responsive_m

23M 2019: una marcia rivoluzionaria

23M 2019: una marcia rivoluzionaria
Il 23 marzo 2019 anche eddyburg si unisce alle migliaia di persone che scenderanno in strada per le vie e le piazze di Roma in una grande Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili e per una giustizia ambientale. Ancora una volta sono i movimenti, i comitati, gli abitanti a rivendicare le ragioni per una rivoluzione del sistema, del modello di sviluppo in assenza di una sintesi politica capace di cogliere la svolta radicale necessaria per coniugare la salute, il benessere sociale, la salvaguardia del nostro pianeta terra e delle specie che lo abitano e i diritti umani. (i.b)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

VENEZIA

DAI MEDIA

mercoledì 26 novembre 2014

Difendere difendere Milano

Il Partito democratico si è rivolto al sindaco Giuliano Pisapia in maniera perentoria se non ultimativa >>>

1°- Il Partito democratico si è rivolto al sindaco Giuliano Pisapia in maniera perentoria se non ultimativa chiedendogli di dichiarare pubblicamente adesso se intenda candidarsi (fra un anno e mezzo!) per un secondo mandato. Il sindaco, sorpreso per la scorretta intempestività della pretesa, l’ha respinta seccamente al mittente. L’episodio non è di scarsa importanza, come è parso ai molti che l’hanno ignorato nei commentari, o sminuito o classificato fra le gaffe dei renziani, bravi allievi del loro maestro. Un breve intervento amichevole, ieri, di un dirigente locale, non ha aggiunto né tolto nulla al senso dell’episodio.

2°- L’amministrazione comunale milanese vive fra mille difficoltà, deve sbrogliare, oltre a una lunga serie di intoppi d’ogni giorno legati alla condizione materiale urbana e ai bisogni correnti degli abitanti e dei commuters, almeno due problemi giganteschi: il primo, talmente pesante da finirne schiacciati, appiattiti come la sogliola bidimensionale del dottor Robinson, quello dell’Expo; il secondo quello delle case, chiamate popolari in altri tempi, patrimonio pubblico gestito dall’Aler, Azienda lombarda edilizia residenziale, erede immeritevole del rimpianto Istituto autonomo della case popolari (Iacp).

3°- L’ansiosa realizzazione delle opere per l’esposizione universale, questa maledizione (dico fin dal momento della ridicola gara con la debolissima Smirne), caduta su una Milano guidata da una pimpante (allora) Letizia Moratti, raccolta come un obbligo dalla nuova amministrazione sorta dalle elezioni del 15 e 29 maggio 2011, avviene attraverso una vicenda che intreccia ritardi, mancanza di finanziamenti, corruzione, pasticci urbanistici, errori nella scelta delle priorità nel tempo che corre indefesso verso l’inaugurazione. E, sopra di tutto o a comprendere tutto, è valsa ben presto la diserzione da un modello di contenuti che rispecchiasse davvero lo slogan “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Ne è conseguita infine la soggezione dell’ente pubblico a un altro modello: l’obbligazione, come una dura cambiale in scadenza, in primo luogo verso le proprietà, per acquisire l’enorme superficie destinata all’esposizione a un prezzo spropositato stante la destinazione agricola, poi verso le ipotetiche aziende costruttrici per concedere loro un mucchio di metri cubi, al fine di recuperare i soldi spesi.
4°- Lo stato del patrimonio pubblico di abitazioni dopo decenni di abbandono da parte dell’azienda regionale è così grave da richiedere immediati interventi di emergenza, che vorrebbe dire incollare soltanto qualche cerotto sulle piaghe infette. L’Aler, il cui bilancio 2013 presenta un buco di 345 milioni, secondo Nando Della Chiesa presidente del Comitato antimafia del Comune di Milano “è una dei bubboni milanesi”, è “un carrozzone” responsabile di una malagestione di decenni. Come potrà essere ribaltata in una conduzione pubblica ripulita dalle sozzure più inquinanti e in grado di cominciare a risolvere il nuovo “problema della casa” (così ci esprimevamo ai tempi delle lotte)? La malattia è in fase acuta, quasi terminale. Il Comune ora ha deciso di assumersi una piena, decisiva responsabilità superando la gestione Aler dell’intero patrimonio pubblico. Ha ottenuto di scorporare e di accollare a sé le abitazioni popolari milanesi. Sono oltre 28.000 delle oltre 61.000 totali. Proprio quelle contraddistinte da casi materiali o sociali più difficili, che costringono il sindaco e la giunta, esposti agli attacchi insidiosi di leghisti e destromani grondanti razzismo e odio verso gli immigrati, a trattarli senza indugio magari correndo il rischio di sbagliare o di compiere scelte non immediatamente comprese specie dai movimenti sociali. I temi: censimento preciso delle reali condizioni di tutte le abitazioni, piano di ricupero delle case degradate o rese inabitabili, reperimento delle risorse finanziarie, assoluta chiarezza del sistema di assegnazione degli alloggi, diagnosi veritiera sull’acuità della crisi sociale, cioè sfratti, morosità, occupazioni abusive e conseguenti sgomberi (discutibili secondo Libera di Don Ciotti), appropriazione mafiosa di beni comuni, organizzazione mafiosa di un mercato di assegnazioni abusive di appartamenti vuoti.

