responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

sabato 30 agosto 2014

Ecco come si organizza il nuovo “Sistema Mose”

«Venezia ora è in mano al ministero di Lupi, alleato col "Padrone" del Porto Paolo Costa: a breve parte lo scavo del canale per le "Grandi Navi"». Gli imbroglioni hanno in mano le carte che contano e le leve piccole e grandi del potere. Lavorano in fretta per distruggere ciò che è rimasto di un millennio di storia. Il mondo sta a guardare . Il Fatto Quotidiano, 29 agosto 2014

Fermate la macchina e discutiamone

Un appello delle associazioni cittadine romane per la tutela del territorio perché, prima di decidere, il sindaco Marino  apra una discussione responsabile nella città su un intervento, legittimato da aberranti decisioni nazionali, che sconvolgerebbe gran parte della capitale d'Italia. Carte in regola, 30 agosto 2014

Europa. Serve un cambio radicale

Una fondata critica della leader italiana de "L'altra Europa con Tsipras" alle politiche dominanti. Non basta dire che si è sbagliato, come hanno fatto Hollande e Padan, «occorre un cam­bio radi­cale di para­digma, se è vero che sono le idee di fondo sull’austerità, fos­si­liz­za­tesi ormai in ideo­lo­gia, ad aver pro­dotto que­sti sbagli». Il manifesto, 30 agosto 2014

Chiamiamolo Svendi Italia, non Sblocca Italia

Le parole bugiarde e i fatti veri. Con lo "sblocca Italia si «confonde colpevolmente l'eccessiva burocrazia e le gravi inadempienze con le autorizzazioni e i permessi che garantiscono una corretta gestione di patrimonio immobiliare, terreni agricoli, beni ambientali e archeologici».Huffington post, 1 settembre 2014

venerdì 29 agosto 2014

Se l’Italia e la Ue chiudono ai migranti la fortezza Europa

L'Italia di Renzi-Alfano e l'Eropa di ...continuano ad accrescere la disperazione che viene dal Sud. Non sono loro che piangono oggi, n saranno loro a piangere dumani.La Repubblica, 29 agosto 2014

Il governo ci consenta di fare scelte per la città

«Caro Ministro Lupi, nel suo approccio alla riforma urbanistica lei dimentica che secondo la Costituzione i fini sociali della proprietà prevalgono sugli interessi particolari del proprietario». Lettera aperta di un amministratore sul disegno di legge ministeriale. La Provincia di Como, 29 agosto 2014

sblocca

...ma la sostanza del risultato è già nota

L'espropriazione in nome della legge

Un libro su un tema decisivo per comprendere come la città e il territorio  possano divenire più belli e più equi: Senza pro­prietà non c’è libertà [falso], di Ugo Mattei (Laterza). Il manifesto, 29 agosto 2014

Renzi peggio di Berlusconi. I beni pubblici quotati in Borsa

Per ora l'unica differenza sostanziale tra i due, oltre all'età e alla base elettorale, è che il giovanotto è incensurato. Attac Italia online, 29 agosto 2014

giovedì 28 agosto 2014

Il trapasso dell’egemonia mondiale

«La transizione egemonica mondiale e la resistenza ad essa degli Usa rendono più instabili le condizioni dei paesi di confine fra Est e Ovest: in Europa, un tempo i Balcani, oggi l’Ucraina; nel Medio Oriente tutti i paesi, nessuno escluso». Il manifesto, 28 agosto 2014

Perché nella scuola il privato non è pubblico

«Sembra di capire che  la ministra Giannini auspichi un finanziamento sistematico, regolare che non distingua più tra i due sistemi, salvo che sulla base della “qualità”.ignorando che il dettato costituzionale non è solo una norma di tipo finanziario, ma una precisa regola di attribuzione di responsabilità». La Repubblica, 28 agosto 2014

