responsive_m

23M 2019: una marcia rivoluzionaria

23M 2019: una marcia rivoluzionaria
Il 23 marzo 2019 anche eddyburg si unisce alle migliaia di persone che scenderanno in strada per le vie e le piazze di Roma in una grande Marcia per il clima, contro le grandi opere inutili e per una giustizia ambientale. Ancora una volta sono i movimenti, i comitati, gli abitanti a rivendicare le ragioni per una rivoluzione del sistema, del modello di sviluppo in assenza di una sintesi politica capace di cogliere la svolta radicale necessaria per coniugare la salute, il benessere sociale, la salvaguardia del nostro pianeta terra e delle specie che lo abitano e i diritti umani. (i.b)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

VENEZIA

DAI MEDIA

venerdì 20 settembre 2013

Un piano per una Puglia diversa

Quando i piani che  vogliono arrestare «il bulimico consumo di territorio» pongono argini al saccheggio, ecco levarsi l'ululato dei lupi affamati: dopo il Piano paesaggistico della Sardegna, ora quello della Puglia.  Una volta, almeno, tra destra e sinistra c'era qualche differenza: adesso l'unica divinità è quella che chiamano Mercato.  1l manifesto, 19 settembre 2013. Con postilla

Il 2 agosto 2013, a seguito dell'approvazione da parte del ministero per i Beni Culturali, la Giunta Regionale della Puglia presieduta da Nichi Vendola ha finalmente potuto adottare il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, predisposto dall'ottimo assessore alla qualità del territorio Angela Barbanente, frutto di un complesso e lungo lavoro, che ha visto all'opera una grande équipe di specialisti coordinata da Alberto Magnaghi, uno dei più grandi urbanisti a livello internazionale.

Com'era prevedibile si è scatenato un fuoco di fila di opposizioni, di distinguo, di cautele, di timori. Una dura opposizione che vede attivi non solo i partiti del centrodestra ma anche pezzi del Pd, oltre ad esponenti del mondo delle imprese e delle professioni e a sindaci di entrambi gli schieramenti: tutti a difesa di un vecchio modo di intendere lo sviluppo, basato sulla cementificazione, sul consumo delle risorse, sulla distruzione dei beni comuni, accomunati nella richiesta di rinvii o addirittura di revoche.

Le motivazioni dichiarate si basano su una presunta mancata condivisione. La motivazione reale è, invece, il terrore per un Piano che disegna una Puglia diversa, innovativa, con progetti di sviluppo sostenibile e compatibile con le peculiarità del territorio; un Piano che blocca il bulimico consumo di territorio; un Piano fondato su una solida base conoscitiva e dotato di una Carta Regionale dei Beni Culturali nella quale sono censiti oltre diecimila siti di interesse culturale; un Piano che non si limita a proporre un approccio estetico e a proteggere alcune énclaves, isole di "bel paesaggio" in un oceano di brutture e di cemento, ma che si occupa dell'intero territorio regionale, delle periferie, delle coste, delle aree interne; un Piano che è ormai considerato un modello, studiato e imitato da molte altre regioni italiane. Un vero primato pugliese, anche perché è effettivamente il primo Piano Paesaggistico adottato in Italia, con le nuove norme.

Assurda appare proprio la tardiva critica di mancata condivisione. Quello della Puglia è, infatti, un Piano largamente condiviso, frutto di un'impostazione realmente democratica e partecipata. Non solo perché ci hanno lavorato nel corso di molti anni decine di specialisti provenienti dalle quattro università della Puglia e di altre regioni italiane e un ampio gruppo di giovani ricercatori e di professionisti, con l'apporto di numerose associazioni e di migliaia di cittadini, ma perché è stato presentato e discusso in molte conferenze d'aria (non meno di 13) tenute tanto nelle città principali quanto in piccoli centri della Puglia. Il Piano è stato, inoltre, oggetto anche di numerose pubblicazioni ed è interamente consultabile fin dal 2010, data della prima approvazione regionale, su uno specifico sito web ( http://paesaggio.regione.puglia.it ).

Gli attacchi sono chiaramente strumentali e denotano anche una sostanziale ignoranza del Piano. Gli oppositori, inoltre, si affannano a presentare quanti hanno contribuito a predisporre il Piano e quanti ora ne difendono la filosofia, come dei talebani, illiberali, centralisti, vincolisti, fanatici che vogliono affamare la Puglia e bloccarne lo 2sviluppo". Nulla di più sbagliato! Il Pptr della Puglia è tutt'altro che vincolistico, ma insiste sulle premialità, sugli incentivi, sulle buone prassi da diffondere. Non pensa di trasformare la Puglia in un immenso museo o in un grande Parco naturalistico, ma di favorire nuove e più innovative procedure di sviluppo del territorio. Si tratta, dunque, di obiettivi che anche gli ambienti più avveduti degli imprenditori, degli stessi costruttori, dei professionisti dovrebbero condividere, ampliando lo sguardo alle realtà più evolute del mondo.

