responsive_m

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale

8 dicembre: L'Italia che lotta per la giustizia ambientale
In migliaia contro questo modello di sviluppo che sta devastando l'habitat in cui viviamo. Contro le grandi opere inutili e dannose; l'inquinamento dell'aria; la contaminazione di acque e suolo da processi industriali; gli inceneritori, le politiche sui rifiuti e l'ecomafia che ci specula; il consumo di suolo; le grandi navi; i gasdotti e la dipendenza dai fossili; la sottrazione di beni comuni; le antenne militari; l'erosione della democrazia; il prevalere del profitto di pochi sul benessere di tutti. Non solo per la difesa dell'ambiente, della salute, dei territori, ma per un inversione di rotta (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

giovedì 31 luglio 2014

È troppo costoso il postino non suonerà neanche una volta

«Le Poste - alla vigila della privatizzazione e in predicato di investire 65 milioni nell’ennesima operazione di salvataggio di Alitalia (l’intesa con Etihad) - chiedono infatti di modificare le norme del contratto siglato con il ministero dello Sviluppo economico». La  Repubblica 31 luglio 2014

Rodotà: «Renzi aizza tutti contro le camere»

Intervista a Stefano Rodotà: «La qualità dei nuovi costituenti è bassa, affrontano l’aula da incompetenti. Il premier è già in campagna referendaria. E stavolta dovremo sconfiggere il blocco Pd-Forza Italia. Ma le opposizioni hanno sbagliato a rivolgersi a Napolitano. E poi trasformare le camere in curve da stadio». Il manifesto, 30 luglio 2014

Da Milano a Bari, tutti indagati i padroni

Ora l'Associazione dei costruttori dichiara che le aziende condannate saranno espulse dall'Ance. Ma se a comportarsi in questo modo "eran tutti", come ha fatto l'Associazione a non accorgersi mai di nulla e ad aspettare che fosse la magistratura ad occuparsene? La Repubblica, 31 luglio 2014 (m.p.r.)

Cultura: Com’è triste la sinistra se muore il Valle

Se il Valle non è diventato un centro commerciale o un teatro privato è merito di chi ha occupato: alla faccia di chi per tre anni ha linciato mediaticamente gli occupanti e i loro sostenitori. Il Fatto Quotidiano, 31 luglio 2014

Campania, Caldoro ottiene la fiducia: riaperti i termini per il condono edilizio

«Cancellate una serie di norme e vincoli sulle aree protette, a cominciare da quella della costiera sorrentina e amalfitana. Consentiti incrementi di volumetrie persino nelle zone rosse a rischio Vesuvio se finalizzate alla stabilità e al risparmio energetico degli edifici». Il Fatto Quotidiano, 31 luglio 2014

mercoledì 30 luglio 2014

Consumo di suolo e dissesto territoriale. Istruzioni per come attuarli

Stimolata dall'articolo  di Francesca Leder sull'urbanistica vicentina, Chiara Mazzoleni ci segnala questa suo scritto pubblicato sul sito Venetoius, Diritto e Giurispudenza in Veneto, il 9 giugno 2014, relativo ad una ricerca svolta in ambito dell'Università IUAV.

Il governo Renzi va all’assalto dei beni comuni

«Allarme, cit­ta­dini, sono in peri­colo la vostra esi­stenza e il vostro futuro, e quelli dei vostri figli. Levate la testa prima che sia troppo tardi». Il manifesto, 30 luglio 2014

Spacca Italia

Non c'è bisogno di Maurizio Lupi e  dei suoi soci per distruggere ciò che resta del Belpaese, delle regole e della ragione nell'uso del territorio.  Basta Matteo Renzi, con il suo "SbloccaItalia"

Perché Gaza è sola?

«Ho preso la penna per il biso­gno di una rifles­sione col­let­tiva sul per­ché, in pro­te­sta con quanto accade a Gaza, sono scesi in piazza a Parigi e a Lon­dra, e nel nostro paese non si è andati oltre qual­che pre­si­dio e volen­terose pic­cole mani­fe­sta­zioni locali». Il manifesto, 30luglio 2014

Se troppo successo fa male al museo

Parole sagge, che vanno riferite a un universo molto più ampio. lLinvasione distruttiva riguarda ogni luogo singolare e raro: dai musei alle città antiche, dalla Gioconda a Venezia, dal Jeux de paumes alla alla Marmolada. É ora di applicare quelle che Luigi Scano definiva “il razionamento programmato dell’offerta turistica”. La Repubblica, 30 luglio 2014

martedì 29 luglio 2014

Le nuove sfide della Lista Tsipras

Anche in Ita­lia la Grande Crisi è finita. Da qual­che tempo viviamo una nuova fase. Oggi siamo alle prese con gli effetti della poli­tica eco­no­mica>>>

lunedì 28 luglio 2014

"Partiamo dal lavoro, che è quello che interessa di più tutti i nostri potenziali interlocutori"