Sotto la cappa del nuovo potere

Ancora un primato negativo. «Informazione . Una concordia asfissiante. Dall’inizio delle larghe intese, la stampa e la tv italiane hanno cambiato pelle acconciandosi alla funzione assai poco onorevole del portavoce zelante delle verità del governo». il manifesto, 27 agosto 2014

mercoledì 27 agosto 2014

Lista "L'altra Europa": provo a dire la mia

«L'elemento costituente per me del nostro progetto è la lotta per "l'Altra Europa", legato alla lotta del sud Europa e alla proposta innovativa di Tsipras». L'intervento chiaro e appassionato, sui temi sollevati dall'eddytoriale 146, di uno dei principali costruttori della lista "L'altra Europa" e del suo successo

Ligresti sconfitto al Tar la Campazzo al Comune

Pare un trafiletto di locale, forse lo è, ma di sicuro indica un possibile ribaltamento storico di tendenza: la progressiva colmata della greenbelt metropolitana non è più un dogma urbanistico. La Repubblica Milano, 27 agosto 2014, con  postilla (f.b.)

martedì 26 agosto 2014

Per uscire dalla crisi pensano a meno diritti e meno libertà

Rimet­tere i diritti del lavo­ra­tore al mer­cato, come vorrebbero Draghi e Renzi,  non signi­fica solo can­cel­lare di colpo più di un secolo di sto­ria, ma anche scar­di­nare in larga misura l’architettura della prima parte della Costi­tu­zione. Il manifesto, 26 agosto 2014

Elettricità. L’inutile cavo col Montenegro da 1 miliardo

Asili nido: NO, Difesa del suolo: NO,Trasporti pubblici locali: NO, Restauro e manutenzione dei beni culturali: NO, Salute: NO, Spazi e servizi pubblici per tutti: NO. Invece Grandi opere inutili SI, SI, SI, SI. Il Fatto Quotidiano, 26 agosto 2014

lunedì 25 agosto 2014

Morte nel suburbio

Spazi pubblici e disagio urbano. «Certo a Ferguson di ingiustizie ce ne sono state parecchie anche prima che il 9 agosto venisse ucciso Mike Brown: il fatto è che la miseria, per essere avvertita, lì ha bisogno di un amplificatore». Millennio urbano, 25 agosto 2014

Si, ma quale Stato, quale Democrazia?

Troppo lunga questa  risposta all'eddytoriale 162 (vedi qui a sinistra)  per lasciarla nei "commenti" a pie' di pagina.  Troppo utile per relegarla nella corrispondenza privata La inseriamo nella cartella degli "interventi". Si apre così un dibattito che speriamo proseguirà. 

Italia museo vivo

Una lezione di  territorio e di storia: e sulla storia, sul suo legame col territorio, sull'insegnamento che ciò che ci sta intorno fornisce a chiunque di noi abbia ben aperti gli occhi della mente. Il Fatto quotidiano, 25 agosto 2014

L’informazione si fa in movimento


l problema, come al solito, è adoperare ogni strumento in modo appropriato e adatto al bisogno che può soddisfare:  come una spada non è un aratro, così un quotidiano non è una rivista, sfogliare un libro non è leggere una e-mail, una mailing list non è come un portale, facebook non è tweet. Comune.info.net, 25 agosto 2014

Armare i kurdi? Non è irragionevole

L'irresponsabile cecità delle politiche del Primo mondo hanno condotto all'attuale trionfo della barbarie. Ma «se non si vuole ricadere in una strategia che combatte la ferocia con altra ferocia converrà abbandonare per i seguaci e le milizie del califfato l’abusata categoria di "terrorismo"». Il manifesto, 24 agosto 2014

domenica 24 agosto 2014

Contro i principi a fondamento della ‘Riforma Lupi’

