza parlamentare».

Tsi­pras, infine, ha ricor­dato gran parte delle misure adot­tate in que­sti sette mesi di governo. Dalla ria­per­tura della tele­vi­sione pub­blica Ert, alla pos­si­bi­lità, per i cit­ta­dini, di sal­dare in cento rate men­sili i debiti verso lo stato, fino alla legge che dà la cit­ta­di­nanza greca ai figli degli immigrati.

Nel suo com­plesso, la stra­te­gia è chiara: gio­care l’effetto sor­presa, potersi gio­vare del vasto appog­gio popo­lare di cui con­ti­nua a godere Tsi­pras, rite­nuto da gran parte dei greci un poli­tico one­sto, che cerca di fare del suo meglio per uscire da una situa­zione al limite della dispe­ra­zione Una situa­zione in cui il paese si è venuto a tro­vare, prin­ci­pal­mente, per respon­sa­bi­lità del cen­tro­de­stra di Nuova Demo­cra­zia, ma anche dei socia­li­sti del Pasok, che si sono alter­nati al governo per quarant’anni. Ovvia­mente, la scelta di dimet­tersi per andare, così, ad ele­zioni anti­ci­pate, secondo molti osser­va­tori, è con­di­zio­nata anche dal altri due ele­menti : cer­care di ridurre la pos­si­bi­lità della mino­ranza interna di Syriza– della Piat­ta­forma di Sini­stra– di potersi orga­niz­zare in vista delle ele­zioni e cogliere di sor­presa, per quanto pos­si­bile, anche tutti i par­titi dell’opposizione.

Secondo quanto fil­tra dall’ambiente dell’ex mini­stro Pana­jo­tis Lafa­za­nis, la Piat­ta­forma di Sini­stra ha già avviato, comun­que, molti con­tatti per la for­ma­zione delle liste di un movi­mento auto­nomo, il quale dovrebbe avere come punto car­dine l’opposizione alle poli­ti­che di auste­rità e dei memo­ran­dum di intesa con i cre­di­tori. Biso­gnerà vedere, ovvia­mente, quali spazi poli­tici pos­sono venirsi a creare, nello spa­zio tra Syriza e il par­tito comu­ni­sta “orto­dosso” Kke, per una nuova for­ma­zione come questa.

Secondo quanto ripor­tano molti ana­li­sti greci, Ale­xis Tsi­pras avrebbe voluto andare ad ele­zioni anche il 13 set­tem­bre, ma, dopo una breve veri­fica, si è con­sta­tato che non ci sareb­bero stati i tempi tec­nici neces­sari. Lunedì dovrebbe giu­rare un governo pre­sie­duto, molto pro­ba­bil­mente, dalla pre­si­dente della Corte di Cas­sa­zione, che por­terà il paese alle urne, come pre­vede la costi­tu­zione greca. Va inol­tre ricor­dato un altro ele­mento di pri­ma­ria impor­tanza: in caso di ele­zioni legi­sla­tive anti­ci­pate, con­vo­cate entro diciotto mesi dall’ultima tor­nata elet­to­rale, i tre­cento depu­tati del par­la­mento greco non si eleg­gono con le pre­fe­renze, ma con delle liste pre­pa­rate dai par­titi. È chiaro, quindi, che i dis­si­denti che doves­sero deci­dere, al momento, di non uscire da Syriza, avreb­bero, comun­que, ben poche pos­si­bi­lità di venire rican­di­dati. Tutti gli espo­nenti vicini a Tsi­pras, nelle ultime ore hanno fatto sen­tire il loro soste­gno, riguardo alla neces­sità di andare nuo­va­mente alle urne. «Ci vuole una nuova legit­ti­ma­zione popo­lare», secondo il mini­stro dell’interno Nikos Vou­tsis, men­tre anche il respon­sa­bile del dica­stero per la rior­ga­niz­za­zione pro­dut­tiva, Skour­le­tis, ha ricor­dato che la fidu­cia popo­lare deve essere rin­no­vata, dal momento che «Syriza, in que­sta fase, è chia­mata ad attuare un pro­gramma per il quale non è stata eletta».

Quanto al fronte dell’opposizione, il cen­tro­de­stra di Nuova Demo­cra­zia ed i socia­li­sti del Pasok potreb­bero cer­care di indi­vi­duare alcuni punti pro­gram­ma­tici da su cui insi­stere di comune accordo, ma è stata esclusa a priori qua­lun­que forma di col­la­bo­ra­zione a livello di liste e can­di­dati, dal momento che, secondo quanto dispone la legge elet­to­rale greca, non potreb­bero, comun­que, gio­varsi del pre­mio di maggioranza.

Si torna alle urne, quindi, dopo la vit­to­ria di Syriza del 25 gen­naio scorso, con il 36,3% dei voti e 149 seggi. Dopo una trat­ta­tiva di quasi sette mesi, inter­rotta per­ché si potesse tenere il refe­ren­dum del 5 luglio scorso, quando il 61,3% dei greci ha chie­sto la fine delle poli­ti­che di auste­rità. Ora Tsi­pras chiede ai greci di rin­no­var­gli la fidu­cia, «per­ché i giorni migliori non li abbiamo ancora vissuti».




