responsive_m

23M 2019: una marcia rivoluzionaria

23M 2019: una marcia rivoluzionaria
Il 23 marzo 2019 anche eddyburg si unisce alle migliaia di persone che scenderanno in strada per le vie e le piazze di Roma in una grande Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili e per una giustizia ambientale. Ancora una volta sono i movimenti, i comitati, gli abitanti a rivendicare le ragioni per una rivoluzione del sistema, del modello di sviluppo in assenza di una sintesi politica capace di cogliere la svolta radicale necessaria per coniugare la salute, il benessere sociale, la salvaguardia del nostro pianeta terra e delle specie che lo abitano e i diritti umani. (i.b)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

VENEZIA

DAI MEDIA

lunedì 28 aprile 2014

Salvare l’ambiente: insieme si può

Chi vi partecipò ricorda ancora la catena umana che occupò interamente, 34 anni fa, i 7 chilometri della strada di lottizzazione che esa stata progettata. Per fortuna lo splendido parco non fu progettato da innovatori radicali; è bellissimo, visitatelo se potete. Il Fatto Quotidiano, 28 apr. 2014

Diecimila anni fa, nella Grotta dell'Uzzo viveva un piccolo gruppo di cacciatori. Nella grotta sono state rinvenute ossa degli animali che riuscivano a prendere: cervi, rinoceronti, leoni e perfino mammuth. Quando quegli uomini antichissimi, e da noi così diversi, uscivano dalla loro grotta, vedevano ciò che vedete voi in questa fotografia. Un paesaggio incontaminato, ancora oggi identico ad allora. Un luogo unico, dove puoi fare il bagno già ad aprile, ma dove puoi anche pensare e imparare. Un panorama senza tempo che funziona da macchina del tempo.

Ebbene, se oggi i nostri occhi vedono le stesse forme che videro i nostri progenitori del Paleolitico, non è per una fortunata combinazione. No, è perché qualcuno ha fortemente voluto che questo fosse possibile. Perché qualcuno ha voluto che i suoi figli e i suoi nipoti avessero le sue stesse occasioni di diventare e rimanere umani.

Questo qualcuno furono duemila cittadini siciliani, che il 18 maggio del 1980 marciarono contro la realizzazione di una strada costiera nell'ultimo lembo vergine della Sicilia, quello che congiunge Scopello a San Vito Lo Capo, sulla costa nord-occidentale. Erano uomini, donne e bambini, che risposero alla chiamata di associazioni come il Wwf, Legambiente, Italia Nostra, Arci, Club alpino siciliano, Associazione forestali. Fu una specie di rinascita civile, e meno di un anno dopo, il 6 maggio del 1981, una legge regionale sanciva l' istituzione della riserva naturale orientata dello Zingaro, la prima della Sicilia. Io l'ho visitata in questo giorni, e vi consiglio di farvici portare. È un posto straordinariamente bello, ben tenuto, organizzato, e dove lavorano persone competenti, accoglienti, generose. Un'Italia diversa.

La Riserva dello Zingaro e la sua storia dimostrano che insieme possiamo farcela. L'articolo 9 della Costituzione dice che la Repubblica tutela il paesaggio. Ebbene il 18 maggio del 1980 quei duemila cittadini rappresentarono la Repubblica tutta intera. Se fossero rimasti nelle loro case fermi e muti, oggi la vista dalla Grotta dell'Uzzo abbraccerebbe villaggi vacanze, negozi, strade. Una inesorabile colmata di cemento. Luoghi di mercato nei quali saremmo stati misurati, come sempre, con il metro del nostro reddito: cioè di ciò che abbiamo.

Invece oggi lì siamo cittadini sovrani, signori e custodi di un territorio intatto dove conta ciò che siamo e ciò che sappiamo. E, sì, lì sentiamo che l'umanità, dai tempi del Paleolitico, ha fatto davvero molta strada.
Show Comments: OR