Relazione introduttiva ai lavori del gruppo "lavoro, economia, ambiente" di "L'Altra Europa - discussioni nazionali"

Riforma dei Beni culturali: Renzi contro Franceschini. La posta in gioco

«Per ora è forse utile chiedersi perché Renzi ha deciso di fermare le macchine, pur sapendo che avrebbe pagato un (per lui intollerabile) pegno mediatico. La risposta è che la riforma di Franceschini non è contro le soprintendenze(nonostante qualche grave errore): cioè non mira a limitarne il potere, ma a organizzarle in modo diverso». Il fatto quotidiano, 28 luglio 2014

Arriva lo “Sblocca Italia” permessi edilizi più facili e grandi opere accelerate fuori le imprese in ritardo

«In settimana il decreto. Risorse aggiuntive per 4,5 miliardi.Tra i lavori considerati prioritari l’alta velocità Napoli-Bari». La Repubblica, 28 luglio 2014

Appia, regina di storia e di abusi

Il racconto di un viaggio lungo la regina viarum: dove lo Stato esiste e tutela il patrimonio di tutti secondo Costituzione, nonostante l'inutilità conclamata dell'Ente Parco e le mire dei privati. Il Fatto Quotidiano, 27 luglio 2014 (m.p.g.)

domenica 27 luglio 2014

Lupi all'attacco

Il Lupi è quello di sempre: quello che  nel clima berlusconiano siamo riusciti a fermare, almeno sul terreno del Parlamento nazionale. Speriamo di riuscirci anche nel clima renzusconiano. Temiamo che le zanne siano diventate più appuntite e le fauci più ampie. Eddyburg ne ha  trattato per ora con gli articoli di Mauro Baioni e di Paolo Baldeschi. Torneremo presto sull'argomento, e speriamo di non essere soli neanche questa voilta

Petrolio e armi. Il verso non cambia

Privare il Terzo mondo delle sue risorse  naturali e  contemporaneamente dotarlo di armi fomentando le guerre fratricide sono due degli strumenti largamente usati nella fase neoliberista del colonialismo. Di quella fase  Matteo Renzi è convinto partecipe, e impiega le sue doti di abil ecommesso viaggiatore. Sbilanciamoci.info, 24 luglio 2014

Caro Ministro Lupi, ti scrivo...

Caro Ministro Lupi, sollecitato dal suo invito a partecipare a una consultazione pubblica nel sito del Ministero da lei presieduto, mi permetto di esprimere il mio pensiero >>>

sabato 26 luglio 2014

Ambiente, capitalismo, crescita

«Le maggiori istituzioni internazionali individuano la crescita come panacea universale di tutti i problemi economici. Ma il riconoscimento dei difetti dell’accumulazione capitalistica è il frutto di un’analisi critica dello scambio metabolico tra società e natura». Sbilinciamoci.info, 25 luglio 2014

Togliatti-Berlinguer, una continuità nella diversità

«Una polemica con un articolo di Marco Albeltaro apparso su L’Unità. Togliatti e Berlinguer hanno visto nella Costituzione la carta che poteva innovare la democrazia» Un opportuno segmento di una riflessione del nostro passato utile per costruire un futuro migliore. Il manifesto, 27 luglio 2014, con postilla

Piano casa e piano alberghi

Schizofrenie renzusconiane: proclamano che bisogna promuovere il turismo, asservendogli anche la cultura, e incentivano la trasformazione della ricettività alberghiera nella residenzialità di lusso. L'unica regola è fare affari: è questo lo slogan sempre più vincente. Carteinregola online, 25 luglio 2014

BreBeMi: la favola dell'autostrada 'senza soldi pubblici'

«Il 23 luglio viene inaugurata la nuova arteria che collega Milano e Brescia. Ma è falso affermare -come hanno fatto molti quotidiani- che la BreBeMi sia la prima autostrada realizzata facendo ricorso solo a capitale privato. Intanto perché è finanziata da Cdp (80% del ministero del Tesoro) e Bei (di proprietà dei Paesi Ue, Italia compresa), e poi perché verrà probabilmente "defiscalizzata" per quasi mezzo miliardo di euro». Altraeconomia.it, 24 luglio 2014 (m.p.r.)

MALAITALIA

Ma che paese è diventato questo. I media ci infestano di informazioni di ogni nodo percorso dal rottame della Costa Concordia. Nessuno ricorda i 32 morti. L'assassino intantofesteggia a piede libereo. I Matteo Renzi aspetta il rottame all'approdo per prendersi gli onori: di che cosa?

La vittoria di Pirro

«Troncare il dibattito sulla più profonda trasformazione dell’assetto costituzionale dal dopoguerra è, per Renzi, il segno di una vittoria di Pirro. E Napolitano che non riceve le opposizioni, è ancora il rappresentante di tutti gli italiani?». Il manifesto, 25 luglio 2014 (m.p.r.)

