menu

subheader

ULTIMI AGGIORNAMENTI

martedì 19 maggio 2015

Le ragione della Grecia di oggi: politica ed economia

Intervento al Forum dell'Economist (Atene, 14-15 maggio 2015). Un ampio resoconto della grande fatica in corso da parte di Alexis Tsipras e Syriza per portare la Grecia fuori dalla crisi e aprire una breccia nell'Europa dell'austerity. Dal gruppo Facebook Sosteniamo Syriza, 19 maggio 2015


DISCORSO DI ALEXIS TSIPRAS
AL FORUM DELL' ECONOMIST AD ATENE


Signore e signori, Vorrei ringraziare gli organizzatori della conferenza per il loro gentile invito. Ho il piacere di partecipare alla manifestazione finanziaria annuale dell’Economist, in questo forum economico che ogni anno offre l'opportunità di ascoltare e di discutere le diverse percezioni politiche ed economiche che definiscono le linee di un dibattito pubblico sia a livello mondiale ed europeo.

Stiamo parlando di percezioni politiche ed economiche che non derivano da esperimenti condotti in un laboratorio di economisti, ma sono definiti dalle contraddizioni sociali di legge inerenti a tutte le moderne società occidentali.

In realtà, queste percezioni politiche ed economiche dipendono asserzioni ideologiche che sono, per definizione, incompatibili. È, quindi, l'obbligo di politici e dello stato organizzato risolvere ogni volta questo paradosso nel modo più efficiente. Perché in ultima analisi, la politica determina ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che è giusto e ciò che è ingiusto, ciò che è possibile e ciò che è impossibile.

Per cinque anni la politica dei partiti precedenti, che detenevano il potere in Grecia, è fallita miseramente. Non sono riusciti a unire e sintetizzare le diverse aspettative sociali di tutti gli strati della società greca, per creare un concetto elastico di giustizia sociale e impostare le coordinate sostenibili per il futuro orientamento del paese. Questi partiti hanno scelto invece di schierarsi con le idee e le forze più estreme e di parte a livello mondiale ed europeo e attuare una politica di austerità contro la maggioranza sociale.

L'idea che la crisi in Grecia è stata causata dai benefici sociali dei lavoratori e dei pensionati, il settore pubblico sovradimensionato, l'attaccamento alle politiche protezionistiche, era dominante all'interno di questa classe politica, con il sostegno del potente a livello economico. E su questa base, un intero meccanismo è stato organizzato per ristrutturare l'economia greca e la società: è stato chiamato memorandum.

Il memorandum non era solo un errore economico, un programma cattivo, una svista. E' stata una scelta consapevole per posizionare il peso della crisi economica causata dagli squilibri nel sistema finanziario e aggravata da patologie intrinseche allo Stato greco e all'economia greca, sulle spalle dei lavoratori, dei pensionati, della classe media autonomi e dei piccoli imprenditori.

In realtà, il memorandum non era altro che un tentativo di superare la crisi, consentendo una liquidazione senza precedenti dei diritti e delle imprese e che potrebbe creare le basi per una nuova accumulazione di capitale a condizioni significativamente peggiori per la maggioranza sociale. E 'stato, ovviamente, un dato di fatto che questa politica avrebbe portato ad una recessione prolungata, ritenuta opportuna all’inizio dai creatori del Memorandum.

Essi erano ben consapevoli di ciò che stavano facendo e nonostante questo, sono andati avanti. Questa è espressione del loro cinismo assoluto.

Durante gli anni del Memorandum, le disuguaglianze sociali in Grecia sono salite (la Grecia occupa il primo posto in Europa della scala delle disuguaglianze sociali) la disoccupazione è triplicata, i salari abbassati, le pensioni hanno subito tagli drammatici e il welfare state è letteralmente crollato.Gli unici che non hanno subito danni durante questo periodo di cinque anni sono stati i ricchi greci.Secondo uno studio del Credit Suisse, attualmente il 10% dei greci più ricchi gestisce almeno il 56% della ricchezza nazionale.

Questa tempesta politica ed economica ha lasciato solo una cosa in piedi: lo stato clientelare e corrotto che ha sostenuto l'élite politica ed economica di questo Paese. O, per essere precisi, non solo è rimasto in piedi, ma ha permesso anche alle pratiche peggiori di mettere radici.

