responsive_m

Le barbarie di una nuova shoa

Le barbarie di una nuova shoa
Negli ultimi anni sono morti nel Mediterraneo almeno 15.000 migranti. E continuano a morire, anche se, allontanate le ONG, cade il silenzio su una strage continua, atroce, senza pietà neppure per i bambini. Il ministro della malavita però non si accontenta delle vite spezzate e del successo dei suoi slogan feroci. Vorrebbe di più. Per ogni vita strappata alla morte 5.000 euro di multa comminata ai salvatori. In un paese che alza muri, in città che si chiudono ai diversi, trattandoli come scarti dell’umanità, occorre ribellarsi prima che la barbarie di una nuova shoa diventi la specificità intollerabile di questi tempi feroci. (m.c.g)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

venerdì 29 agosto 2014

Il governo ci consenta di fare scelte per la città

«Caro Ministro Lupi, nel suo approccio alla riforma urbanistica lei dimentica che secondo la Costituzione i fini sociali della proprietà prevalgono sugli interessi particolari del proprietario». Lettera aperta di un amministratore sul disegno di legge ministeriale. La Provincia di Como, 29 agosto 2014

Caro Ministro, sembra giunto il momento perché la legge urbanistica del 1942 vada in pensione. Il ministero ha reso disponibile la bozza di un nuovo testo, frutto del lavoro coordinato della Sua segreteria, e di esperti da Lei nominati. Si tratta di un gesto apprezzabile.

Tuttavia, va detto che accanto a elementi di sicuro interesse come il riallineamento delle leggi regionali all'interno di un più solido telaio normativo, due elementi rischiano di pregiudicare la già difficile opera di pianificazione degli enti locali: la retorica della tecnica di scrittura utilizzata e il regime di straordinario favore per la proprietà privata. La prima si tradurrà in un incremento dei già frequenti contenziosi, la seconda nega alle fondamenta il principio contenuto nell'art. 42 della Costituzione, secondo cui i fini sociali della proprietà prevalgono sugli interessi particolari del proprietario.

Affermare che le volumetrie create dagli strumenti urbanistici non decadono al decadere del piano che le crea, significa impedire alla collettività di decidere il proprio futuro, anche quando questo futuro dovesse consistere in minori metri cubi di edificato. Esentare dalla fiscalità gli immobili destinati alla vendita o alla rivendita che non siano utilizzati può avere un senso in un'ottica di leva per il recupero, ma non può valere quale regola generale, perché se così fosse significherebbe ignorare che i servizi pubblici di cui immobili inutilizzati godono sono pagati dai cittadini che non hanno nulla da mettere sul mercato.

Stupisce poi leggere che il governo del territorio è regolato in modo che sia assicurato il riconoscimento e la garanzia della proprietà privata, la sua appartenenza e il suo godimento. Siamo tutti d'accordo nell'affermare che la programmazione si fa, anche, con la proprietà, ma ciò non significa sottrarre alle amministrazioni il ruolo di decisori. Eravamo convinti che scopo del governo del territorio fosse la corretta pianificazione, non la tutela di alcuni, pur importanti, interessi.

E infine, tante novità ma nessuna reale semplificazione delle procedure. Oggi sono le amministrazioni che chiedono più semplicità. Lo fanno perché a contatto tutti i giorni con una realtà economica che chiede rapidità e certezza nelle decisioni. Potenziare i processi di coinvolgimento, semplificare i processi decisionali, questa è la sfida che chiediamo venga affrontata.

Mi permetta di riferirLe il mio convincimento a proposito del senso del servizio nelle pubbliche amministrazioni: se questo è il destino della pianificazione urbanistica, se il futuro ci riserva faticose contrattazioni con i privati all'interno di procedure obsolete, sarà difficile per chi non fa della politica la propria ragione di vita trovare motivazioni che giustifichino un'importante sottrazione di tempo ed energie alla vita privata e alle professioni.


Show Comments: OR