Nessuno vuole davvero fermare Israele

«La soli­tu­dine dei pale­sti­nesi è la ver­go­gna del mondo, dell’occidente come dei padroni del petro­lio. Per non par­lare di un’Europa inetta e imbelle». Il manifesto, 25 luglio 2014 (m.p.r.)

venerdì 25 luglio 2014

Il futuro della Lista Tsipras fuori e contro il PD

«Di fronte alla ori­gi­na­lità della nostra con­di­zione e agli ine­diti pro­blemi che essa pone fanno solo sor­ri­dere le cri­ti­che inge­ne­rose e futili sull’elevata età dei par­te­ci­panti all’Assemblea , o sulla rela­tiva lun­ghezza delle rela­zioni intro­dut­tive, o l’assenza di una strut­tu­ra­zione demo­cra­tica». Il manifesto, 24 luglio 2014

giovedì 24 luglio 2014

La sagra dei «gratta e vinci» per il via libera al gasdotto salentino

«La sagra dei "gratta e vinci" per il via libera al gasdotto salentino». Il manifesto, 23 luglio 2014 (m.p.r.)

Appello

I rifugiati sono oggi il prodotto su scala industriale di quella grande guerra, immateriale e non dichiarata, che è la guerra contro i poveri, dove un confine netto separa chi ha diritto di muoversi da chi quel diritto si vede negato. Ma una guerra planetaria, che distingue tra soggetti di diritto e corpi marginali in balia di eventi decisi altrove, non può rendere l’Europa un filo spinato.  Leggete e firmate qui l'appello di Barbara Spinelli e numerosi altri.

«Lista Tsipras da democratizzare»

Intervista a Massimiliano Smeriglio sull'assemblra della lista "con Tsipras": «nella fase d’emergenza del voto abbiamo dato giu­sta­mente tutto il potere ai saggi. Ma che oggi, dopo il voto, le cose restino così è un pro­blema».. Difficile, lungo e piena di rischi il percorso di una democrazia che sappia vincere la "post-democrazia renzusconiana.  Il manifesto, 24 luglio 2014

Firme eccellenti: «No alle Grandi navi»

«Un appello internazionale a Renzi lanciato dai Comitati privati. Borletti Buitoni: "Per Venezia il massimo della tutela"». Ciò che preoccupa è che si faccia riferimento alla tutela del patrimonio monumentale della città. E la Laguna? La Nuova Venezia, 22 luglio 2014 (m.p.r.)

Per una strategia europea in materia di migrazione e asilo

Appello al Parlamento Europeo in occasione del semestre italiano di presidenza di Barbara Spinelli, Daniela Padoan, Guido Viale. Un appello al quale eddyburg aderisce e a cui invita tutti ad aderire. 

Palestina, il partito del grande silenzio

«Come scriveva Primo Levi: "La tragedia è vedere oggi le vittime diventate carnefici". Ma adesso gli intellettuali tacciono». Il manifesto, 23 luglio 2013 (m.p.r.)

Sardegna, Italia: saldi di fine stagione

L'ultima riforma del Mibact rappresenta la svendita del nostro patrimonio culturale alle ragioni del turismo e dell'economia, mentre il paesaggio rimane sempre più indifeso. inviato il 22 luglio 2014

mercoledì 23 luglio 2014

Piano casa Zingaretti: una mutevole (e tragica) verità

«La domanda è: cosa c’entra questo Piano casa con l’interesse pubblico? Come si può coniugare una pianificazione attenta ai bisogni della città e dei cittadini e rispettosa dell’ambiente con una legge che permette “in automatico” ai privati di moltiplicare cubature bypassando completamente il parere dei Comuni e i piani regolatori?».  Carteinregola, 23 luglio 2014

martedì 22 luglio 2014

Le contraddizioni della scuola paritaria

«Se davvero le scuole private vogliono onorare e difendere la loro libertà di esistere e prosperare devono avere la forza di farlo con le proprie risorse: questa loro autonomia è garanzia e segno della loro libertà». La Repubblica, 22 luglio 2014

Autostrade, l’inaugurazione della Brebemi e i nodi che vengono al pettine

«Appalti, cemento, progettazioni di opere nate con questi presupposti daranno benefici scarsi, una sicura ferita all’ambiente e tanto consumo di suolo ma però faranno tanto consenso. Adesso questa politica, se non la corregge Renzi, dovranno pagarla gli italiani». Ilfattoquotidiano.it, 22 luglio 2014

Bre.Be.Mi. e Tem, apertura con proteste

Una tappa intermedia del disegno di cosiddetto sviluppo del territorio lombardo, che procede sciaguratamente e senza che se ne delinei uno davvero alternativo credibile. Corriere della Sera Milano, 22 luglio 2014,  con postilla (f.b.)

lunedì 21 luglio 2014

Renzi l’africano a caccia di gas e petrolio per Eni

Storie di commessi viaggiatori dei poteri forti:quelli  che  hanno aiutato la scalata del successore di Silvio, sulle macerie d'una gloriosa eredità distrutta. Green report, 21 luglio 201421 luglio 2014

Lecce, no alla sponsorizzazione offerta dal gasdotto Tap Anche i sindaci bloccano i fondi per sagre e feste religiose

«Se in Laguna il Consorzio Venezia Nuova ha sponsorizzato di tutto per procacciarsi le simpatie dei veneziani, in Salento le cose hanno preso una piega diversa». La Repubblica, 21 luglio 2014 (m.p.r.)