Nessuna delle riforme ha migliorato il meccanismo di riscossione delle imposte, che sta crollando, nonostante il desiderio di alcuni dipendenti illuminati e giustamente nervosi. Nessuna presunta riforma ha combattuto il triangolo della corruzione tra l'élite politica, proprietari dei media e le banche. Nessuna riforma ha migliorato il funzionamento e l'efficacia di uno Stato che ha imparato a operare per servire interessi particolari piuttosto che il bene comune. È stata proprio questa situazione, vale a dire l'incapacità di giustificare questa politica estrema, l'incapacità di proporre un discorso convincente che avrebbe trasformato gli interessi egoistici delle élite negli interessi della società nel suo complesso, ad aver portato SYRIZA e l'anti- blocco memorandum al potere. Perché si possono ingannare molte persone per poco tempo e poche persone per molto tempo, Ma non si può ingannare tutto il popolo per tutto il tempo.

Signore e signori, Le elezioni del 25 gennaio hanno dato un chiaro mandato a questo governo di salvezza sociale e di ricostruzione economica: cambiare le politiche dei memoranda che hanno distrutto la società greca e l’hanno portata sull'orlo della disperazione.

Il nuovo governo ha un punto di vista completamente diverso su come dovrebbero essere organizzate l'economia greca e la società. Una comprensione completamente diversa dei presupposti necessari per conseguire una crescita sostenibile in grado di ridurre le disuguaglianze, piuttosto che aumentarle. Perché se la crescita è semplicemente una continuazione dello stato delle cose esistenti, consentendo al divario sociale di rimanere intatto o addirittura esacerbare le divisioni sociali, allora c'è qualcosa di fondamentalmente sbagliato con il “regno di Europa".

Pertanto, è questo il mandato che abbiamo implementato durante i primi 100 giorni in carica, ed è questo il nuovo punto di vista che si evidenzia nel dibattito pubblico in un'Europa che invecchia. Stiamo legiferando e negoziando in nome della grande maggioranza sociale che ci sostiene, e in nome della giustizia sociale, della crescita e della promozione della parità. Perché l'uguaglianza è uno dei capisaldi della Europa unita che non dovrebbe essere sminuito da coloro che insistono a parlare solo in nome della libertà, dimenticando la condizione che rende per tutti possibile la libertà: quale potrebbe essere questo presupposto se non l’uguaglianza?

Quindi legiferiamo e negoziamo, guidati dalla bussola degli interessi e delle aspirazioni di questa maggioranza sociale: i lavoratori e la classe media che sono state socialmente ed eticamente schiacciati nei quattro anni di violenza del memorandum. E il nostro obiettivo è quello di costruire ancora una volta una versione di giustizia sociale che trasformerà la società greca ed europea da una somma di individui a vera comunità. Il nostro obiettivo è quello di ristabilire il vero significato della politica, al fine di raggiungere il nostro obiettivo finale, che tutti condividiamo: una versione sostenibile di interesse sociale che non creerà tensioni e ma incoraggerà il potenziale delle persone, fornendo l'opportunità di benessere. Tuttavia, stiamo legiferando e negoziando in un contesto economico difficile e senza precedenti.

Stiamo camminando attraverso un territorio minato preparato dai sostenitori del Memorandum da parte del governo precedente. È pratica comune per quelli votati al potere dire che hanno ereditato "terra bruciata". Ma nel nostro caso, questo non si qualificherebbe come un'esagerazione, ma piuttosto, come un commento moderato. Non abbiamo ereditato semplicemente terra bruciata.

Abbiamo ereditato un paese incapace di funzionare. Abbiamo ereditato un paese incapace di pagare gli stipendi e le pensioni appena un mese dopo le elezioni, vale a dire nel mese di febbraio 2015 e derivante dal precedente governo. E tuttavia, siamo riusciti a mantenere il paese a galla. Siamo riusciti a garantire pienamente il corretto funzionamento delle responsabilità dello Stato, impegnati allo stesso tempo in una trattativa difficile. E nonostante le pressioni finanziarie, la fiducia dei nostri cittadini è aumentata, e per questo è stata registrata un crescita dei ricavi e significativa dei fondi pubblici.

