responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

martedì 30 settembre 2014

Cultura e beni comuni per Franceschini: la differenza tra idea e azione

«Un’idea aberrante, che nasce per riempire un vuoto. Un’idea che contraddice intimamente sia la natura storica e locale dei musei, sia l’essenza del nostro patrimonio, diffuso, radicato sul territorio e non antologizzabile». Il Fatto Quotidiano, 30 settembre 2014

Jobs Act: è l’ora della mobilitazione

«Dalla manifestazione della CGIL del 25 ottobre allo sciopero sociale dei movimenti antiprecarietà del 14 novembre fino alla manifestazione nazionale che L'Altra Europa propone per il 29 novembre contro le politiche neoliberiste del governo Renzi e della Commissione Juncker». Listatsipras.eu, 30 settembre 2014

Patrimonio archeologico: anche in via Giulia a Roma si rinterra, per costruire

Alla maniera di Montale...

...ai compagni rimasti nel PD:

«non so come stremato tu resisti /

in questa palude di finanzcapitaliamo /

ch'è il tuo partito»

Green City

Una vera e propria rassegna di ovvietà che pare presa di peso da certi supplementi illustrati patinati da anticamera del dentista, non si può fare di meglio? In fondo il materiale non mancherebbe: basta provare a capirlo, prima di scrivere. La Repubblica, 28 settembre 2014 (f.b.)

lunedì 29 settembre 2014

Autostrade e Fondazioni, i due veri poteri forti

«Non c’è bisogno di alcuna legge. Per le autostrade basta semplicemente mettere a gara le concessioni, rimettendo mano allo sblocca-Italia. Anche per le fondazioni nessuna legge è richiesta: la legge c’è già e prevede la separazione tra fondazioni e banche. Viene sistematicamente disattesa come documentano, tra gli altri, i casi macroscopici di Siena, Genova, Ferrara, Teramo, ......». La Repubblica, 29 settembre 2014

Clima e affari

Nelle conferenze sul clima i governanti da anni ripetono le stesse cose; analizzano le cause del riscaldamento globale, e dichiarano con fermezza che ciascun paese ha intenzione di limitare le emissioni di “gas serra” compatibilmente con le necessità economiche, cioè mai».

Shakespeare oggi

I poeti vedono lontano

Semestre italiano. Equivoci e false promesse

L'intervento con il quale l'europarlamentare del gruppo della sinistra europea replica all'intervento del sottosegretario Gozi esprimendo il proprio dissenso in particolare per la fine di Mare Nostrum. Bruxelles, Listatsipras.eu, 24 settembre 2014

Io, tu e l’umanità

«La condizione per pensare positivamente al futuro è quella di guardare con occhi diversi al passato».  Una recensione del libro Razzismo e noismo. Le declinazioni del noi e l’esclusione dell’altro, di Daniela Padoan e Luca Cavalli Sforza. Left Avvenimenti, n. 45, 16 novembre 2013, con una premessina

eddyburg di nuovo visibile

E' finito l'involontario silenzio di eddyburg. Abbiate ancora pazienza se gli articoli che abbiamo selezionato, editato, presentato e commentato nei giorni scorsi non appariranno sempre in ordine cronologico. Molti non li trovate neppure nella pagina iniziale ma dovrete andare in fondo e cliccare su "post più vecchi". Prosegue intanto a raccolta di adesioni all'appello contro la proposta del ministro Lupi (Una proposta da rottamare):  vi daremo presto le firme che si aggiungono a quelle raccolte fino al  18 settembre scorso. Inviate ulteriori adesioni a mariapia.robbe@gmail.com

domenica 28 settembre 2014

La lobby delle società autostradali trova lo svincolo per saltare le gare

«Alla faccia dell’authority, del mercato, dell’Europa. Un film già visto al momento della privatizzazione della società Autostrade, quando la concessione venne prolungata ope legis di vent’anni senza colpo ferire». Corriere della Sera, 28 settembre 2014

sabato 27 settembre 2014

NY e Istanbul, le città gridano

«Il diritto alla città ne rivendica la proprietà collettiva, esige controllo democratico e orientamento al bene comune: temi tornati di attualità nei movimenti degli urban commons» Un estratto dell’intervento che l'autore ha pronunciato al Festival del Diritto a Piacenza. Il Fatto Quotidiano, 26 settembre 2014