La profonda lezione politica del movimento dei movimenti

Ricordiamo  le «ragioni di fondo del movi­mento sceso in piazza nel 2001», a Genova: un momento importante del movimento di contrasto alla nuova devastante fase globale della storia del capitalismo. Le ragioni di allora, i torti dello stato, l’impegno di oggi. Il manifesto online, 20 Luglio 2014 

Il patto tra Usa e Ue sul libero scambio una rivoluzione con troppi segreti

« Il premio Nobel Stiglitz ha dei dubbi: «Molte regole esistono proprio per proteggere i lavoratori, i consumatori, l’ambiente. E furono decise in risposta a una domanda democratica. Nei patti segreti per la de-regolamentazione rischia di riaffiorare una gara al ribasso». La Repubblica, 21 luglio 2014 (m.p.r.)

domenica 20 luglio 2014

Legge speciale: i fondi andarono al Marcianum

«La fine del Marcianum creato dal cardinale Scola fa affiorare un retroscena del 2008: la Regione governata da Galan dirottò, per quel progetto, 50 milioni di fondi della Legge speciale originariamente destinati al disinquinamento della laguna». La Nuova Venezia, 20 luglio 2014 (m.p.r.)

A piccoli passi verso l’Altra Europa

«Nell’affollata assem­blea nazio­nale tenuta ieri al tea­tro Vit­to­ria di Roma, più di 500 per­sone hanno cer­cato di svi­lup­pare un metodo dif­fi­cile basato sul con­senso e sulle solu­zioni con­di­vise, più che su quello basato su una "testa, un voto"». Il manifesto, 20 luglio 2014 con postilla

Lo Stato sull'Appia

Una settimana fa, l'annuale appuntamento del festival della regina viarum , "Dal tramonto all'Appia"  >>>

MoSe: Cantone a Venezia

La cronaca della visita a Venezia del Commissario anticorruzione Raffaele Cantone in due articoli  di Monica Zicchiero e Alberto Zorzi, e di Giuseppe Pietrobelli, Corriere del Veneto e Il Gazzettino, 18 luglio 2014

Piano paesaggistico adottato: Regione Toscana bifronte

«Un buon piano, dunque, ma che manca del pilastro fondamentale della nuova legge di governo del territorio, tuttora in gestazione. Piano paesaggistico e legge sono reciprocamente complementari e necessari: senza la legge il Piano è disarmato, se non per la parte vincolistica».

La grande rotta dell'industria italiana

«Dalla cessione del gruppo Pirelli ai russi per pochi euro all'annunciata vendita di Saipem da parte dell'Eni. Fino alle ultime vicende che riguardano Alitalia, Ilva e Indesit. Il governo italiano resta alla finestra mentre l'industria italiana finisce nelle mani dei grandi gruppi industriali stranieri». Sbilanciamoci.info,  12 luglio 2014 (m.p.r.)

sabato 19 luglio 2014

L'Appia Antica salvata da Autostrade

Lo spirito dei tempi è veramente avvelenante, se perfino un bravo giornalista come Stella si fa ingannare dalla pubblicità di una delle ”aziende" italiane che hanno causato i maggiori danni al patrimonio paesaggistico italiano, e sottoscrive una simile “marchetta” a un progetto ulteriormente devastante del complesso dell’Appia antica. Corriere della sera, 19 luglio 2014, con postilla

Un punto di partenza per chi vuole costruire "un'altra Italia"

Il testo integrale della relazione che aprirà l'Assemblea della lista "L'altra Europa con Tsipras, che si tiene il 19 luglio 2014 a Roma. Un'analisi ineccepibile del nuovo quadro politico Un premessa alla formazione delle liste di un' alternativa  politica nelle prossime scadenze elettorali. E soprattutto la traccia di un percorso difficile ma indispensabile per uscire dall'abisso

Ministro, non mischi turismo e beni culturali

Lettera aperta al ministro Franceschini: «Mi lascia perplesso la sua idea che i nostri grandi musei siano “miniere d’oro” non sfruttate a dovere, cioè potenziali “macchine da soldi”». L'Unità, 18 luglio 2014

venerdì 18 luglio 2014

La valorizzazione? Non è un punto ristoro

«Beni culturali. La riforma del Mibact presentata da Dario Franceschini mette a rischio la tutela del paesaggio e sfiducia gli organi decentrati dello Stato, quelli che presidiano il territorio». Il manifesto, 18 luglio 2014