Nei quattro mesi che il nostro governo è stato in carica, l'avanzo primario ha raggiunto € 2.164.000 a fronte di un avanzo primario di € 1.046.000 dello stesso periodo del 2014, in contrasto con una previsione di deficit primario di 287.000.000 €. Nel solo mese di aprile abbiamo aumentato i ricavi netti del bilancio ordinario del 15,3% contro il bersaglio mensile. In tal modo, non solo abbiamo evitato il "crash" istituito deliberatamente dal precedente governo in programma per il mese di febbraio, ma abbiamo anche adempiuto al rimborso di tutte le passività interne ed esterne del paese, senza rischi, nonostante il fatto che nessuna rata di prestito è stata erogata da agosto 2014. E voglio assicurarvi che non vi è alcuna minaccia per gli stipendi e le pensioni.

Vi è, tuttavia, un grosso problema qui, che mi piacerebbe caratterizzare come una questione morale. L'accordo deve essere concluso, e dovrebbe essere onesto e reciprocamente vantaggioso. E 'inaccettabile che alcuni pensino che col passare del tempo la resistenza della parte greca sarà testata e le sue linee rosse svaniranno. Se hanno questo in mente dovranno dimenticare questo proposito, in quanto si verificherà l'esatto contrario. Dall’ agosto 2014 non abbiamo ricevuto la rata di 7,2 miliardi da parte dei nostri istituti di credito, in conformità con il programma di prestito in corso. Questo include anche i 1,9 miliardi di euro di profitti da parte delle banche centrali come risultato di obbligazioni greche. E i 1,2 miliardi di euro in obbligazioni pagate con i fondi del nostro bilancio e che sono state trasferite dal FSF al MES. Tuttavia, in questo periodo, mentre non riceviamo i finanziamenti che dovremmo ricevere, abbiamo pagato rate di 17,5 miliardi per le stesse istituzioni. Se alcuni credono che questo è legale, posso ascoltare il loro punto di vista. Essi sostengono che la legge è dalla parte del prestatore. Ma chiunque considera morale ciò, non è certamente imparziale. Signore e signori, Ci sono diversi membri dell'opposizione che sono profondamente frustrati perché non possono esprimere abbastanza critica politica, ci rimproverano di aver presumibilmente dimenticato i nostri impegni presi prima delle elezioni e che abbiamo fatto marcia indietro dal programma di Salonicco. Invece di rispondere, vorrei riassumere ciò che il governo ha fatto nei primi cento giorni, e lasciare che i fatti parlino da soli:

Più specificamente, nei suoi primi 100 giorni il governo ha:

1) mosso i primi passi per alleviare la crisi umanitaria attraverso il primo disegno di legge approvato dal nuovo Parlamento: Il programma è attuato su base quotidiana, mentre è in fase di espansione per coprire vitto, l'alloggio, l'elettricità.

2) preso misure immediate per riavviare l'economia e ristabilire la giustizia fiscale: le cento rate per il rimborso di debiti fiscali e previdenziali dei cittadini sono già in corso, consentendo a centinaia di migliaia di imprese di riaggiustare i loro debiti e di ottenere liquidazione fiscali e previdenziali per migliaia di famiglie e per sfuggire lo starter-hold di sovraindebitamento.

Questa misura fornisce anche i fondi pubblici con un'iniezione necessaria di liquidità. Entro l’11 maggio, vale a dire entro 24 giorni di attuazione del disegno di legge, circa 380.000 mutuatari hanno chiesto un adeguamento da parte delle autorità fiscali del paese. Il totale dei debiti rettificato è pari a € 2,8 miliardi. Durante questo stesso periodo, cioè, entro dal 12 maggio, circa 144.000 sofferenze rettificate assicurato che sono stati dovuti a fondi di previdenza sociale, con l'importo totale del debito rettificato pari a circa € 3,4 miliardi. Vale la pena di confrontare gli importi che sono state regolati sotto la nostra proposta di legge, vale a dire la partecipazione dei contribuenti e assicurazione dei rispettivi importi, e la limitata partecipazione dei cittadini alle rettifiche di valore sotto il governo precedente, per evidenziare veramente la retorica dalla realtà. • Inoltre, abbiamo votato una norma, ed è stata emessa una decisione ministeriale nella lotta contro i traffici triangolari, che mette fine a una delle tecniche più diffuse di evasione fiscale.

