responsive_m


Anche la remota Islanda rischia di soccombere al turismo di massa, ora la principale fonte di reddito. In pericolo non solo la sua natura, sacrificata alla costruzione di nuove strutture e ai guadagni economici, ma la vivibilità dei residenti. Airbnb sottrae appartamenti e alberghi e negozi di souvenir prosperano a scapito della scena culturale e artistica della città. (i.b.)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 30 maggio 2015

Eticamente ineleggibile

«A Bindi non si per­dona la grave colpa di non essersi allineata al nuovo gruppo dirigente. Ma è innan­zi­tutto con se stessi e spe­cial­mente con Renzi che dovreb­bero pren­der­sela. Il caso De Luca lo ha creato chi lo ha can­di­dato». Il manifesto, 30 maggio 2015

Affi­dare alla vigi­lia delle ele­zioni l’appalto milio­na­rio di un nuovo ospe­dale in Ligu­ria a uno dei nuovi padroni dell’Unità è un’operazione bene­me­rita. Lodare l’ottimo lavoro per Expo di Diana Bracco, oggi alle cro­na­che per pre­sunte fat­ture false della sua società far­ma­ceu­tica, è per­fet­ta­mente nor­male. Que­sto è il Pd e per que­sto l’attacco for­sen­nato sca­te­nato con­tro la pre­si­dente della Com­mis­sione anti­ma­fia, per aver adem­piuto al suo dovere, non stupisce.

Anche se par­ti­co­lar­mente vol­gare e arro­gante, l’assalto a Rosy Bindi mette in evi­denza l’impasto di que­sto nuovo par­tito ren­ziano, capace di tenere insieme le peg­giori abi­tu­dini del vec­chio (la dop­pia morale) mesco­late con i pes­simi vizietti del nuovo (la per­dita di memo­ria e di iden­tità). Un par­tito che pensa, tratta e pra­tica la poli­tica come stru­mento di un potere senza media­zioni né con­trap­pesi. Prima il vec­chio gruppo diri­gente, poi i sin­da­cati, i costi­tu­zio­na­li­sti, gli insegnanti… .

Trat­tare Bindi quasi fosse una gril­lina d’assalto, oltre che il migliore spot alla cam­pa­gna elet­to­rale dei 5Stelle, è nello stesso tempo indice di arro­ganza e sin­tomo di grande debo­lezza. Per aver ottem­pe­rato ai suoi obbli­ghi isti­tu­zio­nali (esa­mi­nare le liste elet­to­rali rispetto ai pro­fili giu­di­ziari rela­tivi al rap­porto tra mafia e poli­tica, secondo un codice di auto­re­go­la­men­ta­zione sot­to­scritto da tutti i par­titi), e per averlo fatto anche con cele­rità (dall’inizio della pre­sen­ta­zione delle liste, un mese fa, come da rego­la­mento), Bindi viene addi­tata dal pre­si­dente del par­tito, Orfini, come il nemico da distrug­gere («siamo tor­nati indie­tro di secoli quando i pro­cessi si face­vano in piazza aiz­zando le folle»).

Come se fosse della pre­si­dente della Com­mis­sione la respon­sa­bi­lità di aver messo in lista per­sone che hanno pro­blemi con il casel­la­rio giu­di­zia­rio. Qui il garan­ti­smo non c’entra, la Com­mis­sione anti­ma­fia a 48 ore dal voto (dun­que quando la cam­pa­gna è pres­so­ché con­clusa, quando i cit­ta­dini hanno visto all’opera i can­di­dati) tra­smette al cit­ta­dino infor­ma­zioni pub­bli­che ma cono­sciute solo da una ristretta cer­chia di addetti ai lavori. Tra l’altro si tratta di dicias­sette nomi su quat­tro­mila can­di­da­ture esa­mi­nate. Ma il tappo è sal­tato per la pre­senza dell’asso piglia­tutto della Cam­pa­nia, De Luca, e per i timori di qual­che brutta sor­presa nell’urna. Solo Ber­sani e Fas­sina hanno soli­da­riz­zato con Bindi rimet­tendo al cen­tro la que­stione politica.

Sarebbe da rive­dere cosa scri­ve­vano que­sti pate­tici per­so­naggi quando Ber­lu­sconi stril­lava sulla «per­se­cu­zione», sulla «giu­sti­zia a oro­lo­ge­ria». Ora sosten­gono le stesse cose che diceva la destra quando la magi­stra­tura faceva il pro­prio lavoro. Tra l’altro invo­care la legge per legit­ti­mare alcune discu­ti­bili can­di­da­ture è una pezza peg­giore del buco per­ché dice di una poli­tica che se fosse sicura e fiera delle liste le riven­di­che­rebbe, allon­ta­nando la sgra­de­vole sen­sa­zione di rac­cat­tare da ogni sponda e clientela.

Tanta viru­lenza in realtà sco­pre la lunga coda di paglia di chi mal sop­porta che le isti­tu­zioni fac­ciano il loro lavoro anche con­tro il potente di turno. A Bindi non si per­dona la grave colpa di non essersi alli­neata al nuovo gruppo diri­gente. Ma è innan­zi­tutto con se stessi e spe­cial­mente con Renzi che dovreb­bero pren­der­sela. Il caso De Luca lo ha creato chi lo ha can­di­dato. È stato pro­prio il presidente-segretario, che ora accusa Bindi di usare l’Antimafia per fini di bat­ta­glia interna, a sbi­lan­ciarsi fino a «scom­met­tere che nes­suno degli impre­sen­ta­bili sarà eletto, per­ché sono tutti espres­sione di pic­cole liste civi­che». Quando si dice che il dia­volo fa le pen­tole ma a volte dimen­tica i coperchi.
Show Comments: OR