Altro che grande occasione: questa è mortificazione

«Il dibattito sulla “riforma” si è caratterizzato dal silenzio sulle proposte alternative. Ma ora che siamo al momento dell’aula, le carte sono tutte sul tavolo: e grazie alla pubblicazione  del testo integrale della proposta di Gustavo Zagrebelsky inviata al ministro Boschi, nessuno può più accusare il pensiero critico di non essere anche propositivo». Il Fatto Quotidiano, 18 luglio 2014

Mose. Noi, esperti ma inutili. Nessuno ci ha ascoltato»

Afferma Francesco Indovina: «Dovevamo controllare i fondi  e verificare la Legge speciale. Abbiamo lavorato per anni, ma alla fine ci siamo accorti che nessuno seguiva le nostre indicazioni. Tra noi spesso ci si chiedeva: ma per chi stiamo lavorando?». Di certo non per la collettività. Il Gazzettino, 17 luglio 2014, con postilla

giovedì 17 luglio 2014

Il sistema Mose: gli attori della farsa

A proposito del MoSE, Gianni Belloni e Antonio Vesco  provano a di rispondere a una domanda nodale: «quali meccanismi generalizzati accompagnano e facilitano l'estendersi e il radicarsi di condotte generalizzate e sedimentate nell'azione quotidiana di amministratori, imprenditori, politici di un territorio?». Inviato a eddyburg il 15 luglio 2014

La Costituzione come statuto di una maggioranza

Come riuscire a distruggere, frettolosamente e rozzamente, i principi della democrazia borghese del XIX secolo e quella popolare del XX. Un'analisi chiara e sintetica del pasticcio renzusconiano. Il manifesto, 17 luglio 2014

Il lungo sacco della Conca d’Oro

« La "paradisiaca» campagna attorno a Palermo, ricoperta di agrumeti, teatro da decenni di speculazioni edilizie e terra di conquista delle mafie senza alcun contrasto, è ancora priva di tutele. Mentre nuovi interessi preparano un altro assalto cementizio». Il manifeso, 17 luglio 2014

Tram a San Basilio, via libera ambientale

Anche la soprintendenza ai beni culturali avalla l'accordo tra la decaduta giunta Orsoni e il nefasto Ente porto, volto a rafforzare la presenza della Grandi navi nella città antica, ad aprire il varco all'ingresso delle automobili  e a ridurre gli spazi pubblici in un settore densamente popolato di Venezia. La NuovaVenezia, 17 luglio 2014

Città Metropolitana e democrazia

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi. Accanto alla prevaricazione di segno pre-democratico dalle riforma del Parlamento e della legge elettorale, anche la frettolosa approssimazione con la quale si affronta la “riforma” dei poteri locali è un segno del degrado italiano. Un commento da Milano, inviato a eddyburg il 13 luglio

mercoledì 16 luglio 2014

Malpensa, stop alla terza pista. La crisi frena il piano di crescita

Per fortuna ci si mette di mezzo la crisi economica, a sottolineare quanto strampalato, speculativo, ambientalmente micidiale e fuori dal mondo era il progetto di sviluppo. Corriere della Sera Lombardia, 16 luglio 2014

M9, il museo senza le opere

 «Un'evoluzione della secolare perdita di funzione dell'arte e dell'architettura: dalle opere nate per il museo arriviamo al museo nato senza avere le opere. E la direzione è di arrivare ad avere città senza cittadini (Venezia è a un passo, in tutti i sensi)»Il Fatto Quotidiano, 16 luglio 2014

La ricerca motore di un nuovo concetto di cultura

Replica dei rappresentanti del C.I.S.A., il Centro di studi palladiani, all'intervento scritto per eddyburg da Francesca Leder sul silenzio del mondo della ricerca di fronte allo scempio del territorio.

martedì 15 luglio 2014

La minaccia del l’accordo tra MiBACT e Austostrade per l’Italia per contro) l’Appia Antica

Un appello di Associazione Bianchi Bandinelli, Comitato per la Bellezza, Salviamo il paesaggio, Italia Nostra Roma, Rete dei comitati per la difesa del territorio, eddyburg,  perchè venga sventata l'ennesima minaccia a un patrimonio difeso con le unghie e coi denti. 15 luglio 2014

Una teoria complessa, facile da raccontare

Marx, Il comunismo e la lotta di classe raccontati da Gérard Thomas. «I bam­bini capi­ta­li­sti quando nascono sono dei bam­bini uguali a tutti gli altri. Non sono ancora dei bam­bini capi­ta­li­sti». Il manifesto, 15 luglio 2014

Milano, Sant'Ambrogio Central Box

Si avvicina l'inaugurazione di un progetto simbolo della scellerata gestione (si fa per dire) della città, svenduta ai più bassi interessi con la scusa di “modernizzarsi”. Due articoli da la Repubblica e Corriere della Sera locali, postilla (f.b.)

lunedì 14 luglio 2014

Ecco chi ha negato la mostra

«È singolare che il Comune e il sindaco uscente abbiano preso posizioni contro il passaggio delle Grandi Navi da San Marcoe poi non abbiano voluto questa mostra che ne documenta l’impatto».Non è tanto strano: tra il dire e il fare c'è una laguna di chiacchiere La Nuova Venezia, 13 luglio 2014 (m.p.r.)