3) Inoltre, è stato votata la prima legge per la democratizzazione della pubblica amministrazione, che ripristina alcune delle ingiustizie palesi che hanno avuto luogo durante il periodo di Memorandum, come il licenziamento degli addetti alle pulizie del Ministero delle Finanze, le guardie della scuola e altri servitori di servizi pubblici.

4) Gli aspetti del programma in materia di ripresa dell'occupazione sono stati avviati, e continuano anche attraverso l'iniziativa annunciata dal Presidente Juncker per l'erogazione dei fondi a programmi già esistenti, per un totale di 2 miliardi di Euro. Siamo certamente di fronte a difficoltà, soprattutto a causa dei programmi inefficaci progettati dal precedente governo che siamo anche obbligati a seguire. Tuttavia, saremo in grado di modificare e correggere questi programmi in linea con il nostro ordine del giorno, come previsto per la seconda metà del 2015.

6) è stato anche votato il disegno di legge di riapertura di ERT (l'emittente-pubblico Hellenic Broadcasting Corporation), che è una pietra miliare simbolica. Abbiamo creato le condizioni per una nuova emittente pubblica libera da partigianerie, favori politici e da pratiche dispendiose del passato. Un corpo di informazione pubblica che rifletterà il nuovo ethos pubblico e la cultura politica democratica del nostro governo.

7) Si è proceduto, come previsto,al sovvenzionamento delle stazioni televisive con spese di funzionamento dovute, in particolare, per la questione di debiti non pagati che sono rimaste in attesa per anni, mentre il progetto di legge per quanto riguarda le licenze delle stazioni "è nella fase finale.

8) Ci stiamo consultando con l'Organizzazione internazionale del lavoro su un progetto di legge da votare nei prossimi mesi, per quanto riguarda il ripristino della normativa europea sui rapporti di lavoro, il ripristino della contrattazione collettiva, gli effetti di fine termine e il graduale ripristino del salario minimo di 751 euro.

Ed è uno sviluppo molto positivo che oggi, a seguito della riunione del Ministro per l'occupazione e il Direttore Generale dell'ILO, l'OIL ha rilasciato una dichiarazione accogliendo gli sforzi del governo greco e delle parti sociali per la promozione della contrattazione collettiva e il miglioramento del mercato del lavoro in Grecia.

9) è avviato il Comitato per la revisione del memorandum con le sue responsabilità.

10) Per la prima volta, la domanda nazionale di riparazioni tedesche è stata espressa ufficialmente al più alto livello possibile.

11) i sospettati di evasione fiscale previsti sulla lista Lagarde sono stati convocati a pagare e risolvere le loro tasse in sospeso -un primo passo, mentre un controllo dettagliato proseguono su altri casi.

12) gruppi di lavoro speciali stanno esaminando appalti pubblici inquinati del passato, come ad esempio l’accordo palesemente ingiusto extragiudiziale tra lo Stato greco e Siemens.

Signore e signori, questi sono esempi dei nostri sforzi iniziali per creare una rottura definitiva con le pratiche negative del passato, e ridistribuire le risorse e il potere dal corrotto e dall’ evasore fiscale e dall’oligarchia finanziaria alla grande maggioranza sociale, che ha investito la sua fiducia in noi e coltiva grandi aspettative.

Tuttavia, siamo ancora solo all'inizio. Non possiamo semplicemente dimenticare e andare avanti, eliminando in un colpo solo le forze negative del passato: la corruzione, la povertà e la dipendenza. Allo stesso tempo però, stiamo rigorosamente negoziando con gli istituti di credito a favore del nostro popolo, del nostro paese, e come pure per l'Europa. Nei primi giorni della trattativa abbiamo affrontato l'eredità del memorandum. Eravamo di fronte alla necessità di completare la quinta valutazione e di attuare gli impegni che il precedente governo aveva preso, come indicato nell'e-mail di Hardouvelis spesso citata.

