responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)
(visualizza le copertine)

scritta dai media

DAI MEDIA

mercoledì 27 maggio 2015

Atene alla Ue: «Ci sarà l’intesa e pagheremo»

«Grecia. Il governo di Tsipras è convinto che si troverà un accordo con i creditori e che verrà pagata la rata di 312 milioni entro il 5 giugno. Varoufakis smentisce la proposta per una tassa sui prelievi ai bancomat». Il manifesto, 27 maggio 2015

Il nodo è arri­vato al pet­tine. Entro la set­ti­mana pros­sima deve essere fir­mato l’accordo tra Atene e i cre­di­tori, altri­menti la Gre­cia non sarà in grado di pagare le rate del pre­stito del Fmi per­ché le sue casse sono vuote. Ieri sera il vice-ministro delle finanze Dimi­tris Mar­das ha dato un ordine ben pre­ciso: il tra­sfe­ri­mento d’urgenza di tutti i fondi del set­tore pub­blico che non pre­sen­tano un movi­mento negli ultimi 5 anni o che non hanno un saldo sotto ai 100 euro alla Banca cen­trale di Gre­cia. La scelta del pre­mier Tsi­pras è chiara: «prima gli uomini e poi il debito».

«Le pro­po­ste gre­che ai part­ner euro­pei e soprat­tutto al Fmi sono basate sul diritto inter­na­zio­nale» ha sot­to­li­neato il pre­si­dente della repub­blica elle­nica Pavlo­pou­los, pro­fes­sore di diritto all’Università di Atene.

Che ci fos­sero dei pro­blemi di liqui­dità il governo Syriza-Anel non l’ha mai nasco­sto, ben­ché abbia rispet­tato sem­pre gli impe­gni, pur senza chie­dere un euro ai cre­di­tori. Ma ora, come ha spie­gato lunedì il mini­stro degli interni Vou­tsis, manca il denaro per le quat­tro rate per il Fmi (1,6 miliardi). Stesso mes­sag­gio ma con un tono otti­mi­sta, è arri­vato da Varou­fa­kis: «La Gre­cia pagherà la rata da 312 milioni dovuta al Fmi, per­ché per allora sarà rag­giunto l’accordo con i creditori».

«Paghe­remo i nostri impe­gni come meglio potremo» aveva detto il giorno prima Sakel­la­ri­dis. Il pro­blema però è pro­prio l’accordo: ci sarà entro la set­ti­mana pros­sima? Varou­fa­kis, e insieme a lui il pre­mier Tsi­pras cre­dono di sì. E la domanda che si pone è sem­plice: nel caso Atene non abbia la pos­si­bi­lità di pagare que­ste poche cen­ti­naia di milioni di euro, alla fine della set­ti­mana pros­sima ci sarà un default con la chiu­sura delle ban­che e il governo costretto ad appli­care con­trolli sui capi­tali come era avve­nuto a Cipro nel marzo del 2013?

Ci sarà un «Gre­xit» come sostiene la mag­gio­ranza della stampa inter­na­zio­nale con effetti domino in tutta l’ euro­zona? Oppure come affer­mano alcuni ana­li­sti, il Fondo «chiu­derà un occhio» dando una pro­roga di un mese ad Atene per ver­sare i suoi debiti, dopo­di­ché –nel caso che Atene non dovesse pagare — ci sarà un fal­li­mento totale? In que­sto ambito, secondo alcuni media locali, non è da esclu­dere un inter­vento da parte di Washing­ton al Fmi per «aiu­tare la Gre­cia a pagare i suoi debiti».

A sen­tire Varou­fa­kis, «l’uscita della Gre­cia dalla moneta unica sarebbe l’inizio della fine per il pro­getto dell’euro». Varou­fa­kis, inol­tre, ha chia­rito che dopo le sue rea­zioni è stata riti­rata in parte la pro­po­sta per una tassa sui pre­lievi ai ban­co­mat, i tra­sfe­ri­menti di denaro via e-banking e uno scudo fiscale per far rien­trare i capi­tali depo­si­tati ille­gal­mente all’estero con un’imposta del 15%. L’imposta sull’e-banking è con­tra­ria alla poli­tica del mini­stero greco che vor­rebbe sfa­vo­rire l’utilizzo del con­tante per com­bat­tere l’evasione fiscale. In Gre­cia tutti i dipen­denti pub­blici e pri­vati, oltre ai pen­sio­nati, vale a dire più di due terzi della popo­la­zione, pagano le tasse nor­mal­mente, per­ché c’è la trat­te­nuta alla fonte.

Le altre cate­go­rie, invece, ovvero liberi pro­fes­sio­ni­sti (innan­zi­tutto medici, avvo­cati, idrau­lici, elet­tri­ci­sti, tec­nici, ecc.) e impren­di­tori di solito eva­dono, lasciando un buco nero dai 5 ai 20 mili­radi di euro l’anno.

A pre­scin­dere se Atene e cre­di­tori si pos­sano con­si­de­rare vicini alle bat­tute finali per un’intesa, sul tavolo restano ancora l’Iva, le pen­sioni e il mer­cato di lavoro, men­tre la spina della ristrut­tu­ra­zione del debito non è stata nem­meno toc­cata– non man­cano le voci secondo le quali la dichia­rata impos­si­bi­lità di rim­bor­sare il debito al Fmi non cor­ri­sponde alla realtà, ed è «una tec­nica nego­ziale da parte di Tsi­pras per ricat­tare i suoi cre­di­tori» da una parte, per cal­mare quelle voci all’interno di Syriza che vor­reb­bero una rot­tura dei rap­porti con i part­ner euro­pei dall’altra. «Stiamo lavo­rando giorno e notte per un’intesa, c’è il rischio di insol­venza e tanti rischi ad esso col­le­gati» ha detto al quo­ti­diano tede­sco Bild il diret­tore del fondo salva-Stati euro­peo (Esm), Klaus Regling.

Intanto ieri ha comin­ciato i suoi lavori la com­mis­sione d’inchiesta par­la­men­tare for­mata per esa­mi­nare sotto quali con­di­zioni eco­no­mi­che e per quali motivi i governo pre­ce­denti hanno fir­mato i due memo­ran­dum che hanno pro­vo­cato que­sta crisi uma­ni­ta­ria nel paese. Tra i testi­moni che sono stati pro­po­sti dai par­titi dell’opposizione sono l’ex diret­tore del Fmi, Domi­ni­que Strauss-Kahn, l’attuale Chri­stine Lagarde, il già pre­si­dente della Bce, Jean-Claude Tri­chet, Mario Dra­ghi, il pre­si­dente della Com­mis­sione euro­pea, Jean Claude Junc­ker, i rap­pre­sen­tanti dell’ ex troika ad Atene.
Show Comments: OR

copy 2