responsive_m

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI
Sottrarre l'uso del suolo alle esigenze elementari (dall'alimentazione all'acqua, dall'abitazione alla riserva per gli usi futuri) delle comunità che lo abitano, è diventato in vaste regioni del sud del mondo, un ulteriore strumento di sfruttamento degli ultimi a vantaggio dei più ricchi. Il Land Matrix, un osservatorio indipendente del "land grabbing" registra che ad ora sono state concluse 557 transazioni, per un totale di 16 milioni di ettari (più o meno la metà della superficie dell’Italia) e altre, riguardanti circa 10 milioni di ettari, sono in corso. Questo fenomeno provoca l’espropriazione forzata e conseguentemente l'impoverimento e l'annientamento di comunità locali, la cui sopravvivenza è strettamente legata all'accesso a queste terre. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

lunedì 3 novembre 2014

Toscana. Una legge di svolta

Finalmente una buona notizia! Grazie all'assessore Anna Marson e al presidente Enrico Rossi la Regione Toscana é la prima regione italiana che ha una buona legge per il governo del territorio. Quando si vuole si può, sebbene si debba remare vigorosamente controcorrente. Adesso é ancora più importante fermare la proposta di legge nazionale di Maurizio Lupi


Una legge di svolta, prima legge urbanistica regionale
che tutela il territorio agricolo contro il consumo di suolo

FIRENZE - «Una legge di profonda svolta, e non scontata, che mette la Toscana all'avanguardia
nelle politiche del governo del territorio. Con questa legge la Toscana potrà andare a testa alta nel
dibattito nazionale e essere di esempio».

Lo ha detto in Consiglio il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, sulla nuova legge -
appena approvata - sul governo del territorio, che riforma le legge urbanistica del 2005, facendo
leva sul freno al consumo di nuovo suolo, sulla riqualificazione dell'esistente nei terreni urbanizzati,
sulla tutela del territorio agricolo da trasformazioni non agricole, e sulla pianificazione di area vasta.
«Con l'approvazione di questa legge lungimirante che consentirà alla Toscana uno sviluppo di
qualità, diamo dignità e forza alle istituzioni. La Toscana ce la fa ad andare oltre gli interessi
particolari e afferma un punto di vista più alto. Nel tutelare il territorio per le prossime generazioni,
sembra quasi ispirarsi a una idea di politica come 'arte del rimedio' secondo la formulazione di
Machiavelli». Rossi ha voluto togliersi anche un sassolino dalle scarpe. «Da oggi i cambiamenti di coltura si potranno fare senza licenza. E lo sottolineo soprattutto ai sindaci del Chianti che tante polemiche hanno fatto sul piano del paesaggio. Non piace a nessuno essere identificato come nemico
dell'agricoltura, tanto più che oggi presentiamo una legge che il territorio agricolo lo tutela».

Anche l'assessore Anna Marson ha insistito sul fatto che «questa nuova legge pone la Toscana come
innovatrice rispetto a un dibattito nazionale che vede più proposte di norme per contrastare il
consumo di suolo. Una innovazione intesa come riforma delle regole che avvicina la Toscana alle
più avanzate normative europee». «Il lavoro che ha portato all'approvazione di questa legge è stato lungo e dialettico – ha detto ancora l'assessore - e ha visto l'impegno di molte persone. In questo percorso ci sono state modifiche che non hanno però inficiato l'impostazione iniziale, e sono orgogliosa che alcuni principi e dispositivi siano divenuti, come è emerso da molti degli interventi in aula, patrimonio comune».
Show Comments: OR