Il patrimonio d’arte perso nelle nebbie di Franceschini

«Il “nuovismo renziano” rottama l’antico per principio. E la riforma del ministro dei Beni culturali non fa che aumentare il livello di confusione nella gestione delle risorse italiane. Così la tutela è sempre più a rischio». Left, 27 settembre 2014

La vicenda infinita del Piano casa della regione Lazio

«E' grave che un’amministrazione di differente cultura da quella che aveva approvato questi articoli, continui ad accettarli». Il governo regionale di centro sinistra convalida illegittimamente le scelte perverse della giunta di destra che l'aveva preceduta. Salviamoilpaesaggio.roma.it , 26 settembre 2014

Il vecchio e il nuovo

Renzi definisce conservatori i compagni del suo partito, che resistono all'abolizione definitiva dell'art. 18. Non è la prima volta, negli ultimi anni >>>

venerdì 26 settembre 2014

Hollande e Renzi.La trasformazione finale

«Ambedue si sono orientati a premere esclusivamente sulla riduzione non solo del costo del lavoro ma dei salari, magari come ulteriore riduzione degli occupati». Sbilanciamoci.info, 26 settembre 2014

Il dominio sulle persone

Stralci di un intervento del filosofo marxista Cornelius Castoriadis realizzato durante una conversazione con Christopher Lasch e Michael Ignatieff.  Comune-info.net, 24 settembre 2014 

L’austerità è tossica

«Europa. Le politiche per l’austerity producono un’inevitabile caduta del Pil e dell’occupazione, creando un aumento del rapporto fra debito e Pil. In Italia si discute in modo scellerato di abolizione dell’articolo 18, misura che, se attuata, avrà sicuramente effetti negativi sull’economia». Il manifesto, 26 settembre 2014

Sblocca ipocrisia

 «Libertà è Partecipazione. Bellissime le parole di Giorgio Gaber che troviamo spesso nei convegni elettorali dei democratici e agli ingressi delle Feste de L’Unità: sfondi rassicuranti. Ok, belle parole, buone per prendere voti e accontentare la base, ma se sei di intralcio al “manovratore del fare”, interviene la celere ». Adistaonline.it,  26 settembre 2014

Stiglitz, l’età della depressione

«Crisi dell’euro: cause e rimedi. La miscela esplosiva: un modello che mescola declino economico e speculazioni, produzione all’osso e controllata dalle grandi imprese, risparmi familiari che finanziano consumi impoveriti, società disuguale, frammentata e disorientata». Il manifesto,  26 settembre 2014

Autostrade dalle concessioni infinite

«Nonostante un’inflazione vicina allo zero, i pedaggi continuano ad aumentare. Il motivo sarebbe la necessità di remunerare gli investimenti. Ma spesso si tratta di investimenti utili solo alle concessionarie, che così ottengono proroghe ingiustificate». Lavoce.info, 26 settembre 2014

giovedì 25 settembre 2014

La crisi e la scomparsa del pensiero

Quasi non passa giorno senza che il presidente della BCE, Mario Draghi e gli altri strateghi che presidiano il governo dell'Unione si affannino >>>

Eterodiretti

«Certo il ter­ro­ri­smo in Ita­lia è stato scon­fitto: ma l’assassinio di Moro ha pro­dotto una ferita che ha stra­volto la poli­tica italiana». Da lì è cominciato il dramma che viviamo ancora. Perciò è importante sapere perchè  quel delitto venne compiuto. Il manifesto, 23 settembre 2014

