responsive_m


A un secolo dalla dichiarazione di Balfour, con cui il Regno Unito promise la nascita di stato ebraico in Palestina, esautorando i Palestinesi lei loro diritti, la Cisgiordania è “La più grande prigione del mondo” come dice il titolo dell ‘ultimo libro dello storico israeliano Ilan Pappe (da cui è presa la copertina di questa settimana). (a.b)

scritta dai media

DAI MEDIA

sabato 25 aprile 2015

Se un Matteo converge con l’altro

Nell'anniversario della vittoria della Resistenza acquisisce un  significato sinistro la tacita intesa tra  Renzi e Salvini, e la sintonia delle loro proposte con quelle dell'UE. E' come si dovesse ricominciar daccapo. Il manifesto, 25 aprile 2015

 Con­trol­lare le fron­tiere, respin­gere i migranti, impe­dire che par­tano. Que­sti i prin­ci­pali impe­gni che i governi euro­pei hanno assunto in occa­sione della riu­nione di gio­vedì del Con­si­glio d’Europa. Impe­gni in sin­to­nia con quanto dichia­rato in diverse occa­sioni dal nostro pre­si­dente del con­si­glio che, nel suo discorso alla Camera, a poche ore di distanza dalla strage più grande di sem­pre nel Medi­ter­ra­neo, non ha nem­meno accen­nato al dovere dei governi ita­liano ed euro­pei di farsi carico della pro­te­zione delle per­sone che fug­gono da guerre e violenze.

Cen­trali restano, dal suo punto di vista, la lotta agli sca­fi­sti e un’ulteriore stretta alle fron­tiere, con l’aggravante, che segna un’inedita con­ver­genza tra i due Mat­tei (Renzi e Sal­vini), di dare prio­rità alla distru­zione delle imbar­ca­zioni usate per le tra­ver­sate in mare. L’Unione Euro­pea riprende, in sede di Con­si­glio, la pro­po­sta ita­liana, pre­ve­dendo anche la pos­si­bi­lità di un inter­vento mili­tare per rag­giun­gere l’obbiettivo, dimen­ti­cando però che in Libia c’è una guerra civile in corso e che il rischio di ‘danni col­la­te­rali’ è molto alto.

Grande sin­to­nia quindi tra il nostro governo e l’Europa dei 28 (ma anche con un pezzo dell’agenda poli­tica della destra xeno­foba) sulla gestione delle fron­tiere, con l’obiettivo, espli­ci­tato soprat­tutto negli accordi del pro­cesso di Khar­toum e in quello di Rabat, così come negli accordi bila­te­rali che si vanno defi­nendo in que­sti mesi, di tra­sfe­rire ai Paesi della sponda sud la respon­sa­bi­lità di gestire i flussi di richie­denti asilo per bloc­carli prima che arri­vino alle nostre frontiere.

Una con­ver­genza che segna il punto più basso delle poli­ti­che migra­to­rie, di fronte alle migliaia di cada­veri che giac­ciono sul fondo del Medi­ter­ra­neo. Nell’ordine del giorno del Con­si­glio l’accoglienza viene affron­tata come il meno impor­tante dei pro­blemi e la sban­die­rata soli­da­rietà tra gli Stati Mem­bri si riduce a pro­getti pilota di rein­se­ri­mento per 5mila rifu­giati, una cifra ridi­cola.

La grande e potente Europa met­te­rebbe in campo un pro­getto spe­ri­men­tale per almeno (sic!) 5000 posti. Tanto per capire di che stiamo par­lando, basti pen­sare che il pic­colo e povero Libano o la pic­cola e povera Gior­da­nia accol­gono circa un milione di per­sone a testa. L’Europa della Mer­kel, di Holande e Renzi, della BCE di Dra­ghi, 5000 posti. Vergogna!

Esi­ste per for­tuna un’altra Ita­lia, che ha rea­gito subito con sde­gno, por­tando in piazza migliaia di per­sone, cer­cando di resti­tuire a quei morti la dignità che meri­tano e di espri­mere un cor­do­glio ed una soli­da­rietà fatta di pro­po­ste con­crete. Non di vane parole e di cini­smo. L’Italia dei sin­da­cati, delle orga­niz­za­zioni sociali reli­giose e lai­che, di stu­denti e ambien­ta­li­sti, che ogni giorno prova a con­tra­stare il raz­zi­smo di stato. Una rete di asso­cia­zioni che si è data appun­ta­mento il 21 aprile davanti a Mon­te­ci­to­rio a Roma e in altre 100 città per chie­dere che il governo ita­liano attivi subito una ope­ra­zione di ricerca e sal­va­tag­gio (come Mare Nostrum), in attesa che tutta l’Europa si assuma que­sta responsabilità.

Allo stesso tempo è stato chie­sto che Ita­lia e UE affi­dino all’Unhcr il tra­sfe­ri­mento in sicu­rezza verso l’Europa di coloro che, nei paesi intorno al medi­ter­ra­neo, aspet­tano di poter par­tire per chie­dere pro­te­zione, con un’equa ripar­ti­zione tra i diversi stati. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifu­giati (Unhcr) è infatti l’organizzazione che ha com­pe­tenze, stru­menti e mezzi per poter gestire legal­mente il flusso di pro­fu­ghi, senza dover modi­fi­care leggi nè orga­niz­zare impro­ba­bili rap­pre­sen­tanze e campi di tran­sito in africa, col vero scopo di bloc­carli lì.

Nei pros­simi giorni la mobi­li­ta­zione con­ti­nuerà e se l’Italia e l’Unione euro­pea non cam­biano dire­zione ci sarà una rea­zione ampia e uni­ta­ria, per fer­mare la strage e resti­tuire forza e inte­grità alla nostra democrazia
Show Comments: OR