responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)
(visualizza le copertine)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 6 giugno 2015

Alexis Tsipras resiste per tutti noi

La tenace battaglia per mantenere la speranza di un'Europa utile alle persone e non ai mangiatori di soldi, Articoli di Pavlos Nerantzis e di Dimitri Deliolanes. Il manifesto, 6 giugno 2015


ATENE VS. TROIKA
di 
Dimitri Deliolanes

Gioco a carte sco­perte ieri al Par­la­mento greco da parte di Tsi­pras. I docu­menti dello scon­tro con i cre­di­tori sono ormai pub­blici. Per prima Atene ha messo in rete la sua pro­po­sta di 47 pagine e in rispo­sta Dijs­sel­bloem ha reso pub­blico anche il suo, di sole 5 pagine ma cro­no­lo­gi­ca­mente rima­sto al 2014 e al pre­ce­dente governo Sama­ras (il pdf qui). Docu­menti noti, ampia­mente com­men­tati anche dalla stampa internazionale. Il pre­mier greco ha difeso con pas­sione la sua pro­po­sta verso i cre­di­tori e ha riba­dito con forza che non è dispo­sto a fare un solo passo indie­tro. La sua pro­po­sta, ha spie­gato, «non è il pro­gramma di Syriza» ma è basata sulle «con­ver­genze acqui­site in que­sti quat­tro mesi di dura trat­ta­tiva» ed è quindi «l’unica base rea­li­stica» per uscire dall’impasse.

Mal­grado lo «spia­ce­vole passo indie­tro» rap­pre­sen­tato dall’«inaccettabile» docu­mento pre­sen­tato gio­vedì da Dijs­sel­bloem e Junc­ker, il pre­mier greco con­ti­nua a rite­nere che un accordo sia ora «più vicino che mai». La sua con­vin­zione nasce dall’assoluta cer­tezza che «nell’eurozona pre­val­gono le forze ragio­ne­voli che vogliono pre­ser­vare e raf­for­zare la moneta comune» con­tro una «mino­ranza» che cerca di «umi­liare» e «sot­to­met­tere» un popolo «orgo­glioso» come quello greco.

Tsi­pras ha anche espresso la sua per­so­nale cer­tezza che pro­po­ste, come quelle avan­zate, di tagliare ulte­rior­mente le pen­sioni e aumen­tare del 10% il costo della cor­rente elet­trica «non saranno votate da nes­sun depu­tato del Par­la­mento greco». Il lea­der di Syriza con­si­dera la pro­po­sta di gio­vedì quindi come facente parte di una «brutta tat­tica nego­ziale» che «non ha otte­nuto alcun effetto e molto pre­sto finirà nel dimenticatoio».

Tsi­pras ha rivolto un appello all’opposizione di sce­gliere tra le due pro­po­ste e di schie­rarsi a fianco del governo. Appello caduto nel vuoto: l’opposizione di destra e di cen­tro è fran­tu­mata, con­fusa e senza stra­te­gia, asso­lu­ta­mente non in grado di inci­dere mini­ma­mente sugli svi­luppi. Ma al lea­der di Syriza il dibat­tito par­la­men­tare è ser­vito per disar­mare le con­ti­nue grida di que­sti mesi di Sama­ras e del lea­der di To Potami verso il governo di fir­mare qual­siasi accordo pur di evi­tare disa­stri e catastrofi.

«Il popolo ci chiede di resi­stere e di non cedere alle richie­ste assurde dei cre­di­tori», ha riba­dito: «In que­sti quat­tro mesi abbiamo pagato per il debito 7,5 miliardi, da un anno il paese non incassa nes­sun finan­zia­mento, eppure siamo in piedi e abbiamo garan­tito con­di­zioni di sicu­rezza per il popolo greco e per quelli di tutta Europa».

Tsi­pras ha fatto un signi­fi­ca­tivo rife­ri­mento allo spo­sta­mento del paga­mento del debito al Fmi alla fine di giu­gno, facendo capire che la sospen­sione dei paga­menti da parte di Atene non è ora­mai un’eventualità remota ma molto rea­li­stica: in quel caso non ci sarà Gre­xit ma «una trau­ma­tica divi­sione dell’Europa che segnerà il suo fallimento».

Ma la «rot­tura» non ci sarà, ha assi­cu­rato. Per­ché non la vogliono i mer­cati, non la vogliono «i popoli euro­pei», non la vogliono le forze euro­pei­ste, al primo posto Syriza. Egual­mente il pre­mier ha evi­tato di con­fer­mare gli sce­nari che erano cir­co­lati in que­sti giorni di un nuovo ricorso alle urne oppure di un refe­ren­dum popo­lare sulla pro­po­sta Dijsselbloem.


TSIPRAS:"NON VOGLIAMO UN ACCORDO
VOGLIAMO LA SOLUZIONE
di Pavlos Nerantzis


Grecia. Il premier: «No ai ricatti e alle umiliazioni. Dalle istituzioni proposte assurde. Vogliamo risolvere in modo definitivo la questione del debito e mettere fine ai timori di Grexit»

Le forze poli­ti­che gre­che sono tutte d’accordo sulla posi­zione netta del governo greco di non accet­tare ulte­riori misure restrit­tive, ovvero il piano pro­po­sto dai cre­di­tori, per­ché «le con­se­guenze saranno cata­stro­fi­che per il paese». È quanto emerso ieri dal dibat­tito par­la­men­tare, dopo che un allarme all’esecutivo era par­tito anche dalla società, dai com­mer­cianti, dal mondo impren­di­to­riale, ai consumatori.