Dalla povertà si fanno tanti soldi

In una frase si potrebbe dire: "carità pelosa". L'articolo, e il libro di cui parla, ci raccontano come la filantropia nata in USA è stato, ed è ancora, un poderoso strumento di colonizzazione e di dominio. Comune-info.net, 22 settembre 2014

I contratti a "tutele crescenti" sono discriminatori e per questo incostituzionali

A proposito dell’articolo 18: il dubbio che rimane è se siano servi sciocchi della peggiore fase del capitalismo ( nel senso che non capiscono ciò che fanno) oppure se siano anche complici. Huffington post, 25 settembre 2014

mercoledì 24 settembre 2014

Apriamo gli occhi sulle torce umane

«Sal­va­tore è lì, con le sue cas­sette, quando i vigili urbani minac­ciano di mul­tarlo e di seque­strar­gli la merce. Lui li scon­giura di evi­tar­gli almeno il seque­stro. I vigili lo pren­dono in giro e, quando lui grida che è pronto a darsi fuoco, uno degli agenti replica che lo fac­cia pure, ma spo­stan­dosi un po’ più in là». Il manifesto, 24 settembre 2014

Sblocca Italia: le promesse (non mantenute)

«Sblocca Italia sostiene lo sviluppo dell’asfalto, molto meno destina alle ferrovie e poco alle reti del trasporto urbano, il vero deficit italiano. Il governo insiste con le distorsioni della Legge Obiettivo, senza una politica dei trasporti innovativa e sostenibile». Sbilanciamoci.info, 24 settembre 2014

Contro riforma

«Adesso la sini­stra che non era allora in par­la­mento, assieme a un po’ di depu­tati del Pd rin­sa­viti, a diverse asso­cia­zioni, alla Fiom e ai costi­tu­zio­na­li­sti che non cre­dono troppo nella pro­po­sta di refe­ren­dum abro­ga­tivo già in campo (per­ché limi­tata negli effetti e a rischio boc­cia­tura della Con­sulta) ten­tano la strada della legge costi­tu­zio­nale di ini­zia­tiva par­la­men­tare. Per boni­fi­care l’articolo 81». Il manifesto, 24 settembre 2014

Servitù militari, la Sardegna si ribelli ai nuovi conquistatori

«Ma attenzione al decreto “Sblocca-Italia”, approvato dal governo Renzi: incombe per racimolare briciole di Pil. La ragion di Stato che potrebbe esigere altri umilianti signorsì dalla Regione Autonoma, contrastando gravemente con le attese locali». La Nuova Sardegna, 24 settembre 2014

Clima solo omissioni


«Il summit di New York. "Bisogna invertire la rotta", tutti d’accordo al vertice Onu sul riscaldamento globale. Ma Obama ha le mani legate. Gli Usa, in pieno boom petrolifero, non firmeranno trattati internazionali». Il manifesto, 24 settembre 2014

Se la Ue diventa una dittatura

Una lucida analisi dei poteri che, dissimulati nelle istituzioni dell'UE, stanno distruggendo la democrazia in Europa, e delle menzogne mediante le quali conquista il consenso delle maggioranze. La Repubblica, 23 settembre 2014

Paradossi sentimentali

«L’Occidente, come è noto, pre­fe­ri­sce in pre­va­lenza non vedere le con­di­zioni di povertà, insta­bi­lità, ten­sioni e guerra in cui vivono tan­tis­simi abi­tanti del pia­neta, e men­tre,  siamo tutti a parole favo­re­voli all’uguaglianza e all’apertura, con­ti­nuiamo a costruire for­tezze per pro­teg­gerci dalle minacce locali  e rin­sal­diamo i con­fini dei nostri paesi per impe­dire che "gli altri" vi entrino, o che ne entrino troppi». Il manifesto,  24 settembre 2014

martedì 23 settembre 2014

Metodi da Stato di Bananas

«Nella lunga storia repubblicana mai era accaduto che il confronto democratico nella stessa maggioranza e nello stesso partito subisse una pressione così prepotente e su materie sensibili come i diritti e il lavoro a opera del suo stesso leader e premier in combutta con il Quirinale». Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2104.

