responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

venerdì 31 luglio 2015

Il disastro al Sud, la nostra Grecia

«Svimez. Il rapporto 2015 sull’economia racconta lo tsunami che ha travolto il Mezzogiorno nei sette anni della crisi: è cresciuto meno del paese di Tsipras devastato dalla Troika. Viaggio nel paese sotterraneo dove i poveri sono più poveri, le donne e i giovani i più colpiti dalle disuguaglianze prodotte dall’iniqua Eurozona». Il manifesto, 31 luglio 2015

Grandi Navi: «La sentenza del Tar porta a Tresse est»

«Secondo il Comune di Venezia e l'Autorità portuale la decisione dei giudici rallenta la realizzazione del nuovo canale Contorta, ma spiana la strada alla proposta della stessa amministrazione» Una vittoria della ragione, ma gli interessi mercantili e l'abissale cecità dei governanti sono già al contrattacco. La Nuova Venezia, 30 luglio 2015, con postilla

Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

«Le conseguenze anche nel bollettino economico della Banca Centrale Europea. Oggi il dualismo economico tra Nord e Sud Italia si è allargato al Nord e Sud Europa. L'analisi degli economisti Emiliano Brancaccio e Riccardo Realfonzo». Il manifesto, 30 luglio 2015

giovedì 30 luglio 2015

C’è della violenza nelle merci

In generale sappiamo ben poco di che cosa sono fatti gli oggetti che usiamo continuamente; la pentola in cui cuociamo la pasta, l’automobile ... (continua a leggere)

I kamikaze dello sviluppo arretrato di Firenze

Sventrare con un immenso tubo il sottosuolo di Firenze. Costruire un aeroporto che funzionerà da diga e comporterà... (continua a leggere)

Che cosa è in gioco a Roma

Finalmente un'analisi della vicenda romana che colloca le debolezze e gli errori di Ignazio Marino nel loro contesto, non facendone il capro espiatorio di colpe altrui. Il manifesto, 28 luglio 2015, con una lunga postilla

L’oblio democratico

Recensione preziosa, libro da leggere: perché nel pieno della crisi del finanzcapitalismo non emerge la prospettiva del superamento di quel devastante “modello di sviluppo”? Una nuova idea del lavoro come questione essenziale da affrontare. Il manifesto, 30 luglio2015

Una città un piano: Lione

Dal 17 al 19 settembre, a Lione, due giorni di incontri con amministratori e tecnici del GrandLyon e dell’Agence d’Urbanisme e visite guidate. Qui il programma.

Piazze in una gabbia d’acciaio

Non inganni il tono leggero, che illustra un caso locale di un problema universale: di burocrazia e ottusità istituzionale possono morire le persone e la vitalità urbana, altro che. Corriere della Sera Milano, 30 luglio 2015, postilla (f.b.)

mercoledì 29 luglio 2015

Esperimenti fatali

«La vicenda greca rivela una nuova forma di colonialismo, condotto con il consenso dei paesi occupati, anche se sotto un ricatto assolutamente inedito. È un esperimento in corso e gli esiti dello stress test sono incerti. Ma una cosa è certa: qualunque sia il risultato, l’Europa non sarà più la stessa». Sbilanciamoci.info, 27 luglio 2015

martedì 28 luglio 2015

Decalogo per l’alternativa

«Costruire un’alternativa e renderla credibile e concreta si può, ma è necessario sapersi confrontare, discutere e alla fine convergere. Per questo è importante evitare la tentazione di piantare ciascuno la propria bandierina come è fondamentale rinunciare a qualche quarto di identità in favore della posta (alta) in gioco nei prossimi mesi». Il manifesto, 27 luglio 2015

Soldi e razzismo.