Pochi giorni fa. Il 17 di questo mese, cadeva il 72°anniversario della legge urbanistica nazionale. L’articolo che pubblichiamo, e di cui ringraziamo vivamente l’autore, ci aiuta a comprendere l’ampiezza degli spazi profondi che si sono aperti da allora a oggi, il disastro provocato dai provvedimenti legislativi preannunciati o già in atto, e la direzione lungo la quale è possibile lavorare per salvare il salvabile

Ferguson

Una grande domanda insoddisfatta

Eddytoriale 162



L'altra Italia. Un turbine di idee, proposte, denunce, riflessioni, analisi, rabbie e speranze, critiche ed elogi si accavallano nei messaggi che, minuto per minuto, si inseguono e sovrappongono nella mailing list nella quale si esprime il popolo della lista “l’Altra Europa con Tsipras” All’esterno ne trapela pochissimo: quasi esclusivamente qualche gossip sui media della destra. Naturalmente, ciò che ne emerge è solo quel poco che può far allontanare l’opinione pubblico dalla realtà del tentativo posto in atto da quella proposta politica.

La III guerra mondiale continua

«Barcone salpato dalla Libia si rovescia a un chilometro dalla costa: una ventina di morti recuperati e 170 dispersi A bordo si trovavano circa 250 persone di provenienza sub-sahariana. In mare cominciano ad affiorare i cadaveri»

sabato 23 agosto 2014

Limiti e potenzialità. La coscienza del parlamento europeo

«Dalla crisi europea si può uscire trasformando la coscienza dei propri limiti in coscienza consapevole, non frammentaria e indistinta ma nitida, sintetica, meticolosamente attenta alla realtà dei fatti e agli effetti che su di essa hanno dottrine economiche ormai fossilizzate». La Stampa, 23 agosto 2014

La spending spiana comuni

«Comuni sono oggetto delle brame di chi governa la spending review perché i sevizi locali sono obiettivo di un saccheggio messo in moto da un capitalismo non più in grado di garantire margini adeguati con l’investimento nell’industria». Il manifesto, 23 agosto 2014

Da Kiev all’Iraq, la Terza guerra mondiale che riporta il mondo all’era pre-moderna

«La globalizzazione ha fatto retrocedere alcune regioni a condizioni di anarchia non molto dissimili da quelle descritte dal filosofo Hobbes, quando descriveva la vita nello stato di natura come brutale e breve a causa dell’anarchia in l’uomo era costretto a vivere». Il Fatto quotidiano, 22 agosto 2014

venerdì 22 agosto 2014

Zagrebelsky: «Con le "riforme" la politica va al servizio della finanza»

Un magistrale quadro dei gravissimi rischi della democrazia, e delle ragioni di una giusta vita quotidiana di ciascuno di noi. I puntini di un disegno  che per noi ormai è chiaro: unendoli appare l'immagine di un nuovo fascismo. Il Fatto Quotidiano, 22 agosto 2014

giovedì 21 agosto 2014

Un partito nel nome di Gramsci

«La decisione del segretario del Pci di difendere il dirigente comunista in carcere, forzandone talvolta le posizioni, nasceva dalla convinzione di essere in presenza di una delle figure più rilevanti del marxismo novecentesco». Il manifesto, 21 agosto 2014

Expo 2015 e poi? Cercasi benefattore per aree e padiglioni

Chi riuscirà a diventare più ricco e potente sfruttando gli errori compiuti da amministratori pubblici incapaci e impunibili? Non c’è che da aspettare e vedere. Il Fatto quotidiano, 21 agosto 2014

Togliatti, un erudito della politica

«L’eredità irrisolta, a cinquantanni dalla sua morte, di una leader comunista che ha voluto costruire un partito popolare radicato nella realtà nazionale lontano dal modello sovietico. Alcune note a partire dalla pubblicazione per i tipi Einaudi di «Guerra di posizione», l’epistolario del dirigente del Pci».Il manifesto, 21 agosto 2014