Il pareggio che per i diritti è una sconfitta

«La pro­po­sta di ini­zia­tiva legi­sla­tiva popo­lare rap­pre­senta dun­que l’indicazione di una nuova rotta. Un per­corso arti­co­lato che potrà essere imboc­cato solo se si saprà costruire un con­senso dif­fuso, uni­ca­mente se verrà accom­pa­gnato da un’ampia, con­vinta e attiva par­te­ci­pa­zione. Nulla garan­ti­sce infatti il suc­cesso». Il Manifesto, 23 settembre 2014 (m.p.r.)

TTIP: l’11 ottobre proviamo a fermarlo insieme!

Stanno mettendo a punto, chiusi nel bunker della globalizzazione del finanzcapitalismo, la legittimazione completa dei mille provvedimenti che i governi servi hanno già assunto o promesso per blindare il primato dell'economia dei ricchi sui diritti di tutti. Dove sono i parlamentari europei?
Perunaltracitta.org, 23 settembre 2014

Italia Nostra: "Sblocca Italia e DDL Lupi rappresentano un attacco al paesaggio, al territorio e ai centri storici

Una  critica alle politiche governative contro il  governo pubblico del territorio,  contro il paesaggio e i beni culturali. Un comunicato stampa. 22 settembre  2014 


Il tempo per spezzare le loro spade è questo

«Noi non attendiamo più nulla dall’alto. La speranza nasce dal basso, da questo metterci insieme per trasformare Sistemi di morte in Sistemi di vita»Comune-info.net, 22 settembre 2014

Allarme per le coste: «Nuovi incubi dallo Sblocca Italia»

«L’introduzione di un titolo concessorio unico comprensivo delle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi» abolisce la consultazione pubblica preventiva sulle grandi opere. La Nuova Sardegna, 22 settembre 2014

Sblocca Italia. Il gasdotto di San Foca: in ballo non c’è soltanto una spiaggia

«Il progetto prevede che il “tubone” azero non arrivi in un porto industriale, ma in un paradiso naturale: San Foca, provincia di Lecce. “Impensabile”, dichiara l’ex ministro Massimo Bray, appoggiando l’idea di farlo arrivare nell’inutilizzato Petrolchimico di Brindisi». Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2014

lunedì 22 settembre 2014

Bovisa da bonificare: verde o ancora cemento?

E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione. 

Il pg Ennio Fortuna in pensione «Libertà dei giudici in pericolo»

Ecco perchè abbiamo scritto poco fa di un parere autorevole.  Riprendiamo da un archivio un testo diUn uomo di un’Italia migliore, che è ancora tra noi e ancora insegna. Dall’archivio de La Nuova Venezia, 29 gennaio 2009.

II Canale Contorta altererebbe l'equilibrio idrodinamico della laguna

«Il canale dei petroli aveva già provocato danni estesi e gravi, e proprio per questo si è approvata la legge 171, il Canale Contorta minaccia di moltiplicarli fino alla rovina della città e della sua laguna».  Un parere autorevole, vi diremo perchè. Il Gazzettino di Venezia, 20 settembre 2014

L’assalto alla Costiera Amalfitana

Se per uccidere un paesaggio o un altro bene culturale non si può utilizzare la mazza si prova con lo spillone avvelenato. Come per il Duomo di Milano, adesso per l’incomparabile fiordo di Furore. Ripresentato il progetto di infilare un ascensore nel Fiordo di Furore già bocciato nel passato.

domenica 21 settembre 2014

I gas tossici del capitalismo

La nostra sfortuna è stata  nella coincidenza storica tra due eventi: da un lato,  cresceva la consapevolezza della catastrofe planetaria cui  lo sviluppo del capitalismo ci stava conducendo; dall'altro,  negli stessi l'ideologia e la prassi di quel devastante  sviluppo divenivano dominanti.  Il manifesto, 21 settembre 2014

L’autunno della Lista Tsipras

«Sinistre. In piazza il 18 settembre con la Fiom. A novembre una manifestazione nazionale. Ma alle regionali, in Calabria e in Emilia Romagna, 'rispetto' per le condizioni peculiari. In attesa che la base di Sel decida se correre con l'Altra europa o con il centrosinistra». Il manifesto, 21 settembre 2014

Super anello verde nasce il parco della Grande Milano

Gli spazi verdi urbani non sono più da pensare solo come tratti aperti a interrompere la città densa, ma come sistema integrato. Va bene, ma forse c'è qualcosa in più da dire. La Repubblica Milano, 21 settembre 2014, postilla (f.b.)