Senza mezze parole viene spe­ci­fi­cato da tutti che se — come richie­sto dalla tro­jaka — «l’Iva sarà aumen­tata di dieci punti» la reces­sione diven­terà ancora più profonda.

Secondo un nuovo stu­dio sulla situa­zione finan­zia­ria delle fami­glie gre­che pre­sen­tato da eco­no­mi­sti dell’Università di Atene «nei primi cin­que anni della grave crisi eco­no­mica, la fami­glia media ha perso quasi quat­tro decimi del pro­prio red­dito». La mag­gior parte delle per­dite regi­strate (il 23,1%) sono state in red­dito diretto. Un ulte­riore 8,8% è stato perso a causa di una mag­giore impo­si­zione fiscale e un altro 7% per l’inflazione non com­pen­sata da un aumento del red­dito nel periodo 2008–2012. La ricerca — che si basa sulle dichia­ra­zioni dei red­diti di 5,2 milioni di con­tri­buenti — sostiene inol­tre che nello stesso periodo preso in esame, la per­cen­tuale dei greci che vive al di sotto della soglia di povertà è pas­sata dal 27,9% al 31,1%.

Poche ore dopo l’incontro a Bru­xel­les tra Tsi­pras e Junc­ker , le rea­zioni ad Atene hanno preso la forma di una valanga. Certo la riu­nione è stata «buona» e «costrut­tiva» e ne segui­ranno altre, ma a sen­tire il pre­mier greco, cosa che ha fatto notare durante una tele­con­fe­renza a Mer­kel e Hol­lande, le pro­po­ste pre­sen­tate dai cre­di­tori aumen­te­reb­bero la povertà e la dis­so­cu­pa­zione, oltre a non essere state discusse al Brus­sels Group.

L’accordo sarebbe die­tro l’angolo, ma nes­suna delle due parti è dispo­sta a fare mar­cia indie­tro. Oltre a Tsi­pras non è da esclu­dere che pure i cre­di­tori pos­sano chie­dere un pro­lun­ga­mento dei nego­ziati per far pas­sare le loro pro­po­ste, ovvero un nuovo pesante memo­ran­dum invece di una «solu­zione» come chie­sto in modo ener­gico da Tsi­pras in par­la­mento. Di fatto, dopo la dichia­ra­zione del pre­mier greco, le voci più cri­ti­che sono quelle dei strati medi e dei par­la­men­tari di Syriza i quali que­sta volta pro­ven­gono non sol­tanto dalla potente oppo­si­zione interna, la «Piat­ta­forma della Sini­stra», bensì da tutte le com­po­nenti della sini­stra radi­cale greca.

In que­sto ambito Tsi­pras ha fatto due mosse: ha deciso di accor­pare i quat­tro paga­menti di giu­gno al Fmi in un unico esborso il 30 giu­gno e ha chie­sto la riu­nione straor­di­na­ria del par­la­mento. Il suo obiet­tivo era dop­pio: otte­nere il con­senso più largo pos­si­bile sia al seno del suo par­tito, sia dall’opposizione; gua­da­gnare tempo nei con­fronti dei suoi inter­lo­cu­tori internazionali.

La neces­sità è di arri­vare ad un accordo al più pre­sto pos­si­bile per­ché l’economia reale sof­fre, come ha sot­to­li­neato l’ ex pre­mier Anto­nis Sama­ras, lea­der dei con­ser­va­tori della Nea Dimo­kra­tia. Sama­ras deve fare i conti con tanti diri­genti «neo­de­mo­cra­tici» e una parte del suo par­tito che si schie­rano a favore di un even­tuale accordo tra il governo e i cre­di­tori internazionali.

Il prin­ci­pale par­tito dell’opposizione greca è con­tra­rio all’eventualitá di ele­zioni anti­ci­pate, ipo­tesi che viene avan­zata da alcuni diri­genti di Syriza in caso non ci sarà un accordo con i cre­di­tori, men­tre pro­muove l’idea di un governo di unità nazio­nale (pro­spet­tiva già rifiu­tata dal governo).

Più o meno simile è stata la posi­zione del Pasok, che si trova in un momento dif­fi­cile della sua sto­ria. Dopo la seconda scon­fitta elet­to­rale, ieri il Par­tito socia­li­sta greco ha aperto i lavori del suo con­gresso in vista delle ele­zioni, il 14 giu­gno, di un nuovo lea­der al posto di Evan­ghe­los Veni­ze­los il quale ha già reso noto che non si ricandiderà.

Il con­gresso è comin­ciato tra le pole­mi­che dei can­di­dati in carica con Fofi Gen­ni­mata, già sosti­tuto mini­stro della difesa durante il governo di coa­li­zione tra con­ser­va­tori e socia­li­sti, a lan­ciare accuse con­tro il segre­ta­rio del par­tito, Nikos Androu­la­kis, can­di­dato pure lui, per­ché «avrebbe inter­fe­rito con la sele­zione dei mem­bri del congresso».

Sta­vros Teo­do­ra­kis, il lea­der del «Potami» (Il fiume), la nuova for­ma­zione nell’area del centro-sinistra, si è schie­rato con Tsi­pras, pur cri­ti­can­dolo di aver perso troppo tempo senza in realtà trat­tare con i cre­di­tori. A favore di «una rot­tura con l’ Europa impe­ria­li­sta» sono i comu­ni­sti del Kke, il Par­tito comu­ni­sta di Gre­cia. «Se si ottiene un accordo sarà comun­que simile a quelli che hanno fir­mato i governi pre­ce­denti» ha detto il segre­ta­rio del par­tito, Dimi­tris Koutsoumbas.

Show Comments: OR

copy 2