“A Venezia, gli stranieri sono bene accolti se hanno molto denaro”, dice un personaggio del Candide di Voltaire. Forse è vero dappertutto, ma qui l’intreccio... (continua a leggere)

La tragedia greca e la sovranità spodestata

«L’Europa è un deserto dove comanda il potere dei creditori». Ancora una considerazione che dimostra quanto lo strangolamento della Grecia da parte dell'Unione europea sia una minaccia per ciascuno di noi. La Repubblica, 28 luglio 2015

La cicala e la formica

Nata per scongiurare i nazionalismi che avevano devastato il Vecchio Continente e il mondo nella prima metà del '900, l'UE ritorna... (continua a leggere)

A tutto Marino, ma Sel lascia

Buone notizie per i romani, se le scelte di Marino saranno confermate. Marco Causi, Anna Donati, Marco Rossi Doria sono scelte più che affidabili per una giunta seria, se non si vogliono solo bandierine da sventolare nelle riunioni di partito. Il manifesto, 28 luglio 2015

Sanità, tagli per decreto tetto a esami e visite chi sfora dovrà pagare

Un obiettivo sociale (spostare ricchezza da chi ha meno a chi ha più) e un obiettivo politico (proseguire la costruzione dello Stato feudale). Non ci si poteva aspettare altro da questo governo. Una cronaca di  Roberto Petrini e un commento di Costantino Troise . La Repubblica, 27 luglio 2015

Domanda romana

Come mai la colpa del degrado della capitale è attribuita all'unico sindaco che sta tentando di rimuoverlo dopo che altri (non solo Alemanno, ma anche e prima di lui Veltroni) l'avevano provocato? Il PD storico e attuale è una palombella bianca?

La lunga marcia dei neoliberali per governare il mondo

Attenta analisi della nascita, crescita e conquista dell'economia da parte del neoliberismo, in una visione gramsciana della lotta per il potere.  Come ha fatto a vincere l'ideologia che domina, utilizzando strumenti che la sinistra novecentesca ha gettato alle ortiche (e i vagiti di quelle del nostro secolo stenta a saper usare). La Repubblica, 27 luglio 2015

lunedì 27 luglio 2015

Sui referendum non si scherza

«La democrazia è troppo importante per essere affidata ad annunci velleitari ad uso mediatico». Una verità non controvertibile. Un invito e un appello del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua  che va condiviso, se non vogliamo continuare a farci del male

Super Pechino

La questione dei grandi sistemi insediativi, di riconoscerne l’esistenza in quanto tali e poi eventualmente di programmarne lo sviluppo, è vecchia quanto l’uomo. Ma anche il vizio di confondere un po’ i termini. La Repubblica, 27 luglio 2015, postilla (f.b.)

domenica 26 luglio 2015

Pompei, il governo e la propaganda

Ecco perché un'ora e un quarto di ritardo dell'apertura di Pompei al pubblico è diventato un caso internazionale, che ha sputtanato l'Italia ma coperto le magagne del governo. La Repubblica, blog "Articolo 9", 26 luglio 2015

Neppure nelle politiche urbane tutto va male

Una brava urbanista, Paola Viganò, e un buon episodio di progettazione urbana, mediante una procedura corretta. Intervista a risposte intelligenti e spesso condivisibili: con una contraddizione (TAV) e uno scivolone (art. 9).  Corriere della Sera, suppl. «Sette»  24 luglio 2015

Podemos, la base boccia la lista unitaria con Izquierda Unida

Podemos ha scelto di presentarsi da sola, senza il partito di sinistra nato, alla fine degli anni 80, dalle vecchie formazioni di sinistra. L'unione fa la forza, o accentua le debolezze? Non c'é una verità per tutte le latitudini. Il manifesto, 26 luglio 2015

Porte aperte nella parrocchia “Le nostre ferie per i profughi”

Bisogna rovistare nelle cronache locali, ma accanto ai razzisti, agli xenofobi, ai neonazisti e agli ipocriti si trovano anche italiani puliti, e perciò solidali. Questa volta li abbiamo trovati alla periferia di Milano. La Repubblica, ed Milano, 26 luglio 2015

L’Idroscalo come Central Park

Gli operatori privati iniziano con il dovuto anticipo a mettere in campo strategie territoriali di area vasta, mentre la politica metropolitana annaspa e i cittadini non ci capiscono nulla. Corriere della Sera Milano, 26 luglio 2015, postilla (f.b.)