Stretto di Messina. Ponte-zombie, torna l’incubo delle penali

«Se per caso il Rottamatore,  si facesse portare un po’ di documenti sul ponte sullo Stretto, magari scoprirebbe qualcosa. Se invece confermerà il suo mood attuale (le imprese, e i costruttori in particolare, non sbagliano mai), pagheremo caro, pagheremo tutto». Il Fatto Quotidiano, 21 settembre2014

Venezia: Di massa o d'élite, il destino è il turismo

Una piccola rassegna proposta dalla sezione di Venezia di Italia Nostra con articoli di Gloria Bertasi, Enrico Tantucci, e l'intervista a Lidia Fersuoch. Il Corriere del Veneto e La Nuova Venezia, 17 aprile 2014 (m.p.r.)

Jyrki Katainen vicepresidente della Commissione: le ragioni del no

Non è compito del ministro europeo all'occupazione e allo sviluppo «chiedere "riforme strutturali" che restringono drasticamente i diritti dei lavoratori e puntano a un depotenziamento del ruolo essenziale svolto dai sindacati, come avviene in Italia nello scontro, gravissimo, che il governo Renzi sta fomentando attorno all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori». Dal sito L’altra Europa con Tsipras, 20 settembre 2014

Paesaggio, alle radici della sovranità

«L’intero territorio appartiene naturalmente al popolo, e la proprietà privata è una mera cessione. In un'intervista a Paolo Maddalena, giudice costituzionale dal 2002 al 2011 e autore de"Il territorio bene comune degli italiani"». Altreconomia.it  19 settembre 2014

Bruxelles indaga sul petrolio in Basilicata

«La direzione Ambiente della Commissione europea ha chiesto chiarimenti sull’inquinamento delle acque della diga del Pertusillo (Potenza) e sul rischio sismico. Per Renzi priorità è raddoppiare le estrazioni a dispetto delle reazioni di "tre, quattro comitatini"». Il Fatto Quotidiano, 21 settembre 2014 

Nuovo “Piano Casa” del Lazio, ci riguarda

Trattandosi della Regione la cui capitale è Roma è proprio il caso di dire:quello che non fecero i barbari lo fecero i Barberini. In termini odierni, ciò che non fece la destra-destra lo sta facendo quello che ancora si definisce ilcentrosinistra. Non solo in Italia, anche nel Lazio.

Il sindacato batte un colpo

«Sono dovuti uscire allo sco­perto tutti i nostri that­che­riani di com­ple­mento per­ché le orga­niz­za­zioni del mondo del lavoro rea­gis­sero all’altezza della posta in gioco. Il sin­da­cato vive una crisi sto­rica, è diviso e sem­pre meno rap­pre­sen­ta­tivo. Ma qua­lun­que nuova coa­li­zione sociale volesse opporsi a que­sta nuova destra, poli­tica e sociale, deve augu­rarsi che il sin­da­cato torni a bat­tere un colpo». Il manifesto, 20 settembre 2014


Renzi sblocca anche CDP

«Un articolo del decreto "Sblocca Italia" è dedicato alla Cassa depositi e prestiti. Adesso la Cassa potrà dar credito anche a privati impegnati nella tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, anche in funzione di promozione del turismo, ambiente e efficientamento energetico», cioè nei settori che il finanzcapitalismo tente a privatizzare. Altreconomia.it, 17 settembre 2014 (m.p.r.)

