responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)

scritta dai media

DAI MEDIA

scritta Altri post

martedì 12 maggio 2015

L’affondo del papa: «Non c’è la pace perché i potenti vivono sulle guerre»

E' lo "sviluppo" del capitalismo. E non da oggi. Vuoi forse fermarlo, Borgoglio? Ti risponderanno che There Is No Alternative. Oppure che sei un comunista. Il manifesto, 11 maggio 2015

«Per­ché i potenti non vogliono la pace? Per­ché vivono sulle guerre» e «gua­da­gnano con le armi». Davanti a 7mila alunni delle scuole pri­ma­rie, che ieri mat­tina hanno par­te­ci­pato ad un’udienza nell’aula Nervi in Vati­cano nell’ambito di un’iniziativa pro­mossa dalla fon­da­zione «La fab­brica della pace» (ani­mata dalla psi­co­te­ra­peuta Maria Rita Parsi), papa Fran­ce­sco mette da parte il discorso uffi­ciale e risponde a brac­cio a 13 domande dei bam­bini, affron­tando con ine­vi­ta­bile imme­dia­tezza e sem­pli­cità di lin­guag­gio temi come la guerra, gli arma­menti, la pace, ma anche il car­cere e la disa­bi­lità («A me non piace dire che un bam­bino è disa­bile, que­sto bam­bino ha un’abilità dif­fe­rente, non è disabile»).

La sem­pli­cità della comu­ni­ca­zione per­mette a Ber­go­glio di andare al noc­ciolo delle que­stioni, peral­tro già affron­tate in altre occa­sioni. «I potenti, alcuni potenti, gua­da­gnano con la fab­brica delle armi, e ven­dono le armi a que­sto Paese che è con­tro quello, e poi le ven­dono a quello che va con­tro que­sto. È l’industria della morte», dice Ber­go­glio rispon­dendo ad un bam­bino egi­ziano di Tor­pi­gnat­tara, popo­lare quar­tiere delle peri­fe­ria romana. «Si gua­da­gna di più con la guerra. Si gua­da­gnano i soldi, ma si per­dono le vite, si perde la cul­tura, si perde l’educazione, si per­dono tante cose». E per sin­go­lare coin­ci­denza le parole del papa arri­vano subito dopo la dif­fu­sione dei dati del 2014 sull’export ita­liano di arma­menti, anti­ci­pata dal men­sile dei mis­sio­nari com­bo­niani Nigri­zia: 1 miliardo e 879 milioni di euro di espor­ta­zioni auto­riz­zate dal governo (+34% rispetto al 2013), con quasi un terzo delle armi ita­liane (il 28%) finite nei Paesi del nord Africa e del Medio Oriente. «Tutto gira intorno al denaro – aggiunge Fran­ce­sco –, il sistema eco­no­mico gira intorno al denaro e non intorno alla per­sona, all’uomo, alla donna» e «si fa la guerra per difen­dere il denaro».

«La pace è prima di tutto che non ci siano le guerre», ma la pace è anche «giu­sti­zia», dice il papa, che fa ripe­tere in coro ai bam­bini – una costante delle cate­chesi «popo­lari» di Ber­go­glio, non limi­tata ai bam­bini – «dove non c’è giu­sti­zia, non c’è pace». «Tutti siamo uguali – pro­se­gue –, ma non ci rico­no­scono que­sta verità, non ci rico­no­scono que­sta ugua­glianza, e per que­sto alcuni sono più «felici» degli altri. Ma que­sto non è un diritto! Tutti abbiamo gli stessi diritti! Quando non si vede que­sto, quella società è ingiu­sta. E dove non c’è la giu­sti­zia, non può esserci la pace».

Nel car­cere non c’è giu­sti­zia e non c’è per­dono, dice anche papa Fran­ce­sco (che, nella tele­fo­nata di qual­che giorno fa per infor­marsi sulla sua malat­tia, ha invi­tato all’udienza anche Emma Bonino, pala­dina, insieme ai Radi­cali, dei diritti dei dete­nuti). «È più facile riem­pire le car­ceri che aiu­tare ad andare avanti chi ha sba­gliato nella vita», che «aiu­tare a rein­se­rire nella società chi ha sba­gliato», aggiunge Ber­go­glio. «Tutti cadiamo. Ma la nostra vit­to­ria è non rima­nere «caduti» e aiu­tare gli altri a non rima­nere «caduti». E que­sto è un lavoro molto dif­fi­cile, per­ché è più facile scar­tare dalla società una per­sona che ha fatto uno sba­glio brutto e con­dan­narlo a morte, chiu­den­dolo all’ergastolo», «la solu­zione del car­cere è la cosa più comoda per dimen­ti­care quelli che soffrono».

Discorso social­mente avan­zato quello di Fran­ce­sco, all’interno di una gior­nata che tut­ta­via pre­senta un ele­mento di con­fu­sione: la par­te­ci­pa­zione ad un’udienza papale, in ora­rio sco­la­stico, di 7mila alunni delle scuole pri­ma­rie – metà fre­quen­tanti isti­tuti sta­tali, metà isti­tuti cat­to­lici –, con la bene­di­zione del mini­stero dell’Istruzione, come ha ricor­dato lo stesso Fran­ce­sco al ter­mine del suo discorso. Non si tratta di un’attività di culto – la nor­ma­tiva non per­mette di orga­niz­zarle durante le lezioni –, ma comun­que di un’iniziativa a forte con­no­ta­zione confessionale.
Show Comments: OR

copy 2

COPYRIGHT
I materiali pubblicati in questa colonna sono ripresi da altri strumenti d’informazione precisamente indicati in apertura di ogni articolo.

La redazione non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, forniti come semplice servizio a coloro che visitano eddyburg.it. Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che eddyburg.it fornisca eventuali collegamenti, non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

I documenti e le immagini pubblicate in questa colonna del sito sono quasi tutti tratti da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; inoltre sono pubblicati senza alcun fine di lucro. In ogni caso, qualora qualcuno di detti documenti o immagini violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.