L’ALTRA SYRIZA: «UN NUOVO INIZIO»di Angelo Mastrandrea 

Grecia. Lafazanis durissimo contro Tsipras. L’incognita Konstantopoulou e Varoufakis. Non ci sarà neppure un congresso. Da oggi gruppi separati, nascerà un «Fronte anti-Memorandum»


Il primo passo dei dis­si­denti sarà l’uscita dai ran­ghi di Syriza e la for­ma­zione di un auto­nomo gruppo par­la­men­tare. Paral­le­la­mente vedrà la luce, nei tempi rapidi indotti dal pre­ci­pi­tare della crisi di governo, quel fronte anti-Memorandum al quale ave­vano fatto appello, appena una set­ti­mana fa, dodici per­so­naggi di altret­tante orga­niz­za­zioni della sini­stra isti­tu­zio­nale ed extra­par­la­men­tare. Sarà il «nuovo ini­zio» del quale ha par­lato l’altro ieri il lea­der della Piat­ta­forma di sini­stra Pana­io­tis Lafa­za­nis, una forza poli­tica «di sini­stra e patriot­tica» che si rivol­gerà a tutto il popolo che ha votato «no» al refe­ren­dum. Le parole duris­sime dell’ex mini­stro dell’Energia hanno rap­pre­sen­tato forse la goc­cia che ha fatto tra­boc­care il vaso per Ale­xis Tsi­pras, indu­cen­dolo a rom­pere gli indugi e spiaz­zare tutti indi­cendo ele­zioni anti­ci­pate subito dopo aver rim­bor­sato 3,2 miliardi di euro alla Bce e aver rica­pi­ta­liz­zato le ban­che per dieci miliardi, met­tendo in sicu­rezza la Gre­cia. «Il governo ha vol­tato le spalle ai prin­cipi e alle lotte di migliaia di mem­bri e fun­zio­nari di Syriza, non­ché alle spe­ranze del mondo demo­cra­tico pro­gres­si­sta», aveva detto Lafazanis.

Una rot­tura che era nell’aria, che spacca tra­sver­sal­mente Syriza e pro­vo­cherà lace­ra­zioni umane forti e pro­blemi pra­tici di non poco conto, per un par­tito all’antica, com­po­sto di sezioni e mili­tanti, molto radi­cato nei quar­tieri così come nelle orga­niz­za­zioni sociali (basti pen­sare alle decine di ambu­la­tori e far­ma­cie autor­ga­niz­zate nate negli anni della crisi). Non è solo una forza poli­tica che va in crisi, ma un modello vin­cente sia sul piano interno che per le rie­mer­genti sini­stre euro­pee: una coa­li­zione «poli­fo­nica e con­trad­dit­to­ria» come ama­vano defi­nirla, capace in pochi anni di diven­tare il primo par­tito della Grecia.

A poco è ser­vito l’appello del novan­ta­duenne ex par­ti­giano Mano­lis Gle­zos, che pur cri­ti­cando radi­cal­mente le deci­sioni della diri­genza aveva invi­tato il par­tito a «rin­sa­vire» e discu­tere, con­vinto che un punto di media­zione si sarebbe tro­vato. Con chi si schie­rerà ora l’uomo che tirò giù la ban­diera nazi­sta dal Par­te­none? Cosa faranno la Pre­si­dente del Par­la­mento Zoe Kon­stan­to­pou­lou e l’ex mini­stro delle Finanze Yanis Varou­fa­kis, iper­cri­tici con il Memo­ran­dum fir­mato? Nomi pesanti che potreb­bero fare la dif­fe­renza, se schie­rati dall’una o dall’altra parte.

La deci­sione di Tsi­pras ha spaz­zato via pure i pon­tieri del par­tito, chi pen­sava fosse ancora rea­liz­za­bile la mis­sione impos­si­bile di man­te­nere unita la Coa­li­zione della sini­stra radi­cale. Ora sono chia­mati tutti a schie­rarsi o a tirarsi indie­tro, come ha annun­ciato ieri la depu­tata Maria Kanel­lo­pou­los, che non si rican­di­derà per­ché «non voglio par­te­ci­pare all’inevitabile guerra civile tra eser­citi di parte che si sca­te­nerà» e, dice, tor­nerà all’attivismo sociale. Le due Syriza si divi­de­ranno senza nep­pure con­fron­tarsi in un con­gresso: chie­sto da Tsi­pras all’indomani dell’Eurogruppo del 12 luglio (quello del «water­boa­ding men­tale»), è rima­sto stri­to­lato dal muro con­tro muro e dalla pro­ba­bile diser­zione della sini­stra interna. «Per­ché un’elezione indetta ad ago­sto, a tempo di record?» si chie­deva ieri il sito Iskra, house organ della mino­ranza, «la ragione è sem­plice e intui­tiva: il governo è pre­oc­cu­pato per le con­se­guenze del Memo­ran­dum, che si faranno sen­tire giorno dopo giorno. Ma c’è un altro motivo non tra­scu­ra­bile: sor­pren­dere la Piat­ta­forma di sini­stra, che non ha avuto il tempo di pre­pa­rarsi alle ele­zioni, e sba­raz­zarsi del no al referendum».

Chi non si dichiara sor­preso è l’inossidabile Kke: anche il segre­ta­rio del par­tito comu­ni­sta Kou­tsou­bias ha detto che un voto a così breve ter­mine serve per non far orga­niz­zare gli avver­sari, ma loro si dicono «pronti in qual­siasi momento». D’altronde sono stati tra i pochi a non andare in vacanza nep­pure un giorno: i suoi mili­tanti affi­liati al sin­da­cato Pame sono scesi in piazza sia nel giorno del voto del primo accordo, a luglio, che in quello di fer­ra­go­sto sul Memo­ran­dum.

Ma a pre­oc­cu­pare lo staff di Tsi­pras, e forse a spin­gerlo a for­zare i tempi, sono soprat­tutto i son­daggi: l’ormai ex pre­mier è ancora forte, ma i con­sensi sareb­bero un po’ in calo e l’applicazione delle
misure più dure del Memo­ran­dum rischie­rebbe solo di nuo­cer­gli. Da qui la deci­sione di gio­care d’anticipo e chie­dere ai greci un con­senso pieno.
Show Comments: OR

copy 2