La nemesi storica del capitale

«In un capitalismo che ha distrutto la forza politica 
della classe operaia, i movimenti sociali, a causa anche di una crisi ormai permanente, hanno caratteristiche spurie.
 Dobbiamo quindi immaginare
una lotta di classe che 
si faccia carico della
sofferenza alimentata
dalla crescita
delle diseguaglianze». Intervista di Gigi Roggero. Commonware, 16 Settembre 2014

sabato 20 settembre 2014

Olivetti, ad Aosta finisce davvero l’utopia industriale italiana

«Chiude l'ultimo baluardo di un glorioso passato industriale. Si chiude un’epoca, un declino spaventoso figlio di scelte industriali scellerate e lotte di potere sulle spalle di un colosso sano». Il Fatto Quotidiano, 20 settembre 2014 (m.p.r.)

venerdì 19 settembre 2014

Se l’Unione europea allontana persone e diritti

Dimenticando la sua carta dei diritti l'Unione europea «diventa complice di un “omicidio di massa”. Siamo agli effetti, non “collaterali”, della riduzione della politica a calcolo economico, alimentando egoismi e spegnendo ogni spirito di solidarietà». La Repubblica, 19 settembre 2014

In memoria di un urbanista: Bernardo Secchi


Un'analisi  di una grande personalità, che per  l'importanza  del ruolo svolto nel sapere e nel mestiere, non merita solo agiografie. L'abbozzo di un ritratto nel quale forse non ci sono tutti i "chiari" del vero, ma cominciano ad apparire gli "scuri" senza i quali il vero non c'è. Artribune, 16 settembre 2014, con postilla

Il paesaggio è la risorsa delle risorse

Chi si oppone al Piano Paesaggistico fa una battaglia di retroguardia: è l'opinione che Giuseppe Pandolfi, contadino e  Rossano Pazzagli, storico, entrambi della Società dei Territorialisti, esprimono in questo scritto. Ed è la convinzione di eddyburg e di quanti collaborano a questo sito.

L’ingegnere che sognava in grande e la prima autostrada del mondo

Novant'anni, e sembra ieri, soprattutto per quanto riguarda il modo di concepire e non governare le grandi arterie stradali alimentatrici di sprawl. Corriere della Sera Lombardia, 19 settembre 2014, postilla (f.b.)

giovedì 18 settembre 2014

Il punto di vista del cemento

«Allo sblocca Ita­lia biso­gna poi aggiun­gere il dise­gno di legge in mate­ria urba­ni­stica del mini­stro Lupi dove si evita fur­be­sca­mente di com­piere il bilan­cio della crisi edi­li­zia pro­vo­cata da venti anni di dere­gu­la­tion». Il Manifesto, 18 settembre 2014

Giudici e giudicandi

Sarà molto difficile che un Parlamento come quello che il Porcellum ci ha dato riesca a trovare i giudici costituzionali a sua misura. Ma se l'unica preoccupazione del Capo dello Stato è, come scrive "la Repubblica", «la tenuta del patto fra Renzi e Berlusconi sull’architettura complessiva delle riforme istituzionali», allora vedrete che una soluzione si troverà

Una proposta da rottamare

Una lettera aperta al ministro Maurizio Lupi, soprattutto un appello a chi condivida le ragioni dei firmatari. Rivolto in primo luogo ai parlamentari, a eletti nelle istituzioni democratiche, poi militanti delle reti formali o informali della società civile, alle persone che vivono in Italia o che l'Italia e il suo territorio vorrebbero salvare. Leggete e, se concordate, aderite

FIRMATE L'APPELLO

Prosegue la raccolta di adesioni per l'appello contro la proposta di legge del ministroMaurizio  Lupi. Cliccando qui trovate il testo della lettera/appello e le prime adesioni.  Per aderire a vostra volta mandate una e-mail col vostro nome e cognome, qualifica e città all'indirizzo.  mariapia.robbe@gmail.com. Informeremo periodicamente delle ulteriori adesioni pervenute