responsive_m


A un secolo dalla dichiarazione di Balfour, con cui il Regno Unito promise la nascita di stato ebraico in Palestina, esautorando i Palestinesi lei loro diritti, la Cisgiordania è “La più grande prigione del mondo” come dice il titolo dell ‘ultimo libro dello storico israeliano Ilan Pappe (da cui è presa la copertina di questa settimana). (a.b)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 16 maggio 2015

Possibile via libera Onu ai raid militari in Libia

Dietro l'alibi della lotta alla criminalità continua la politica miope e disumana dei respingimenti. Più criminali degli scafisti sono quanti hanno promosso del saccheggio delle risorse dell'Africa, e oggi rigettano  i fuggitivi nell'inferno che l'Europa ha contribuito a creare. Il manifesto, 16 maggio 2015
Per ora l’unica cosa certa è che biso­gna aspet­tare che dall’Onu arrivi la riso­lu­zione che darà il via libera alla mis­sione euro­pea con­tro gli sca­fi­sti ma soprat­tutto che met­terà final­mente fine al dilu­vio di dichia­ra­zioni con­tra­stanti tra loro dei vari mini­stri ita­liani. Dopo il tito­lare degli Interni Alfano, che due giorni fa ha par­lato di «azioni mirate in Libia», ieri i suoi col­le­ghi Gen­ti­loni (Esteri) e Pinotti (Difesa) hanno negato che un solo sol­dato met­terà piede sul suolo libico (ma entrambi in pas­sato si sono detti pronti all’intervento). Intanto da New York arri­vano le prime indi­scre­zioni su quella che potrebbe essere la bozza defi­ni­tiva della riso­lu­zione e che,s e con­fer­mata, smen­ti­rebbe a sua volta i respon­sa­bili della Difesa e della Farnesina.

Il testo anti­ci­pato ieri parla della pos­si­bi­lità per le navi che pren­de­ranno parte alla mis­sione di ope­rare con­tro gli sca­fi­sti sia in acque inter­na­zio­nali, che in acque ter­ri­to­riali libi­che, ma anche nei porti di par­tenza dei bar­coni. Una via libera, quindi, alla pos­si­bi­lità di col­pire le imbarcazioni.

E’ chiaro che gli ultimi due punti, oltre a richie­dere un espli­cito man­dato da parte della Nazioni unite, impli­cano uno scon­tro con le varie fazioni che oggi si divi­dono la Libia. A par­tire del governo di Tri­poli, quello più diret­ta­mente inte­res­sati visto che la stra­grande mag­gio­ranza degli sca­fi­sti pren­dono il via dalle sue coste.

Il testo non avrebbe incon­trato par­ti­co­lari resi­stenze da parte della Rus­sia che però, al pari degli ame­ri­can, pre­fe­ri­reb­bero met­tere in chiaro che la mis­sione è limi­tata al solo con­tra­sto dei traf­fi­canti di uomini, Una pre­oc­cu­pa­zione volta a impe­dire che una volta ini­ziato, si vada oltre il solo con­tra­sto delle orga­niz­za­zioni cri­mi­nali che gesti­scono il traf­fico di esseri umani. «Non c’è nes­suna inten­zione di andare in Libia a inter­ve­nire», ha detto ieri la Pinotti. «C’è il pro­blema di evi­tare che gli sca­fi­sti pos­sano lucrare, in modo amplis­simo sulla tra­ge­dia di que­ste per­sone. C’è biso­gno di fare que­sto, le solu­zioni ver­ranno poi trovate».

Dall’Onu però intanto arri­vano le con­si­de­ra­zioni per le deci­sioni prese dalla Com­mis­sione euro­pea riguardo al rein­se­dia­mento dei pro­fu­ghi,. Il rela­tore per i diritti umani dei migranti, Fran­cois Crè­peau, pur apprez­zando la linea scelta l’ha però giu­di­cata «ina­de­guata». «Il numero di 20 mila posti di rein­se­dia­mento appare asso­lu­ta­mente insuf­fi­ciente», si legge in una nota.



Per l’esperto non si tratta di una rispo­sta ade­guata alla crisi attuale, che nel 2014 ha visto oltre 200.000 migranti –la mag­gior parte dei quali richie­denti asilo –giun­gere in Europa via mare. «Per gli oltre 500 milioni di abi­tanti dell’Ue — ha con­cluso — 20 mila per­sone rap­pre­sen­tano lo 0,00004% della popolazione».
Show Comments: OR