«Il nuovo stadio della Roma non si farà mai senza metrò»

Alessandro Capponi intervista l'assessore Giovanni Caudo sulla spinosa vicenda dello stadio a Tor di Valle. I "paletti" del Comune alla scelta obbligata da una sciagurata legge nazionale. La Repubblica, ed. Roma 13 luglio 2014

Vandali a Foggia

L'università quel luogo lo ha studiato, Stato e Provincia lo hanno vincolato, il Fai ha iniziative per riportarlo in uno stato decente. Invano. Il Comune ha emesso un'ordinanza di messa in sicurezza, che vale meno della carta su cui è scritta: i terreni sono privati. Inviato l'11 luglio 2014.

domenica 13 luglio 2014

Auto a 30 all’ora in tutto il centro via all’ultima rivoluzione del traffico

Evoluzione quasi naturale delle politiche su una mobilità meno legata all'auto privata, il nuovo limite di velocità manca però di una indispensabile chiara idea spaziale di riferimento. La Repubblica Milano, 13 luglio 2014, postilla (f.b.)

sabato 12 luglio 2014

Contro le Grandi Navi le foto capolavoro.

Le istituzioni asservite ai grandi gruppi economici adoperano la vecchia arma di tutte le dittature, la censura, per non far conoscere la verità agli abitanti e ai visitatori della città saccheggiata. «Volevo esporle in una sede pubblica, nessuna risposta. Così il lavoro di Berengo Gardin è ora a Milano, grazie al Fai». La Nuova Venezia, 12 luglio 2014

UE, il gabinetto d'affari

Che tengono da ridere lo sanno solo loro

La sfiducia e il pessimismo verso questa Europa neoliberista

Sbilanciamo l'Europa . Il trentennio neoliberista ha divorato la democrazia liberale, facendo carta straccia dei diritti sociali, lasciando spadroneggiare la finanza e riducendo i poteri degli Stati. La questione democratica si ripropone con la partecipazione e la resistenza contro l'assolutismo dei privilegi. Sbilanciamoci.info, 17 luglio 2014

L'ascensore sociale funziona. Ma in giù

Dalle storie degli operai la conferma: innovare si può, ma tornando all'indietro; cambiare verso si può, ma all'indietro; fare si può, ma di masole in peggio. Il manifesto, 10 luglio 2014

Il Ministero dell'Ambiente nell'Antica Roma

Dopo aver avuto occasione di parlare più volte dell'attuale stato dell'ambiente in Italia...>>>

venerdì 11 luglio 2014

Ernst Bloch, Il principio speranza

Ricorre l’8 luglio, l’anniversario della nascita di Ernst Bloch, il grande filosofo della speranza, dell’utopia e della liberazione umana qui e ora.  Lo ricordiamo con questa nota di Peppe Sini, Comune.info, 8 luglio 2014

giovedì 10 luglio 2014

Responsabilità penali ma anche politiche

«Del livello politico, però, pare non interessarsi nessuno. Tutti preferiscono aspettare l'inchiesta penale di turno per esprimere valutazioni sul (presunto) amministratore infedele, e al tempo stesso per contestare ai magistrati indebite ingerenze». Il Gazzettino, 10 luglio 2014 (m.p.r.)

Consumo di suolo: vincono i costruttori

Pare davvero surreale che proprio nei giorni in cui la padania va sott'acqua esattamente per gli eccessi dell'urbanizzazione speculativa a vanvera, il partito dei palazzinari non arretri di un millimetro. La Repubblica Milano, 10 luglio 2014 (f.b.)

Napoli. La vita di un ragazzo: il prezzo da pagare per aver abbandonato le città

Perché succede? Elementare Watson spendono nelle Grandi opere inutili e dannose, negli armamenti, nei favori alle banche autrici della crisi, - e perciò mancano le risorse per le cose necessarie. Il Fatto Quotidiano, 10 luglio 2014

Borgo Berga a Vicenza: il grande inganno della riqualificazione urbana

A poche centinaia di metri dalla Rotonda palladiana «un pesantissimo progetto di riqualificazione urbana che sta producendo un abnorme insediamento edilizio, brutale esempio di sopraffazione politico-affaristica ai danni di un paesaggio»  8 Luglio 2014

La discriminazione e la violenza sessiste

«La discriminazione e/o la violenza in base al genere – come quelle in base alla “razza”, alla classe, all’orientamento sessuale - non sono necessariamente residuo del passato, segno di arretratezza o di modernità incompiuta». Il granello di sabbia, giugno 2014 (m.p.r.)

