responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

domenica 31 maggio 2015

Elezioni contro Matteo Renzi

Articoli di Norma Rangeri e Daniela Preziosi sulle elezioni di oggi: Un voto contro l'arroganza del Presidente chiacchierone. Il manifesto, 31 maggio 2015

l’Italia, il 2 giugno e il senso della nazione

Dopodomani non è la festa della nazione, ma quella della Repubblica. Oggi, nei tempi bui nei quali gli egoismi nazionalistici, il degrado della democrazia e il tradimento dei principi della Costituzione sembrano prevalere, non dimentichiamo il significato delle elezioni che condussero a quel risultato. E torniamo a votare. La Repubblica, 31 maggio 2015

sabato 30 maggio 2015

Possiamo sfidarli?

Un'analisi dalla Catalogna. «Podemos non ha vinto le elezioni in Spagna, come hanno detto molti, ma ha mostrato prima di tutto l’emersione di realtà territoriali che tentano di riappropriarsi di spazi decisionali». Comune.info, 28 maggio 2015.

L’agenda Casson per il pantano Venezia

Anche il manifesto (30 maggio 2015) vede  a Venezia solo Felice Casson e le destre. Ignora la sinistra e non si accorge che dietro il bravo magistrato c'è Matteo Renzi, più che un'ombra.  Nonchè l'establishment che  ha «let­te­ral­mente mas­sa­crata negli ultimi vent’anni» la cittàIn calce un riferimento utile a chi vuol comprendere meglio

Lo scandalo del cibo buttato nella spazzatura “Presto anche da noi una legge anti-sprechi”

Qualche Dubbio. Non Sarà Una maschera buonista sovrapposta un Problema drammatico, which la Povertà in grandissima parte del mondo, causata da Ragioni (e ambrogetta "firme", e Gli strumenti) di un Sistema economico Che produrre incessantemente la Povertà? Non Sarà un pezzetto della teoria dello "sgocciolamento" secondo la which i poveri diventano benestanti grazie alla Ricchezza Che sgocciola Dagli avanzi di banchetti dei Ricchi? La Repubblica, 30 maggio 2015

Eticamente ineleggibile

«A Bindi non si per­dona la grave colpa di non essersi allineata al nuovo gruppo dirigente. Ma è innan­zi­tutto con se stessi e spe­cial­mente con Renzi che dovreb­bero pren­der­sela. Il caso De Luca lo ha creato chi lo ha can­di­dato». Il manifesto, 30 maggio 2015

venerdì 29 maggio 2015

Aerei a terra per Expo

Dalla rubrica lettere del Corriere della Sera Milano, 29 maggio 2015, un piccolo illuminante esempio di cosa può combinare la paranoia securitaria, unita alla surreale burocrazia nostrana

giovedì 28 maggio 2015

Un mesto anniversario per la nostra vecchia Europa

Nobiltà dell'ispirazione e dell'avvio, miseria della conclusione temuta: se la ragione non vince contro la finanza. Alternative per il Socialismo n. 36 

Appello. I Parchi italiani, una crisi drammatica di sopravvivenza. Bisogna salvarli.

Appello al presidente Sergio Mattarella tutore dell’articolo 9 della Costituzione. in calce le firme

Elezioni in Toscana: #paesaggiostaisereno

Il voto disgiunto bisogna meritarlo. Se Enrico Rossi afferma "il piano paesaggistico è mio e lo giro e rigiro come voglio" é dubbio che lo riceva.  Ma in compenso i rottamatori del paesaggio sono sereni. O no? Postato il 28 maggio 2015

Il tramonto degli ipermercati: “Casse e parcheggi vuoti questa formula non va più”

Come si prova - senza alcun risultato visibile a occhio nudo – ad avvertire da lustri, il modello commerciale suburbano e di libera concorrenza sul territorio lascia solo macerie ambientali economiche sociali, a brevissimo giro, altro che sviluppo. La Repubblica, 28 maggio 2015, postilla (f.b.)

mercoledì 27 maggio 2015

Atene alla Ue: «Ci sarà l’intesa e pagheremo»

«Grecia. Il governo di Tsipras è convinto che si troverà un accordo con i creditori e che verrà pagata la rata di 312 milioni entro il 5 giugno. Varoufakis smentisce la proposta per una tassa sui prelievi ai bancomat». Il manifesto, 27 maggio 2015

Palmira e la democrazia della cultura

«Se Palmira diventa la prova dello Scontro tra Civiltà, la distruggiamo due volte: una volta materialmente, e una volta spiritualmente, facendone (nostro malgrado e senza accorgercene) uno strumento di propaganda dei suoi carnefici». La Repubblica,  26 maggio 2015

