responsive_m

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO
Il 14 agosto di un anno fa, uno degli emblemi della 'modernità' crollava, trascinando con se 43 persone e travolgendo la vita di centinaia di sfollati e di una regione intera. Un episodio che avrebbe dovuto mettere in discussione la logica perversa che sta facendo marcire l'infrastruttura fisica e sociale del nostro paese. A un anno dal dramma nulla è cambiato, prosegue il disprezzo per la manutenzione, la sicurezza e la tutela dell'ambiente: nessuna revoca delle concessioni ai privati (interessati solo ai profitti) e finanziamenti al 'nuovo', dove corruzione, speculazione e interessi particolari possono fare i loro porci comodi. In Italia metà delle concessioni autostradali fanno riferimento a società collegate alla famiglia Benetton, che non sono un modello di imprenditoria ma emblemi di sfruttamento umano e ambientale. (ib & es)

INVERTIRE LA ROTTA

CONTRORIFORMA URBANISTICA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

venerdì 27 giugno 2014

Santa Giulia riparte da cultura e shopping

Rispunta dopo un periodo di velo pietoso su un'area lasciata all'abbandono, il progettone simbolo del centrodestra urbanistico, che sia l'ennesima volta buona? Dal tono, parrebbe proprio di no, almeno riguardo ai vantaggi per la città. Corriere della Sera Milano, 27 giugno 2014, postilla (f.b.)

Santa Giulia si presenta al mercato. Dopo il lungo stop imposto dalla magistratura e dopo aver affrontato una profonda crisi finanziaria e la successiva ristrutturazione dell’assetto societario, il gruppo Risanamento propone il nuovo masterplan dello sviluppo edilizio e urbanistico di circa 450 mila metri quadrati a sud-est di Milano, oltre Rogoredo.

Il piano presentato ieri all’ultima giornata di Eire-Expo Italia real estate, la fiera del settore immobiliare, è sostanzialmente lo stesso già illustrato (a fine gennaio) al Comune e prevede nuove residenze, un nuovo museo tecnologico dedicato ai bambini (al posto della prima idea di un centro congressi), un’arena per spettacoli ed eventi sportivi e un parco urbano che diventerà il secondo più grande della città con 330 mila metri quadrati di verde. L’idea dei progettisti dello studio Forster+Partners è quella di un quartiere «aperto» e non separato al resto della città, grazie ai collegamenti viari e di trasporto pubblico, da un lato con Rogoredo e dall’altro con la zona di viale Ungheria e via Bonfadini «Il meglio della città, insieme al meglio del verde», è lo slogan suggerito dall’architetto Luis Matania, insieme all’immagine di una zona capace di vivere «24 ore su 24» per effetto delle molte funzioni commerciali e terziarie e del reticolo di strade strette e «promenade » pedonali. Nella parte Sud dell’area, inoltre, è prevista a breve la consegna del raddoppio (altri 20 mila metri quadrati) dell’insediamento di Sky tv.

«Abbiamo pensato a una città che punta sull’integrazione di due dimensioni chiave — spiega Davide Albertini Petroni, direttore generale Risanamento e amministratore delegato di Santa Giulia —: sostenibilità e smartness, traducendo in proposte concrete il concetto di smart city». Ma subito dopo spiega anche che una priorità è «trovare operatori interessati al progetto e preparare un piano da presentare al mondo immobiliare», oltre a «trovare partner che possano investire». A fine marzo, infatti, è scaduta la clausola di esclusiva di Idea Fimit, la società di sviluppo immobiliare che aveva manifestato interesse a una partnership con Risanamento su Santa Giulia. Resta quindi aperto il nodo della ricerca di nuove «forze», dopo le traversie finanziarie e le cessioni di alcuni asset, tra i quali l’area Falck.

Il progetto, inoltre, è in attesa di approvazione da parte del Comune di Milano e «con gli enti competenti quali Arpa e Asl si sta iniziando il processo di confronto per la procedura delle bonifiche, visto che la zona si trova su una ex area industriale della Montedison — spiega ancora il direttore generale — con l’obiettivo di iniziare i lavori nei primi mesi del 2016 e di concluderli in un periodo di almeno 7 anni dall’inizio del lavoro delle gru». Insomma, c’è ancora un po’ di strada da percorrere prima di vedere completato questo nuovo pezzo di città, che ha già conosciuto una gestazione tormentata, con il lungo sequestro giudiziario del parco che adesso è stato riconsegnato alle 1.400 persone che già abitano a Santa Giulia.

postilla 

Condividiamo le conclusioni dell'articolo: eh si, c'è ancora un bel po' di strada da fare, soprattutto per capire, o provare a capire, quale sarà lo sbocco a regime, anche nei suoi effetti non solo urbanistici sul contesto circostante, del progettone simbolo degli interessi privati che, da soli, avrebbero dovuto scagliare la metropoli nell'orbita luccicante del postmoderno, dove tutti sono fotomodelle, designers, cantanti e intrattenitori, intenti a relazionarsi in una specie di shopping mall eterno e ubiquo. Ci restano invece ancora quegli eterni disegni, urbanisticamente identici, di un quartiere che fa poco per quanto gli sta attorno, e che segrega anche al proprio interno le zone di serie A da quelle di serie B, col parco a fare da cuscinetto. E restiamo sempre e comunque, a vent'anni e passa dal suicidio (qualcuno se lo ricorda ancora, no?) di Raul Gardini, travolto da quell'idea di passaggio dall'industria alla rendita immobiliar-finanziaria-tangentara, sospesi nel limbo delle decisioni degli speculatori. Consolandoci, si fa per dire, con l'ennesimo rendering dell'archistar, mentre vorremmo camminarci dentro, nella città futura, tanto per gradire (f.b.)
p.s. Digitando nell'Archivio “Santa Giulia” nel motore di ricerca interno, o magari semplicemente sfogliando le pagine della sezione Milano, tanti particolari in più
Show Comments: OR