Rendere giustizia al "Giardino dei giusti"

Una lettera al ministro della Cultura Franceschini: «Gesto di responsabilità sul Giardino dei Giusti».Corriere della Sera, 24 luglio 2015. In calce il testo integrale della lettera e il link all'appello su eddyburg

sabato 25 luglio 2015

Le tasse e la sinistra

Analizzare la riduzione della tasse promessa da Renzi nel quadro della rivoluzione neoliberale ne illustra il carattere intrinsecamente reazionario: un devoto omaggio all'ideologia individualista oggi dominante. La Repubblica, 23 luglio 2014

l vecchio liberismo contro i beni comuni

«Beni comuni. La grande stampa in soccorso del nuovo ciclo di privatizzazioni promosso dal governo Renzi colpisce direttamente i beni di appartenenza collettiva».  Una reazione alla crescente diffusione dell'idea (rivoluzionaria per l'ideologia corrente), che alcuni beni non possono essere ridotti a merci. Il manifesto, 25 luglio 2015

Migranti salvati in mare. Ma dov’è finita Triton?

Travolta dai marosi dei vaniloqui, affogata nell'oceano sconfinato delle chiacchiere ipocrite, è stata sepolta nelle acque innocenti del mare la solidarietà europea. I fatti, le accuse e le domande dell'eurodeputata italiana. Il Fatto Quotidiano, 25 luglio 2015

Anche la destra americana vuole abbattere l’F3

«L’F35 è la "peggiore minaccia alla sicurezza degli Stati uniti da trent’anni a questa parte. Sono sempre di più i falchi repubblicani ipercritici con il progetto dell’aereo più costoso della storia. Sulla ultraconservatrice National Review un articolo che ripercorre tutti i difetti del caccia che l’Italia si è impegnata ad acquistare senza discussioni. La critica? Costa troppo e non funziona».Il manifesto, 25 luglio 2015

TAV Firenze. Quelle autorizzazioni a bassa velocità dietro la frenata di Fs

Un altro scandalo minaccia (per noi "promette") di fermare l'attraversamento sotterraneo del centro di Firenze. Ma il toscano padrone d'Italia non si lascerà fermare da leggi, burocrazie, soprintendenze  e così via...La Repubblica, ed. Firenze, 24 luglio 2015

venerdì 24 luglio 2015

Bocciato l’aeroporto di Renzi


«La documentazione di valutazione di impatto ambientale prodotta da Enac, braccio armato della Toscana Aeroporti di Marco Carrai, non convince il ministero dell'ambiente. Entro 45 giorni Enac deve rispondere a numerose, e gravi, criticità del Masterplan del futuro scalo». Il manifesto, 24 luglio 2015

Luigi Cogòdi, "padre dei vincoli"

Una persona e un'epoca che non possono essere dimenticati. Li ricordiamo attraverso un'intervista rilasciata  nel 2002 a Filippo Peretti.

Brescia, la giustizia e gli strappi»

«Tra il 1969 e il ‘74 pezzi importanti degli apparati dello Stato non obbedivano alla Costituzione, ma piuttosto operavano secondo la logica di una costituzione materiale anticomunista».  Una stagione che proseguì fino al 1978, omicidio di Aldo Moro. La Repubblica, 24 luglio 2015 

Fedeltà

Denis Verdini , berlusconiano doc, lo ha capito. Il vero Berlusconi non è Silvio, ma Matteo.

giovedì 23 luglio 2015

Un piano del lavoro per noi e loro

Luciano Gallino, Piero Bevilacqua, Alfonso Gianni,Tonino Perna, Guido Viale. E, dietro di loro le grandi ombre di Franklin Delano Roosvelt, John Maynsrd Keynes e, qui in Italia, Giuseppe Di Vittorio. Ancora troppo pochi per far prevalere un'idea giusta? Il manifesto, 23 luglio 2015

Le nuove regole per gli appalti

Far finta di cambiare per continuare come prima? I tre gravi errori del testo approvato dal Senato. Si può ancora correggere il tiro, prima di mettere tutto in mano a Delrio

La questione meridionale d’Europa

Con la Grecia, il Sud dell'Europa:  «Non si può continuare a stare immobili e subire. Questo è un appello. E per questo ho scelto le colonne del manifesto per lanciarlo». Il manifesto, 23 luglio 2015

Non si uccide così anche l'art. 9 della Costituzione

Un appello che anche eddyburg patrocina ed invita a sottoscrivere: contro lo smantellamento definitivo del nostro sistema di tutela (m.p.g.)