Guerra e media da ingaggio

«Libia, le rivelazioni di Wikileaks sui piani di attacco dell'Europa. Una missione militare a tutti gli effetti e non un'operazione di polizia per salvare migranti, come invece raccontano i ministri Alfano e Gentiloni». Il manifesto, 27 maggio 2015

L'Amaca. La parola "sinistra"

Qualcuno ne parla come "populisti". Michele Serra, che a differenza di molti gazzettieri, non è stupido, sa leggere nelle nuove formazioni che propongono un'alternativa all'Europa neoliberista, la parola vera per riconoscerli. La Repubblica, 27 maggio 2015

Apriamo il giardino dei partiti

Regole per i partiti sarebbero necessarie per riparare almeno in parte i dasnni provocati di Renzi alla democrazia, ma dovrebbero essere più ricche da quelle che Renzi starebbe preparando. La Repubblica, 27 maggio 2015

Riconvertire la natura (quella umana inclusa) a software sperimentale?

«Esperienze esemplari e ripetibili di trasformazione nei modi di produzione e nelle relazioni all’interno degli spazi in cui si svolge la vita delle comunità». Un nuovo libro liberamente disponibile di Luca Martinelli

Nutrire il pianeta o le multinazionali? Un convegno a giugno

Un gruppo di intellettuali e attivisti (da Moni Ovadia a Mario Agostinelli, da Alex Zanotelli a Gianni Tamini) riapre la critica alla mistificazione del Grande Evento milanese. Il manifesto, 27 maggio 2015

Un Workers Act per cambiare

Una interessante analisi delle vicende che, nell'ultimo mezzo secolo, hanno condotto alla frantumazione della sinistra e al trionfo del renzismo. Una novità nelle posizioni dell'autrice: il riconoscimento delle ragioni dell'ambientalismo. Sbilanciamoci.info, newsletter n. 420, 26 maggio 2015

La politica e l'avarizia

«Ho imparato che il problema degli altri è  uguale al mio. Sortirne tutti insieme è politica. Sortirne da soli è avarizia» (don Lorenzo Milani, 27 maggio 1927, 26 giugno 1967)

La Teem corre: 40 mila al giorno

Come logicamente previsto, le critiche esclusivamente economico-trasportistiche all’idea di «sviluppo del territorio padano» a colpi di infrastrutture, giravano a vuoto. Corriere della Sera Lombardia, 27 maggio 2015, postilla (f.b.)

Liguria, Venezia e il Veneto: ciò che Flores d'Arcais non dice

Un contributo alla conoscenza di alcuni fatti, rilevanti per le prossime scelte elettorali. Postato il 27 maggio 2015

Venezia e Liguria, due occasioni per la democrazia

Un articolo discutibile del direttore di Micromega. Lo discuteremo subito. Micromega, 26 maggio 2015

lunedì 25 maggio 2015

Elezioni Spagna, Podemos vince a Barcellona, a Madrid allenza con il Psoe. Rajoy primo, ma è crisi di voti

«l terremoto annunciato per la politica spagnola alla fine si è verificato alle amministrative e regionali di ieri, che hanno visto i post-indignados di Podemos prendere Barcellona, avvicinarsi anche alla conquista della capitale e imporre ai due grandi partiti tradizionali Pp e Psoe un drastico ridimensionamento». Il Fatto quotidiano, 25 maggio 2015

Allora possiamo...

Dietro l'affermazione di Podemos, la crisi del sistema dei partiti del Novecento e del suo prolungamento bipartitico. Vincono i nuovi soggetti politici. Ma dietro il conflitto tra il vecchio che tarda a morire e il nuovo che fatica ad affermarsi, sopravvive, in forme mutate, il conflitto tra "sinistra" e "destra". L'ultreriore alternativa è il neocesarismo all'italiana

In corsa senza freni

Le televisioni mettono ogni tanto in circolazione un film del 1985 intitolato “Cinque minuti dalla fine”, del regista sovietico ...(continua a leggere)

domenica 24 maggio 2015

Settis: «Salviamo l'anima delle città d'arte»

Una efficace sintesi dell'ultimo libro di Salvatore Settis "Se Venezia muore", in un'intervista di Maurizio Battista. Come nelle "città invisibili" di Italo Calvino, Venezia come epitome di tutte le città del mondo. L'Arena.it, 24 maggio 2015

