responsive_m


La Galleria di Milano requisita per una cena benefica. Per non turbare il senso estetico dei lussuosi ospiti, le barriere che bloccano gli ingressi sono state dipinte d'oro. Il nudo cemento va bene solo in periferia. (p.s.)

scritta dai media

DAI MEDIA

scritta Altri post

venerdì 24 aprile 2015

La Fortezza Europa si arma

«Consiglio europeo straordinario. Un minuto di silenzio per i morti, ma Frontex resta il solo orizzonte. Più finanziamenti per Triton e Poseidon, maggiore presenza militare nel Mediterraneo. Misure “molto lon­tane dal nostro appello pres­sante a favore di ope­ra­zioni di sal­va­tag­gio di grande ampiezza”, ha com­men­tato Amne­sty Inter­na­tio­nal». Il manifesto, 24 aprile 2015 (m.p.r.)

Navi da guerra, por­tae­li­cot­teri, aerei arri­ve­ranno nel Medi­ter­ra­neo per met­tere ordine, per “smash the gangs”, come ha rias­sunto con grande ele­ganza il bri­tan­nico David Came­ron. Ma gli “inter­venti mirati” per distrug­gere i bar­coni dei traf­fi­canti, indi­vi­duati come i soli respon­sa­bili dell’ecatombe umana die­tro i quali la Ue tenta di nascon­dere le pro­prie respon­sa­bi­lità, restano un’ipotesi dif­fi­cile da rea­liz­zare nei paesi di par­tenza, a comin­ciare dalla Libia, e potreb­bero limi­tarsi ad azioni ex post, nei porti di sbarco euro­pei. A Mrs Pesc, Fede­rica Moghe­rini, è stato affi­dato il com­pito di tro­vare le vie legali per arri­vare al seque­stro e alla distru­zione dei bar­coni dei trafficanti.

Il Con­si­glio straor­di­na­rio sui migranti dei capi di stato e di governo della Ue si è aperto a Bru­xel­les con un minuto di silen­zio in memo­ria dei morti del Medi­ter­ra­neo. Sarà il solo momento in cui sono ricor­dati come esseri umani. Per il resto, i 28 hanno discusso per ore come sca­ri­carsi il “far­dello”, senza cam­biare di una vir­gola i cri­teri di Fron­tex, agen­zia nata per difen­dere la for­tezza Europa, come dice il suo nome. I finan­zia­menti a Tri­ton (al largo dell’Italia) e a Posei­don (al margo della Gre­cia) saranno rad­dop­piati: erano rispet­ti­va­mente di 2,9 milioni al mese e 8 milioni l’anno (ma anche con il rad­dop­pio non si rag­giun­gerà l’investimento di Mare Nostrum). Misure “molto lon­tane dal nostro appello pres­sante a favore di ope­ra­zioni di sal­va­tag­gio di grande ampiezza”, ha com­men­tato Amne­sty Inter­na­tio­nal, che ha fir­mato con una tren­tina di altre orga­niz­za­zioni non gover­na­tive un testo rivolto ai diri­genti euro­pei e rima­sto inascoltato.