Dal Mose a Roma il fantasma dell'autostrada Orte-Mestre

«Per spiegare ai pm i rapporti corruttivi tra Baita e Galan, Minutillo tiene una lezione sul project financing degna del più radicale dei No-Tav»Il Fatto Quotidiano, 9 luglio 2014

martedì 8 luglio 2014

Riforme, Big George ha detto stop

«Riforme. Del bicameralismo si è discusso abbastanza. Con una mossa mai vista, Napolitano interviene sui lavori del senato. In aiuto al premier e sostituendosi al presidente del senato che era stato chiamato in causa». Tirannide o consolato? comunque dai principi della democrazia liberal-borghese (fra poco è il 14 luglio) e dalla Costituzione italiana, siamo fuori. Il manifesto, 8 luglio 2014

La fabbrica del Mose cronaca di un fallimento più volte annunciato

«L’intenzione di Fersuoch è dimostrare che non esiste un’opera buona, il Mose, inquinata dalla corruzione. È il Mose in sé un’opera che non si sa se funzionerà, persino dannosa, bocciata fin dal 1998». La Repubblica, 8 luglio 2014

lunedì 7 luglio 2014

Il paradosso del Pil: in Usa sta frenando ma il benessere cresce con la sanità meno cara

«Un indicatore più completo è quello per le Nazioni Unite di Amartya Sen e altri, lo Human Development Index: misura la qualità della salute e dell’istruzione». Istat ha pubblicato il "Rapporto Bes 2014: il benessere equo e sostenibile". La Repubblica, 6 luglio 2014 (m.p.r.)

La città delle trappole

A furia di pensare i flussi di mobilità in modo meccanico e sconnesso rispetto alla qualità degli spazi, dei soggetti, dei comportamenti, si combinano un sacco di evitabili guai. Due aspetti diversi da due articoli di Ivan Berni ( la Repubblica) e Marta Ghezzi (Corriere della Sera Milano), 6 luglio 2014 (f.b.)

Scandali e prospettive tra Venezia, il Veneto e l'Europa

Il 25 giugno scorso si è svolta a Venezia, Forte Marghera, un’assemblea organizzata dal coordinamento veneziano della lista “L’altra Europa con Tsipras”. Pubblichiamo la relazione di Edoardo Salzano e l’intervento di Mattia Donadel. In calce i link ad altri documenti presentati da Armando Danella

domenica 6 luglio 2014

Il populismo tecnocratico del «rottamatore»

Un'analisi impeccabile dell'ideologia e della prassi che hanno provocato il successo dell'uomo che ha  costruito e rafforzato il suo potere divorando i suoi antagonisti  e assorbendone così i nefasti caratteri. Sbilanciamoci info, newsletter, 4 luglio 2014

sabato 5 luglio 2014

Porto Cervo, urbanistica e armi scariche

Gli affari si fanno con tutti i mezzi. E quelli migliori con strumenti vecchi e, colpevolmente mai adeguati. Questo, fatto con un Programma di Fabbricazione, vale 20-30 milioni. La Nuova Sardegna, 5 luglio 2014, con postilla

Quelli rovinati dal Mose. Il diritto di critica processato nei tribunali

Sarà difficile trovare  ancora avvocati difensori capaci di far prevalere la tesi che debba essere punito chi ha criticato gli errori del MoSE e  le malefatte dei suoi numerosi promotori, autori e coadiutori. La Nuova Venezia, 5 luglio 2014 

Stazioni ferroviarie: Opere d’Arte trasformate in Centri commerciali

Ogni tanto, quando il mitico mercato pare proprio non funzionare affatto, soprattutto nelle mani dei monopolisti, anche i cristallini liberali se ne accorgono. Corriere della Sera, 5 luglio 2014 (f.b.)

Paesaggio, l’esempio toscano

«Il primo piano italiano di tutela attiva del territorio viene promosso dalle reti ambientaliste, anche se va sciolto il nodo dell'estrazione selvaggia del marmo sulle Apuane, patrimonio Unesco». Il manifesto, 5 luglio 2014, con postilla

MOSE: La resa … dei conti

Durissima e documentata critica a tutti quei governanti (nazionali e locali), amministratori, funzionari pubblici, magistrati, esperti che hanno consentito il protrarsi dei finanziamenti al Consorzio Venezia nuova illegittimi dal 1995. Non è necessario "revocare" la concessione, essa non sussiste più., e chi ha sbagliato deve pagare. Inviato a eddyburg il 4 luglio 2014

