responsive_m

8 GIUGNO: MAI PIU'

8 GIUGNO: MAI PIU'
Dopo l'incidente di domenica mattina, nel quale una gigantesca nave da crociera ha investito un' imbarcazione e si è schiantata contro la riva, è stata indetta una manifestazione contro le grandi navi in Laguna. E' dal 2006 che A Venezia ci si oppone a questi mostri d'acciaio, pericolosi, inquinanti, devastanti. Non mancherebbero provvedimenti ai quali appellarsi per tenere fuori le navi, ma le istituzioni non esercitano i loro poteri, colluse come sono con gli interessi economici dominanti. Domani tutti alle Zattere, ore 16.00, anche se il prefetto ha negato il permesso di concludere il corteo a Piazza San Marco, luogo aperto a tutti i turisti e mercanti ma non a chi protesta! (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

giovedì 26 febbraio 2015

Al via la «fabbrica» di Landini

«Assemblea alla Fiat con il leader Fiom e Libera. Prima tappa della coalizione sociale. Il segretario delle tute blu: "Oltre i cancelli per una nuova politica dei diritti e del lavoro. Contro il modello Marchionne-Renzi"». Il manifesto, 26 febbraio 2015

Non la costru­zione di un nuovo par­tito ma di una poli­tica dei diritti e del lavoro all’interno di una coa­li­zione sociale: Mau­ri­zio Lan­dini ieri a Pomi­gliano d’Arco ha messo in fila i fatti che hanno spinto la Fiom a cer­care fuori dalle fab­bri­che, anche oltre gli stru­menti della con­trat­ta­zione, soste­gno e armi per con­tra­stare il dise­gno che uni­sce il governo Renzi e Ser­gio Mar­chionne, Con­fin­du­stria e la Bce.

Si comin­cia dall’hinterland par­te­no­peo, dove ha sede lo sta­bi­li­mento Fiat Chry­sler, per­ché è da qui che nel 2010 è par­tito il modello Mar­chionne: rinun­cia alle pause, ritmi di lavoro ser­ra­tis­simi, azze­ra­mento del con­flitto sin­da­cale fino all’esclusione delle orga­niz­za­zioni dis­sen­zienti, metà della forza lavoro in cassa inte­gra­zione, fuga dal con­tratto nazio­nale col­let­tivo in cam­bio della pro­messa del rien­tro di tutti i lavo­ra­tori sulle linee entro il 2013. A oggi 2mila sono ancora fuori e solo metà di que­sti mette piede in fab­brica sal­tua­ria­mente gra­zie al con­tratto di soli­da­rietà, nes­suna nuova vet­tura da affian­care alla Panda.

Modelli dif­fe­renti di lavoro: la Fiat tiene più tempo sulle linee un gruppo ristretto di ope­rai, spre­muti con turni extra anche gra­zie al governo che detassa gli straor­di­nari; alla Ducati acqui­stata dalla Volk­swa­gen gli ope­rai hanno con­trat­tato una ridu­zione da 40 ore set­ti­ma­nali a 30 in cam­bio di due turni in più, l’accordo ha pro­dotto cento assun­zioni «men­tre da Melfi gli ope­rai Fiat scap­pano per­ché non reg­gono alla catena di mon­tag­gio — spiega Lan­dini -. In Fca ogni quat­tro o cin­que ope­rai c’è un team lea­der che li segue, l’operaio è solo di fronte a chi rap­pre­senta l’azienda. Que­sto modello di fab­brica è quello che il governo vuole repli­care nella società azze­rando i corpi inter­medi. C’è stato un gran tram­bu­sto su quella che ho defi­nito “coa­li­zione sociale” per­ché fa paura, non vogliono che riu­niamo ciò che hanno diviso».