Senza parole

Dal fronte della Terza guerra mondiale

L’Italia senza più memoria

Dall’inchiesta di Repubblica due articoli lanciano l'allarme sul forte rischio di chiusura di due strumenti (Archivio Centrale dello Stato e Biblioteca Nazionale) unici, per chi non sia così folle da pensare che la storia abbia meno importanza degli inutili interventi per Grandi Opere, o delle anticostituzionali spese militari. La Repubblica online, 20 agosto 2014

Ferguson e la nuova povertà suburbana

Che cosa c'è dietro lo scontro tra rabbia e repressione a Ferguson City; e, per chi sa leggere la città d'oggi, anche altrove. Millennio urbano, 20 agosto 2014

mercoledì 20 agosto 2014

Austerità, «una svolta è possibile»

C'è chi spera ancora nel cambiamento di Matteo Renzi: scrive Laura Pennacchi nell'intervista a Massimo Franchi: «Dopo le europee Renzi aveva parlato della necessità di un piano keynesiano. Ora può benissimo farlo, invece di raccattare quattro spicci dai soliti noti. I referendum possono essere un primo passo». Il manifesto, 20 agosto 2014

Francesco e i dilemmi della guerra giusta

Dilemmi che è impossibile sciogliere se non si sa rispondere prima alla domande: che nesso c’è tra chi con le guerre ingrassa e chi gestisce il potere; e come si può fare per romperlo? La Repubblica, 20 agosto 2014

Aumentano - dal PD all’Europa - i No al nuovo canale scassalaguna

Cresce l’opposizione al devastante progetto di sventrare la Laguna di Venezia per consentire ai Giganti del mare di scaricare miriadi di turisti “mordi e fuggi”. Articoli dal Gazzettino di Venezia e dal Corriere del Veneto, 19 e 20 agosto 2014

martedì 19 agosto 2014

Perchè no

Vengono al pettine i nodi provocati nella realtà mediorientale dalla sciagurata guerra irakena di Bush (e alleati-servi europei). L'unica risposta  cui l'Italia si accoda, è fornire ancora strumenti di morte a un Terzo mondo saturato di armi fornite dal Primo. Il manifesto, 19 agosto 2014

Forti interessi, poche idee

«In Italia il 5% dei contribuenti ricchi concentra il 22,7% del reddito. Perché abbassare salari e tagliare pensioni non ha prodotto (né produrrà) ripresa della nostra disastrata economia». Illustrazione ineccepibile di un economista che pensa e spiega. Il manifesto, 19 agosto 2014

La città giardino si taglia l’erba sotto i piedi

Varese. Una polemica locale sull'identità urbana della capitale morale leghista scalda gli animi di maggioranza e opposizione, ma nasconde le idee sbagliate e penalizzanti anche di chi si ritiene progressista e di sinistra

Quattro anni sprecati

Chissà se il potere Legislativo sarà mai in Italia così forte e virtuoso da stabilire la responsabilità almeno civile, se non anche penale, per i membri del potere Esecutivo che fanno perdere soldi agli italiani per aver compiuto clamorosi errori politici? La Repubblica, 19 agosto 2014

Produrre meno per possedere di più

Un’analisi semplice e chiara della trasformazione di fondo del sistema economico nel passaggio dal capitalismo fordista a quello dei nostri tempi. «l rentier, per il quale Keynes invocava l'eutanasia, è di nuovo alla testa del nostro sistema economico Chi, invece, vive del lavoro è spinto verso la povertà». Sbilanciamoci.info, 19 agosto 2014

lunedì 18 agosto 2014

Giuseppe Di Vittorio e il New Deal per l’Italia

Con una breve premessa pubblichiamo un testo che abbiamo pescato nel sito della CGIL, lì inserito il 24 gennaio 2013. Il “piano del lavoro” proposto dal bracciante pugliese divenuto, dopo anni di antifascismo militante, segretario generale del sindacato dei lavoratori italiani è un atto culturale e politico che va ricordato oggi, che al Lavoro si vogliono continuare a faro pagare i prezzi della crisi provocata dai servi sciocchi del Capitale.