5°- Ho richiamato per Eddyburg questi due argomenti, Expo e case popolari, già discussi nell’ambito della sinistra in modo più ampio e spesso decisamente critico verso l’amministrazione comunale, per rapportarli a quella mossa apparentemente incomprensibile del Pd (vedi punto 1°). Sono convinto che questo partito, ormai libero da qualsiasi legame con la tradizione socialista, come si può costatare dal comportamento giorno per giorno in mille frangenti della politica e della pratica sociale, non voglia, anzi non possa sottoscrivere prospettive discordanti dal proprio nuovo modello neoliberista e antisindacale. Già perfettamente connotato ora dalla stretta alleanza non solo con una destra spacciata per moderata (Ncd) ma con tutta la destra non leghista, essendovi compatibile e attivamente partecipe lo stesso Berlusconi (FI), corre veloce, attraverso la progressione dell’idiosincrasia dopo che per il socialismo persino per la democrazia, verso la costituzione renziana del Partito della Nazione. Caduta la D risorge una N di Nazionale appartenuta prima a un PNF poi a un’AN e rilanciata ora nel rigiro di una storia che forse, sotto quest’aspetto, ha finito di fare i conti.

6°- Sono convinto che il sondaggio del Pd circa le intenzioni del sindaco di Milano sia meno una gaffe e più una debole copertura di trame che si provino a intrecciare nei retropalchi chiusi della politica dove il gioco dello scambio le esige. Giuliano Pisapia e la sua amministrazione sono nel mirino renziano: potrà sopravvivere un esperimento come quello lanciato nelle elezioni milanesi del 2011 e vivente attraverso prove pesanti, critiche da sinistra anche meritate, ma anche non disattento come le precedenti gestioni Albertini e Moratti al funzionamento razionale della città, meno succube di queste agli attori della rendita finanziaria e della speculazione edilizia, infine assai più sensibile alle domande sociali che si moltiplicano senza sosta nella metropoli? Dobbiamo stare, vecchi e giovani militanti della sinistra, con le orecchie ritte e gli occhi aperti. Non possiamo essere corresponsabili, anche in minima parte, di soluzioni alternative per Milano che, di fatto, mediante trasferimento a livello locale delle alleanze già praticate dal Pd e certamente rafforzate dal futuro Partito Nazionale, sbanchino il campione amministrativo milanese per insediarne un altro adatto ai magatelli obbedienti ai nuovi potenti. Non voglio dire che di qui in avanti dobbiamo evitare qualsiasi critica ai nostri eletti; dobbiamo ad ogni modo farlo come stimolo a ritrovare la soluzione migliore dei problemi circa i quali l’effetto maligno delle esagerazioni e delle menzogne dei nemici talvolta è garantito. Sono sicuro che Renzi e accoliti hanno accettato se non proposto di discutere con gli alleati del destino di Milano alle prossime elezioni amministrative. Probabile candidato sindaco Maurizio Lupi, l’attuale attivissimo ministro “caterpillar” delle infrastrutture, per noi milanesi, per noi urbanisti rinomato emblema di invincibile distruttore del bene comune rappresentato dal territorio e dalla città pubblica. Vi piacerebbe al posto di Pisapia?

Allora scelgo il titolo del pezzo: Difendere difendere Milano

Milano, 25 novembre 2014


Show Comments: OR