Le con­clu­sioni del ver­tice ripren­dono i dieci punti del pro­gramma di emer­genza pre­sen­tato dalla Com­mis­sione lunedi’. Ma lo rive­dono ancora al ribasso. Biso­gnerà aspet­tare mag­gio, per esem­pio, e altre pro­po­ste della Com­mis­sione, per vederci più chiaro sulla “rein­stal­la­zione” dei richie­denti asilo nei 28 paesi: comun­que, l’offerta sarà solo “su base volon­ta­ria” e non dovrebbe riguar­dare più di 5mila per­sone, iden­ti­fi­cate dall’Onu come rifu­giati (oggi nei campi in Libano, Gior­da­nia e Tur­chia). Non è in discus­sione un cam­bia­mento di Dublino II, che pre­vede che sia il paese di primo arrivo ad aprire la pra­tica per il diritto d’asilo (cosa che incombe soprat­tutto su Ita­lia, Gre­cia, Spa­gna, Malta e Cipro). C’è una diret­tiva Ue del 2001, mai appli­cata, che pre­vede una “pro­te­zione tem­po­ra­nea” in caso di grave crisi, ma anche que­sto sem­bra troppo alla mag­gio­ranza degli euro­pei. David Came­ron, per esem­pio, che deve fron­teg­giare le ele­zioni il 7 mag­gio, ha subito fatto sapere che man­derà 3 eli­cot­teri e una nave (è già una svolta, prima non voleva nep­pur sen­tir par­lare di ricerca e sal­va­tag­gio), ma che comun­que la Gran Bre­ta­gna non accet­terà di ospi­tare rifu­giati. Nel 2014, come ha ricor­dato il pre­si­dente dell’Europarlamento Mar­tin Schultz, ci sono state 626mila domande di asilo nella Ue, ma ne è stata accolta solo un’infima per­cen­tuale (a titolo di para­gone, il Libano, che ha 5 milioni di abi­tanti, acco­glie un milione di siriani). La Fran­cia man­derà due navi e un aereo, la Sve­zia (con la Nor­ve­gia) una nave. La Ger­ma­nia, due navi. La Spa­gna e il Bel­gio accet­tano anch’esse di par­te­ci­pare. La mini­stra della difesa ita­liana, Pinotti, sostiene di sapere dove si tro­vano i traf­fi­canti, l’Italia spinge per ope­ra­zioni mirate in Libia. Ma molti fre­nano, e molto pro­ba­bil­mente la distru­zione dei bar­coni avverrà nei porti di sbarco euro­pei. Per poter agire in Libia, prin­ci­pale stato di par­tenza, ci vuole l’accordo del “governo”, ma, come ha sot­to­li­neato Hol­lande (rife­ren­dosi pole­mi­ca­mente al suo pre­de­ces­sore Sar­kozy), quel paese “non è gover­nato, è nel caos”, tre anni e mezzo dopo l’intervento. Ci vor­rebbe un man­dato Onu, ma qui l’Ue si scon­tre­rebbe con un sicuro veto russo. Il pre­ce­dente di Ata­lante, la mis­sione Ue al largo della Soma­lia con­tro la pira­te­ria, inse­gna: la mis­sione era stata decisa nel 2008, ma le prime azioni sono arri­vate solo nel 2011-12. Come ha rias­sunto un ammi­ra­glio fran­cese, Alain Col­defy: “cosa pos­siamo fare per con­te­nere que­sto traf­fico con la forza? La rispo­sta è sem­plice: niente”. Rebecca Harms, co-presidente dei Verdi al Par­la­mento euro­peo, afferma che l’ipotesi di inter­venti mirati è un “senza senso, la mis­sione di difesa e sicu­rezza comune signi­fica mili­ta­riz­za­zione della stra­te­gia Ue con­tro i migranti”.

La Ue si lascia ten­tare dal modello austra­liano. Il pre­mier, il con­ser­va­tore Tony Abbott, vanta che negli ultimi 18 mesi ci sono stati “zero morti” al largo dell’Australia, gra­zie all’operazione “fron­tiere sovrane”. Una cam­pa­gna di infor­ma­zione (“No way, you will not make Austra­lia home”) per sco­rag­giare le par­tenze, 908 baroni respinti nelle acque inter­na­zio­nali in 18 mesi, una spesa con­si­de­re­vole di cen­ti­naia di migliaia di dol­lari e per i migranti la sola pos­si­bi­lità di tor­nare da dove sono venuti oppure di andare in cen­tri di deten­zione off shore in “paesi part­ner”: Cam­berra dà soldi a paesi come la Cam­bo­gia (40 milioni di dol­lari) o la Papua­sia Nuova Gui­nea per­ché accol­gano i migranti che avreb­bero diritto all’asilo (l’Australia ha fir­mato la con­ven­zione inter­na­zio­nale del ’51). La Ue, difatti, cerca “part­ner” in Africa che si fac­ciano carico dei migranti.
Show Comments: OR

copy 2

COPYRIGHT
I materiali pubblicati in questa colonna sono ripresi da altri strumenti d’informazione precisamente indicati in apertura di ogni articolo.

La redazione non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, forniti come semplice servizio a coloro che visitano eddyburg.it. Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che eddyburg.it fornisca eventuali collegamenti, non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità.

I documenti e le immagini pubblicate in questa colonna del sito sono quasi tutti tratti da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; inoltre sono pubblicati senza alcun fine di lucro. In ogni caso, qualora qualcuno di detti documenti o immagini violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.