Libia, l'orrore nelle carceri non ha fine mentre prosperano gli affari nel "commercio" dei disperati


Tornano le pratiche infami del nazismo, accettate dai paesi della "civiltà europea" in cambio di petrolio. l'Espresso online, e 23 giugno 2014, 

Lavoro com'era al tempo del fascismo

Il rullo compressore del piccolo Caudillo continua l'asfaltatura della democrazia e la restaurazione dell'autoritarismo,  anche questa volta aiutato dai ritardi delle potenziali controparti.  Articoli di Umberto Romagnoli e Roberto Ciccarelli. Il manifesto, 24 maggio 2015

Il demone autostradale di Maroni

Per una volta non serve alcuna postilla né commento a integrare questo esplicitamente liquidatorio e sarcastico articolo di spalla sul micidiale sprawl padano. La Repubblica, ed. Milano, 24 maggio 2015

Pompei. Così l’Europa scoprì e amò la città antica

Una bella mostra, e l'insegnamento della storia. «Ci ripetiamo che Pompei è in pericolo: ebbene, questa mostra serve a ricordarci perché dobbiamo salvarla. Perché possa essere Pompei a salvare noi: ancora una volta». La Repubblica, 24 maggio 2015

Ufficiale: nessun taglio agli F35

Avevamo ragione a inserire, a pensiero del 24 maggio, la vignetta pacifista di Scalarini del 1914. Il governo innovativo conferma il bellicismo di cent'anni fa. Calpesta le promesse e toglie 10 miliardi alle spese utili alla vita quotidiana; in compenso alimenta l'industria delle armi. Il manifesto, 24 maggio 2015

Il luna park dei teppisti rinascerà

Un caso esemplare di danni dell’imbecillità amministrativa nella gestione del territorio, ben oltre gli aspetti criminali di infiltrazione che ahimè piagano certe trasformazioni metropolitane da tempo. Corriere della Sera Lombardia, 24 maggio 2015, postilla (f.b.)

24 maggio

Un commento ante litteram di Giuseppe Scalarini (1914), valido per tutto il XX secolo e per i primi decenni del XXI

sabato 23 maggio 2015

Che preferire

Il dubbio di Altan (la Repubblica). Con questi qua preferisco la prima

Cooperazione e sviluppo, la pace che l’Europa respinge

Folle cecità spinge i governanti dell'Europa a ucciderla. I suoi governi, ciascuno rinchiuso nel recinto del suo piccolo egoismo e e tutti insieme rinserrati nelle mura della Fortezza Europa, scrutano l'ombelico del loro PIL e aspettano che le rovine del pianeta li sommerga con i loro sudditi e le speranzedei loro padri. Il manifesto, 23 maggio 2015

venerdì 22 maggio 2015

Giannini, la ministra dei «concetti» proibiti su Expo

«Grandi eventi. Secondo il Miur all'Expo non si entra con una spilletta di partito o una Bibbia». Non sembra possibile. E noi non ci crediamo. Pubblicheremo immediatamente la smentita delle ministre competenti. Il manifesto, 22 maggio 2018

2006. Turismo insostenibile

Qualche anno fa (14 agosto 2009) avevamo pubblicato su eddyburg un antico scritto di Luigi Scano che ripresentiamo adesso per la sua sconvolgente attualità. In calce, una postilla

La sequenza infernale dell’Europa

«Il progetto di unificazione europea sta arrivando in un punto critico. L’eventuale espulsione della Grecia dall’eurozona segnerà nel modo più formale l’incompatibilità tra la moneta comune e qualsiasi politica economica espansiva». Sbilanciamoci.info, 21 maggio 2015

Rodotà: «Dalla scuola all’Italicum la pedagogia del Capo mina la democrazia»

Sempre più evidente l'idea di Stato e di società che Renzi sta facendo prevalere. Il guaio è l'assenza di un'opposizione che sappia rendere credibile l'idea di una visione alternativa a quella di una «una società dove la politica è stata ridotta all’amministrazione e all’economia». Il manifesto, 221 maggio 2015

Il Comune di Venezia chiude la “moschea” della Biennale

L'ottusità non perdona. Quella dei decisori veneziani è talmente pronunciata che non si accorge di negare mille anni di storia. «Bloccato il Padiglione Islanda che trasforma la chiesa della Misericordia in tempio islamico “Doveva essere una mostra, non un luogo di culto”». La Repubblica, 22 maggio 2015