Il Piano che salva il Paesaggio

Finalmente una buona notizia. Il prezzo che si è dovuto pagare per superare l'ottusa resistenza degli interessi economici dei rottamatori del territorio (di cui ci occuperemo a breve) è l'ultimo pedaggio pagato a un passato devastatore? lo speriamo. Il Fatto Quotidiano,5 luglio 2014

venerdì 4 luglio 2014

Arresti e accuse-choc il Veneto terremotato

La politica politicante si accorge sempre per ultima dei crimini  commessi dalle sue componenti. Per poter "innovare" senza cambiare tenta di mettere la mordacchia alla magistratura. Accadde con Tangentopoli 1.0, accadrà anche con Tangentopoli 2.0: vedrete che tenteranno di ridurre le intercettazioni. La NuovaVenezia, 4 luglio 2014

giovedì 3 luglio 2014

Diritto di Replica

Sulla proposta di inserimento all’articolo 1 della Costituzione della Bellezza come uno degli elementi fondanti dell’identità nazionale le repliche di , Emilio Casalincriticato da  Tomaso Montanari, gli risponde, e Montanari replica. Il Fatto quotidiano, 2 luglio 2014, con postilla

Contrordine: la finanziarizzazione e la delocalizzazione sono cattive, si torna a casa

L'economia questa economia, sbaglia, aiutata da questa politica, e il 99 per cento della società paga. Se questa è l'equità...Greenreport, 3 luglio 2014


Apuane, centomila firme per salvare un bene comune

«Mon­ta­gne mar­to­riate. E per cosa, poi? Non per le sta­tue di Miche­lan­gelo, come vor­rebbe la vile reto­rica dei padroni del marmo, ma per la pro­du­zione di car­bo­nato di cal­cio per pro­du­zioni indu­striali: il den­ti­fri­cio». Il manifesto, 2 luglio 2014

mercoledì 2 luglio 2014

Musei, destino in mano privata

E' il destino dei lavoratori del settore cultura di cui si parla.  «Insomma, è come se una scuola o un’università pubbliche appaltassero le lezioni e la ricerca: tanto varrebbe smettere di mantenerle con le tasse pubbliche».  Il Fatto Quotidiano, 2 luglio 2014

Riflettere prima di decidere

«La riforma che il Partito democratico si appresta a votare piace molto ai democratici minimalisti proprio perchè restringe al massimo il potere dei cittadini-attori (o sovrani) e amplia quello dei cittadini-arbitri».  CRS centroriformastato.org, 21 giugno 2014

L’onda

«Sono arrivate nel cuore del potere. Grazie a curriculum eccellenti e alla legge che riserva loro delle quote. Ma per le donne è iniziato un percorso di uguaglianza o stiamo andando verso una polarizzazione tra chi è ai vertici e chi, nella fascia media, vede vacillare diritti acquisiti»? La Repubblica, 1 luglio 2014 (m.p.r.)

Ucraina, genesi di un conflitto

L'Europa e cascato in pieno nella trappola dell'ignoranza e della difesa degli interessi USA. «Disegnano il quadro di un’Ucraina povera ma democratica che si dibatterebbe nelle grinfie dell’orso russo che, dopo avere strappato la penisola di Crimea, se la vorrebbe mangiare tutta. Ma la storia dei rapporti tra Russia e Ucraina è tutt’altro che lineare». Sbilanciamoci.info newsletter 133, 1 luglio 2014

martedì 1 luglio 2014

Lo spettro di un altro soggetto politico

Lista Tsipras. Per passare dalle parole ai fatti, l’Altra Europa deve mettersi alla prova nei gruppi di lavoro locali, promuovendo collegamenti nazionali. Il manifesto,  1 luglio 2014

La sfida della complessità

«Chi opera nel mondo dell'informazione dovrebbe saper discernere tra visibilità ed evidenza, perché non si possono leggere la realtà, i rapporti sociali e quelli di potere, attraverso schemi preconcetti o, peggio, strumentali». Altraeconomia.it, 30 giugno 2014 (m.p.r.)

L’ambivalente modenità di Zygmunt Bauman

«Inter­vi­sta­tori e intervistato sono con­sa­pe­voli che le cosid­dette scienze sociali sono spesso stru­mento nelle mani del "potere costi­tuito" per il consenso a un ordine sociale. Pure riten­gono che la socio­lo­gia possa svol­gere un ruolo nella com­pren­sione delle rela­zioni sociali». Il manifesto, 1 luglio 2014

Immobili abbandonati e funzione sociale

Dopo Napoli anche Milano interviene a regolare l'uso a fini pubblici di beni privati abbandonati. Salviamoilpaesaggio.it, giugno 2014 (m.p.r)

Fiscal compact, un’altra strada è l’iniziativa popolare

«L’iniziativa popo­lare è uno stru­mento debole? Può essere, ma qui si entra nel campo della poli­tica: se non si ha forza di far sen­tire la pro­pria voce e capa­cità di mobi­li­tare il popolo su obiet­tivi con­di­visi non c’è tec­ni­ca­lità che possa sup­plire al vuoto». Il manifesto, 1 luglio 2014