Sono fragili non portiamo all’Expo i bronzi di Riace

Per fortuna che la demenza senile dei tutori politici nuovisti  dei beni culturali e dei più sgarbati “esperti” in arte è contrastata dalla saggezza da chi ha compreso, e continua infaticabilmente a insegnare ciò che ogni persona di buon senso dovrebbe ormai aver compreso. La Repubblica, 18 agosto 2014

Le buone pratiche. Il partito del cemento affonda in un laghetto


Quanto la volontà e la costanza dei movimenti e le istituzioni elettive collaborano, e per di più natura e fortuna ci mettono lo zampino, la città dei cittadini prevale sulla città della rendita. Il Fatto Quotidiano, 18 agosto 2014

domenica 17 agosto 2014

Dalla Puglia nasce (di nuovo) il New Deal italiano?

In questa calda e bizzarra estate fa piacere leggere che il sindaco di Bari ha deciso di stanziare dei fondi per assicurare...>>>

Noi, italioti

Chissà se passate le vacanze, ricominceremo a pensare

Se sui diritti civili il parlamento va contromano

Un titolo assai poco fedele al testo, nel quale uno degli intellettuali più ispirati dalla saggezza enuncia i rischi che stiamo correndo ora che i poteri istituzionali stanno, in vari mdi, a lavorare non “contro mano” ma contro i principi costituzionali. La Re pubblica, 17 agosto 2014

sabato 16 agosto 2014

Archeologia e metro C: il paradosso renziano degli scavi blocca-cantieri

Non si vedono argini alla follia. Ho fatto un sogno. Il Padreterno dichiarava e decideva: nè il popolo sovrano nè le istituzioni che dovrebbero rappresentarlo fanno un passo per fermarlo. Agisco io, a modo mio, chiamo la Neuro. Il fatto quotidiano,  dai blog, 16 agosto 2014

Renzi il giardiniere

Il successo di Matteo Renzi «non è merito suo; è il frutto dell’inconsistenza dell’establishment che gli riconosce una credibilità che non ha alcun fondamento e che ha costituito intorno a quella figura da guitto il suo “partito della nazione”. Ma non si tratta di un fenomeno solo italiano...». Huffington post, 16 agosto 2014

venerdì 15 agosto 2014

La riforma è in arrivo, il ministro per i Beni culturali: nessun contrasto col premier “Investire di più, è un’idea della Leopolda”

Continua inesorabile il programma di riforma di Dario Franceschini a capo del «ministero economico più importante». La Repubblica, 15 agosto 2014 (m.p.r.)

Il suicidio dell’austerità

Cassandra aveva ragione: le ricette del neoliberismo, la spremitura dei molti in favore dei pochi (il capitalismo nella sua fase attuale) porta l'Europa sull'orlo dell'abisso. Occorre ribaltare il tavolo. Il manifesto, 15 agosto 2014

Dialogo tra un ministro e uno speculatore

Speculatore: gli affari vanno male, la politica deve fare la sua parte. Ministro: non ti preoccupare...>>>

La slot machine dei beni culturali

C'è chi, anche nel Mibact, ha già sposato la "valorizzazione" renziana del patrimonio: notizie da Firenze, all'avanguardia nel marketing culturale. Venghino, signori, venghino! Il manifesto, 14 agosto 2014 (m.p.g.)

Napoli, occupano Città della Scienza contro il premier

Mentre il Comune spazza strade e nasconde rifiuti per apparire pulito al passaggio mediatico del Principe (ai più vecchi torna alla mente il percorso di trionfante cartapesta che allietò il passaggio di Hitler e Mussolini nel 1938), qualcuno ricorda una storia di usurpazione di bene pubblico per il quale il popolo si batte dai giorni del Rinascimento napoletano. Il Mattino, 14 agosto 2014

giovedì 14 agosto 2014

Se/Ed 2014: abitare.