Abbiamo chiesto il rispetto da parte dei nostri partner; il rispetto delle regole dell’Europa e del principio della sovranità popolare che è la pietra angolare della organizzazione democratica dell'Unione europea. Abbiamo combattuto, e con la decisione 20 febbraio dell'Eurogruppo, abbiamo realizzato un cambiamento negli atteggiamenti dei nostri istituti di credito – che sostenevano il Memorandum alla lettera - alla ricerca di un terreno comune in base alle nostre priorità. Questa è una decisione che noi rispettiamo. Ma per una soluzione reciprocamente vantaggiosa, un accordo deve essere raggiunto - e non uno che porta alle stesse vicoli ciechi – e che tutte le parti coinvolte dovrebbero tenere a mente. L'insistenza sulle misure, in conformità con il Protocollo, oltre alle accuse costanti che stiamo ricevendo di rinnegare ciò che è stato concordato con il precedente governo non aiutano il processo di negoziazione in corso. Il governo greco continua a negoziare per raggiungere un accordo economico giusto e socialmente valido con i suoi partner. Un accordo che concluderà l'austerità, ripristinerà la liquidità per l'economia reale e fornirà le prospettive di crescita per il paese.

Ciò richiede:
- Bassi avanzi primari, in particolare per quest'anno e per il 2016, al fine di fermare il meccanismo che promuove l'austerità e riguadagnare lo spazio fiscale necessario.
- Non ci siano nuovi tagli salariali e alle pensioni, vale a dire le misure che intensificheranno la disuguaglianza sociale.
- Ristrutturazione del debito pubblico, al fine di porre fine al circolo vizioso degli ultimi cinque anni in cui il paese ha dovuto prendere nuovi prestiti per rimborsare i prestiti esistenti.
- Un forte programma di investimenti, finanziamento coordinato per gli investimenti, in particolare quelli riguardanti le infrastrutture e le nuove tecnologie.

A questo punto sembra che il terreno comune è stato trovato con le istituzioni su una serie di questioni e, quindi, siamo molto vicini a un accordo. Terreno comune è stato trovata anche su temi quali gli obiettivi di bilancio, le variazioni marginali dell’ IVA, che dovrebbe funzionare in maniera redistributiva a favore delle classi subalterne, e le modifiche istituzionali per rafforzare l'amministrazione nella riscossione delle imposte.

Ci sono ovviamente delle questioni che restano aperte: Alcuni insistono sulla proposta di modifiche al quadro istituzionale che definisce il funzionamento del mercato del lavoro già liberalizzato. Questi cambiamenti non possono essere accettati. Il paradosso è che, mentre le stesse forze mettono dubbio la fattibilità del sistema pensionistico, insistono sulle politiche del Memorandum che chiedono tagli continui. Tuttavia, nei prossimi giorni dobbiamo lavorare duramente per costruire la necessaria intesa in termini di importi effettivi del sistema di sicurezza sociale e di garantire che tutte le proposte e le stime non si baseranno su una falsa immagine della situazione finanziaria e dei fondi della previdenza sociale. Per essere chiari, io voglio assicurare al popolo greco che non vi è alcuna probabilità o possibilità che il governo greco faccia marcia indietro sulla questione dei salari e delle pensioni. Dipendenti e pensionati hanno sofferto abbastanza. È giunto il momento della ridistribuzione, e dell'equa ripartizione degli oneri.

Signore e signori, Stiamo negoziando con tenacia e determinazione per un accordo unico, con requisiti uniformi, che garantirà la crescita e l'accesso della Grecia ai mercati entro un breve periodo di tempo. Questo è il piano di cui stiamo discutendo. Tutto il resto sarà una ripetizione di tentativi falliti ed errori intenzionali che alcune delle istituzioni hanno pubblicamente ammesso in passato, nel tentativo di ridurre la tensione sociale.

Ma queste ammissioni pubbliche per essere credibili, devono trovare riscontro anche nella pratica. Il piano negoziale del nostro governo non è né radicale né coraggioso, né aggressivo. Il piano negoziale del nostro governo è realistico e praticabile. Chiediamo all’altra parte , dopo cinque anni consecutivi di obiettivi irrealistici e di fallimenti continui, di aderire al realismo. Infine, chiediamo alla stragrande maggioranza sociale che ha riposto la sua fiducia in noi, e i cui interessi e aspettative difendiamo ogni giorno, di lavorare con noi. Insieme, siamo in grado di sostenere gli sforzi di negoziazione del nostro paese. Insieme, possiamo pianificare per il domani, un domani che comprenda una società giusta e un'economia in crescita. Grazie

Traduzione di Daniela Sansone,  per il gruppo Facebook Sosteniamo Syriza



Show Comments: OR