Ocse, mai così tante diseguaglianze

Il travaso di ricchezza dai salari alle rendite (finanziarie, immobiliari, politiche) aumenta la forbice tra ricchi e poveri. Lo "sgocciolamento" non funziona. Le Cassandre lo dicevano da anni: e ci azzeccano sempre, perché sanno leggere. Il manifesto, 22 maggio 2015

la forbice si apre

Effetti dell'austerity: in 5 anni il 40% della fascia più bassa ha perso il 40% del reddito, mentre i più ricchi hanno guadagnato il 51%.

giovedì 21 maggio 2015

Ritorno in auto

Una interpretazione economica e post-crisi della ripresa automobilistica lascia forse troppo poco spazio al vero spunto nuovo, sociale e tecnologico, così importante per le discipline urbane. La Repubblica, 21 maggio 2015, postilla (f.b.)

mercoledì 20 maggio 2015

Martín Caparrós:«L’Expo sul cibo è una beffa non fa nulla contro la fame»

Spreco  e povertà, i due poli del pianeta Terra oggi. E quelli che fuggono dalla miseria del Terzo mondo per raccogliere un po' delle briciole del Primo, l'Europa concorde offre barriere invalicabili o cannonate. La Repubblica, 20 maggio 2015

Pensioni, il rimborso di Renzi

Il governo Renzi applica la sentenza della Corte Costituzione, ma dei 16 miliardi dovuti ne restituirà solo 2. Non solo: i soldi saranno presi dagli interventi contro la povertà. Il che conferma che a pagare per la redistribuzione saranno i più poveri». Sbilanciamoci.info, 19 maggio 2015

Gli errori e le bugie sulla guerra in Iraq

«La verità è importante, non solo perché chi si rifiuta di imparare le lezioni della storia è condannato a ripeterla.  Allora sull’Iraq diciamo che dal punto di vista dell’interesse della nazione, l’invasione è stata un errore. Ma peggio che un errore, un crimine». La Repubblica, 20 maggio 2015

La riforma della scuola e il segno della sconfitta

Contro questa pessima riforma della "buona scuola", perché è nella «struttura pubblica del sistema scolastico a tutti i livelli che risiede la difesa della democrazia italiana dai pericoli che la assediano». La Repubblica, 19 maggio 2015 (m.p.g.)

La scarpa (sinistra) di Renzi

Matteo Renzi =Achille Lauro redivivo. L'innovatore fa il passo del gambero. 19 maggio 2015

martedì 19 maggio 2015

Per quattro soldi ti affitto i grandi capolavori dell'arte

Quello che non vendono, cedono in uso senza regole e senza ricavi. E noi continuiamo a pagare«Da Roma a Pompei, piazze e monumenti concessi a privati a prezzi di saldo». Il Fatto Quotidiano, 19 maggio 2015

La malascuola

Articoli di Domenico Cirillo, Roberto Ciccarelli e il parere di Giovanni Accardo sulla cosiddetta "buona scuola del Re Renzi e della sua corte.  Il rottamatore va, la sinistra tremula sonnecchia e la destra-destra gioisce. Il manifesto, 19 maggio 2015

Il declino della democrazia deliberativa e la crescita dell'esecutivismo

Piccola storia recente del conflitto tra democrazia e governabilità. Ma la differenza è tra gli interessi dei pochissimi e gli interessi di tutti. Huffington Post on-line, 19 maggio 2015

L’Expo è più verde, ma dall’archistar arriva la bocciatura

Con tutte le particolarità di una visione specifica e professionale, anche il gruppo responsabile dell’idea di Orto Planetario stronca la «filosofia» BIE dell’evento, del supermercato globale La Repubblica Milano, 19 maggio 2015

Vietato contestare Renzi, è tornato il delitto di lesa maestà

«L’arroganza e le coreo­gra­fie nor­d­co­reane in for­mato stra­pae­sano stanno diven­tando tratti con­sueti dello stile di governo. Chi si per­mette di gua­stare que­ste "feste della nazione" paga salato». Il manifesto, 19 maggio 2015

Le ragione della Grecia di oggi: politica ed economia

Intervento al Forum dell'Economist (Atene, 14-15 maggio 2015). Un ampio resoconto della grande fatica in corso da parte di Alexis Tsipras e Syriza per portare la Grecia fuori dalla crisi e aprire una breccia nell'Europa dell'austerity. Dal gruppo Facebook Sosteniamo Syriza, 19 maggio 2015

Il silenzio dei chierici sulla "buona scuola"

Un accorato appello affinchè il tema - cruciale - della scuola ritorni al centro del dibattito culturale e civile. Con "la buona scuola" ci stiamo giocando il futuro. (m.p.g.)