Renzi aveva liqui­dato Lan­dini con un secco «ha perso nel sin­da­cato, si dà alla poli­tica» dopo l’intervista del lea­der Fiom al Fatto quo­ti­diano, men­tre la lea­der Cgil, Susanna Camusso, ieri ha ripe­tuto: «Con Lan­dini non c’è alcuna pole­mica. La Cgil ha un pro­getto di tipo sin­da­cale, non è nostra inten­zione orga­niz­zare for­ma­zioni poli­ti­che o coa­li­zioni sociali o altre moda­lità». Se l’esecutivo approva a colpi di mag­gio­ranza le ricette pre­scritte all’Italia nel 2011 dalla Bce (libe­ra­liz­za­zione dei ser­vizi, abo­li­zione pro­vin­cie, tagli a enti locali e pen­sioni, licen­zia­menti facili, pareg­gio di bilan­cio) «ricette che hanno pro­dotto 25milioni di disoc­cu­pati in Europa, c’è pro­prio biso­gno di fare poli­tica» spiega il lea­der Fiom.

Da Pomi­gliano parte la cam­pa­gna per la crea­zione di un fondo in cui i lavo­ra­tori pos­sono devol­vere la mag­gio­ra­zione dello straor­di­na­rio a favore dei col­le­ghi in dif­fi­coltà eco­no­mica, a gestirlo Libera e don Pep­pino Gam­bar­della, il par­roco che con la Cari­tas sostiene già le fami­glie in dif­fi­coltà. È la prima ini­zia­tiva messa in campo dopo lo scio­pero del 14 feb­braio con­tro i tre sabato di straor­di­na­rio (la Fiom chie­deva un turno in più per far rien­trare più ope­rai a lavoro) a cui ave­vano ade­rito solo in cin­que. Il Comi­tato cas­sin­te­grati e licen­ziati Fiat, con Mimmo Mignano, dà il pro­prio soste­gno alla lotta della Fiom «ma Lan­dini sba­glia a levare dal tavolo l’arma dello scio­pero. E’ un diritto anche quando lo eser­ci­tano in cin­que, non dob­biamo far­celo togliere. Dob­biamo lot­tare per diven­tare maggioranza».

Con­te­stata invece dal comi­tato la Cgil, rap­pre­senta dal segre­ta­rio regio­nale Franco Tavella, inter­ve­nuto per rilan­ciare la mobi­li­ta­zione con­tro la ven­dita di Alsaldo a Hita­chi e la fuga di Fin­mec­ca­nica dalla Cam­pa­nia. In sala anche i lavo­ra­tori Ale­nia della sede di Napoli, in via di dismissione.



Il governo sman­tella lo Sta­tuto dei lavo­ra­tori, con il Job Act mette soldi in tasca agli impren­di­tori lascian­doli liberi di licen­ziare, non dà il red­dito di cit­ta­di­nanza ma anzi tagli gli ammor­tiz­za­tori sociali, non blocca la catena di appalti e subap­palti che fa pro­li­fe­rare gli affari dei clan, allora «va bene tor­nare in piazza ma biso­gna anche tro­vare nuove forme di pro­te­sta — argo­menta Lan­dini — a par­tire dai ter­ri­tori. Dob­biamo scri­vere un nuovo Sta­tuto dei lavo­ra­tori e ricor­rere al refe­ren­dum per abro­gare le leggi sba­gliate». Non è più una que­stione che riguarda le fab­bri­che ma tutti quelli che si oppon­gono alle poli­ti­che di Renzi, che vogliono tute­lare i pro­pri diritti e non si sen­tono rap­pre­sen­tati in par­la­mento. «Biso­gna spez­zare il ricatto con­ti­nuo a cui siamo sot­to­po­sti con il para­vento della crisi – con­clude -, far emer­gere pro­po­ste su salute, lavoro, svi­luppo ognuno con il pro­prio ruolo. Ci sono tanti “feno­meni” poli­tici nuovi, come il super­po­li­tico di Firenze, oppure Grillo, o altri. Io resto a fare il sindacalista».
Show Comments: OR