Mi auguro che i partiti della sinistra, le associazioni culturali e ambientali, i settori più avveduti e avanzati delle professioni e della società civile, facciano sentire forte la propria voce, per evitare che prevalgano gli interessi particolari nel bloccare o stravolgere il Pptr, sollecitando tutti semmai a contribuire a migliorare ulteriormente questo straordinario strumento democratico di pianificazione del futuro della Puglia.

Non mancano anche attacchi da parte di chi considera il Piano addirittura eccessivamente permissivo e accomodante. A costoro ricordo l'esperienza della giunta di Renato Soru in Sardegna, caduta proprio sul Piano Paesaggistico. Cosa è successo successivamente con le politiche di Ugo Cappellacci è sotto gli occhi di tutti.
In Puglia è aperto un confronto tra diverse visioni, non solo politiche ed economiche ma anche culturali, tra chi cerca di difendere e valorizzare i beni comuni, i patrimoni culturali, i monumenti e siti archeologici, i paesaggi unici, l'agricoltura sana, lo sviluppo turistico di qualità, l'industria culturale, la ricerca e innovazione, e chi propone ancora retrive e disastrose politiche di un malinteso sviluppo basato solo su cementificazione, inquinamento, consumo di territorio, devastazione di paesaggi, degrado delle periferie, deturpamento delle coste, avvelenamento dell'agricoltura, a vantaggio di pochissimi e con gravi danni economici, sociali, sanitari e culturali della stragrande maggioranza dei cittadini pugliesi,che certamente non intendono tornare ad un passato che solo pochissimi nostalgici rimpiangono. Un confronto che ha una valenza non solo regionale ma anche nazionale ed europea.

Puglia e Sardegna: due piani paesaggistici formati secondo due diversi modelli ma caratterizzati da un’identica volontà: tutelare il paesaggio, patrimonio delle comunità in tutte le sue scale dalla locale alla planetaria. Tutelarlo a partire dalle aree più a rischio a causa delle pressioni del dilagare della “città della rendita”. Più che di modelli parlerei di diversi “modi”, con l’attenzione focalizzata su visioni e aspetti diversi ma non contrastanti: l’uno orientato alla lenta, difficile, ma necessaria formazione di una consapevolezza diffusa, virtualmente maggioritaria, della qualità e del valore (parliamo ovviamente di valor d’uso, non di valore di scambio) del patrimonio costituito dal paesaggio, l’altro diretto primariamente alla difesa nell’immediato di ciò che del Belpaese è ancora sopravvissuto e perciò è minacciato più rapidamente d’essere travolto e cancellato per sempre dagli attacchi della speculazione fondiaria, resa più potente dal fulgore del nuovo moloch, il Mercato. Sulle differenze e sulla necessità d’integrazione tra questi due modi mi propongo di tornare più distesamente.  Per ora voglio limitarmi ad annotare che le due esperienze, quella pugliese e quella sarda, sono accomunate oltre che dalle intenzioni, da una circostanza: entrambe sono violentemente attaccate dai fautori  della mercificazione del paesaggio e dalla cementificazione del territorio nel silenzio assoluto dei mezzi d’informazione (si fa per dire) dell’opinione pubblica, pronti a denunciare giustamente ogni fiammelle dell’incendio che devasta l’Italia , a deprecare, altrettanto giustamente, il consumo di suolo, e mai a difendere l’unico strumento capace – se usato a fin di bene- di tutelare il territorio in tutti i suoi aspetti: la pianificazione.

In limine una precisazione all’articolo di Volpe. Il primo piano paesaggistico regionale  approvato ai sensi del Codice del paesaggio è stato quello della Sardegna, pienamente vigente dal settembre 2006. A partire dalla sconfitta di Renato Soru è iniziata un’operazione di svuotamento del PPR con leggi regionali della giunta  del berlusconiano Cappellacci in pieno contrasto col piano, sottoposte al giudizio della Corte costituzionale ma, in attesa delle sentenze d’incostituzionalità, pienamente operanti benché illegittime. Nel silenzio generale dell’opinione pubblica nazionale.

Show Comments: OR