“Evitato il peggio ma in Europa si è rotto il legame della solidarietà”

«Intervista a Jean-Claude Juncker. Il presidente della Commissione europea critica il ritorno dei nazionalismi e ammette che è stata la paura a permettere l’accordo sulla Grecia, che tuttavia non deve sentirsi umiliata dalle nuove condizioni».  dovrebbe sentirsi umiliato lui. La Repubblica, 22 luglio 2015 

Lo stato indifferente

«I giudici di Strasburgo hanno esplicitamente ricordato le loro precedenti decisioni sul riconoscimento delle unioni civili, sì che nessun potrà dirsi colto di sorpresa o invocare la necessità di un adeguato tempo di riflessione». La Repubblica, 22 luglio 2015 (m.p.r.)

Tsipras ha scelto il male minore

«Un atto che si pone in alter­na­tiva alla linea teu­to­nica della «seces­sione» che noi dovremmo cono­scere bene. Infatti, la pro­po­sta della Gre­xit da parte tede­sca è para­go­na­bile a quella della Lega Nord negli anni ’90 per il Mez­zo­giorno». Il manifesto, 22 luglio 2015 (m.p.r.)

I ragazzi uccisi dalla Jihad e le due verità di un selfie

«“Quella giovane dietro di me è morta” recita la didascalia della foto con le vittime dell’attentato di Suruc, diventata virale. Una storia esemplare in tempi di terrore globalizzato». La Repubblica, 22 luglio 2015 (m.p.r.)

Il vero spartiacque

«“Aiu­tia­moli a casa loro”. Ma certo! Aiu­tia­moli a casa loro. Allora c’è un solo modo per farlo: espel­lere dall’Africa ogni inte­resse colonialista». Il manifesto, 22 luglio 2015 (m.p.r.)

L’omosessuale inventato

«Nel corso dei secoli, le diverse figure del gay sono state costruite per legittimitarle, ma soprattutto per imporre la norma di una divisione «naturale» tra mascolinità e femminilità. Tutta un’altra storia, l’appassionata e documentata ricerca sul campo di Giovanni Dall’Orto per il Saggiatore». Il Manifesto, 22 luglio 2015 (m.p.r.)

martedì 21 luglio 2015

Strauss-Kahn ai tedeschi “Varoufakis ha ragione”

«Yanis Varoufakis sta mettendo insieme una formazione politica con ambizioni europee più ancora che nazionali, dove Syriza resta forte. Una formazione di sinistra, radicale, intransigente “ma non biecamente marxista-leninista”». La Repubblica, 21 luglio 2015 (m.p.r.)

Guerra tra poveri per la casa. Tra italiani e stranieri

In molte regioni per concorrere all’assegnazione di una casa popolare è necessaria un’anzianità di residenza. Non è un criterio efficace per riequilibrare il rapporto fra italiani ed extracomunitari assegnatari. Ma potrebbe essere usato come premio, rivedendo il sistema di punteggi e graduatorie». Lavoce.info, 21 luglio 2015 (m.p.r.)

Muro addio: le due Cipro si scoprono (quasi) unite

«A Nicosia sta accadendo l’incredibile: per la prima volta i leader delle due comunità, la minoranza turca e la maggioranza greca, hanno una visione comune, quella di uno Stato federato sullo stile dell’Unione Europea». Corriere della Sera, 21 luglio 2015 (m.p.r.)

Germania gigante d’Europa senza auctoritas

«Ma alla autorità e sovranità di una nuova Europa politicamente unita chi oggi sta seriamente pensando e lavorando? Soltanto costui potrebbe assumerne in futuro anche la guida politica. Tranquilli, non sembra proprio poter essere la Germania. Purtroppo». La Repubblica, 21 luglio 2015 (m.p.r.)

C’era una alternativa alla svendita dei beni pubblici greci

«La nostra proposta è stata accolta con un silenzio assordante. Più precisamente, l’Eurogruppo e la troika hanno continuato a far credere ai media del mondo che le autorità greche non avevano proposte credibili e innovative da offrire». Corriere della Sera, 21 luglio 2015 (m.p.r.)

I dilemmi di Syriza sono anche i nostri

L'estrema gravità di una situazione nella quale la smania politica  della coppia Merkel/Schäuble di sconfiggere, con Alexis Tsipras, la possibilità di un'Europa diversa da quella a trazione tedesca, e l'ignavia delle socialdemocrazie europee hanno gettato il nostro continente nelle macerie del sogno federalista, il preannuncio di un riemergere dei fantasmi del più feroce passato. Il manifesto, 21 luglio 2015