menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

mercoledì 3 giugno 2015

Mossa a sorpresa di Tsipras: faccia a faccia a Bruxelles con Juncker

L'estremo tentativo dello statista greco di salvare la prospettiva di un'altra Europa. Incrociamo le dita. La Stampa, 3 giugno 2015
Arriva Alexis Tsipras e la sua missione somiglia parecchio ad un “o la va, o la spacca”. Con una mossa a sorpresa, nuovamente fuori dai protocolli europei, il primo ministro greco ha deciso di volare a Bruxelles, dove nel pomeriggio incontrerà il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, per discutere la proposta di accordo fra Atene e i creditori internazionali. Il testo è stato compilato sul tavolo dal «gruppo di Bruxelles», ovvero i creditori di Atene, Ue, Bce e Fmi, come estremo tentativo di mediazione. Sul tavolo, e nella borsa del leader di Syriza, anche un contro documento ellenico da 47 pagine. Partita aperta. Ma, in questa fase, l’ottimismo appare in leggera prevalenza.

Il punto.
Tutti dicono che siamo in dirittura d’arrivo, che «entro fine settimana» si può chiudere un’intesa per ri-salvare la Grecia, scambiando miliardi per riforme. Fonti concordanti riferiscono che i tre creditori - Ue, Bce e Fmi - hanno completato una proposta di mediazione e chiesto ad Atene di esprimersi a stretto giro. Sarebbe il frutto diretto del vertice a cinque di lunedì a Berlino, del pressing orchestrato da Frau Merkel. Tsipras sostiene che la decisione tocca ai leader politici europei». Si parla di un accordo quadro per venerdì, termine entro il quale il governo ellenico deve pagare 301 milioni al Fondo. È possibile. Ma, visti i precedenti, è più facile concedersi alla speranza che non alla fiducia.

La politica prova a muoversi. 
La Bce lo già fatto, di nuovo: secondo l’agenzia Bloomberg, la banca centrale europea ha aumentato di 500 milioni a 80,7 miliardi la linea di liquidità d’emergenza (Ela) alle banche greche, mossa utile per un sistema che «ha liquidità per circa 3 miliardi». E’ una mossa che cerca di facilitare il clima per un accordo. Possibile, sottolineano le fonti, perché «due cose sono cambiate e su queste si può costruire». La prima è che qualcuno, cioè la Merkel, si è messa d’impegno per uscire da uno stallo pericoloso. La seconda è che il contatto con Christine Lagarde avrebbe avvicinato le posizioni del Fmi a quelle di Commissione e Bce, portando Washington - che chiede più garanzie dall’Eurogruppo - su una linea di giudizio più flessibile. I tedeschi vorrebbero evitare che il caso greco inquini il G7 bavarese di fine settimana. Puntano a chiudere. Ma non basta. I margini di Tsipras sono ridotti dai limiti di consenso politico interno, e i conflitti interni all’Ue sono tutti meno che sopiti.

Tensioni a Bruxelles.
È sufficiente osservare le dichiarazioni di Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, in teoria titolare della cattedra greca, invece fuori dal quintetto berlinese. «Si sono registrati dei progressi - sottolinea - ma sono insufficienti: siamo ancora lontani dall’accordo». Quest’ultima, precisa, «non è possibile dal punto di vista tecnico in settimana». Traduzione: si può fare solo nel «suo» conclave, cioè nel club dei ministri economici dell’Eurozona, che si riunisce il 18 giugno. Però i creditori vorrebbero poter rimpinguare le casse elleniche prima, a meno che Atene non chieda di unificare a fine mese i pagamenti dovuti al Fmi.

Anticipo greco. 
Tsipras ha giocato di sorpresa. Arriva a Bruxelles, d’accordo con Juncker. Secondo l’agenzia di stampa greca Aman la sua proposta suggerisce un avanzo primario dello 0,8% per l’anno in corso, una riforma dell’Iva, privatizzazioni, riorganizzazione spesa. Non ci sono conferme che si parli di pensioni e mercato del lavoro, tasto che invece i creditori vorrebbero fosse toccato. Una fonte Ue suggerisce che l’ex Troika potrebbe accettare di avanzare anche soltanto col 70% del programma greco in tasca. Una seconda, assicura che «già si parla del terzo programma», da avviare una volta finito a giugno il secondo, quello di cui restano 7,2 miliardi che si cerca di sbloccare dal 20 febbraio. Segno dei tempi il fatto che ieri il Brussels Group dei creditori non si è riunito. Oggi è attesa una teleconferenza del Gruppo di lavoro dell’eurozona, i tecnici dei tesori nazionali. E oggi parla Mario Draghi, mentre si naviga a vista. Però le acque sono meno agitate, almeno in superficie.
Show Comments: OR