responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)

scritta dai media

DAI MEDIA

scritta Altri post

domenica 26 luglio 2015

Rendere giustizia al "Giardino dei giusti"

Una lettera al ministro della Cultura Franceschini: «Gesto di responsabilità sul Giardino dei Giusti».Corriere della Sera, 24 luglio 2015. In calce il testo integrale della lettera e il link all'appello su eddyburg


Il caso del Giardino dei Giusti al Monte Stella arriva sul tavolo del ministro della Cultura, Dario Franceschini. È a lui che Giancarlo Consonni e Graziella Tonon, dell’Archivio Bottoni del Politecnico, indirizzano una lettera per chiedere un «gesto di responsabilità» in difesa della collinetta di San Siro, minacciata da un’operazione dell’associazione Gariwo (che ha ricevuto il via libera dal Comune) che rischia di comprometterla «irreparabilmente», attraverso la realizzazioni di muri, totem e di un teatro per 340 posti. «Nella splendida concezione originaria del Giardino dei Giusti, al centro del messaggio c’era l’albero; il che — sostengono — ha fin qui assicurato la perfetta compatibilità con il parco urbano in cui è inserito», mentre il nuovo progetto cambierebbe «radicalmente la nozione stessa di “Giardino”». I firmatari, a nome di 260 intellettuali e architetti e di oltre 2.500 cittadini che hanno aderito a vari appelli, propongono invece che «ai Giusti venga dedicata l’intera Biblioteca degli Alberi in progetto a Porta Nuova. Lì il Giardino sarebbe posto in continuità con la Casa della Memoria e avrebbe tutto lo spazio e la visibilità che si merita».

Riferimenti
Il testo della lettera, con le illustrazioni e le note, è scaricabile qui. Qui invece l'appello su eddyburg

Show Comments: OR

copy 2

COPYRIGHT
I materiali pubblicati in questa colonna sono ripresi da altri strumenti d’informazione precisamente indicati in apertura di ogni articolo.

La redazione non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, forniti come semplice servizio a coloro che visitano eddyburg.it. Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che eddyburg.it fornisca eventuali collegamenti, non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

I documenti e le immagini pubblicate in questa colonna del sito sono quasi tutti tratti da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; inoltre sono pubblicati senza alcun fine di lucro. In ogni caso, qualora qualcuno di detti documenti o immagini violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.