responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)

scritta dai media

DAI MEDIA

scritta Altri post

giovedì 23 luglio 2015

La questione meridionale d’Europa

Con la Grecia, il Sud dell'Europa:  «Non si può continuare a stare immobili e subire. Questo è un appello. E per questo ho scelto le colonne del manifesto per lanciarlo». Il manifesto, 23 luglio 2015
L’Europa mone­ta­ria, unita solo dall’euro e domi­nata dalla teo­lo­gia dell’austerità, non fun­ziona pro­prio. Sono in molti ad affer­marlo e non è un caso che la Gran Bre­ta­gna abbia voluto con­ser­vare la ster­lina pur ade­rendo all’Unione euro­pea nei con­fronti della quale mani­fe­sta dis­sensi cre­scenti. E, in gene­rale, non dob­biamo dimen­ti­care che siamo in una fase di con­ti­nui cam­bia­menti, tali da indurre Guido Rossi a scri­vere (Il Sole 24 Ore, 19 luglio) un edi­to­riale dal titolo Quei Trat­tati supe­rati che creano disordine.

Ma tor­niamo alla Gre­cia, la cui crisi strut­tu­rale non è stata affatto risolta con i pre­stiti e le dila­zioni di paga­mento del debito, ma solo rin­viata e nem­meno a lungo ter­mine e non sarà age­vole una ripe­ti­zione dei pre­stiti. I punti sono due:
- tutti i paesi che hanno accet­tato l’euro sono in con­di­zioni molto diverse e peg­giori di quelle della Ger­ma­nia, che si con­ferma domi­nante nel cir­colo dell’euro;
- manca, anzi è rifiu­tata, una poli­tica eco­no­mica diretta a equi­li­brare i rap­porti di forza all’interno della comu­nità: tutti abbiamo l’ euro, ma ci sono quelli che ne hanno tanti e li fanno cre­scere e quelli che ne hanno pochi e li vedono dimi­nuire continuamente.

Di que­sta situa­zione noi ita­liani abbiamo una certa com­pe­tenza: anche quando usa­vamo tutti la lira il Mez­zo­giorno era un disa­stro e, con l’aiuto di Gram­sci, sco­primmo la “que­stione meri­dio­nale”, che oggi si ripro­pone a scala euro­pea. E così mi ha col­pito, e per­suaso, il grande titolo del sup­ple­mento di la Repub­blica del 20 luglio: Mez­zo­giorno, la Gre­cia d’Italia.

Nella nostra unità nazio­nale fin da prin­ci­pio a domi­nare fu la moneta, cioè la lira, e così si aprì la que­stione meri­dio­nale, con la mise­ria e l’emigrazione. In alcune regioni del Mez­zo­giorno si stava meglio ai tempi del regno di Napoli con i Bor­bone piut­to­sto che dopo con l’unità d’Italia e i Savoia.

La crisi della Gre­cia sarà lunga e dura e ci saranno – già lo si vede – altri paesi inve­stiti dalla crisi pro­dotta dall’attuale unione mone­ta­ria e sol­tanto mone­ta­ria. Si tratta – già ci sono gli annunci – dei paesi medi­ter­ra­nei: la Spa­gna, dove si voterà que­sto autunno e dove sta cre­scendo il par­tito Pode­mos, abba­stanza simile a Syriza e poi il Por­to­gallo e anche l’Italia – è sotto gli occhi di tutti – non sta tanto bene.

Il futuro – allo stato attuale – è di cre­scita della disoc­cu­pa­zione e di defi­cit di bilan­cio. Insomma il per­corso della Gre­cia – ancora per niente con­cluso – dovrebbe illu­mi­narci. Siamo – ne sono con­vinto – all’apertura di un que­stione meri­dio­nale che pro­vo­che­rebbe una crisi ben più grave di quella che si è aperta con la Gre­cia che conta meno di dieci milioni di abi­tanti e un Pil pari al 2 per cento di quello euro­peo. Una crisi assai più dif­fi­cile da affron­tare con una unione solo mone­ta­ria, non poli­tica e nep­pure economica.

La pre­vi­sione più facile, e nega­tiva, è che salti tutto pro­vo­cando un disor­dine ingo­ver­na­bile. Tra non molto tempo la crisi greca si ria­prirà e inve­stirà, assai più’ dura­mente che oggi, anche i paesi medi­ter­ra­nei: l’Europa sarà in una crisi più grave ed estesa di quella che ha inve­stito la Gre­cia e anche la Ger­ma­nia avrà più di un pro­blema. A que­sto punto mi pare utile citare un passo dell’ottimo arti­colo di Luciana Castel­lina (il mani­fe­sto, 17 luglio): «Altra cosa – scrive Luciana – è che a met­tere in discus­sione l’eurozona sia uno schie­ra­mento più forte, almeno i paesi medi­ter­ra­nei, sulla base di un chiaro pro­getto di lotta e di reci­proca soli­da­rietà. Que­sto fronte oggi non c’è e noi ita­liani pos­siamo ver­go­gnarci per­ché il nostro pre­si­dente del con­si­glio avrebbe potuto e dovuto avere un ruolo di primo piano da svol­gere in que­sta situa­zione, ha messo, pau­roso, la testa sotto la sab­bia. Tocca anche a noi costruire un piano B, ma non solo per la Grecia».

Quello che non ha fatto e non ha pen­sato il nostro attuale pre­si­dente del con­si­glio lo pos­sono e lo deb­bono fare i nostri poli­tici di sinistra.

Riunirsi, prendere contatto con le personalità di sinistra di Portogallo, Spagna, Grecia e anche Italia per affrontare l’attuale questione meridionale europea.

E’ lo sforzo che hanno fatto in que­sti mesi i gruppi e i par­titi che stanno cer­cando di dar vita ad un nuovo sog­getto di sini­stra nel nostro paese, con­sa­pe­voli che occorre ora­mai ope­rare a livello euro­peo e non solo nazio­nale sta­bi­lendo rap­porti o ren­den­doli meno formali.

Lo ha già fatto la Fiom con i sin­da­cati metal­mec­ca­nici del sud Europa.

In que­sto senso si muo­vono anche Strauss-Kahn, Fitoussi, e Varou­fa­kis con il soste­gno del pre­mio Nobel Sti­glitz e anche James Gal­braith per una for­ma­zione di sini­stra a livello euro­peo. E’ urgente e posi­tivo, e per noi ita­liani che sulla que­stione meri­dio­nale abbiamo avuto la lezione di Gram­sci, ancora più pressante.

Non si può continuare a stare immobili e subire. Questo è un appello. E per questo ho scelto le colonne del manifesto per lanciarlo.

L’Unione euro­pea è da rea­liz­zare, ma non può essere solo mone­ta­ria: non solo è insuf­fi­ciente ma anche dan­nosa. Deve essere un’unione poli­tica e quindi demo­cra­tica cioè tale da pren­dere in con­si­de­ra­zione le dif­fe­renze eco­no­mi­che e sociali tra i vari paesi. Un’unione non è una som­ma­to­ria acri­tica di differenze.
Show Comments: OR

copy 2

COPYRIGHT
I materiali pubblicati in questa colonna sono ripresi da altri strumenti d’informazione precisamente indicati in apertura di ogni articolo.

La redazione non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, forniti come semplice servizio a coloro che visitano eddyburg.it. Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che eddyburg.it fornisca eventuali collegamenti, non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

I documenti e le immagini pubblicate in questa colonna del sito sono quasi tutti tratti da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; inoltre sono pubblicati senza alcun fine di lucro. In ogni caso, qualora qualcuno di detti documenti o immagini violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.