A Roma, il 10 ottobre, seminario della scuola di eddyburg sul rapporto tra politiche abitative, rigenerazione urbana e diritto alla città. Qui trovate il programma. Per partecipare è necessario iscriversi.

Se/Ed 2014 | Abitare

Perché è necessario agire con un programma organico di interventi e una stringente regia pubblica, e non con una miriade anarchica di progetti edilizi affidati all'iniziativa privata con delega in bianco. Nuovo seminario di eddyburg: qui di seguito le finalità, i contenuti e gli appuntamenti.

“Ripensiamo l’autotirrenica”

Grandi opere. A Festambiente si rilancia l'antica e mai cessata battaglia  dell'associazionismo contro il progetto autostradale e per l'adeguamento delle infrastrutture esistenti: "Il progetto autostradale è insostenibile anche economicamente, se arrivassero soldi pubblici meglio adeguare l'Aurelia". Il manifesto, 14 agosto 2014

Quante bugie sull’articolo 18

«Lo Statuto dei lavoratori lo riscriveremo, ha detto il premier, ma un aspetto non dovrebbe sfuggirgli: con il vecchio Nuovo centrodestra di Alfano e Sacconi lo Statuto non si può riscrivere. A meno che riscriverlo non significhi in realtà abolirlo». La Repubblica, 14 agosto 2014

mercoledì 13 agosto 2014

Patrimonio all’italiana. Azzerare tutti per colpirne una

La logica delle tirannidi è questa: sbarazzarsi da chi difende interessi che non sono quelli di chi comanda. E la tutela del patrimonio comune, oggi, è solo un intralcio al Fare: a Palermo come a Roma. Il Fatto Quotidiano, 13 agosto 2014

Cavilli e cemento lo stadio della roma diventa "eterno"

«Il patron frenato da Marino e Zingaretti. Ma anche dalle risse tra costruttori e banche. E si scopre che sarà di Pallotta ma non della società quotata in borsa»Il Fatto Quotidiano, 13 agosto 2014

Il progetto del presidente del Porto non fermerà la presenza incontrollata di turisti

«La rinuncia al numero chiuso non significa a lasciare le cose all’improvvisazione, ma richiede una politica turistica molto precisa e un soggetto dotato di visione in grado di implementarla, nell’interesse della collettività». La Nuova Venezia, 13 agosto 2014 (m.p.r.)

Caro Renzi, l’Italia va disincagliata dalle secche della crisi

Presentiamo sempre ai nostri lettori gli articoli di Salvatore Settis che raggiungiamo,  per la rigorosa competenza che li alimenta e la passione civile che li anima. Con lo scritto che riprendiamo oggi da la Repubblica (13 agosto 2014 ) ci sembra che l’autore superi se stesso. Con postilla

Madri di serie A e Madri di serie B

In Italia le buone leggi non valgono per tutti/e. I diritti non sono mai uguali, dipende da chi conosci, da quanto  tenace sei nell'affrontare i cavilli e le trappole burocratiche. Il Ministro Madia interviene sull'argomento e dice che il governo "se ne occuperà". Sembra che si tratti di un fenomeno  sconosciuto, disvelato dalla lettera di una mamma precaria. Artcoli di  M.N. De Luca e M. Madia, La Repubblica, 13 agosto 2014 (m.p.r.)

Valle, non tutto è da buttare

Il titolo con cui  Il Fatto ha pubblicato l' articolo ci sembra fuorviante. In realtà del Valle non c'è quasi niente da buttare; nell'articolo   si scrive invece  del possibile futuro del Teatro Valle e, soprattutto,  dell'insegnamento che dalla vicenda dell'occupazione può trarsi perchè «la Repubblica [sia] un po' più res publica». Il Fatto quotidiano, 13 agosto 2014